Crea sito

Urinocoltura da mitto intermedio donna - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Urinocoltura da mitto intermedio donna

Procedure OSS > Bisogno di eliminazione urinaria > Prelevamento di urine


URINOCOLTURA DA MITTO INTERMEDIO NELLA DONNA


Obiettivo Raccogliere un campione di urina per esame colturale, senza contaminarlo, con la tecnica del mitto intermedio in
una donna adulta, immobilizzata a letto, vigile, orientata nel tempo e nello spazio

Materiale  occorrente Contenitore sterile per urina, provetta sottovuoto tipo Vacuette®/Vacutainer® se disponibile, etichetta per identificare il campione, modulo di richiesta per il laboratorio di microbiologia, 2 padelle, bricco con acqua a 35-37°C, salvietta pulita, garze o batuffoli sterili, telo impermeabile/assorbente, soluzione detergente, manopole monouso o falde di cotone, guanti monouso, contenitori per rifiuti speciali, assimilabili agli urbani e per biancheria sporca

Tempo massimo di esecuzione previsto: 20 minuti

Preparazione


1 Togliere i monili e l'orologio

2 Lavare le mani

3 Preparare tutto il materiale occorrente

4 Salutare la persona e presentarsi

5 Identificare la persona

6 Garantire il rispetto dell'intimità e della riservatezza della persona

7 Fornire alla persona le informazioni necessarie e raccoglierne il consenso

Esecuzione
8 Raccogliere il campione di urina almeno 4 ore dopo l'ultima minzione, possibilmente la prima urina del mattino

9 Calzare i guanti monouso e proteggere il letto con il telo impermeabile/assorbente qualora non fosse presente

10 Aiutare la persona a rimuovere gli indumenti e ad assumere la posizione supina con gli arti inferiori divaricati ed in flessione

11 Coprire gli arti inferiori con l'asciugamano o con il lenzuolo, invitare la persona a sollevare il bacino e posizionare la padella

12 Inumidire la manopola versandovi il detergente, versare l'acqua sulla zona sovrapubica, sulla regione inguinale e detergerle; eliminare la manopola

13 Divaricare le grandi labbra evidenziando il meato urinario e detergerlo con movimento unidirezionale allontanandosi dal meato stesso, detergendo anche le piccole e le grandi labbra; valutare la necessità di ripetere la detersione sostituendo il materiale utilizzato ad ogni passaggio

14 Risciacquare le zone deterse mantenendo divaricate le grandi labbra, tamponare il meato urinario con le garze o i batuffoli sterili, lasciandone uno asciutto in sede, e asciugare le altre zone con la salvietta pulita

15 Sostituire la padella e cambiare i guanti monouso

16 Aiutare la persona ad assumere la posizione seduta o semiseduta se possibile, rimuovere il batuffolo dal meato urinario e invitarla ad iniziare la minzione, mantenendo divaricate le grandi labbra

17 Lasciare fluire le prime urine nella padella

18 Aprire il contenitore sterile senza contaminarne l'interno, il bordo e il tappo

19 Defluite le prime urine posizionare il contenitore sotto il flusso urinario e raccogliere il campione senza contaminare l’interno del contenitore, invitando la persona a non interrompere la minzione

20 Rimuovere il contenitore e chiuderlo, lasciando terminare la minzione nella padella

21 Pulire la superficie esterna del contenitore, rimuovere la padella, se occorre sostituire i guanti e lavare le mani

22 Trasferire il campione di urina nella provetta sottovuoto tipo Vacuette®/Vacutainer® (se disponibile) lasciandola riempire per depressione

23 Togliere i guanti, aiutare la persona a rivestirsi e ad assumere la posizione desiderata

24 Smaltire i rifiuti negli appositi contenitori e riordinare il materiale utilizzato

25 Controllare le caratteristiche del campione ed identificarlo con i dati della persona, la data e l’ora della raccolta

26 Lavare le mani, controllare che sul modulo di richiesta per il laboratorio siano indicati i dati della persona, data e ora della raccolta del campione e l’eventuale terapia antibiotica in corso

27 Inviare il campione in laboratorio immediatamente. Se non è possibile l'invio immediato in laboratorio e la provetta di raccolta contiene acido borico in polvere è possibile conservare il campione fino a 24 ore a temperatura ambiente. Se non è disponibile la provetta con acido borico è consentito conservare il campione refrigerandolo a +4° C fino a 24 ore

28 Registrare la procedura, l'esito e i dati utili sulla documentazione sanitaria


Azioni/Omissioni che mettono a rischio la sicurezza della persona e dell’operatore o l’efficacia della procedura

Non rispettare il tempo di esecuzione previsto

Non preparare tutto il materiale occorrente

Non comunicare con la persona durante la procedura

Non garantire l'asepsi

Raccogliere il primo getto di urina

Togliere il tappo dalla provetta tipo Vacuette®/Vacutainer®

Contaminare il campione di urine

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu