Crea sito

Batteria quiz 10 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Batteria quiz 10

I quiz dei concorsi delle ASL 3° parte > Regione Sardegna > Infermiere AOU

Batteria - 10 Pag. 1

batteria quiz con risposte ufficiali concorso  infermieri

1 I SEGNI E SINTOMI DI UN SOVRADOSAGGIO DIGITALICO SONO:

A) Cefalea, dispnea, sonnolenza
* B) Anoressia, nausea, vomito, bradicardia

C) Ipertensione, tachicardia, agitazione psicomotoria

2 LA PRESSIONE DIFFERENZIALE È UGUALE A:

A) Pressione sistolica meno un terzo della pressione diastolica
* B) Pressione sistolica meno pressione diastolica

C) Pressione sistolica più pressione diastolica

3 LE COMPRESSIONI TORACICHE SCORRETTE DURANTE UNA RIANIMAZIONE CARDIOPOLMONARE POSSONO PROVOCARE:

* A) Circolo inefficace, lesioni agli organi addominali, fratture costali

B) Solo lesioni agli organi addominali e fratture costali

C) Solo circolo inefficace e fratture costali

4 QUANTO DURA IN MEDIA IL PERIODO DI INCUBAZIONE DELL'EPATITE DA HCV?

* A) 6 - 7 settimane

B) 6 - 7 giorni

C) 30 giorni

5 QUALE TRA LE SEGUENTI AFFERMAZIONI RELATIVE ALLA PRESSIONE VENOSA CENTRALE È VERA?

* A) Rappresenta l'indicazione del volume di liquido circolante

B) Rappresenta il gradiente pressorio di irrorazione degli organi

C) E’ la pressione esistente all'interno del vaso durante la fase di riposo del cuore

6 PER POLIURIA SI INTENDE:

* A) L’aumento patologico della quantità di urine nelle 24 ore

B) L’aumento della frequenza della minzione

C) La mancanza di controllo della minzione

7 LA SCALA DI GLASGOW SERVE PER MISURARE:

* A) Lo stato di coscienza

B) Lo stato di salute di un neonato alla nascita

C) L’indice di massa corporea

8 IN AMBITO RESPIRATORIO LA PERFUSIONE PUÒ ESSERE DEFINITA COME:
* A) Processo per cui il sangue circola nel polmone e può mettersi in contatto con gli alveoli

B) Processo per cui ossigeno e anidride carbonica passano attraverso la membrana alveolo capillare

C) Processo per cui l’ossigeno arriva al cervello

9 LA GRAVIDANZA OVARICA E’:

A) Una gravidanza ectopica intrauterina

B) Una gravidanza eterotopica
* C) Una gravidanza ectopica extrauterina

10 LA SCALA DI EXTON-SMITH SI USA PER:

* A) Valutare il rischio di insorgenza di lesioni da decubito

B) Valutare lo stato nutrizionale

C) Valutare il rischio di infezione di una ferita chirurgica

11 QUAL È LA SEQUENZA CORRETTA DELLA “CATENA DELLA SOPRAVVIVENZA” NELLA GESTIONE DI UN SOGGETTO IN ARRESTO CARDIACO?

* A) Riconoscimento e Allarme Precoci – RCP Precoce – Defibrillazione Precoce – Soccorso Avanzato Precoce

B) Defibrillazione Precoce – RCP Precoce – Riconoscimento e Allarme precoci – Soccorso Avanzato Precoce

C) RCP Precoce – Riconoscimento e Allarme Precoci – Defibrillazione Precoce- Soccorso Avanzato Precoce

12 UN PROTOCOLLO ASSISTENZIALE È:

A) Un nsieme di attività e responsabilità rispetto a un particolare livello organizzativo

B) Una serie specifica di compiti e di responsabilità
* C) Un ocumento che traduce le conoscenze scientifiche in indicazioni vincolanti i comportamenti professionali

13 QUALE TRA LE SEGUENTI VALUTAZIONI NON RIENTRA TRA QUELLE PRESE IN CONSIDERAZIONE DALLA SCALA DI GLASGOW?

* A) Pressione arteriosa

B) Apertura degli occhi

C) Risposta motoria


Batteria - 10 Pag. 2

14 LA MONONUCLEOSI È UNA MALATTIA:

* A) Infettiva causata da un virus della famiglia degli Herpes virus

B) Infettiva causata da un virus della famiglia dei Paramyxovirus

C) Infettiva causata dallo Streptococco Beta-emolitico di gruppo A

15 DA QUALE CAUSA ORIGINA LA SILICOSI?

* A) Dall'inalazione di polveri di silice cristallina

B) Dal lavoro al chiuso

C) Dal lavoro in sotterraneo

16 QUAL È LA FUNZIONE PRINCIPALE DELL’APPARATO URINARIO?

A) Concentrare le urine

B) Metabolizzare le sostanze azotate
* C) Filtrare il sangue depurandolo delle sostanze tossiche per l’organismo ed eliminandole con le urine

17 LA DISTROFIA MUSCOLARE DI DUCHENNE SI MANIFESTA:

A) Nelle donne oltre i 40 anni

B) Indifferentemente in maschi e femmine durante l’adolescenza
* C) Nei bambini maschi di età compresa tra i 2 ed i 4 anni

18 NEL PAZIENTE DIABETICO IL MIGLIOR UTILIZZO DELL’OSSIGENO, DOVUTO ALL’ALLENAMENTO MUSCOLARE, È DOVUTO A:

A) Aumento delle frequenze respiratoria e cardiaca durante l’esercizio fisico
* B) Sviluppo di una rete capillare che aumenta la superficie di scambio, aumento del sistema mitocondriale e delle
attività enzimatiche

C) Aumento della circolazione e della temperatura cutanea soprattutto se l’allenamento viene effettuato all’aria aperta.

19 QUALE TRA I SEGUENTI È VEICOLO DI TRASMISSIONE PER COLERA E INFEZIO NI TIFO-PARATIFICHE?

* A) Acqua

B) Mosca domestica

C) Zanzara

20 LE TUBE DI FALLOPPIO (O SALPINGI O OVIDOTTI):

A) Sono condotti muscolo-membranosi lunghi mediamente 4-5 cm
* B) Costituiscono, con le ovaie, gli annessi

C) La loro funzione è quella di accogliere l’ovocita e condurlo all’interno della cavità uterina

21 UN SOGGETTO È IN ARRESTO CARDIACO:

A) Esclusivamente quando non è cosciente

B) Esclusivamente quando non respira e non ha circolo
* C) Quando non è cosciente, non respira e non ha circolo

22 L’ETC (ESERCIZIO TERAPEUTICO CONOSCITIVO):

* A) Mira a stimolare un processo di apprendimento in condizioni patologiche

B) Prevede un’intensa attività muscolare

C) Viene utilizzato solo nel paziente dopo ictus cerebrale

23 UN LIQUIDO DI VERSAMENTO RISULTA POSITIVO ALLA PROVA DI RIVALTA SE È:

A) Trasudato

B) Escreato
* C) Essudato

24 PER ABORTO INCOMPLETO SI INTENDE:

A) La morte del prodotto del concepimento senza che vi sia la sua espulsione all’esterno

B) L’espulsione completa e totale del prodotto del concepimento e dei suoi annessi
* C) L’espulsione parziale del prodotto del concepimento e dei suoi annessi

25 LA “FUNZIONE NUTRITIVA” DELLA PLACENTA CONSISTE:

A) Nella capacità di trattenere germi patogeni
* B) Nell’assunzione da parte del sangue fetale di tutti i principi nutritivi e dell’O2 presenti in quello materno

C) Nella produzione di proteine, peptidi ed ormoni steroidi

26 LEI È STATO ASSEGNATO AL BLOCCO OPERATORIO DI CHIRURGIA GENER ALE E VASCOLARE E SI VERIFICANO LE SEGUENTI SITUAZIONI: SCELGA QUELLA PIÙ CORRETTA. NEL CORSO DELL A SEDUTA PROGRAMMATA È STATO ESEGUITO UN SOLO INTERVENTO CHIRURGICO DI BREVE DURATA:

* A) Al termine della seduta si provvede alla sanificazione della sala operatoria

B) La sala operatoria viene sanificata al termine della seduta solo se è stato eseguito un intervento su paziente portatore di malattia infettiva diffusiva

C) Non è necessaria la sanificazione della sala operatoria al termine della seduta, in quanto il sistema di condizionamento ha contenuto nei limiti prescritti la carica microbica, data anche la brevità dell’impegno della sala


Batteria - 10 Pag. 3

27 DEFINIRE LA CORRETTA SEQUENZA DELLE PRIORITÀ DA SEGUIRE, TROVAND OSI DURANTE LA NOTTE DI FRONTE AD UN PAZIENTE CHE PRESENTA: DISPNEA IMPONENTE, RANTOLO TRACHEALE, CIANOSI, TACHICARDIA, ESPETTORAZIONE DI SECRETO VISCHIOSO A) SOMMINISTRARE OSSIGENO POSSIBILMENTE CON MASCHERA - B) POSIZIONARE IL PAZIENTE IN POSIZIONE ORTOPNOICA O SEMIORTOPNOICA - C) CHIAMARE IL MEDICO E PREPARARE I FARMACI NECESSARI

* A) BAC

B) BCA

C) ACB

28 LA POSIZIONE DI ANTI-TRENDELEMBURG È INDICATA IN CASO DI

A) Insufficienza venosa agli arti inferiori
* B) Insufficienza arteriosa agli arti inferiori

C) Insufficienza linfatica agli arti inferiori

29 NEL PAZIENTE EMIPLEGICO ALLETTATO, IN FASE ACUTA, IL CAPO SI PRESENTA:

* A) Inclinato dal lato plegico e ruotato verso il lato sano

B) Inclinato dal lato sano e ruotato verso il lato plegico

C) In linea mediana

30 L’EPILESSIA PUÒ ESSERE DEFINITA:

A) Un disturbo di conduzione dello stimolo nervoso

B) Un disordine metabolico della corda neurale
* C) Una sindrome elettroclinica

31 “RISCHIO ELEVATO DI ALTERAZIONE DELL’INTEGRITÀ CUTANEA PER RID UZIONE DELLA MOBILITÀ” .TALE ENUNCIAZIONE È:

* A) Una diagnosi infermieristica

B) Un obiettivo assistenziale

C) Una prescrizione medica

32 IN UN SOGGETTO CON CIRROSI EPATICA SCOMPENSATA SI DEVE EVITARE:

A) La somministrazione di carboidrati nella dieta
* B) La somministrazione di farmaci sedativi

C) I clisteri di pulizia

33 PER POTER FORMULARE UNA DIAGNOSI INFERMIERISTICA, CI SI BASA PRINCIPALMENTE:

* A) Sui dati relativi ai bisogni del paziente raccolti in maniera sistematica e continua

B) Sulla patologia del paziente

C) Sulle indicazioni fornite dal medico raccolti in maniera sistematica

34 IL CORDONE OMBELICALE, HA UNA LUNGHEZZA DI CIRCA:

A) 30 cm
* B) 50 cm

C) 70 cm

35 LEI SI TROVA NELLA SALA D’ATTESA AMBULATORIALE DI UN OSPEDALE. MENTRE STA FACENDO ENTRARE UN PAZIENTE PER UNA VISITA, SI ACCORGE CHE UNA PERSONA IN ATTESA DI VISITA LAMENTA DOLORE, RECLINA IL CAPO E PERDE CONOSCENZA. NELLA SITUAZIONE DESCRITTA, PRIMA DI OGNI ALTRO INTERVENTO, DEVE CHIAMARE AIUTO?

* A) Si, sempre

B) No

C) Si, ma solo nel caso in cui è impegnato/a con altro paziente

36 QUALE TRA I SEGUENTI NUTRIENTI HA UNA FUNZIONE PLASTICA, INDISPENSABILE IN SITUAZIONI COME L'ACCRESCIMENTO E LA GRAVIDANZA?

A) Zuccheri

B) Grassi
* C) Proteine

37 IL POLSO POPLITEO È PALPABILE:

* A) Dietro il ginocchio

B) Dietro il malleolo

C) Sul dorso del piede

38 LA POSIZIONE DI FOWLER È INDICATA IN CASO DI:

A) Grave ipotensione

B) Dolore addominale
* C) Lievi disturbi respiratori


Batteria - 10 Pag. 4

39 CON IL TERMINE LINFEDEMA SI INDICA:

A) Un edema localizzato alle palpebre

B) Un edema di origine allergica
* C) L’aumento del liquido interstiziale causato da ostacolo del drenaggio del flusso linfatico

40 PER IL TRATTAMENTO DI UNA LESIONE DA DECUBITO CHE INTERESSI TESSUTO CUTANEO, SOTTOCUTANEO E MUSCOLI È PREFERIBILE UTILIZZARE:

* A) Medicazioni idrocolloidali

B) Mercurocromo

C) Ossigeno associato a garze iodoformiche

41 IN ITALIA:

* A) Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario

B) Tutti possono essere obbligati a un determinato trattamento sanitario

C) Solo gli extracomunitari possono essere obbligati a un determinato trattamento sanitario

42 LA LEGGE REGIONALE N. 10/2006 E SMI STABILISCE CHE SONO POSTI A CARICO DEL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DELLA SARDEGNA:

* A) Le tipologie di assistenza, i servizi e le prestazioni sanitarie che presentano, per specifiche condizioni cliniche o di rischio, evidenze scientifiche di un significativo beneficio in termini di salute, a livello individuale o collettivo, a fronte delle risorse impiegate

B) Le tipologie di assistenza, i servizi e le prestazioni sanitarie che presentano, per specifiche condizioni cliniche o di rischio, evidenze scientifiche di un significativo beneficio in termini di salute, a livello individuale o collettivo, a prescindere dalle risorse impiegate

C) Le tipologie di assistenza, i servizi e le prestazioni sanitarie anche se non adempiono, in presenza di altre forme di assistenza volte a soddisfare le medesime esigenze, al principio dell'economicità nell'impiego delle risorse

43 NELLE AZIENDE SANITARIE LOCALI È OBBLIGATORIA:

* A) La tenuta del libro delle deliberazioni del direttore generale

B) La presenza di almeno un medico ogni 1000 pazienti

C) La tenuta dell’elenco deliberazioni del direttore sanitario

44 IL DIRETTORE DI DIPARTIMENTO:

* A) È nominato dal direttore generale

B) Viene eletto dai componenti del collegio di direzione

C) È il direttore più anziano delle unità operative ric omprese nel dipartimento

45 NEL COLLEGIO DI DIREZIONE È PREVISTA LA PARTECIPAZIONE:

* A) Del direttore sanitario

B) Di tutti i dirigenti dell’azienda

C) Dei tre dirigenti più anziani in servizio presso l’ azienda

46 IN ITALIA, LA PRIMA ESPERIENZA DI COMUNITÀ TERAPEUTICA LA SI  DEVE A:

A) V. Chiarugi

B) U. Carletti
* C) F. Basaglia

47 IL CONSIGLIO DEI SANITARI:

A) È nominato dal direttore amministrativo dell’azienda

B) È nominato dal direttore sanitario dell’azienda
* C) È organismo elettivo dell'azienda sanitaria locale

48 IL CONSENSO INFORMATO DEVE ESSERE ESPRESSO:

A) Dai familiari  di 1° grado del soggetto destinatar io delle cure nei casi di patologie oncologiche

B) Dal soggetto destinatario delle cure anche in caso di trattamento sanitario obbligatorio
* C) Dallo stesso soggetto destinatario del trattamento sanitario

49 L’ORGANIZZAZIONE ED IL FUNZIONAMENTO DELLE AZIENDE SANITARIE SONO DISCIPLINATI:

* A) Con atto aziendale di diritto privato

B) Con legge nazionale

C) Con legge regionale

50 AL FINE DI IDENTIFICARE LE COMPETENZE DELL'INFERMIERE SI FA RIFERIMENTO:

* A) Al profilo professionale, all'ordinamento didattico del corso di laurea triennale e al codice deontologico

B) Alle disposizioni interne delle aziende sanitarie

C) Al profilo professionale e al mansionario


Batteria - 10 Pag. 5

51 QUALE NORMATIVA È RELATIVA ALLA RAZIONALIZZAZIONE DELL’ORG ANIZZAZIONE DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE E REVISIONE DELLA DISCIPLINA IN MATERIA DI PUBBLICO IMPIEGO?

* A) Decreto Legislativo 3/2/93 n° 29 e successive modif icazioni

B) Decreto Legislativo 30/12/92 n° 502 e successive mo dificazioni

C) Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro

52 LA TUTELA DELLA SALUTE È SANCITA NELLA COSTITUZIONE ALL’ARTI COLO:

* A) 32

B) 38

C) 31

53 NEL CASO DI RAMPE DI SCALE DELIMITATE DA DUE PARETI E DESTINATE AL NORMALE ACCESSO AGLI AMBIENTI DI LAVORO:

* A) È necessario che le rampe siano munite di almeno un corrimano

B) È necessario che le rampe siano munite di corrimano su entrambi i lati

C) Non sono necessari i corrimano se i gradini delle rampe sono dotati di apposite strisce antiscivolo

54 IN CHE MODO PUÒ ESSERE CALCOLATA, IN FASE PREVENTIVA, L'ESPOSIZIONE QU OTIDIANA PERSONALE DI UN LAVORATORE AL RUMORE?

A) Si misurano i livelli di rumore standard
* B) Si fa riferimento ai tempi di esposizione e ai livelli di rumore standard

C) Si fa riferimento solo ai tempi di esposizione

55 AI SENSI DEL D.LGS. 81/08, SECONDO LE DEFINIZIONI INDICATE ALL’ART. 2, COSA SI INTENDE PER “ADDESTRAMENTO”?

A) Processo educativo attraverso il quale trasferire ai lavoratori ed agli altri soggetti del sistema di prevenzione e protezione aziendale conoscenze e procedure utili alla acquisizione di competenze per lo svolgimento in sicurezza dei rispettivi compiti in azienda e alla identificazione, alla riduzione e alla gestione dei rischi

B) Complesso delle attività dirette a fornire conoscenze utili alla identificazione, alla riduzione e alla gestione dei rischi in ambiente di lavoro

* C) Complesso delle attività dirette a fare apprendere ai lavoratori l'uso corretto di attrezzature, macchine, impianti,
sostanze, dispositivi, anche di protezione individuale, e le procedure di lavoro

56 AI SENSI DEL D.LGS. 81/08, SECONDO LE DEFINIZIONI INDICATE ALL’ART. 2, COSA SI INTENDE PER  “PERICOLO”?

* A) Proprietà o qualità intrinseca di un determinato fattore avente il potenziale di causare danni

B) Insieme delle indicazioni mediche, finalizzate alla tutela dello di sicurezza dei lavoratori, in relazione all'ambiente di lavoro, ai fattori di rischio professionali e alle modalità di svolgimento dell'attività lavorativa

C) Probabilità di raggiungimento del livello potenziale di danno nelle condizioni di impiego o di esposizione ad un determinato fattore o agente oppure alla loro combinazione

57 RISPETTO AL PROCESSO DI NURSING, QUALE È LO SCOPO PRINCIPALE DELLA  PIANIFICAZIONE?

* A) Stabilire le priorità assistenziali

B) Suddividere le competenze tra gli operatori

C) Verificare il soddisfacimento dell’utente

58 NELL’AMBITO DEL NURSING,  SECONDO HILDEGARD PEPLAU:

* A) Oltre l’aspetto fisico della malattia del paziente è necessario prendere in considerazione anche l’aspetto psicologico

B) L’aspetto fisico della malattia del paziente è l’unico elemento da prendere in considerazione

C) L’ambiente in cui è inserito il paziente è l’unicoelemento da prendere in considerazione

59 FRA I PRIMI TEORICI DEL NURSERING C'È VIRGINIA HENDERSON. QU ALE FRA LE SEGUENTI AFFERMAZIONI NON È ATTRIBUIBILE ALLA HENDERSON?

A) Esistono quattordici bisogni di base del paziente e costituiscono le componenti dell'assistenza infermieristica

B) Nella relazione infermiere-medico l'infermiere non deve eseguire gli ordini del medico perché il medico nelle sue funzioni non ha quella di dare ordini all'infermiere

* C) Esistono quattro bisogni(fisiologici, ambientali, salute, guarigione) di base del paziente e costituiscono le
componenti dell'assistenza infermieristica

60 IL NUCLEO CONCETTUALE FONDAMENTALE DELLA TEORIA DI NANCY ROPER È:

A) La dimensione transculturale del nursing

B) Il self care
* C) L’attività del vivere

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu