Crea sito

Quiz preselezione 481 -490 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Quiz preselezione 481 -490

I quiz dei concorsi delle ASL 1° parte > Concorso ASL Olbia > Da 401 a 500

481 LA SCALA DI BRADEN È UNO STRUMENTO PER LA VALUTAZIONE:
A)  Del rischio di cadute
B)  Del rischio della ulcere da pressione

C) Del rischio di cadute nell'anziano

La Scala di Braden
prende in considerazione i più importanti fattori di rischioper le lesioni da decubito:
- la percezione sensoriale intesa come abilità a rispondere in modo corretto alla sensazione di disagio correlata alla pressione;
- il grado di esposizione della pelle all'umidità;
- il grado di attività fisica;
- la capacità di cambiare e di controllare le posizioni del corpo;
- lo stato nutrizionale;
- frizione e scivolamento.
Ad ogni fattore può essere attribuito un punteggio variabile da 1 a 4, dove 1 è considerata la condizione peggiore e 4 la condizione migliore.

482 LA STERILIZZAZIONE È NECESSARIA:

A)  Per tutto il materiale indipendentemente dal rischio
B)  Sempre per materiale a basso rischio (termometri, fonendoscopi e similari)
C) Obbligatoriamente per materiali ad alto rischio (strumenti chirurgici)

483 LA STERILIZZAZIONE:
A)  Riduce in modo consistente il numero dei microrganismi
B)  È l'eliminazione di ogni forma vivente dal materiale trattato
C) Inattiva alcuni microrganismi

484 LA STRANGURIA È UNA CONDIZIONE CARATTERIZZATA DA:
A)  Minzione dolorosa o sensazione di dolore
B)  Minzione durante la notte
C) Perdita involontaria delle urine

485 QUALI SONO LE SCALE UTILIZZATE PER LA MISURAZIONE DELLA TEMPERATURA CORPOREA?
A)  Norton, Riva-Rocci
B)  Norton, Celsius
C) Celsius, Fahrenheit

486 LA TETRAPLEGIA È LA:
A)  Paralisi dei due arti inferiori
B)  Paralisi di tre arti
C) Paralisi di quattro arti
www.biancofrancesco.altervista.org
Domande ASL 2 Olbia OSS   

487 LA TOSSINA PRODOTTA DAL CLOSTRIDIUM BOTULINUM PROVOCA MANIFESTAZIONI A CARICO DI QUALI ORGANI O APPARATI?
A)  Sistema linfatico
B)  Sistema nervoso
C) Fegato

488 LA TRASFUSIONE DI SANGUE È RICONOSCIUTA COME ATTO DI ESCLUSIVA COMPETENZA:

A)  Esclusivamente infermieristica
B)  Medica

C) Sia medica e sia infermieristica


La trasfusione é un atto medico
e va pertanto prescritta ed effettuata dal medico, che é responsabile dei seguenti atti: accertamento dell’indicazione; valutazione per l’auto-trasfusione; ottenimento del consenso informato; richiesta di sangue; verifica e sottoscrizione della corretta compilazione dei dati anagrafici del paziente sulla richiesta e sui campioni di sangue; accertamento della compatibilità teorica di gruppo AB0 e tipo Rh, tra l’unità da trasfondere e il ricevente; ispezione dell’unità prima della trasfusione; registrazione dell’ora di inizio della trasfusione e del numero di carico dell’unità; trasfusione di sangue (sorveglianza del paziente e valutazione di efficacia); segnalazione
di eventuali complicanze della trasfusione. Inoltre il medico é corresponsabile con il personale infermieristico dei seguenti atti: identificazione del paziente al momento dei prelievi di sangue e della trasfusione; verifica dell’identità tra il paziente che deve ricevere la trasfusione ed il nominativo del ricevente riportato sull’unità; registrazione dei dati;

Il personale infermieristico di reparto é responsabile dei seguenti atti:
*compilazione della parte anagrafica della richiesta di sangue o di gruppo sanguigno; *esecuzione dei prelievi di sangue e compilazione delle relative etichette; invio della richiesta e dei campioni di sangue al servizio trasfusionale;
*gestione in reparto delle unità consegnate sino al momento della trasfusione;
*registrazione dell’ora in cui termina la trasfusione ed eliminazione del contenitore;
*invio al servizio trasfusionale di una copia del modulo di assegnazione e trasfusione;
*invio al servizio trasfusionale delle segnalazioni di reazione trasfusionale e dei materiali necessari alle indagini conseguenti.


489 LA TRASMISSIONE DEL MORBILLO È DI TIPO
:
A)  Diretto
B)  Sporadico
C) Indiretto

490 LA TRICOTOMIA DEL PAZIENTE IN PREPARAZIONE A UN INTERVENTO CHIRURGICO NON URGENTE DEVE ESSERE ESEGUITA:
A)  Sei ore prima dell'intervento
B)  Il giorno prima dell'intervento
C
) Il più vicino possibile al momento dell'intervento chirurgico

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu