Crea sito

Preparazione colonscopia con Fosfo-Soda Fleet - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Preparazione colonscopia con Fosfo-Soda Fleet

Utilità per OSS > Guida per la preparazione agli esami diagnostici > Endoscopia digestiva

PREPARAZIONE PER COLONSCOPIA
CON FOSFO-SODA FLEET 45 ml

ATTENZIONE! Questo schema di preparazione deve essere integrato da quanto riportato
nell'allegato "Avvertenze, dieta e consigli utili prima della colonscopia", senza il quale non
si otterrà la corretta pulizia del colon e l'esame NON POTRÀ essere eseguito.
Il prodotto può essere acquistato in farmacia solo dietro presentazione della prescrizione medica.

Il giorno precedente l'esame alle ore 16:00: beva un flacone di FOSFO-SODA FLEET da 45 ml
diluito in un bicchiere di acqua (200 ml). È preferibile che ingerisca il prodotto rapidamente, e non a piccoli sorsi. Poi beva 1 bicchiere da tavola di normale acqua o di altri liquidi chiari, non gassati,
(circa 250 ml) ogni 10/15 minuti, per un totale di almeno 1 litro e mezzo. Terminato di fare questo
può continuare a bere liquidi chiari a piacere se ne sente la necessità.

Il giorno precedente l'esame alle ore 19:00: beva un flacone di FOSFO-SODA FLEET da 45 ml
diluito in un bicchiere di acqua (200 ml). È preferibile che ingerisca il prodotto rapidamente, e non a piccoli sorsi. Poi beva 1 bicchiere da tavola di normale acqua o di altri liquidi chiari, non gassati,
(circa 250 ml) ogni 10/15 minuti, per un totale di almeno 1 litro e mezzo. Terminato di fare questo
può continuare a bere liquidi chiari a piacere se ne sente la necessità.

Il giorno dell'esame alle ore 07:00 circa: a digiuno beva MEZZO flacone di FOSFO-SODA FLEET
da 45 ml diluito in un bicchiere di acqua (200 ml). È preferibile che ingerisca il prodotto rapidamente,
e non a piccoli sorsi. Poi beva 1 bicchiere da tavola di normale acqua o di altri liquidi chiari,
non gassati, (circa 250 ml) ogni 10/15 minuti, per un totale di almeno 1 litro. Terminato di fare questo
può continuare a bere liquidi chiari a piacere se ne sente la necessità.
Occorre assumere tutto il preparato per la pulizia intestinale perché l'esame possa essere effettuato
in modo adeguato.
Eviti comunque di bere liquidi nelle due ore che precedono l'esame.

Spiegazioni generali sulla colonscopia
Il medico ha ritenuto necessario sottoporla ad una colonscopia per definire e trattare la sua situazione. Questa
scheda è stata preparata per aiutarla a capire la procedura e per prepararla all'esame. Troverà le risposte alle domande
che i pazienti pongono più frequentemente. Per favore, legga attentamente. Se ha ulteriori domande quando
arriverà nel centro di Endoscopia Digestiva non esiti a rivolgerle al medico e al personale che la riceveranno:
potrà ottenere informazioni ancora più dettagliate.

Cos'è la colonscopia?
La colonscopia è una procedura che permette al medico di esplorare il colon, cioè il grosso intestino, inserendo attraverso
l'ano un tubo flessibile che ha una telecamera. L'esame potrà essere fatto in vari modi. Di solito nel nostro
servizio la colonscopia è indolore e non richiede sedazione. Se necessario sarà comunque possibile praticare la
sedazione in qualunque momento. Questa consiste nella somministrazione per via endovenosa di alcuni farmaci
che alleviano i disturbi e diminuiscono l'eventuale stato d'ansia. Per fare l'esame in sedazione è necessario avere
un accompagnatore che la riporti a casa.

Quale preparazione è necessaria?
Per una procedura accurata e completa il colon deve essere completamente pulito. Le verranno fornite istruzioni
dettagliate sulle restrizioni dietetiche e sulle modalità di pulizia. In genere, la preparazione consiste nell'ingestione
di una certa quantità di un apposito liquido. Segua attentamente le istruzioni: in caso contrario la procedura potrebbe
essere infruttuosa e potrebbe essere necessario ripeterla.

Cosa succede se la colonscopia mostra qualcosa che non va?
Se il medico ritiene che un'area dell'intestino necessiti di essere valutata più attentamente, può introdurre una pinza attraverso il colonscopio per prelevare un piccolo campione di tessuto (biopsia). Questo verrà sottoposto ad esame al microscopico. Le biopsie possono essere prelevate per molteplici motivi, e ciò non significa necessariamente che viene sospettata la presenza di un tumore. Se vengono trovate delle crescite anormali della mucosa chiamate polipi, questi possono venire rimossi. In genere nessuna di queste procedure causa dolore. Anche a
questo proposito otterrà informazioni più dettagliate presso il servizio di Endoscopia Digestiva.

Cosa sono i polipi e perché vengono rimossi?
I polipi sono delle crescite anormali del colon che possono essere di varie dimensioni. La maggior parte sono benigni,
ma non è possibile esserne certi senza un esame al microscopio. Per tale motivo vengono rimossi e inviati per
un'analisi più approfondita che richiede alcuni giorni. La rimozione dei polipi è importante per la prevenzione del
tumore del colon.

Come vengono rimossi i polipi?
I polipi vengono asportati con una tecnica chiamata polipectomia. Il medico introduce degli accessori attraverso il
colonscopio e taglia la base di impianto del polipo con il passaggio o meno di corrente elettrica. Non si sente dolore.
Esiste un piccolo rischio di sanguinamento o di perforazione dell'intestino. A questo proposito otterrà informazioni
più dettagliate presso il servizio di Endoscopia Digestiva prima che inizi il suo esame.

Cosa succede dopo una colonscopia?
Dopo la colonscopia il medico le spiegherà i risultati. Se le sono stati somministrati dei farmaci durante l'esame, qualcuno la dovrà accompagnare a casa: anche se si sente bene i suoi riflessi e la capacità di giudizio sono alterati, rendendo poco sicura la guida.
Potrà avere dei crampi addominali o sensazione di gonfiore. Ciò dovrebbe scomparire dopo poco tempo. Sarà in grado di mangiare liberamente, ma non beva alcolici nelle 12 ore successive alla sedazione.

Quali sono le possibili complicanze della colonscopia?
La colonscopia e la polipectomia sono procedure generalmente sicure, quando eseguite da medici esperti. Una possibile complicazione è la perforazione o la lacerazione della parete dell'intestino: questa complicazione può richiedere un intervento chirurgico. Si può verificare un sanguinamento nel punto in cui viene eseguita una biopsia o una polipectomia. Generalmente non è grave e si ferma spontaneamente o può essere controllato con l'endoscopio.
Molto raramente possono essere necessarie trasfusioni o interventi chirurgici. Altre possibili complicanze sono la reazione a farmaci e complicazioni da malattie cardiache o polmonari.
Sebbene le complicanze dopo la colonscopia siano poco comuni, è importante riconoscerne i segni iniziali Contatti il suo medico, il centro che ha eseguito la colonscopia o il nostro pronto soccorso se nota uno dei seguenti sintomi: forte dolore addominale, febbre, brividi o sanguinamento rettale. Un sanguinamento può verificarsi anche alcuni giorni dopo una polipectomia.

Phospho-Soda Fleet soluzione orale 45 ml

Sodio fosfato monobasico + sodio fosfato bibasico
Il sodio fosfato è un lassativo osmotico che pulisce il colon richiamando liquidi extracellulari
attraverso la parete del grosso intestino e intrappolando nel lume liquidi già presenti.
Il maggiore svantaggio del sodio fosfato è la possibilità che si verifichino larghi spostamenti di
fluidi e di elettroliti. Il suo uso è stato associato ad una serie di alterazioni che includono
iperfosaftemia, ipocalcemia, ipopotassiemia, aumento della osmolarità plasmatica, iponatriemia e
ipernatriemia.
Una iperfosfatemia asintomatica si riscontra sino al 40% dei soggetti sani che fanno uso di questa
preparazione. È più significativa nei pazienti nefropatici, dove può causare una nefropatia acuta da
fosfati. Sono stati riportati rari eventi avversi come nefrocalcinosi con insufficienza renale acuta,
soprattutto in pazienti che assumono inibitori degli enzimi di conversione della angiotensina (ACE)
o inibitori dei recettori della angiotensina.
In alcuni pazienti si è risolto il problema della disidratazione e iperosmolarità incoraggiando una
maggiore assunzione di liquidi per os soprattutto nel giorno precedente e successivo alla
preparazione.
Di recente sono stati riportati casi di insufficienza renale dovuta alla iperfosfatemia (nefropatia
acuta da fosfati) anche in soggetti sani. Per questo motivo la Federal Drug Administration
americana ha emesso una nota l'11 dicembre 2008 che rende obbligatoria la prescrizione medica
per l'uso di questi prodotti. La nota stabilisce che i medici devono prestare particolare cautela
nell'uso delle preparazioni a base si sodio fosfato nei pezienti che sono a maggior rischio per
patologie del rene come: soggetti con età >55 anni, disidratati o neuropatici, che soffrono di
malattie infiammatorie dell'intestino o che sono stitici, che assumono farmaci che influenzano la
funzione renale come i diuretici, gli inibitori degli enzimi di conversione della angiotensina (ACE)
o inibitori dei recettori della angiotensina, che fanno uso di farmaci antinfiammatori non steroidei
(FANS).
Altre controindicazioni sono: insufficienza cardiaca congestizia, malattia ischemica del miocardio,
ostruzione intestinale, gravidanza, età <18 anni, incapacità a seguire le istruzione e a idratarsi
adeguatamente.
I casi riportati di complicanze renali provengono quasi interamente dal Nord America, e questo
sarebbe dovuto a differenti pratiche cliniche e alla disponibilità di sodio fosfato come prodotto di
banco. La casa produttrice riferisce che la percentuale di casi di complicanze renali severe nel 2007
e nel 2008 è compresa tra il 2.9 e il 6.03 per milione di unità vendute in Europa.
Nel complesso le complicanze renali severe da uso di sodio fosfato sono molto rare (<1:10,000)
specialmente in soggetti senza funzione renale alterata. L'uso appropriato riduce il rischio.
Tuttavia si suggerisce l'uso di soluzioni a base di sodio fosfato in pazienti che non possono essere
preparati con prodotti alternativi (ad esempio non riescono ad assumere altri tipi di preparazione).
Hookey LC, Depew WT, Vanner S. Gastrointestinal Endosc 2002; 56:895-902
Wexner SD, Beck DE, Baron TH, et al. Dis Colon Rectum 2006; 49:792-809
Barkun A, Chiba N, Enns R, et al. Can J Gastroenterol 2006; 20:699-710
Ker TS. Am Surg 2006; 72:909-911
Makkar R, Shen B. Cleve Clin J Med 2008; 75:173-176
US Food and Drug Administration (FDA). December 11, 2008.
http://www.fda.gov/Safety/MedWatch/SafetyInformation/SafetyAlertsforHumanMedicalProducts/ucm094900.htm
http://www.fda.gov/Drugs/DrugSafety/PostmarketDrugSafetyInformationforPatientsandProviders/ucm103354.htm
Rex D.K. Can J Gastroenterol Vol 23 No 3 March 2009
Qizilbash N, Navarro A. European Gastroenterology Hepatology Review Vol.5, Sept 2005:15-21

Avvertenze, dieta e consigli utili prima della colonscopia

Questo documento contiene solo delle avvertenze ed uno schema dietetico per chi si sottoporrà alla colonscopia. Sarà indispensabile integrarlo con la necessaria preparazione per la pulizia del colon, senza la quale l'esame NON POTRÀ essere eseguito.
Contatti almeno sette giorni prima dell'esame il suo Medico di Medicina Generale se:
o Prende anticoagulanti o antiaggreganti come warfarin (Coumadin, Sintrom), enoxaparina (Clexane), fondaparinux
(Arixtra), clopidogrel (Plavix), prasugrel (Efient), anagrelide (Xagrid), cilostazolo (Pletal), pentoxifillina
(Trental), dipiridamolo (Persantin), dipiridamolo con aspirina (Aggrenox), o prodotti come aspirina o altri farmaci
antinfiammatori come ibuprofene, diclofenac, naprossene, indometacina, piroxicam, ketoprofene, nimesulide.
o É diabetico e prende insulina. Potrebbe essere necessario variare il dosaggio il giorno prima della colonscopia
e il giorno dell'esame. Porti con sé i farmaci che prende per il diabete in modo da assumerli subito dopo
l'esame, se opportuno.
o Ha una protesi cardiaca sintetica, ha un pace-maker o un defibrillatore cardiaco impiantabile, nell'ultimo anno
ha avuto una protesi di ginocchio o di anca, soffre di apnea notturna. Controlli se deve prendere antibiotici
prima di fare una cura dentaria.
o Continui pure a prendere le altre medicine di cui ha bisogno, anche il giorno dell'esame.

Cinque giorni prima della colonscopia:
o Non assuma lassativi a base di fibre vegetali.
o Non prenda per bocca preparati a base di ferro, nemmeno integratori vitaminici che lo contengono.
o Compri il prodotto per pulire l'intestino con qualche giorno di anticipo, ma prepari la soluzione solo il giorno
prima della colonscopia.

Tre giorni prima della colonscopia:
o riduca il consumo di verdura e di frutta ricca di semi, soprattutto kiwi, fragole e uva: le bucce e i semi possono
rendere difficoltoso l'esame. Eviti i cibi integrali.

Alcuni consigli per migliorare il gusto della preparazione per la pulizia del colon:
o Generalmente il gusto sarà più accettabile se la soluzione è fredda.
o Se preferisce tolga la soluzione dal frigorifero mezz'ora prima dell'assunzione.
o Beva le dosi rapidamente, senza assaporarle, piuttosto che a piccoli sorsi.
o Per sentire meno il sapore provi ad usare una cannuccia.
o Mentre beve non annusi la soluzione, può essere utile tappare il naso.
o Dopo aver bevuto può risciacquare la bocca con acqua o liquidi chiari.
o Può succhiare caramelle dure o lecca-lecca, ma non di colore rosso.

Per evitare o ridurre il fastidio all'ano:
o Eviti di sfregare quando si pulisce dopo le evacuazioni. Usi preferibilmente salviette umide.
o Applichi dopo ogni evacuazione abbondante quantità di pasta allo zinco.

ALIMENTAZIONE IL GIORNO PRIMA DELLA COLONSCOPIA
08.00 - 09.00 Colazione
- Tè/caffè (con latte e zucchero/dolcificante, se richiesto) o altri liquidi chiari come acqua, brodo leggero, tisana,
tè o caffè nero, o bevanda/succo di frutta diluito.
Può aggiungere UN solo alimento a scelta tra quelli seguenti:
- 30 g di riso soffiato o cornflakes con 100 ml di latte.
- 2 fette di pane bianco/pane tostato con un velo sottile di burro/margarina e miele.
- 1 uovo lesso/in camicia e 1 fetta di pane tostato/pane bianco con un velo sottile di burro/margarina.
- 50 g di formaggio tipo ricotta o cremoso e 1 fetta di pane tostato/pane bianco con un velo sottile di burro/ margarina.
Metà mattina
Tè/caffè (con latte e zucchero/dolcificante, se richiesto)
12.00 - 13.30 Pranzo
Scelga UN solo alimento a scelta tra quelli seguenti:
- 75 g di carne/pesce con intingolo.
- 2 uova lesse/in camicia.
- 100 g di formaggio cremoso o tipo ricotta.
E può AGGIUNGERE uno solo dei seguenti:
- 2 fette di pane bianco/pane tostato con un velo sottile di burro/margarina.
- 2 patate delle dimensioni di un uovo senza buccia, con una piccola quantità di burro/margarina.
- 2 cucchiai da tavola di pasta/riso in bianco.
Beva un'abbondante quantità di liquidi chiari, preferibilmente acqua. Tè e caffè possono essere assunti solo
senza latte.
??Dopo pranzo sono proibiti i cibi solidi, il latte o altri prodotti caseari
fino al termine della colonscopia.
19.00 - 21.00 Cena (comunque a due ore di distanza dalla fine dell'assunzione della preparazione)
- Non sono consentiti alimenti solidi.
- Sono consentiti una minestra leggera o brodo a base di estratto di carne e gelatina chiara.
??Dopo la cena non sono più consentiti altri alimenti solidi fino al termine della colonscopia.
L'apporto di liquidi trasparenti non gassati è libero.
??La mattina dell'esame, a digiuno se non diversamente specificato,
inizi a bere la seconda parte della preparazione per la pulizia del colon.
Terminata la soluzione si può bere del tè o della camomilla, anche ben zuccherati, o altri liquidi trasparenti non gassati, nelle quantità desiderate.
??Eviti comunque di bere liquidi nelle 2 ore che
precedono l'esame.
Consigli generali dopo l'assunzione della preparazione
Occorre assumere tutto il preparato per la pulizia intestinale perché l'esame possa essere effettuato
in modo adeguato. È opportuno mantenere un intervallo di due ore tra l'assunzione per via orale della preparazione e l'assunzione di farmaci per via orale. Possono comparire gonfiore o distensione addominale prima dell'evacuazione. Se il gonfiore diventa fastidioso si consiglia di interrompere temporaneamente l'assunzione della soluzione o di bere ciascuna porzione ad intervalli maggiori (ad esempio ogni 30 minuti) fino a che i sintomi scompaiono. L'eventuale comparsa di nausea o disgusto all'assunzione del prodotto è normale e non preoccupante. Basterà assumere il prodotto più lentamente e a piccoli sorsi (se tenuto in frigorifero può risultare più gradevole). Si può usare una cannuccia e si può correggere il gusto del preparato associandolo ad altre bevande limpide di gusto più gradevole. Le preparazioni per la pulizia del colon determinano la comparsa di evacuazioni liquide generalmente dopo un'ora dall'inizio dell'assunzione.




 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu