Crea sito

Quiz preselezione 281 -290 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Quiz preselezione 281 -290

I quiz dei concorsi delle ASL 1° parte > Concorso ASL Olbia > Da 201 a 300

281 COSA SI INTENDE PER CONTUSIONE?
A)  La contrazione involontaria della muscolatura
B)  La sospensione, in seguito ad una violenta caduta, dell'attività dell'organo colpito
C) La lesione di parti molli dell'organismo dovuta ad un trauma

Contusione Lesione delle parti molli dell’organismo per azione traumatica di un corpo, senza discontinuità del rivestimento cutaneo o mucoso (ferita contusa) e con stravaso di sangue (ecchimosi o, per danno maggiore, ematoma)
www.biancofrancesco.altervista.org

282 PER ECCHIMOSI SI INTENDE:
A)  La lesione di un muscolo a seguito di un forte trauma
B)  L'infiltrazione di sangue tra i tessuti, dovuta generalmente alla rottura limitata dei capillari

C) Una microfrattura che colpisce le parti distali degli arti superiori o inferiori

283 GENERALMENTE, COSA È OPPORTUNO FARE IN PRESENZA DI UN EMATOMA?
A)  Applicare del ghiaccio sulla parte colpita

B)  Massaggiare la parte colpita
C) Riscaldare la parte colpita
www.biancofrancesco.altervista.org

284 IN QUALE DEI SEGUENTI CASI DI AVVELENAMENTO È CONSIGLIABILE PROVOCARE IL RIGETTO DELLA SOSTANZA INGERITA?
A)  In caso di ingestione di petrolio o suoi derivati
B)  In caso di ingestione di sostanze fortemente alcaline o acide
C) In caso di ingestione di cibi tossici, ad esempio perché mal conservati

Nel caso di cibi scaduti

285 QUAL È LA PRIMA COSA DA FARE IN CASO DI FOLGORAZIONE?

A)  Staccare subito l'infortunato dalla corrente afferrandolo con il palmo delle mani
B)  Coprire l'infortunato con una coperta e dargli da bere
C) Allontanare l'infortunato dalla corrente con l'ausilio di materiale isolante

286 DI NORMA, IN CASO DI CONGELAMENTO È OPPORTUNO:
A)  Coprire bene l'infortunato e trasportarlo in un locale non eccessivamente riscaldato
B)  Immergere in acqua calda le parti del corpo interessate
C) Somministrare una forte bevanda alcolica per indurre vasodilatazione
www.biancofrancesco.altervista.org

287 QUALE DEI SEGUENTI NON È UN COMPORTAMENTO OPPORTUNO IN CASO DI CONGELAMENTO?
A)  Frizionare le zone congelate con acqua calda
B)  Coprire bene l'infortunato e trasportarlo in un locale non eccessivamente riscaldato
C) Allentare i vestiti e le scarpe troppo strette dell'infortunato

288 QUALE TRA I SEGUENTI SINTOMI SI VERIFICA IN CASO DI COLPO DI CALORE?
A)  La temperatura corporea scende rapidamente
B) La temperatura corporea sale in breve tempo
C) Il soggetto colpito suda moltissimo
www.biancofrancesco.altervista.org

289 I FARMACI GENERICI:

A)  Sono coperti da brevetto solo nel caso in cui siano destinati a cure oncologiche
B)  Sono coperti da brevetto
C) Non sono coperti da brevetto

Il farmaco generico è definito come imitazione di un prodotto originale privo di protezione brevettuale; quest'ultima caratteristica permette la produzione del generico a qualsiasi impresa.
In linea teorica, il generico viene messo in commercio senza un marchio commerciale definito, ma sotto la cosiddetta Denominazione Comune Internazionale (DCI). Di fatto, nelle realtà di mercato internazionali esistono tre categorie di farmaci generici:
generici branded, ovvero copie di specialità farmaceutiche recanti un proprio marchio distintivo;
generici semibranded commercializzati sotto la DCI seguita dal nome del produttore;
generici "puri", o unbranded.

www.biancofrancesco.altervista.org

290 I MEDICINALI DI AUTOMEDICAZIONE:
A)  Sono accessibili al paziente solo se in possesso di prescrizione da parte del medico di base
B)  Sono accessibili al paziente anche in assenza di specifica prescrizione

C) Sono accessibili al paziente solo se in possesso di prescrizione da parte di un medico specialista
Il farmaco di automedicazione, contrassegnato da un bollino rosso che riporta la scritta “Farmaco senza obbligo di ricetta”, è un farmaco per l’acquisto e l’assunzione del quale non è necessaria la ricetta medica. Si tratta di farmaci concepiti e destinati all’utilizzo autonomo da parte del cittadino per curare lievi disturbi o sintomi passeggeri, come la tosse, un raffreddore, un episodio di stitichezza: disturbi che conosciamo bene, che sappiamo non essere collegati a patologie serie, e che possiamo affrontare efficacemente anche senza l’intervento del medico.I farmaci di automedicazione sono chiamati anche prodotti “da banco

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu