Crea sito

Cateterismo vescicale e competenze dell'O.S.S. - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Cateterismo vescicale e competenze dell'O.S.S.

Procedure OSS > Bisogno di eliminazione urinaria

Il cateterismo vescicale e le competenze dell’OSS.


Preparazione del carrello
.
Carrello o supporto stabile sul quale posizionare tutto il materiale;
Due telini.
Siringhe da 10 ml;
Soluzione disinfettante sterile (confezione monouso di clorexidina in soluzione acquosa 0,05%),
Lubrificante sterile preferibilmente contenente “lidocaina”
Flacone di soluzione fisiologica per gonfiare il palloncino.
Catetere vescicale sterile su indicazione dell’infermiere, o se è la prima volta che si effettua  averne a disposizione di vario diametro.
Sistema di drenaggio sterile,( preferibilmente a circuito chiuso) per la raccolta dell’urina.
Fissaggi per la sacca da gamba.
Supporti per la sacca da letto.
Un contenitore per lo smaltimento dei rifiuti
Siringhe monouso da 10 ml
Garze e tamponcini.
Guanti sterili almeno due paia.
Materiale per l’igiene intima da effettuare nei pazienti non autonomi.
Padella pulita e disinfettata.
Contenitore con acqua;
Sapone per l’igiene intima.
Salviette per l’Asciugatura.
Cerotto anallergico per fissare il catetere;
Biancheria per il letto.

Preparazione dell’ambiente.
Garantire la privacy, coprire le gambe fino a metà coscia con la biancheria del letto, disporre un paravento se necessario.

Preparazione della persona.
Informare il paziente sulla procedura del cateterismo, per favorirne la collaborazione, la comprensione aiuta la persona ad essere più rilassata e rende la tecnica meno disagevole.
Dare l’opportunità di eseguire l’igiene personale perineale; assistere il paziente se necessario : un’asepsi rigorosa deve essere mantenuta per ridurre la possibilità di diffondere infezioni nel tratto urinario ; la pulizia elimina il grosso della contaminazione.
Il luogo ove avviene la tecnica è il letto quindi è idoneo che la biancheria del letto sia sostituita, in particolare le lenzuola, per ridurre i rischi di contaminazione microbica. Una luce idonea è importante per avere una corretta visualizzazione del meato urinario.
Assistere la persona ad assumere la posizione idonea alla cateterizzazione:
La donna: posizione supina con le gambe flesse ruotando esternamente le cosce. Una posizione alternativa può essere quella sul fianco, che in caso d’alterazioni all’anca è più sopportabile.
L’uomo: posizione supina. Effettuare  l’ispezione dei genitali per evidenziare alterazioni. Si mantiene scoperta solo l’area dei genitali per garantire la privacy.

Collaborazione con l’infermiere nell’applicazione del catetere vescicale.

Aprire le confezioni del materiale sterile;
Aiutare il paziente a mantenere la posizione:
Aspirare con la siringa la soluzione fisiologica per gonfiare il palloncino.
Riordino del materiale e dell’ambiente.
Curare il comfort della persona.

Dopo l’applicazione, l’operatore collabora alla valutazione della quantità e delle caratteristiche delle urine emesse, del benessere del paziente.

 

  CATETERISMO VESCICALE A PERMANENZA NELLA DONNA

Obiettivo  Eseguire il cateterismo vescicale a permanenza in una donna vigile, orientata nel tempo e nello spazio,   adottando le precauzioni per la prevenzione delle infezioni delle vie urinarie e dei traumi uretrali

Materiale occorrente   Materiale per l'igiene perineale, cateteri vescicali sterili da scegliersi previa valutazione del meato urinario   (indicativamente 14 - 18 CH per la donna), guanti sterili e guanti puliti, telini sterili, antisettico specificoper la mucosa genitale, capsula sterile, lubrificante sterile monodose, acqua distillata sterile, siringa sterile da 10 ml, garze e batuffoli sterili, pinza sterile, sistema di raccolta sterile a circuito chiuso, supporto per il sistema di raccolta, cerotto ipoallergenico, contenitori per rifiuti, piano di appoggio

Tempo massimo di esecuzione previsto: 20 minuti

Preparazione

1   Togliere i monili e l©orologio
2   Lavare le mani
3   Preparare tutto il materiale occorrente
4   Salutare la persona e presentarsi
5   Identificare la persona
6   Accertare una eventuale allergia della persona al lattice
7   Garantire il rispetto dell©intimità e della riservatezza della persona
8   Fornire alla persona le informazioni necessarie e raccoglierne il consenso 10 Controllare e se occorre intervenire sul microclima

Esecuzione

11   Invitare o aiutare la persona ad eseguire l'igiene perineale
12   Invitare o aiutare la persona ad assumere la posizione supina con gli arti inferiori flessi e divaricati e valutare le caratteristiche del meato urinario
13   Eseguere l©igiene delle proprie mani con acqua e sapone o soluzione alcolica
14   Aprire un telino sterile e posizionarlo su un piano di appoggio
15 Aprire le confezioni senza contaminare il materiale e lasciarlo cadere sul telino Versare l'antisettico nella capsula mantenendo l'asepsi    Calzare i guanti sterili
16   Gonfiare il palloncino di ancoraggio del catetere con acqua distillata sterile per valutarne la tenuta e quindi sgonfiarlo
17   Lubrificare la porzione distale del catetere
18   Raccordare il catetere vescicale con il sistema di raccolta a circuito chiuso
19   Imbibire batuffoli e garze con l'antisettico
20   Eseguire l'antisepsi del meato urinario, quindi delle piccole labbra e delle grandi labbra senza ripassare sul meato urinario
21   Posiziona un batuffolo con antisettico sul meato urinario
22   Sfilare i guanti ed eliminarli nell'apposito contenitore
23   Calzare il secondo paio di guanti sterili e posizionare un telino sterile
24   Rimuovere con una pinza il batuffolo lasciato sul meato urinario eliminandolo nell'apposito contenitore
25   Divaricare le grandi labbra e le piccole labbra, individuare il meato urinario, inserire il catetere delicatamente per non oltre 10 cm, fino a quando defluisce l'urina
26   Inserire il catetere per ulteriori 2-3 centimetri e gonfiare il palloncino di ancoraggio con l'acqua distillata sterile con il volume indicato sulla confezione del catetere
27   Retrarre delicatamente il catetere fino a quando si avverte una resistenza che conferma l'ancoraggio in vescica
28   Sfilare i guanti ed eliminarli nell'apposito contenitore
29   Agganciare la sacca di raccolta al letto
30   Fissare il catetere con cerotto ipoallergenico alla coscia per prevenire le trazioni durante i movimenti
31   Se necessario aiutare la persona ad assumere una posizione confortevole
32   Smaltire i rifiuti negli appositi contenitori e riordinare il materiale utilizzato
33   Lavare le mani
34   Registrare la procedura, l©esito e i dati utili sulla documentazione sanitaria (data di posizionamento, tipo di catetere e misura, qualità e quantità delle urine drenate)


Azioni/Omissioni che mettono a rischio la sicurezza della persona e dell'operatore o l'efficacia della procedura

Non rispettare il tempo di esecuzione previsto
Non preparare tutto il materiale occorrente
Non comunicare con la persona durante la procedura
Non garantire il rispetto dell'intimità della persona
Non garantire l'asepsi
Posizionare il catetere in vagina
Il decorso del tubo di raccordo ostacola il deflusso delle urine
Trazionare il catetere vescicale

  CATETERISMO VESCICALE ESTEMPORANEO NELLA DONNA

Obiettivo  Eseguire il cateterismo vescicale estemporaneo a scopo evacuativo in una donna vigile, orientata nel tempo e nello   spazio, adottando le precauzioni per la prevenzione delle infezioni delle vie urinarie e dei traumi uretrali

Materiale occorrente
  Materiale per l'igiene perineale, cateteri vescicali semirigidi sterili (tipo Nelaton®) da scegliersi previa valutazione  del meato uretrale, guanti sterili e guanti puliti, telini sterili, antisettico specifico per la mucosa genitale, capsula sterile, lubrificante sterile monodose, garze e batuffoli sterili, pinza sterile, contenitori per rifiuti, sistema di raccolta sterile per le urine o contenitore pulito graduato, piano di appoggio

Tempo massimo di esecuzione previsto: 20 minuti

Preparazione
1   Togliere i monili e l'orologio
2   Lavare le mani
3   Preparare tutto il materiale occorrente
4   Salutare la persona e presentarsi
5   Identificare la persona
6   Garantire il rispetto dell©intimità e della riservatezza della persona
7   Fornire alla persona le informazioni necessarie e raccoglierne il consenso
8   Controllare e se occorre intervenire sul microclima

Esecuzione
9   Invitare o aiutare la persona ad eseguire l'igiene perineale
10 Invitare o aiutare la persona ad assumere la posizione supina con gli arti inferiori flessi e divaricati e valutare le caratteristiche   del meato urinario
11   Eseguire l'igiene delle proprie mani con acqua e sapone o soluzione alcolica
12 Aprire un telino sterile e posizionarlo su un piano di appoggio
Aprire le confezioni senza contaminare il materiale e lasciarlo cadere sul telino
Versare l'antisettico nella capsula mantenendo l'asepsi
13   Calzare i guanti sterili
14   Lubrificare la porzione distale del catetere
15   Imbibire batuffoli e garze con l'antisettico
16   Eseguire l'antisepsi del meato urinario, quindi delle piccole labbra e delle grandi labbra senza ripassare sul meato urinario
17   Posizionare un batuffolo con antisettico sul meato urinario
18   Sfilare i guanti ed eliminarli nell'apposito contenitore
19   Calzare il secondo paio di guanti sterili
20   Rimuovere con una pinza il batuffolo lasciato sul meato urinario eliminandolo nell'apposito contenitore
21   Divaricare le grandi labbra e le piccole labbra, individuare il meato urinario, inserire il catetere delicatamente per non oltre 10 cm, fino a quando defluisce l'urina
22   Drenare le urine nel sistema di raccolta sterile o nel contenitore pulito graduato, mantenendo in sede il catetere manualmente
23   Rimuovere il catetere ed eliminarlo nell'apposito contenitore
24   Valutare quantità e caratteristiche delle urine drenate
25   Sfilare i guanti ed eliminarli nell'apposito contenitore
26   Se necessario aiutare la persona ad assumere una posizione confortevole
27   Smaltire i rifiuti negli appositi contenitori e riordinare il materiale utilizzato
28   Lavare le mani
29   Registrare la procedura, l'esito e i dati utili sulla documentazione sanitaria (qualità e quantità delle urine drenate)


Azioni/Omissioni che mettono a rischio la sicurezza della persona e dell'operatore o l'efficacia della procedura

Non rispettare il tempo di esecuzione previsto
Non preparare tutto il materiale occorrente
Non comunicare con la persona durante la procedura
Non garantire il rispetto dell'intimità della persona
Non garantire l'asepsi
Utilizzare un catetere tipo Foley
Posizionare il catetere in vagina

  CATETERISMO VESCICALE A PERMANENZA NELL'UOMO

Obiettivo   Eseguire il cateterismo vescicale a permanenza in un uomo vigile, orientato nel tempo e nello spazio, adottando le   precauzioni per la prevenzione delle infezioni delle vie urinarie e dei traumi uretrali

Materiale occorrente   Materiale per l'igiene perineale, cateteri vescicali sterili da scegliersi previa valutazione del meato urinario (indicativamente 16 - 20 CH per l'uomo), guanti sterili e guanti puliti, telini sterili, antisettico specifico per la mucosagenitale, capsula sterile, lubrificante sterile monodose con introduttore uretrale, acqua distillata sterile, siringa sterile da 10 ml, garze e batuffoli sterili, pinza sterile, sistema di raccolta sterile a circuito chiuso, supporto per sacca di raccolta, cerotto ipoallergenico, contenitori per rifiuti, piano di appoggio

Tempo massimo di esecuzione previsto: 20 minuti

Preparazione
1   Togliere i monili e l'orologio
2   Lavare le mani
3   Preparare tutto il materiale occorrente
4   Salutare la persona e presentarsi
5   Identificare la persona
6   Accertare una eventuale allergia della persona al lattice
7   Garantire il rispetto dell'intimità e della riservatezza della persona
8   Fornire alla persona le informazioni necessarie e raccoglierne il consenso
9   Controllare e se occorre intervenire sul microclima

Esecuzione
10   Invitare o aiutare la persona ad eseguire l'igiene perineale
11   Invitare o aiutare la persona ad assumere la posizione supina e valutare le caratteristiche del meato urinario
12   Eseguire l'igiene delle proprie mani con acqua e sapone o soluzione alcolica
13   Aprire un telino sterile e posizionarlo su un piano di appoggio
Aprire le confezioni senza contaminare il materiale e lasciarlo cadere sul telino
Versare l'antisettico nella capsula mantenendo l'asepsi
14   Calzare i guanti sterili
15   Gonfiare il palloncino di ancoraggio del catetere con acqua distillata sterile per valutarne la tenuta e quindi sgonfiarlo
16   Raccordare il catetere vescicale con il sistema di raccolta a circuito chiuso
17   Lubrificare la porzione distale del catetere per circa 10 cm
18   Iniettare nell'uretra tutto il lubrificante contenuto nella confezione monodose utilizzando l'apposito introduttore
19   Imbibire batuffoli e garze con l'antisettico
20 Eseguire l'antisepsi del meato urinario procedendo verso la base del pene, lasciando il prepuzio abbassato (se persona non   circoncisa)
21   Sfilare i guanti e eliminarli nell'apposito contenitore
22   Calzare il secondo paio di guanti sterili
23   Posizionare un telino sterile, preferibilmente forato, lasciando scoperto solo il pene
24   Mantenere il pene perpendicolare all'addome, inserire il catetere delicatamente fino ad avvertire la resistenza dell'uretra bulbare. Abbassare il pene e continuare l'introduzione del catetere fino ad avvertire la resistenza prostatica. Continuare l'inserimento fino a quando defluisce l'urina
25   Inserire il catetere per ulteriori 2-3 centimetri e gonfiare il palloncino di ancoraggio con l'acqua distillata sterile con il volume indicato sulla confezione del catetere
26   Retrarre delicatamente il catetere fino a quando si avverte una resistenza che conferma l'ancoraggio in vescica
27   Ricoprire il glande con il prepuzio (se persona non circoncisa)
28   Sfilare i guanti ed eliminarli nell'apposito contenitore
29   Agganciare la sacca di raccolta al letto
30   Fissare il catetere con cerotto ipoallergenico sulla zona sovrapubica allo scopo di prevenire le trazioni durante i movimenti e le lesioni uretrali
31   Se necessario aiutare la persona ad assumere una posizione confortevole
32   Smaltire i rifiuti negli appositi contenitori e riordinare il materiale utilizzato
33   Lavare le mani
34   Registrare la procedura, l©esito e i dati utili sulla documentazione sanitaria (data di posizionamento, tipo di catetere e misura, qualità e quantità delle urine drenate)

Azioni/Omissioni che mettono a rischio la sicurezza della persona e dell'operatore o l'efficacia della procedura

Non rispettare il tempo di esecuzione previsto
Non preparare tutto il materiale occorrente
Non comunicare con la persona durante la procedura
Non garantire il rispetto dell'intimità della persona
Non garantire l'asepsi
Forzare l'inserimento in presenza di ostacoli alla progressione del catetere vescicale
Il decorso del tubo di raccordo ostacola il deflusso delle urine





 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu