Crea sito

Da 51 a 100 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Da 51 a 100

I quiz dei concorsi delle ASL 3° parte > Regione Sardegna > Laboratorio

51 LA MEIOSI PORTA ALLA FORMAZIONE DI:

A) Cellule diploidi

B) Cellule aploidi

C) Uno zigote


Archivio quesiti per TECNICI DI LABORATORIO Pag. 5

52 LA DIVISIONE BATTERICA AVVIENE PER:

A) Meiosi

B) Partenogenesi

C) Scissione binaria

53 IN QUALE TRA QUESTE CELLULE UMANE NON È PRESENTE IL DNA?

A) Nelle fibre muscolari

B) Il DNA è presente in tutte le cellule umane

C) Negli eritrociti

54 IN BIOLOGIA, SI DEFINISCE "TRADUZIONE":

A) Il processo di trasporto attivo delle sostanze attraverso la membrana

B) La replicazione semiconservativa del DNA

C) Il processo biochimico attraverso il quale l'informazione genetica contenuta nel mRNA, viene convertita in proteine

55 I GAMETI SONO:

A) I cromosomi sessuali

B) Le cellule sessuali diploidi

C) Le cellule riproduttive sessuali mature

56 IL CARIOTIPO È:

A) Il corredo cromosomico caratteristico di ogni specie dal punto di vista morfologico

B) L'insieme dei caratteri fisici di un individuo

C) La regione del cromosoma in cui i cromatidi sono a stretto contatto

57 LA STRUTTURA CELLULARE DEPUTATA ALLA RESPIRAZIONE È:

A) Il citoplasma

B) Il mitocondrio

C) Il nucleo

58 IN UNA CELLULA EUCARIOTICA, IL CICLO DI KREBS SI SVOLGE:

A) Nei mitocondri

B) Nel citoplasma

C) Nei ribosomi

59 LA RIDUZIONE DEL CORREDO CROMOSOMICO DA DIPLOIDE AD APLOIDE SI REALIZZA MEDIANTE:

A) La fecondazione

B) La citodieresi

C) La meiosi

60 IL CODICE GENETICO È DEFINITO DEGENERATO IN QUANTO:

A) Un codone può essere codificato da più aminoacidi

B) Un nucleotide può essere codificato da più aminoacidi

C) Un aminoacido può essere codificato da più codoni

61 QUAL È L’RNA CHE PORTA L’INFORMAZIONE DAI CROMOSOMI AL CITOPLASMA?

A) RNA transfer

B) RNA messaggero

C) RNA ribosomiale

62 COME VENGONO CHIAMATI I CROMOSOMI PRESENTI NEL NUCLEO, TRANNE QUELLI SESSUALI?

A) Allosomi

B) Autosomi

C) Eterosomi

63 COME VIENE DEFINITO IL PROCESSO ATTRAVERSO CUI L’INFORMAZIONE GENETICA PASSA DAL DNA ALL’RNA ?

A) Trasposizione

B) Trascrizione

C) Traduzione

64 COME VIENE CHIAMATA LA CELLULA CHE SI OTTIENE SUBITO DOPO LA FECONDAZIONE?

A) Oocita

B) Zigote

C) Embrione

65 QUANTE COPPIE DI CROMOSOMI CONTIENE UNO ZIGOTE?

A) 23

B) 48

C) 46


Archivio quesiti per TECNICI DI LABORATORIO Pag. 6

66 CIASCUNO DEI DUE O PIÙ STATI ALTERNATIVI DI UN GENE CHE OCCUPANO LA STESSA POSIZIONE SU CROMOSOMI OMOLOGHI, È DETTO:

A) Locus

B) Allele

C) Status

67 QUAL È LA PROBABILITÀ CHE UNA COPPIA ETEROZIGOTE PER UNA MUTAZIONE AUTOSOMICA RECESSIVA ABBIA UN FIGLIO OMOZIGOTE MALATO?

A) 25%

B) 50%

C) 33%

68 QUANDO UNA MALATTIA È DETTA MULTIFATTORIALE?

A) Quando è causata da un unico gene

B) Quando è causata da fattori ambientali

C) Quando è causata da più geni che interagiscono con l’ambiente

69 LA REPLICAZIONE DEL DNA:

A) Avviene sui ribosomi

B) È conservativa

C) È semiconservativa

70 QUALE DEI SEGUENTI PROCESSI BIOLOGICI AUMENTA LA VARIABILITÀ GENETICA?

A) Mitosi

B) Meiosi

C) Gemmazione

71 QUALE TRA QUESTE NON RAPPRESENTA UNA FASE DEL PROCESSO DI EMOSTASI?

A) Fase vascolare

B) Fase cellulare

C) Fase piastrinica

72 QUAL È IL PRIMO EVENTO CHE SI VERIFICA IN SEGUITO ALLA ROTTURA DI UN VASO SANGUIGNO?

A) Vasocostrizione

B) Emolisi

C) Coagulazione

73 COS’È IL FATTORE DI VON WILLEBRAND?

A) È una glicoproteina sintetizzata dalla tiroide

B) È una glicoproteina che interviene nella cascata biochimica della coagulazione

C) È una glicoproteina che interviene durante la risposta immunitaria

74 COME VIENE DEFINITO L’INSIEME DI PROCESSI, CELLULARI E BIOCHIMICI, BEN REGOLATI CHE HANNO LA FUNZIONE DI MANTENERE IL SANGUE ALLO STATO LIQUIDO NEI VASI NORMALI E INDURRE LA FORMAZIONE DEL COAGULO EMOSTATICO IN PRESENZA DI DANNO VASCOLARE?

A) Emopoiesi

B) Emolisi

C) Emostasi

75 UNA COAGULAZIONE TROPPO RAPIDA PUÒ PORTARE:

A) Tachicardia

B) Leucocitosi

C) Trombosi o embolie

76 DA QUALI CELLULE ORIGINANO LE PIASTRINE?

A) Eritrociti

B) Megacariociti

C) Leucociti

77 DURANTE L’EMOSTASI, LA FORMAZIONE DEL TAPPO PIASTRINICO AVVIENE:

A) Nella fase piastrinica

B) Nella fase coagulativa

C) Nella fase vascolare

78 DURANTE L’EMOSTASI, LA FORMAZIONE DELLA FIBRINA AVVIENE:

A) Nella fase coagulativa

B) Nella fase piastrinica

C) Nella fase vascolare


Archivio quesiti per TECNICI DI LABORATORIO Pag. 7

79 DURANTE L’EMOSTASI, LA DISSOLUZIONE DEL COAGULO DI FIBRINA AVVIENE:

A) Nella fase piastrinica

B) Nella fase finale

C) Nella fase vascolare

80 QUALE TRA QUESTE PATOLOGIE È UNA COAGULOPATIA CONGENITA?

A) Emofilia

B) Anemia

C) Leucemia

81 IL PROGRAMMA MICROSOFT WORD SERVE A:

A) Eseguire calcoli

B) Gestire file testuali

C) Gestire la posta elettronica

82 IL PROGRAMMA MICROSOFT ACCESS SERVE A:

A) Gestire database

B) Stampare documenti

C) Gestire la posta elettronica

83 IL BROWSER È UN PROGRAMMA CHE CONSENTE DI:

A) Creare siti internet

B) Navigare in internet

C) Gestire database

84 IN AMBIENTE INFORMATICO IL GIGABYTE È UN’UNITÀ DI MISURA DI:

A) Capacità di memoria

B) Potenza del sistema operativo

C) Velocità di trasferimento dati

85 LO SCANNER È:

A) Il lettore del disco rigido

B) Una periferica che consente di digitalizzare documenti stampati

C) Una stampante multiuso

86 QUALE TRA QUESTI È UN SISTEMA OPERATIVO?

A) Windows

B) Word

C) Mouse

87 IN AMBIENTE INFORMATICO, CON IL TERMINE “LOGIN” SI FA RIFERIMENTO:

A) Alla procedura di salvataggio

B) Alla procedura di ingresso

C) Alla procedura di download

88 IN AMBIENTE INFORMATICO, COME VIENE CHIAMATA LA MEMORIA DI MASSA PORTATILE DI DIMENSIONI MOLTO CONTENUTE CHE SI COLLEGA AL COMPUTER MEDIANTE LA COMUNE PORTA USB?

A) Scanner

B) Mouse

C) Pen drive

89 IL FORMATO PDF È PRODOTTO DA UN PROGRAMMA CHIAMATO:

A) Acrobat

B) Corel

C) Office

90 IN INFORMATICA, CHE COSA INDICA IL TERMINE “DOWNLOAD”?

A) La stampa di un file word

B) Il driver per il collegamento al server

C) La copia di un file da una determinata fonte ad una periferica di destinazione

91 QUALE TRA QUESTI È IL PRIMO REQUISITO NECESSARIO PER ASSICURARE L’ATTENDIBILITÀ DEL RISULTATO DI UN ESAME DI LABORATORIO?

A) Utilizzo di macchinari certificati

B) Velocità di lavoro del personale

C) Idoneo prelievo del campione


Archivio quesiti per TECNICI DI LABORATORIO Pag. 8

92 LA PERMANENZA DI UN CAMPIONE DI SANGUE A TEMPERATURA AMBIENTE:

A) Non determina alcuna modificazione che possa alterare il risultato dell’analisi

B) Determina lievi alterazioni se la permanenza del campione a temperatura ambiente si prolunga per più di 12 ore

C) Determina alterazioni nette dei livelli di alcuni analiti

93 QUANDO SI DEVONO ESEGUIRE INDAGINI SUL SANGUE INTERO O SUL PLASMA:

A) È necessario impedire la coagulazione con l’aggiunta di anticoagulanti

B) È necessario aggiungere anticoagulanti solo in caso di pazienti diabetici

C) È vietato aggiungere anticoagulanti

94 IN QUALI CASI È NECESSARIO CONOSCERE LA QUANTITÀ DI URINA EMESSA NELLE 24 ORE?

A) In presenza di indagini puramente qualitative nelle quali si cerca nelle urine un componente che non vi è presente in condizioni normali

B) Quando si devono ricercare nelle urine corpi chetonici, sangue o pigmenti biliari

C) Quando si deve determinare l’esistenza di eventuali variazioni nell’eliminazione di un componente normale delle urine

95 PER QUALE INDAGINE È NECESSARIO CONOSCERE LA QUANTITÀ DI URINA EMESSA NELLE 24 ORE?

A) Nella determinazione dei fattori della coagulazione

B) Nella determinazione della curva glicemica in pazienti con sospetto di diabete

C) Nella determinazione del contenuto urinario del calcio, fosforo, acido urico, elettroliti, ormoni o loro metaboliti

96 I REATTIVI CHE SVILUPPANO VAPORI IRRITANTI O DANNOSI:

A) Devono essere utilizzati esclusivamente in una clean room

B) Possono essere utilizzati su un bancone pulito

C) Devono essere utilizzati sotto cappa

97 PROCESSARE DALLA STESSA PROVETTA TEST NORMALMENTE AFFERENTI A SETTORI DIVERSI DEL LABORATORIO È UN ESEMPIO DI:

A) Consolidamento

B) Automazione

C) Integrazione

98 COME VIENE DEFINITO IL SISTEMA COMPLESSO CHE INTEGRA VARI PROCESSORI PER LE FASI PREANALITICHE, ANALITICHE E POSTANALITICHE, INTERFACCIATI IN OGNI FASE CON UN SISTEMA INFORMATIVO DI LABORATORIO?

A) Local area network

B) Laboratory Control System

C) Total Laboratory Automation

99 COME VENGONO DEFINITE LE STRUMENTAZIONI AD ALTA PRODUTTIVITÀ CON UN MENÙ MOLTO RICCO DI TEST ESEGUIBILI CHE DISPONGONO DI DIVERSE TECNOLOGIE E METODICHE ANALITICHE CONSOLIDATE NELLO STESSO STRUMENTO?

A) Cell

B) Workcell

C) Wireless

100 NEL PROCESSO DI ESECUZIONE DI UN TEST DIAGNOSTICO DI LABORATORIO, LA PROCESSAZIONE DEL CAMPIONE APPARTIENE ALLA FASE:

A) Pre analitica

B) Analitica

C) Post analitica

 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu