Crea sito

Da 101 a 150 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Da 101 a 150

I quiz dei concorsi delle ASL 3° parte > Regione Sardegna > Ostetriche

101 NELLA PRESENTAZIONE CEFALICA, IL BATTITO CARDIACO FETALE SI RILEVA AL LIVELLO:

A) Della metà inferiore dell’utero

B) Della metà superiore dell’utero

C) Del piano equatoriale dell’utero

102 NELLA PRESENTAZIONE PODALICA, IL BATTITO CARDIACO FETALE SI RILEVA AL LIVELLO:

A) Del piano equatoriale dell’utero

B) Della metà superiore dell’utero

C) Della metà inferiore dell’utero

103 NELLA SITUAZIONE TRASVERSA, IL BATTITO CARDIACO FETALE SI RILEVA AL LIVELLO:

A) Della metà inferiore dell’utero

B) Della metà superiore dell’utero

C) Del piano equatoriale dell’utero

104 LE CONTRAZIONI DI BRAXTON – HICKS SI MANIFESTANO:

A) Durante il secondamento

B) Durante il periodo espulsivo

C) Nelle ultime settimane di gravidanza

105 PER “TONO” DELLA CONTRAZIONE UTERINA SI INTENDE:

A) La pressione intrauterina più bassa esistente nell’intervallo tra le contrazioni

B) La differenza tra la pressione massima all’acme della contrazione ed il tono basale

C) Il numero delle contrazioni nell’unità di tempo

106 PER “INTENSITÀ” DELLA CONTRAZIONE UTERINA SI INTENDE:

A) La pressione intrauterina più bassa esistente nell’intervallo tra le contrazioni

B) La differenza tra la pressione massima all’acme della contrazione ed il tono basale

C) Il numero delle contrazioni nell’unità di tempo


Archivio questiti per OSTETRICHE Pag. 9

107 PER “FREQUENZA” DELLA CONTRAZIONE UTERINA SI INTENDE:

A) La pressione intrauterina più bassa esistente nell’intervallo tra le contrazioni

B) La differenza tra la pressione massima all’acme della contrazione ed il tono basale

C) Il numero delle contrazioni nell’unità di tempo

108 LA MANOVRA DI CREDÈ, VIENE UTILIZZATA:

A) Durante il parto

B) Durante il secondamento

C) Durante il puerperio

109 IL LATTE PRODOTTO I PRIMI GIORNI DOPO IL PARTO È DETTO:

A) Colostro

B) Primo latte o latte iniziale

C) Ultimo latte o latte terminale

110 IL LATTE PRODOTTO ALL’INIZIO DELLA POPPATA È DETTO:

A) Primo latte o latte iniziale

B) Colostro

C) Ultimo latte o latte terminale

111 IL LATTE PRODOTTO ALLA FINE DELLA POPPATA È DETTO:

A) Primo latte o latte iniziale

B) Colostro

C) Ultimo latte o latte terminale

112 IL PARTO VIENE DEFINITO EUTOCICO QUANDO:

A) Si hanno ostacoli al suo andamento o complicanze che mettono in pericolo la vita della madre e del feto

B) Si verifica con le sole forze naturali e con l’assenza di anomalie o rischi per la partoriente e per il feto

C) Viene espletato per via vaginale mediante l’ausilio di strumenti quali ventosa, forcipe o mediante taglio cesareo

113 IL PARTO VIENE DEFINITO DISTOCICO QUANDO:

A) Si hanno ostacoli al suo andamento o complicanze che mettono in pericolo la vita della madre e del feto

B) Si verifica con le sole forze naturali e con l’assenza di anomalie o rischi per la partoriente e per il feto

C) Viene espletato per via vaginale mediante l’ausilio di strumenti quali ventosa, forcipe o mediante taglio cesareo

114 IL PARTO VIENE DEFINITO STRUMENTALE OPERATIVO QUANDO:

A) Si hanno ostacoli al suo andamento o complicanze che mettono in pericolo la vita della madre e del feto

B) Si verifica con le sole forze naturali e con l’assenza di anomalie o rischi per la partoriente e per il feto

C) Viene espletato per via vaginale mediante l’ausilio di strumenti quali ventosa, forcipe o mediante taglio cesareo

115 IL PARTO VIENE DEFINITO PROVOCATO (INDOTTO) QUANDO:

A) Per cause materne e/o fetali si ricorre ad aiuto esterno (PG, amnioressi, ossitocina), con lo scopo di stimolare l'inizio del travaglio

B) Se inizia, decorre e si espleta in modo naturale e autonomo senza alcun intervento

C) Viene espletato per via vaginale mediante l’ausilio di strumenti quali ventosa, forcipe o mediante taglio cesareo

116 IL PARTO VIENE DEFINITO SEMPLICE QUANDO:

A) Si verifica con le sole forze naturali e con l’assenza di anomalie o rischi per la partoriente e per il feto

B) Viene partorito un unico feto

C) È talmente rapido da impedire che la madre possa essere assistita

117 IL PARTO VIENE DEFINITO MULTIPLO QUANDO:

A) Viene espletato per via vaginale mediante l’ausilio di strumenti quali ventosa, forcipe o mediante taglio cesareo

B) Vengono partorito più feti

C) Il travaglio viene provocato artificialmente con farmaci o mediante amnioressi

118 IL PARTO VIENE DETTO A TERMINE SE SI VERIFICA:

A) Dalla 37esima settimana compiuta alla 42esima settimana compiuta

B) Oltre la 42esima settimana compiuta

C) Prima della 37esima settimana compiuta

119 IL PARTO VIENE DETTO POST – TERMINE SE SI VERIFICA:

A) Dalla 37esima settimana alla 42esima settimana compiuta

B) Oltre la 42esima settimana compiuta

C) Prima della 37esima settimana compiuta

120 IL PARTO VIENE DETTO PRETERMINE SE SI VERIFICA:

A) Dalla 37esima settimana alla 42esima settimana compiuta

B) Oltre la 42esima settimana compiuta

C) Prima della 37esima settimana completa


Archivio questiti per OSTETRICHE Pag. 10

121 A CHE ETÀ IL CICLO MESTRUALE TENDE AD AVERE CARATTERISTICHE IRREGOLARI?

A) Primi due anni dopo il menarca e nei tre anni che precedono la menopausa

B) Prima della menopausa

C) Primi tre anni dopo il menarca

122 LA DURATA MEDIA DI UN CICLO MESTRUALE È DI CIRCA:

A) 28 giorni +/ - 7 giorni

B) 30 giorni + / - 2 giorni

C) 25 giorni + / - 5 giorni

123 L'ESTROGENO È UNO DEGLI ORMONI CHE CARATTERIZZANO IL CICLO MESTRUALE, IN QUALE FASE È PREVALENTE?

A) Fase mestruale

B) Fase luteinica

C) Fase follicolare

124 IL PROGESTERONE È UNO DEGLI ORMONI CHE CARATTERIZZANO IL CICLO MESTRUALE, IN QUALE FASE È PREVALENTE?

A) In fase luteinica

B) In fase follicolare

C) In fase mestruale

125 QUALI SONO GLI ORMONI CHE CARATTERIZZANO IL CICLO MESTRUALE?

A) Progesterone e prolattina

B) Estrogeno e ossitocina

C) Progesterone e estrogeno

126 SI PARLA DI POLIMENORREA QUANDO?

A) L'intervallo di tempo tra una mestruazione e quella successiva è inferiore a 20 giorni

B) L'intervallo di tempo tra una mestruazione e quella successiva è inferiore a 25 giorni

C) L'intervallo di tempo tra una mestruazione e quella successiva è inferiore a 15 giorni

127 SI PARLA DI OLIGOMENORREA QUANDO:

A) L'intervallo di tempo tra una mestruazione e quella successiva è superiore a 32 giorni

B) L'intervallo di tempo tra una mestruazione e quella successiva è superiore a 36 giorni

C) L'intervallo di tempo tra una mestruazione e quella successiva è superiore a 40 giorni

128 SI PARLA DI AMENORREA PRIMARIA QUANDO:

A) Il menarca non è ancora comparso all’età di 18 anni

B) Il menarca non è ancora comparso all’età di 16 anni

C) il menarca non è ancora comparso all’età di 20 anni

129 SI PARLA DI AMENORREA SECONDARIA QUANDO:

A) Dopo un periodo di flussi più o meno regolari vi è la scomparsa delle mestruazioni per almeno 3 mesi

B) Dopo un periodo di flussi più o meno regolari vi è la scomparsa delle mestruazioni per almeno 6 mesi

C) Dopo un periodo di flussi più o meno regolari vi è la scomparsa delle mestruazioni per almeno 12 mesi

130 SI PARLA DI IPOMENORREA QUANDO:

A) La perdita ematica mestruale è inferiore a 20 ml

B) La perdita ematica mestruale è inferiore a 50 ml

C) La perdita ematica mestruale è inferiore a 80 ml

131 SI PARLA DI IPERMENORREA QUANDO:

A) La perdita ematica supera i 100 ml

B) La perdita ematica supera gli 80 ml

C) La perdita ematica supera i 120 ml

132 SI PARLA DI MENORRAGIA QUANDO:

A) La mestruazione è molto abbondante e/o di durata superiore alla norma

B) La mestruazione è scarsa

C) La mestruazione è irregolare

133 SI PARLA DI METRORAGGIA QUANDO:

A) La perdita ematica abbondante compare nel periodo intermestruale

B) La perdita ematica supera i 200 ml

C) La perdita ematica abbondante compare durante le mestruazioni

134 SI PARLA DI MENOMETRORRAGIA QUANDO:

A) Vi è una mestruazione molto abbondante che si prolunga anche nel periodo intermestruale

B) Vi è una mestruazione dolorosa

C) Vi una mestruazione scarsa


Archivio questiti per OSTETRICHE Pag. 11

135 SI PARLA DI SPOOTING QUANDO:

A) La perdita ematica intermestruale è di scarsa entità

B) Si ha la luecorrea

C) Si ha una vaginite

136 LE AMENORREE DA PRESENZA DI ADENOMI PROLATTINO – SECERNENTI SONO CARATTERIZZATI DA:

A) Alti livelli di progesterone

B) Alti livelli di prolattina

C) Alti livelli di estrogeno e progesterone

137 LE ALTERAZIONI MESTRUALI DA IPERPROLATTINEMIA POSSONO CAUSARE:

A) Mestruazioni molto scarse

B) Ipermenorrea

C) Anovulazione

138 L’ACNE E L’IRSUTISMO POSSONO ESSERE DOVUTI ALL’AUMENTATA PRODUZIONE DI QUALE ORMONE?

A) Androgeno

B) Progesterone

C) Estrogeno

139 L’IRSUTISMO IDIOPATICO DA QUALE ORMONE È DIPENDENTE?

A) Tiroideo

B) Androgeno

C) Progesterone

140 L’IRSUTISMO IATROGENICO A SEGUITO DELL’ASSUNZIONE DI QUALI FARMACI VIENE ASSOCIATO?

A) Ormoni androgeni, anabolizzanti, progestinici

B) Estrogeni

C) Cortisonici

141 COSA SI INTENDE CON IL TERMINE “CLIMATERIO”?

A) Periodo di vita della donna in cui si perde progressivamente la capacità riproduttiva

B) Periodo di vita della donna in cui scompaiono le mestruazioni

C) Periodo di vita della donna in cui comincia l’invecchiamento

142 QUALI SONO LE STRUTTURE NERVOSE ED ENDOCRINE CHE COMPONGONO L’ASSE RIPRODUTTIVO?

A) Corteccia celebrale – ipotalamo – ipofisi – gonadi

B) Ipotalamo – ipofisi – gonadi

C) Ipotalamo – ipofisi – tiroide

143 QUALE PORZIONE DELL’IPOFISI CONTROLLA LA FUNZIONE OVARICA?

A) La porzione anteriore (adenoipofisi)

B) La porzione midollare

C) La porzione posteriore

144 QUALE GONADOTROPINA SVOLGE UN RUOLO PREDOMINANTE NELLA FASE FOLLICOLARE DEL CICLO MESTRUALE?

A) FSH

B) Estradiolo

C) LH

145 QUALE GONADOTROPINA SVOLGE UN RUOLO PREDOMINANTE NELLA FASE LUTEALE DEL CICLO MESTRUALE?

A) FSH

B) LH

C) Progesterone

146 LE INTERAZIONI ORMONALI DEL PERIODO PREPUBERALE DELLA RAGAZZA COMPORTANO DELLE MODIFICAZIONI DELL’ASPETTO CORPOREO, QUALI SONO?

A) Crescita staturale, telarca, pubarca, adrenarca

B) Telarca, pubarca

C) Pubarca, tenarca, menarca

147 SI PARLA DI “PUBERTÀ PRECOCE” QUANDO:

A) Lo sviluppo dei caratteri secondari si verifica prima degli 8 anni e/o il menarca compare prima dei 10 anni

B) Lo sviluppo dei caratteri secondari si verifica prima dei 10 anni

C) Il menarca compare prima degli 8 anni

148 SI PARLA DI “PUBERTÀ RITARDATA” QUANDO:

A) All’età di 18-20 anni non è comparso il menarca e i caratteri sessuali secondari

B) All’età di 18 anni non è ancora comparso il menarca

C) All’età di 15-16 anni non è comparso il menarca e i caratteri sessuali secondari


Archivio questiti per OSTETRICHE Pag. 12

149 NELLA TERAPIA SOSTITUTIVA PER IL TRATTAMENTO DELLA SINDROME MENOPAUSALE, QUALE ORMONE VIENE SOMMINISTRATO IN MANIERA PREVALENTE?

A) Androgeno

B) Progesterone

C) Estrogeno

150 L’OSSITOCINA È UN ORMONE PRODOTTO DALL’IPOFISI, IN QUALE PORZIONE?

A) Porzione posteriore

B) Porzione midollare

C) Porzione anteriore

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu