Crea sito

Quiz preselezione 591 -600 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Quiz preselezione 591 -600

I quiz dei concorsi delle ASL 1° parte > Concorso ASL Olbia > Da 501 a 600

591 IL CONSIGLIO DEI SANITARI:
A)  Non prevede la presenza del medico veterinario
B)  Fornisce parere obbligatorio al direttore generale per le attività tecnico-sanitarie
C) È composto da personale medico, infermieristico, tecnico ed amministrativo in proporzione alla loro presenza in azienda

592 LA REGIONE VERIFICA I RISULTATI AZIENDALI CONSEGUITI E IL RAGGIUNGIMENTO DEGLI OBIETTIVI:
A)  Trascorsi tre anni dalla nomina di ciascun direttore generale
B)  Trascorsi diciotto mesi dalla nomina di ciascun direttore generale

C) Un mese prima che termini il mandato del direttore generale

Trascorsi diciotto mesi dalla nomina di ciascun direttore generale, la regione
verifica  i  risultati  aziendali  conseguiti  e  il  raggiungimento  degli  obiettivi  di  cui  al
comma 5 e, sentito il parere del sindaco o della conferenza dei sindaci di cui all’articolo
3, comma 14, ovvero, per le aziende ospedaliere, della Conferenza di cui all’articolo 2,
comma 2-bis, procede o meno alla conferma entro i tre mesi successivi alla scadenza del
termine


593 L'ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO DEVE GARANTIRE:
A)  L'assistenza primaria, ivi compresa la continuità assistenziale
B)  L'assistenza ospedaliera
C) L'assistenza sociale

Domande ASL 2 Olbia OSS   
594 IL DIRETTORE DI DIPARTIMENTO:
A)  È nominato dal direttore generale
B)  È il direttore più anziano delle unità operative ricomprese nel dipartimento
C) Viene eletto dai componenti del collegio di direzione

595 IL DISTRETTO:
A)  Non garantisce servizi di assistenza primaria ai cittadini esenti dal ticket sanitario
B)  Assicura i servizi di assistenza primaria
C) Eroga, a carico del servizio sanitario regionale, le prestazioni non ricomprese nei LEA

Il  distretto  assicura  i  servizi  di  assistenza  primaria  
relativi  alle  attività
sanitarie e sociosanitarie di cui all’articolo 3-quinquies, nonché il coordinamento delle
proprie  attività  con  quella  dei  dipartimenti  e  dei  servizi  aziendali,  inclusi  i  presidi
ospedalieri,  inserendole  organicamente  nel  Programma  delle  attività  territoriali.


596 NELL'AMBITO DELLE RISORSE ASSEGNATE, IL DISTRETTO:

A)  Non è dotato di autonomia tecnico-gestionale
B)  Non è dotato di autonomia economico-finanziaria
C) È dotato di autonomia tecnico-gestionale ed economico-finanziaria

Nell'ambito delle risorse assegnate
, il distretto è dotato di autonomia  tecnico-gestionale  ed  economico-finanziaria,  con  contabilità  separata all'interno del bilancio della unità sanitaria locale.


597 AL DISTRETTO:
A)  Sono attribuite tutte le risorse necessarie a garantire la salute della popolazione di riferimento
B) Sono attribuite risorse definite in rapporto agli obiettivi di salute della popolazione di riferimento
C) Non sono attribuite risorse finanziarie ma solo risorse umane e materiali
Al Distretto  sono  attribuite  risorse  definite  in  rapporto  agli  obiettivi  di  salute  della
popolazione di riferimento.


598 IL PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ TERRITORIALI:

A)  Determina le risorse per l'integrazione socio-sanitaria
B)  Determina le risorse per l'assistenza ospedaliera
C) Non determina risorse ma definisce esclusivamente gli standard quantitativi e qualitativi dei servizi territoriali

Determina le risorse per l’integrazione socio-sanitaria di cui all’articolo 3-septies e le
quote  rispettivamente  a  carico  dell’unità  sanitaria  locale  e  dei  comuni,  nonché  la
localizzazione dei presidi per il territorio di competenza;


599 IL PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ TERRITORIALI È PROPOSTO:
A)  Dal direttore generale della ASL
B) Dal direttore di distretto
C) Dal direttore sanitario della ASL

IL PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ TERRITORIALI è proposto, sulla base delle risorse assegnate e previo parere del Comitato dei sindaci di distretto, dal direttore di distretto ed è approvato dal direttore generale,

600 LA LEGGE REGIONALE SARDA N. 10/2006 E SMI STABILISCE CHE LE ASL ASSICURANO, ATTRAVERSO SERVIZI DIRETTAMENTE GESTITI:

A)  L'assistenza sanitaria, sociale e previdenziale a tutti i cittadini della Sardegna senza distinzione di sesso, razza o religione
B)  L'assistenza sanitaria collettiva in ambiente di vita e di lavoro
C) L'assistenza riabilitativa gratuita a seguito di incidentalità stradale o domestica

I principi di sistema del SSR sono:
a) la centralità della persona, titolare del diritto alla salute;
b) l’universalità e l’equità nell’accesso alle prestazioni e ai servizi sanitari;
c) la globalità della copertura assistenziale.

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu