Crea sito

Test da 201 a 250 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Test da 201 a 250

I quiz dei concorsi delle ASL 3° parte > Regione Lazio > Banca dati


201. L’infermiere/ostetrica/o può prestare gratuitamente la sua opera:

A. sempre

B. mai

C. ****occasionalmente in forma di volontariato

D. continuativamente in forma di volontariato

202. Un infermiere/ostetrica/o dipendente da una struttura ospedaliera deve presentare la dichiarazione di obiezione di coscienza:

A. ****al Direttore Sanitario

B. al Caposala/Coordinatore
 
C. al Primario

D. all’Ordine Professionale

203. Il patto infermiere-cittadino è stato stipulato nel:

A. 1982

B. *****1996

C. 1994

D. 1992

204. Il principio cardine della “Carta dei Servizi” è:

A. assicurare il rispetto degli indicatori di standard di qualità del servizio prestato B. controllare l’efficacia degli interventi di prevenzione svolti dal SSN

C. **** fissare gli standard di quantità e qualità del servizio erogato dal SSN

D. censire le iniziative innovative nel settore delle relazioni con i cittadini

205.  Indicare quale violazione commette un operatore sanitario che si rifiuti di prestare assistenza ad un ferito:

A. abuso d’ufficio

B. falso ideologico

C. omissione di atti d’ufficio

D. ****violenza privata

206. Gli obiettivi di prevenzione, cura e riabilitazione del SSN e i LED sul territorio nazionale sono stabiliti:

A. dalla Carta dei Servizi Sanitari

B. dal Fondo Sanitario Nazionale

C. ****dal Piano Sanitario Nazionale

D. dai Decreti Ministeriali con scadenza triennale

207 . Il servizio infermieristico in Italia:

A. è stato istituito con la Legge 42 del 99

B. è stato istituito con Decreto Ministeriale nel 2001

C. è stato istituito come D.Lgs. 502/92

D. ****non è stato istituito da alcuna Legge dello Stato

208. Secondo il profilo professionale, l’assistenza infermieristica è:

A. ****preventiva, curativa, palliativa e riabilitativa

B. preventiva, curativa, educativa e riabilitativa

C. curativa, riabilitativa, palliativa e di area critica

D. educativa, curativa, palliativa e sostitutiva

209.La Legge 251/2000 è una legge che:

A. riforma il modello aziendale del Sistema Sanitario Nazionale

B. ****attribuisce agli infermieri la diretta responsabilità della gestione dei processi assistenziali e istituisce la dirigenza infermieristica
C. istituisce i corsi di laurea per infermieri/ostetrica/o

D. istituisce i corsi di laurea triennali per le professioni di area sanitaria

210. La Legge del 26 febbraio 1999 n. 42 “Disposizioni in materia di professioni sanitarie” contiene:

. ****l’abrogazione del DPR 225/74 e definisce gli ambiti delle competenze professionali degli infermieri/ostetrica/o
A. detta norme sul comportamento deontologico degli infermieri

B. regolamenta la formazione post base nelle università per le professioni infermieristiche ed ostetriche

C. definisce gli ordinamenti didattici delle professioni sanitarie


211. La formazione unicamente universitaria delle professioni infermieristiche, tecniche e della riabilitazione è disposta:

E. ***dal D.Lgs. del 30 dicembre 1992 N. 502

F. dal D.M. del 14 settembre 1994 N. 739

G. dalla Legge del 23 dicembre 1978 N. 833

H. dalla Legge 229 del 19 giugno 1999

212. Secondo il D.Lgs. 502/92 e successive modifiche, il Piano Sanitario Nazionale indica:

A. lo stato sanitario del Paese

B. ****i livelli uniformi di assistenza sanitaria

C.  l’organizzazione dei servizi socio-sanitari

D. le tipologie di prestazioni che devono essere erogate gratuitamente ai cittadini

213. Il D.Lgs. 626 del 1994 si occupava di:

A. definire le norme per lo smaltimento dei rifiuti tossici

B. ****prevenzione e rischi sul luogo di lavoro

C. normativa per l’emissione di radiazioni ionizzanti

D. definire i protocolli e le procedure per il corretto uso dei presidi sanitari

214. Gli elementi fondamentali dell’etica sono:

A. ****il valore, la norma, la situazione

B. il valore, la regola, la trattativa

C. la norma, il divieto, la trattativa

D. il divieto, la regola, la norma

215. Il Codice Deontologico è uno strumento:

A. per la difesa degli Operatori Sanitari B. per la tutela dell’ambiente di lavoro

C.  ***che informa il cittadino sui comportamenti adeguati degli Operatori Sanitari

D. per la salvaguardia della salute

216. L’esercizio abusivo della professione è punito in base all’articolo del Codice di Procedura Penale numero:

A. ****348

B. 2222

C. 448

D. 2229

217. Il campo proprio di attività e responsabilità dell’infermiere e dell’ostetrica/o è regolamentato dai contenuti del:

A. *****profilo professionale, codice deontologico, ordinamento didattico di base e formazione post-base

B. codice deontologico, ordinamento didattico di base e formazione post-base, legge 341/1990

C. profilo professionale, ordinamento didattico di base e formazione post-base, D.M. 509/99

D. profilo professionale, codice deontologico e Legge 251/00

218. La responsabilità penale è:

A. di tutta l’équipe assistenziale

B. *****strettamente personale ed individuale

C. sempre del capo-équipe

D. del direttore sanitario della struttura


219. Nella Legge 42, del 26/02/1999 la denominazione “professione sanitaria” sostituisce la denominazione:


A. professione infermieristica

B. professione paramedica ausiliaria

C. professione ausiliaria e infermieristica

D. ****professione sanitaria ausiliaria

220. In base all’art. 4 della Legge 42/99, i diplomi conseguiti in base alla normativa anteriore a quella dell’art 6, comma 3, del D.Lgs. 30/12/1992 n. 502 sono considerati equipollenti ai fini:

A. ****dell’esercizio professionale e dell’accesso alla formazione post-base

B. dell’accesso alla formazione post-base, esclusi i master di I livello

C. del solo esercizio professionale, anche in regime di lavoro autonomo

D. dell’esercizio professionale e della partecipazione ad eventi ECM

221. Il Codice Deontologico è:

A. uno strumento per la difesa degli Operatori Sanitari

B. ****uno strumento che regola i comportamenti degli Operatori Sanitari

C. uno strumento per la difesa del lavoro

D. uno strumento di orientamento contrattuale

222. La determinazione delle classi di laurea specialistica delle professioni infermieristiche ed ostetriche

è stabilita:


A. dal D.M. 270 del 22/10/2004

B. dalla Legge 341 del 19/11/1990

C. ****dal D.M. 2/04/2001

D. dal D.m. del 31/07/1997

223. Nella riforma degli ordinamenti universitari contenuta nella Legge 341/90 vengono indicati i  
seguenti titoli universitari:

A. ***Diploma Universitario, Diploma di Laurea, Diploma di Specializzazione, Dottorato di Ricerca

B. Laurea in Infermieristica, Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche, Master di I e II livello, Dottorato di Ricerca
C. Diploma Universitario, Diploma di Laurea Specialistica, Diploma di Specializzazione clinica, Master di I e II livello

D. Diploma di laurea, Laurea in Infermieristica, Laurea Specialistica in Scienze Infermieristiche, Dottorato di Ricerca

224. Il numero di ore corrispondenti a un credito formativo nella prima classe di laurea specialistica è stabilito in:

A. 20 ore

B. 30 ore

C. ****25 ore

D. 40 ore

225. Il numero di ore corrispondenti a un credito formativo nella prima classe di laurea triennale di area sanitaria è stabilito in:

A. 20 ore

B. *****30 ore

C. 25 ore

D. 40 ore

226. I crediti formativi universitari da conseguire rispettivamente per il titolo di laurea, laurea magistrale e master sono:

A. 120, 160, 60

B. 180, 60, 60

C. 120, 120, 60

D. ****180, 120, 60

227. La Legge 10 agosto 2000, n. 251 indica:

A. le disposizioni in materia di professioni sanitarie

B. ****la disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche, tecniche della riabilitazione, della prevenzione nonché della professione ostetrica
C. la riforma degli ordinamenti didattici universitari

D. il regolamento recante criteri indicativi per la valutazione dell’idoneità dei lavoratori all’esposizione delle radiazioni ionizzanti

228. Gli operatori delle professioni sanitarie dell’area delle scienze infermieristiche e della professione sanitaria ostetrica svolgono con autonomia professionale attività dirette alla prevenzione, alla cura e salvaguardia della salute individuale e collettiva:

A. espletando le funzioni individuate dalle norme istitutive dei relativi contratti nazionali, nonché dagli specifici codici deontologici ed utilizzando metodologie di pianificazione per obiettivi dell’assistenza

B. espletando le funzioni individuate dalle norme istitutive dei relativi profili professionali nonché dagli specifici codici deontologici in rispetto alle concomitanti indicazioni del personale sanitario laureato
C. ***espletando le funzioni individuate dalle norme istitutive dei relativi profili professionali nonché dagli specifici codici deontologici ed utilizzando metodologie di pianificazione per obiettivi dell’assistenza

D. espletando le funzioni individuate dalle norme istitutive dei relativi profili professionali nonché dagli specifici codici deontologici in rispetto alle concomitanti indicazioni del dirigente medico di II livello

229.  Individuare tra le seguenti le professioni che non sono disciplinate dalla Legge 10 agosto 2000, n. 251:

A. professioni sanitarie infermieristiche e professione sanitaria ostetrica

B. professioni sanitarie riabilitative

C. ****professioni per l’assistenza sociale

D. professioni tecnico-sanitarie

230. Individuare a quale delle seguenti attività NON partecipa l’infermiere pediatrico secondo le indicazioni del relativo profilo professionale:

A. ad interventi di educazione sanitaria sia nell’ambito della famiglia che della comunità

B. alla cura degli individui sani in età evolutiva nel quadro di programmi di promozione della salute e prevenzione delle malattie e degli incidenti

C. ****ad attività vaccinali del neonato, con autonomia nell’esecuzione degli stessi

D. all’assistenza ambulatoriale, domiciliare e ospedaliera dei neonati

231I rapporti tra SSN ed Università, regolati da appositi protocolli d’intesa sulla formazione del personale infermieristico tecnico e della riabilitazione sono contenuti:

A. nella Legge 42/99

B. nel D.M. del 2.4.2001

C. nel D.M. 739/94
 
D. ****nel D.Lgs. 502/92

232. Il D.Lgs. 502/92 stabilisce che la titolarità dei corsi di insegnamento previsti dall’ordinamento didattico universitario per la formazione delle professioni infermieristiche tecniche e della riabilitazione sia:

A. riservata al personale universitario

B. ****affidata di norma a personale del ruolo sanitario dipendente dalle strutture presso le quali si svolge la formazione stessa, in possesso dei requisiti previsti
C. regolata da una specifica graduatoria nazionale

D. affidata di norma a personale docente universitario e quando non disponibile a personale a contratto

233. Per credito formativo universitario s’intende:

A. la misura dello studio individuale, richiesto ad uno studente, per l’acquisizione di conoscenze ed abilità nelle attività formative previste dagli ordinamenti didattici dei corsi di studio

B. ****la misura del volume di lavoro di apprendimento, compreso lo studio individuale, richiesto ad uno studente, per l’acquisizione di conoscenze ed abilità nelle attività formative previste dagli ordinamenti didattici dei corsi di studio

C. la misura del volume di lavoro di apprendimento, escluso lo studio individuale, richiesto ad uno studente, per l’acquisizione di conoscenze ed abilità nelle attività formative previste dagli ordinamenti didattici dei corsi di studio
D. la quantità media di ore necessaria a svolgere un lavoro di apprendimento, richiesto ad uno studente, per l’acquisizione di conoscenze ed abilità nelle attività formative previste dagli ordinamenti didattici dei corsi di studio

234. La quantità media di lavoro di apprendimento, svolto in un anno, da uno studente impegnato a tempo pieno negli studi universitari, è convenzionalmente fissata in:

A. ****60 C.F.U.

B. 30 C.F.U.

C. 25 C.F.U.

D. 90 C.F.U.

235. Il dottorato di ricerca prevede l’acquisizione di:

A. 60 C.F.U.

B. 120 C.F.U.

C. ****180 C.F.U.

D. 90 C.F.U.

236.  Le scuole-convitto per infermiere professionali sono state istituite con:

A. ****il Regio Decreto-Legge 15 agosto 1925,

B. la Legge del 26.2.1999, n. 42

C. il D.M. del 14.9.1994, n. 739
D. il D.M. del 02.04.2001

237. Il provvedimento che individua la figura e le relative attribuzioni dell’operatore socio sanitario è:

A. ****l’accordo tra Ministro della Sanità, il Ministro per la Solidarietà Sociale e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano del 22/2/2001
B. l’accordo tra Ministro della Sanità, il Ministro dell’Istruzione e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano del 22/2/2001
C. l’accordo tra Ministro della Sanità, il Ministro per la Solidarietà Sociale, il Ministro dell’Istruzione e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano del 22/2/2001
D. l’accordo tra Ministro della Sanità, il Ministro per la Solidarietà Sociale, le parti sociali e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano del 22/2/201

238. L’art 32 della Costituzione afferma che:
 
A. ****i trattamenti sanitari devono essere liberamente scelti dall’interessato, esclusi i casi previsti per legge

B. i trattamenti sanitari devono essere valutati dall’interessato, dopo l’opportuna informazione da parte del medico
C. i trattamenti sanitari devono essere valutati dall’interessato e dai familiari

D. i trattamenti sanitari sono concordati con i familiari, in caso d’impossibilità di decisione del paziente

239.  Un comportamento negligente si verifica quando vi è un comportamento caratterizzato da:

A. insufficiente preparazione professionale

B. ****trascuratezza, mancanza di attenzione e superficialità

C. avventatezza e volontarietà

D. superficialità e volontarietà

240. L’obbligo di NON rivelare il segreto professionale è:

A. giuridico e professionale

B. ****giuridico e deontologico

C. giuridico e penale

D. deontologico e morale

241. La responsabilità nello svolgimento delle funzioni infermieristiche/ostetriche può essere:

A. civile, penale, giuridica

B. ****civile, penale, amministrativa e deontologica

C. giuridica, civile, finanziaria

D. civile e penale

242. L’operatore socio-sanitario può:

A. eseguire iniezioni intradermiche e sottocutanee

B. ****attuare piani di lavoro

C. eseguire medicazioni complesse

D. eseguire iniezioni intramuscolari

243. Il Consiglio Superiore di Sanità è un organo:

A. tecnico del Ministero della Salute

B. scientifico del Ministero della Salute

C. ****tecnico-consultivo del Ministero della Salute

D. scientifico consultivo della Presidenza del Consiglio

244. La formazione universitaria delle professioni infermieristico-ostetriche è stata disposta da:

A. D.Lgs. 502/1992

B. ****Legge 341/1990

C. D.Lgs. 517/1993

D. Decreto Interministeriale 24/7/1996

245. Il Comitato Nazionale di Bioetica è:

. ****un organo nominato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e uno strumento prelegislativo, in quanto orienta gli atti amministrativi e legislativi; garantisce la corretta informazione all’opinione pubblica, sui temi di interesse bioetico

A. un organo nato per elaborare le linee guida inerenti i comportamenti da adottare sui temi della bioetica, per fronteggiare le applicazioni negative dei progressi delle biotecnologie e della medicina in generale, in accordo con il Ministero dell’Istruzione e della Salute, su iniziativa della Presidenza del Consiglio dei Ministri

C. un organo di rappresentanza interparlamentare istituito presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri su delibera del Presidente della Repubblica che garantisce la corretta informazione all’opinione pubblica, su temi di interesse etico e bioetico
D. un organo di mera consultazione su temi di interesse bioetico

246. L’infermiere di base nell’art. 6 del Codice Deontologico infermieristico deve:

A. tutelare la dignità propria e dei colleghi, attraverso comportamenti ispirati al rispetto e alla solidarietà
B. adoperarsi affinché la diversità di opinione non ostacoli il progetto di cura

C. sottoporre il proprio operato a verifica, anche ai fini dello sviluppo professionale

D. ****ai diversi livelli di responsabilità, contribuire ad orientare le politiche e lo sviluppo del sistema sanitario

247. La Legge 251 del 10 agosto 2000 ha introdotto un’importante novità nella disciplina della professione sanitaria infermieristica/ostetrica/o. Essa infatti:

A.  istituisce la qualifica di dirigente infermieristico

B. definisce ulteriori norme del codice deontologico

C. definisce per la prima volta il profilo professionale dell’infermiere D. stabilisce nuovi criteri di selezione per l’accesso alla professione

248. Secondo l’attuale normativa l’uso del defibrillatore semiautomatico è consentito:

A. solo ai medici

B. ai medici ed agli infermieri

C.  ****ai medici, agli infermieri ed al personale non sanitario qualificato

D. a tutti coloro che lavorano a contatto con il pubblico


249.  Secondo la Carta dei Servizi Sanitari, nella scheda informativa che ogni paziente riceve al momento del ricovero indicare quale delle seguenti informazioni NON compare:

A. il nome della Caposala

B. ****il nome degli Infermieri Professionali

C. il nome del Primario

D. l’orario di ricevimento dei pazienti

250. L’Accordo Europeo di Strasburgo per la formazione infermieristica prevede:

A. la presa in carico dello Stato della formazione infermieristica

B. ****l’ammontare a 4600 ore dei programmi di insegnamento

C. l’obbligo di convitto per gli studenti

D. il diploma di scuola media superiore obbligatorio




 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu