Crea sito

Posizionamento e ritiro della padella - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Posizionamento e ritiro della padella

Procedure OSS > Bisogno di eliminazione urinaria

Assistenza al paziente nell’uso della padella
Materiale occorrente:

Carrello.
Telino copripadella
Telo da bagno.
Telo impermeabile.
Traversa.
Salviette o carta igienica.
Padella.
Deodorante per ambienti (facoltativo)
Biancheria personale pulita.
Raccoglitore per biancheria sporca.
Raccoglitore per rifiuti biologici.
Guanti monouso.


Sequenza Operativa:

Lavarsi le mani.
Indossare i guanti.
Riunire il materiale occorrente e collocarlo in modo che sia facilmente raggiungibile nel corso della procedura.

Salutare e informare la paziente.
Garantire la privacy ( ad esempio chiudere la porta della stanza o posizionare un paravento).
Chiudere porte e finestre, per evitare correnti d’aria .
Se il tipo di letto lo consente e la manovra non disturba la paziente, posizionare il letto a un’altezza idonea, che permetta all’operatore di muoversi secondo una meccanica corporea adeguata, evitando un affaticamento della schiena ( per sovraccarico della colonna vertebrale).
Se la testata del letto è alzata, abbassarla il più possibile, compatibilmente con le condizioni di salute e il comfort della paziente.
Se sono posizionati più cuscini, lasciarne solo uno sotto la testa della paziente.
Posizionarsi da un lato del letto e abbassare/ togliere l’eventuale spondina.
Ripiegare la biancheria superiore del letto per quanto occorre, prestando attenzione a scoprire il meno possibile la paziente, per evitare inutili esposizioni (privacy) e raffreddamenti.
Se non sono già presenti un telo impermeabile e una traversa, a protezione del letto:
Invitare la paziente a girarsi sul fianco, nel lato del letto opposto al proprio; se necessario aiutarlo;
Sistemare un telo impermeabile e una traversa al centro del letto, all’altezza delle natiche della paziente.
Invitare la paziente a porsi o a ritornare al centro del letto, posizione supina; se necessario aiutarlo.
Sfilare l’indumento intimo e ripiegare la biancheria personale, in modo che non intralci e/o non si sporchi.
Chiedere al paziente di piegare le ginocchia tenendo i piedi paralleli e avvicinandosi ai glutei.
Chiedere al paziente di sollevare il bacino, facendo forza con i talloni sul materasso

Spostare la biancheria superiore verso i piedi del letto.
Quando opportuno: invitare la paziente a girarsi sul fianco, nel lato del letto opposto al proprio, se necessario aiutarla.
Sistemare la tela impermeabile e la traversa al centro del letto, all’altezza delle natiche della paziente.
Invitare la paziente di porsi al centro del letto,in posizione supina; se necessario aiutarla.
Coprire la paziente con un telo da bagno o con il solo lenzuolo superiore, scalzandolo dal letto.
Sollevare l’eventuale spondina , recarsi al lavandino e riempire con acqua tiepida la brocca.
Ritornare al letto della paziente e riabbassare l’eventuale spondina dal lato dell’operatore.
Invitare la paziente a togliere i pantaloni del pigiama o ad arrotolare la camicia da notte fino all’altezza dell’ombelico, quindi a sfilarsi lo slip; se necessario aiutarla.
Scoprire la zona genitale della paziente.
Se presente, rimuovere l’assorbente o pannolone sporco e gettarlo nell’apposito raccoglitore per rifiuti biologici.
Invitare la paziente a flettere e divaricare gli arti inferiori; se necessario aiutarla.
Se possibile, posizionare una padella sotto le natiche della paziente.
Inumidire una salvietta o manopola, versandovi una piccola quantità di acqua tiepida contenuta nella brocca; quindi applicare del detergente liquido.
Pulire la regione sovra-pubica, l’area inguinale, la parte superiore interna delle cosce. Sostituire il lato della manopola a ogni passaggio, ripetendo l’operazione finchè necessario.
Con una mano allargare le grandi labbra; con l’altra, munita di manopola o salvietta, pulire i genitali esterni, procedendo dall’alto verso il basso, per evitare di contaminare il meato urinario o la vagina con microrganismi presenti nella regione anale. Sostituire la manopola a ogni passaggio, ripetendo l’operazione finchè necessario.
Se la paziente è portatrice di catetere vescicole, detergere anche il catetere per un tratto di curva di circa 10 cm. A partire dal punto di sbocco del catetere dal meato urinario. Evitare accuratamente di tirare o strattonare il catetere.
Allargando le grandi labbra, sciacquare i genitali esterni con acqua tiepida; in alternativa, utilizzare una manopola inumidita con acqua tiepida, procedendo sempre dall’alto verso il basso. Ripetere l’operazione finchè necessario.
Togliere  l’eventuale padella.
Asciugare l’area genitale, tamponare con l’asciugamano.
Invitare la paziente a estendere gli arti inferiori e a girarsi sul fianco, nel lato del letto opposto al proprio; se necessario aiutarla.
Inumidire una salvietta o manopola, versandovi una piccola quantità di acqua tiepida contenuta nella brocca; quindi applicare del detergente liquido,
Pulire la regione perianale (attorno all’ano) e anale, con un movimento dalla vagina verso l’ano. Sostituire il lato della manopola a ogni passaggio, ripetendo l’operazione finchè necessario.
Utilizzando manopole inumidite con acqua tiepida, sciacquare la regione perianale e anale, procedendo sempre dalla vagina verso l’ano. Sostituire il lato della manopola a ogni passaggio, ripetendo l’operazione finchè necessario.
Asciugare l’area perianale e anale, tamponando con  l’asciugamano.
Porre l’asciugamano nel raccoglitore per biancheria sporca.
Su indicazione medica e/o infermieristica, applicare, utilizzando garze, una adeguata quantità di prodotto per la cura di cute e mucose ( es. creme dermo protettive, lenitive e idrorepellenti).
Se erano state posizionate una tela impermeabile e una traversa, toglierle e porle nel raccoglitore per la biancheria sporca.
Invitare la paziente a riprendere la  posizione supina; se necessario, aiutarla.
Se la paziente era stata coperta con un telo da bagno, toglierlo e porlo nel raccoglitore della biancheria sporca. Coprire subito la paziente con il lenzuolo superiore.
Invitare o aiutare la paziente a indossare della biancheria intima pulit, posizionare se occorre un assorbente.
Se la paziente è incontinente, posizionare un pannolone.
Se necessario far cambiare il pigiama o la camicia da notte, provvedere al riordino/rifacimento;
Sistemare la biancheria superiore del letto.
Se all’avvio della procedura l’altezza del letto è stata modificata per facilitare i movimenti all’operatore, ripristinare la condizione di partenza.
Riposizionare la parte superiore del letto, ponendola all’altezza e all’inclinazione adeguate alle condizioni di salute e al confort della paziente:
Riposizionare gli eventuali cuscini, in base alla posizione che la paziente deve assumere ( es. posizione laterale della paziente emiplegica)
Riposizionare l’eventuale spondina.
Posizionare il campanello di chiamata, controllando che sia funzionante e accessibile alla degente.
Congedarsi dalla paziente.
Riordinare il materiale utilizzato.
Smaltire adeguatamente i materiali monouso e/0 a perdere utilizzati. I materiali riutilizzabili ( es. brocca, padella) devono essere lavati e disinfettati.
Sfilarsi i guanti.
Lavarsi le mani.
Registrare eventuali osservazioni, secondo i protocolli  .


 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu