Crea sito

Test da 451 a 500 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Test da 451 a 500

I quiz dei concorsi delle ASL 3° parte > Regione Sardegna > Fisioterapista
 

N.B. I seguenti quiz appartengono alla banca dati dei test per fisioterapisti, molti di questi vengono proposti anche agli infermieri e operatori socio sanitari
Le risposte ai seguenti quesiti sono state elaborate da Francesco Bianco




451 ISCHEMIA E ANOSSIA SONO SINONIMI?

A) No

B) Si

C) Solo in particolari condizioni di alterazione del circolo di Willis

452 UN EVENTO ISCHEMICO COSA PUO’ COMPORTARE A CARICO DEL TERRITORIO ENCEFALICO?

A) Diminuzione di apporto di elettroliti fondamentali per le funzioni nervose superiori

B) Diminuito apporto di ossigeno associato a mancato apporto di glucosio, con conseguente ritenzione di metaboliti altamente tossici

C) Esclusivamente diminuzione dell’apporto di ossigeno


Archivio quesiti per FISIOTERAPISTI Pag. 35

453 A COSA E’ DOVUTO L’IDROCEFALO?

A) Aumento del contenuto idrico nel volume cerebrale

B) Aumento della pressione intracranica

C) Aumento del volume dei ventricoli cerebrali

454 SINTETICAMENTE, QUALE E’ LA FUNZIONE DEL MIDOLLO SPINALE?

A) Media la produzione di risposte volontarie del complesso encefalico con quelle riflesse del Sistema Nervoso Autonomo

B) E’ unicamente deputato alla realizzazione del fenomeno dell’arco riflesso

C) Controlla i movimenti degli arti e del tronco e riceve e analizza le informazioni provenienti dalla periferia trasmettendole all’encefalo

455 CHE FUNZIONE HA IL CERVELLETTO?

A) Contribuisce a aumentare il grado di percezione dei movimenti, modulando i comandi motori corticali

B) Realizza fenomeni corticali per il mantenimento della postura eretta

C) Controlla i feed-back necessari alla realizzazione dei movimenti fini del tronco

456 PIANO FRONTALE E PIANO CORONALE SONO SINONIMI?

A) No, sono due piani posti perpendicolarmente tra di loro a livello del cranio

B) No, indicano piani opposti

C) Si, sono riferiti a quei piani disposti parallelamente alla fronte e alla sutura coronale cranica

457 CHE COSA SONO LE OSSA SESAMOIDI?

A) Frammenti di cartilagine intra-articolari

B) Ossa incluse in tendini

C) Calcificazioni periarticolari

458 CHE TIPO DI OSSO E’ LA ROTULA (O PATELLA?

A) Piatto

B) Sesamoide

C) Breve

459 IN QUALE ARTICOLAZIONE SI REALIZZA IL MOVIMENTO DI NUTAZIONE?

A) Articolazioni cranio-vertebrali

B) Articolazione sacro-iliaca

C) Articolazione tibio-tarsica

460 NEL MOVIMENTO DI ABDUZIONE DELL’ARTO SUPERIORE, QUALE E’ L’AMPIEZZA DI MOVIMENTO DELL’OMERO RISPETTO ALLA SCAPOLA?

A) 0 – 60°

B) 0 – 90°

C) 0 – 120°

461 IL MUSCOLO BICIPITE BRACHIALE HA ANCHE FUNZIONE DI SUPINATORE DELL’AVAMBRACCIO?

A) No

B) Si, con il gomito completamente esteso

C) Si, con il gomito flesso a 90°

462 L’ANGOLO CERVICO-DIAFISARIO E’:

A) L’angolo tra epistrofeo e corpo dell’atlante

B) L’angolo tra sacro e coccige

C) L’angolo tra il collo anatomico del femore e l’asse del corpo femorale

463 QUALI SONO LE CELLULE CHE HANNO AZIONE DEMOLITIVA SULL’OSSO?

A) Osteoclasti

B) Osteoni

C) Osteociti

464 QUANDO SI RICONOSCE LA CONDIZIONE DI COXA VARA?

A) Quando l’angolo tra corpo anatomico del femore e l’asse del corpo femorale è di circa 140°

B) Quando l’angolo tra collo anatomico del femore e l’asse del corpo femorale è di circa 126°

C) Quando l’angolo tra collo anatomico del femore e l’asse del corpo femorale è di circa 115°.

465 COSA E’ LA CISTI DI BAKER?

A) E’ un edema diffuso di origine post-traumatica, con versamento nella cavità poplitea

B) E’ un’estroflessione nella cavità poplitea del retinacolo trasversale della rotula

C) Sono cavità cistiche che si formano nella fossa poplitea tra il tendine del m. semimembranoso e il corpo mediale del m. gastrocnemio


Archivio quesiti per FISIOTERAPISTI Pag. 36

466 DOVE SI TROVA IL TRIANGOLO DI SCARPA?

A) Tra spina iliaca postero-superiore, tuberosità ischiatica e grande trocantere

B) Alla base della coscia, tra legamento inguinale, m. sartorio e m. adduttore lungo.

C) Sulla regione glutea laterale anteriore

467 QUALE E’ LA FORMA PIU’ GRAVE DI DISPLASIA CONGENITA D’ANCA?

A) Lussazione franca

B) Anca instabile

C) Displasia semplice

468 QUALE TRA QUESTI E’ UN MUSCOLO MULTIPENNATO?

A) Retto addominale

B) Grande gluteo.

C) Ileo-psoas

469 IL MUSCOLO PEDIDIO E’ DETTO ANCHE:

A) Estensore breve delle dita

B) Quadrato plantare

C) Flessore breve delle dita

470 QUALE DI QUESTE ARTICOLAZIONI E’ UNA SINDESMOSI?

A) L’articolazione temporo-parietale

B) L’articolazione pubica

C) L’articolazione radio-ulnare

471 IN UN’OTTICA SCIENTIFICA, LA RIABILITAZIONE DEVE ESSERE RIFERITA A:

A) Una teoria di base dalla quale derivano gli esercizi e alla quale afferiscono i dati conseguenti alla loro applicazione

B) Un’attività di ricerca mirata al reperimento di attività motorie utili per il recupero funzionale

C) Un insieme di interventi pratici mirati al raggiungimento di un movimento

472 QUALI SONO LE FUNZIONI DI BASE DELL’ATTIVITA’ PROFESSIONALE DEL FISIOTERAPISTA SECONDO IL D.M. DEL 14 SETTEMBRE 1994 N. 741?

A) Educazione alla salute dell’individuo e riabilitazione delle patologie invalidanti

B) Prevenzione, cura e riabilitazione, formazione, ricerca, gestione

C) Analisi statistica, individuazione della patologia, cura, reinserimento sociale e lavorativo

473 LA DIAGNOSI FISIOTERAPICA E’ RIFERITA:

A) Al riconoscimento della patologia

B) All’integrazione con la diagnosi medica

C) Alle modifiche e alle capacità residue delle strutture e delle funzioni corporee

474 COSA RAPPRESENTA L’ I.C.F. (INTERNATIONAL CLASSIFICATION OF FUNCTIONING, DISABILITY AND HEALTH)?

A) Una classificazione che indica il grado di gravità della disabilità in base alla localizzazione della patologia

B) Una classificazione mirata a codificare internazionalmente gli interventi di riabilitazione nell’ambito delle patologie neurologiche

C) Una classificazione che si propone di fornire un linguaggio unificato che serva da modello per la descrizione dei domini della salute e degli stati ad essa correlati

475 IL TERMINE DEONTOLOGIA STA A INDICARE:

A) L’insieme delle norme giuridiche che regolano l’attività lavorativa del professionista

B) L’insieme delle norme comportamentali che contribuiscono al prestigio professionale del fisioterapista

C) L’insieme dei principi etici che impegnano al rispetto delle norme di comportamento professionale

476 IN AMBITO SCIENTIFICO, LA DESCRIZIONE DI UN CASO CLINICO DEVE GARANTIRE L’ANOMINATO DELLA PERSONA ASSISTITA ?

A) Solo se la persona assistita lo richiede

B) Si, sempre

C) Solo in caso di malattia infettiva

477 QUALI SONO I MOMENTI FONDAMENTALI DI UN PERCORSO RIABILITATIVO ?

A) Anamnesi, screening valutativo, rispetto dei tempi previsti per il trattamento, out come

B) Valutazione, diagnosi, programmazione, intervento.

C) Applicazione precisa di protocolli specifici per la patologia trattata.

478 IL RISPETTO DEL SEGRETO PROFESSIONALE RIGUARDA:

A) Le notizie di carattere sanitario

B) Tutte le notizie, escluse quelle di carattere sanitario

C) Ogni notizia relativa al paziente


Archivio quesiti per FISIOTERAPISTI Pag. 37

479 SECONDO LA COSTITUZIONE, LA SALUTE E’ :

A) Diritto dell’individuo e interesse della collettività

B) Diritto dell’individuo in base al reddito

C) Garantita e gratuita

480 SECONDO IL D.M. 22 OTTOBRE 2004 N. 270, LA LAUREA MAGISTRALE SOSTITUISCE :

A) La laurea specialistica

B) La laurea

C) Il master di primo livello

481 IL TRATTAMENTO SANITARIO E’ :

A) Obbligatorio se disposto per legge

B) Obbligatorio per i minorenni

C) Sempre obbligatorio

482 L’AGGIORNAMENTO PROFESSIONALE DEL FISIOTERAPISTA E’ :

A) Permanente

B) Su indicazione del datore di lavoro

C) Facoltativo

483 IL FISIOTERAPISTA PUO’ SVOLGERE ATTIVITA’ DI CONSULENZA ?

A) Si

B) No, mai

C) Solo se svolge attività libero professionale

484 CHE COSA E’ LA WCPT (WORLD CONFEDERATION FOR PHYSICAL THERAPY) ?

A) L’associazione che si occupa dei diritti sindacali dei fisioterapisti negli Stati Uniti

B) Un’associazione che si occupa di organizzare corsi di formazione a livello mondiale

C) La confederazione che riunisce la maggior parte delle associazioni mondiali dei fisioterapisti

485 QUALORA IL FISIOTERAPISTA RISCONTRI L’ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DA PARTE DI PERSONE NON QUALIFICATE:

A) Deve informare gli organi di stampa

B) Ha il dovere di denunciare l’abuso all’Associazione o all’ordine professionale

C) Può denunciare l’esercizio abusivo della professione quando gli utenti subiscono danni

486 IN ELETTROTERAPIA POLO POSITIVO E POLO NEGATIVO SI DISTINGUONO TRA LORO PERCHE':

A) Non rivelano nessuna distinzione

B) Il polo negativo ha maggiore potere antalgico, quello positivo ha maggior potere eccito motorio

C) Il polo positivo ha maggior potere antalgico, quello negativo ha maggior potere eccito motorio

487 NEL TRATTAMENTO DI IONOFORESI GLI ELETTRODI VANNO POSIZIONATI:

A) L’elettrodo con il farmaco posizionato sull’area dolorosa, l’altro alla radice dell’arto

B) Vanno sempre posti in opposizione

C) Vanno posizionati longitudinalmente rispetto all’area da trattare

488 IN TERAPIA FISICA VENGONO UTILIZZATI RAGGI INFRAROSSI DEL TIPO:

A) Raggi infrarossi di tipo B (IRB)

B) Possono essere utilizzati raggi infrarossi di qualunque lunghezza d’onda

C) Raggi infrarossi A (IRA)

489 E’ INDICATO L’USO DI RAGGI INFRAROSSI IN CASO DI USTIONI?

A) No

B) Si

C) Si, solo se associati a raggi ultravioletti

490 COSA DIFFERENZIA L’ESAME ELETTRODIAGNOSTICO (EED) DALL’ESAME ELETTROMIOGRAFICO (EMG)?

A) L’EED studia il muscolo normalmente innervato, l’EMG è indicato nei muscoli denervati

B) L’EED rileva la reattività neuro-muscolare, l’EMG studia la qualità della risposta muscolare

C) Non c’è nessuna differenza

491 LA CURVA INTENSITA’/TEMPO PERMETTE DI DETERMINARE:

A) Reobase, tempo utile, cronassia e accomodabilità della contrazione muscolare indotta

B) Modulazione di ampiezza di una contrazione muscolare indotta

C) Modulazione di frequenza di una contrazione muscolare indotta

492 COSA SI INTENDE PER REOBASE?

A) La massima intensità di corrente necessaria per indurre una contrazione muscolare

B) La frequenza necessaria per ottenere un effetto antalgico

C) La minima intensità di corrente necessaria per ottenere una contrazione muscolare


Archivio quesiti per FISIOTERAPISTI Pag. 38

493 NELL’ELETTROTERAPIA DI STIMOLAZIONE IN UN MUSCOLO COMPLETAMENTE DENERVATO E’ PIU’ SELETTIVA:

A) Le correnti faradiche

B) Le correnti rettangolari

C) Le correnti triangolari

494 LA FREQUENZA DELLE CORRENTI DI STIMOLAZIONE HA SIGNIFICATO PARTICOLARE RISPETTO ALLA RISPOSTA CONTRATTILE?

A) Esiste una relazione diretta fra frequenza e tipo di fibra stimolata

B) Con frequenza maggiore si ottengono incrementi di forza più accentuati

C) Nessuna relazione specifica

495 IN CHE MODALITA’ VENGONO SOMMINISTRATE LE VIBRAZIONI IN TERAPIA FISICA?

A) Con pedane vibratorie e sussultorie

B) Con vibrazioni segmentali e in modalità Whole Body Vibration

C) In nessun modo

496 I PARAMETRI CHE DEFINISCONO LE VIBRAZIONI SONO:

A) Intensità e frequenza

B) Intensità, frequenza, durata dei cicli e ampiezza

C) Durata dei cicli e tempo di applicazione

497 COSA SONO LE ONDE D’URTO?

A) Una modalità di applicazione degli ultrasuoni

B) Una modalità di somministrazione delle vibrazioni meccaniche

C) Onde acustiche ad alta energia e scarso effetto termico

498 IN PRESENZA DI PSEUDOARTROSI E’ INDICATO L’USO DELLE ONDE D’URTO?

A) Si, sempre

B) No, mai

C) Si, solo in specifiche condizioni

499 TRA LE SEGUENTI PATOLOGIE, QUALI SONO ASSOLUTAMENTE CONTROINDICATE AL TRATTAMENTO CON LE ONDE D’URTO?

A) Spasticità da cerebro lesione

B) Infezione acuta dei tessuti molli o dell’osso

C) Ischemia miocardica

500 IL TERMINE TECAR E’ ACRONIMO DI:

A) Trasferimento energetico capacitivo resistivo

B) Trasferimento energetico contro resistenza

C) Terapia elettrica con campi radianti


 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu