Crea sito

E - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

E

Il Glossario dell'OSS

Glossario dell’OSS
Glossario di termini medici ed infermieristici  di semplice interpretazione ad uso dell’Operatore Socio Sanitario

(A cura della redazione ABC dell'OSS)

E

Ebbrezza patologica. Si tratta di un aspetto poco conosciuto dell’intossicazione da alcol etilico: in alcuni casi e in determinate persone predisposte, l’assunzione anche di dosi moderate di alcol può scatenare agitazione psicomotoria, delirio, fobie e aggressività.
Edema: gonfiore causato da un aumento di liquido intracellulare.
Edema polmonare. Accumulo di liquido nei polmoni.
Effetto collaterale. Qualsiasi azione di un farmaco diversa dall'effetto desiderato.

Ematemesi: si intende il vomito di sangue rosso vivo, scuro e coagulato.
Ematocrito. Percentuale di eritrociti (globuli rossi) presenti in un dato volume di sangue rispetto al plasma.
Ematoma. Raccolta di sangue fuoriuscito da vasi sanguigni rotti, sotto la cute o nella compagine di organi. Tale raccolta causa il rigonfiamento delle parti interessate.
Ematuria: presenza di sangue nelle urine. Microematuria il sangue non è visibile. Macroematuria la presenza del sangue è visibile a occhio nudo

Emazie: Globuli rossi.
Embolia è l'ostruzione di un'arteria  di una vena, causata da un corpo estraneo al normale flusso sanguigno, che viene denominato embolo e che può essere un coagulo di sangue, una bolla d'aria o di altri gas, generalmente azoto, o altre formazioni di dimensioni tali da ostruire un vaso arterioso o venoso.
Emesi o Vomito: espulsione dalla bocca del contenuto gastrico, e in condizioni particolari del contenuto dell’intestino.
Emianopsia omonima: è un difetto della visione o una perdita della vista nella stessa metà del campo visivo di ciascun occhio.
Emiplegia: compromissione delle funzioni motorie nell’emicorpo controlaterale rispetto alla sede della lesione cerebrale. Tale compromissione può essere grave, e in tal caso si parla di (plegia), o lieve (paresi) Emocromo. Analisi chimico-clinica che consiste nel conteggio dei globuli rossi e dei globuli bianchi. La diminuzione dei primi tende a segnalare un’eventuale anemia, mentre un aumento dei secondi di norma segnala un processo infiammatorio o infettivo.
Emogasanalisi: o EGA è un esame che permette di misurare le pressioni parziali dei gas arteriosi e il pH del sangue.L'esame consiste in un prelievo arterioso effettuato a livello delle arterie radiale o femorale e, nel bambino, a livello dell'arteria brachiale. Il sangue intero è prelevato tramite una siringa eparinata. Si può fare anche un EGA venoso.
Emofilia. Malattia ereditaria recessiva legata al sesso, caratterizzata da un diminuito potere di coagulazione del sangue e da una più facile predisposizione alle emorragie.
Emoglobina. Proteina contenuta nei globuli rossi del sangue responsabile del trasporto dell’ossigeno.

Emoglobinuria: presenza di emoglobina nelle urine con assenza di emazie.
Empatia: è semplicemente definita come la capacità di mettersi nei panni dell’altro, nel senso di comprendere il suo mondo interno, i suoi stati d’animo, i suoi pensieri, le sue difficoltà e i suoi bisogni.
Empowerment del paziente : Processo con cui il paziente viene aiutato ad acquisire consapevolezza circa la propria salute e ad assumerne piena responsabilità, mediante la partecipazione al piano di cura, condividendo le decisioni che lo riguardano e, conseguentemente, adottando coerenti comportamenti

Encefalite. Infiammazione a carico dell’encefalo causata da virus, batteri, miceti e parassiti. Generalmente si manifesta con febbre, piuttosto elevata, e segni neurologici variamente differenziati.

Endoscopia: Indagine diagnostica indispensabile per tutte le malattie gastroenterologiche, l’Endoscopia consente sia di individuare e tipizzare le patologie benigne, sia di prevenire, sorvegliare e curare quelle maligne.
Enfisema: L’enfisema polmonare è la dilatazione patologica, irreversibile e inguaribile del polmone Si tratta di una dilatazione degli alveoli polmonari connessa con un processo di distruzione del tessuto polmonareEnterite. Infiammazione dell’intestino tenue causata da microrganismi patogeni
Enuresi: incontinenza di urine dovuta all’incapacità di trattenerla
Epidemia. Il manifestarsi di una malattia infettiva in vari strati della popolazione.
Epidermide: è la porzione della cute a diretto contatto con l'ambiente esterno. È costituita da diversi tipi di cellule che si distinguono per localizzazione e grado di differenziazione.
Epidemiologia. Disciplina medica che studia la distribuzione e la frequenza delle malattie nella popolazione, allo scopo d’individuarne le cause e i fattori che ne agevolano l’insorgenza e la diffusione.
Epitelio: tessuto costituito da cellule sovrapposte, disposte in modo continuo i uno o più strati, che caratterizza le superfici cutanee e mucose.
Epitelizzazione: è lo stato finale della fase proliferativi della riparazione tissutale. Le cellule epiteliali migrano sulla superficie di lesione, completando la guarigione.

Ergonomia : Disciplina che si occupa della comprensione delle interazioni tra gli esseri umani e gli altri elementi di un sistema, applicando teorie, principi, dati e metodi per progettare nell’ottica dell’ottimizzazione del benessere umano e della prestazione di tutto il sistema
Eritema: arrossamento della cute che può essere associato a cellulite, infezione, prolungata pressione, o iperemia reattiva (vedi anche “digitopressione”)
Erosione: escoriazione, abrasione, perdita di sostanza che interessa solo l' epidermide o gli strati superficiali del derma.

Errore :Fallimento nella pianificazione e/o nell’esecuzione di una sequenza di azioni che determina il mancato raggiungimento, non attribuibile al caso, dell’obiettivo desiderato
Errori attivi : Azioni o decisioni pericolose commesse da coloro che sono in contatto diretto con il paziente. Sono più facilmente individuabili, hanno conseguenze immediate
Errori latenti : Condizioni presenti nel sistema determinate da azioni o decisioni manageriali, da norme e modalità organizzative e quindi correlate ad attività compiute in tempi e spazi lontani rispetto al momento e al luogo reale dell'incidente. Un errore può restare latente nel sistema anche per lungo tempo e diventare evidente solo quando si combina con altri fattori in grado di rompere le difese del sistema stesso
Errore di commissione:  Errore che si verifica come risultato di un’azione che non doveva essere eseguita
Errore di esecuzione : Fallimento degli obiettivi prefissati a causa di una errata esecuzione di azioni, adeguatamente pianificate.Spesso accadono nell’esecuzione automatica di compiti di routine.
Errore d’attenzione o di percezione (slip)
Errore nell’esecuzione di una sequenza di azioni dovuto ad un deficit di attenzione o di percezione
Errore di memoria (lapse)
Errore dovuto a deficit di memoria
Errore di giudizio (mistake) : Incorre nella formulazione di un giudizio, si manifesta nei processi inferenziali coinvolti nella analisi di un problema, nella selezione di un obiettivo o nella esplicitazione dei mezzi per raggiungerlo. Può essere dovuto o a scelta di regole errate o a conoscenze inadeguate

Errore di omissione:  Mancata esecuzione di un’azione che doveva essere eseguita
Errore di pianificazione (mistake) : Mancato raggiungimento degli obiettivi prefissati a causa di una errata pianificazione
Errore in terapia (medication error):  Qualsiasi errore che si verifica nel processo di gestione del farmaco e può essere rappresentato da:
Errore di prescrizione: Riguarda sia la decisione di prescrivere un farmaco sia la scrittura della prescrizione
Errore di trascrizione/ interpretazione :Riguarda la errata comprensione di parte o della totalità della prescrizione medica e/o delle abbreviazioni e/o di scrittura
Errore di etichettatura/confezionamento: Riguarda le etichette ed il confezionamento che possono generare scambi di farmaci
Errore di allestimento/preparazione: Avviene nella fase di preparazione o di manipolazione di un farmaco prima della somministrazione (per esempio diluizione non corretta, mescolanza di farmaci incompatibili), può accadere sia quando il farmaco è preparato dagli operatori sanitari sia quando è preparato dal paziente stesso
Errore di distribuzione: Avviene nella fase di distribuzione del farmaco, quando questo è distribuito dalla farmacia alle unità operative o ai pazienti
Errore di somministrazione :Avviene nella fase di somministrazione della terapia, da parte degli operatori sanitari o di altre persone di assistenza, o quando il farmaco viene assunto autonomamente dal paziente stesso
Esame obiettivo dettagliato. Controllo che comprende: testa, collo, torace, addome, pelvi, arti e superficie posteriore del corpo. il suo scopo è di mettere in evidenza segni e sintomi di lesioni. La differenza rispetto alla valutazione traumatologica rapida consiste solo nel fatto che, nell'esame obiettivo dettagliato, è compresa la valutazione del viso, delle orecchie, degli occhi, del naso e della bocca, da effettuare nel corso dell'esame della testa; inoltre, esso può essere eseguito meno velocemente della valutazione traumatologica rapida, e anche durante il tragitto verso l'ospedale, dopo aver completato la valutazione e i primi interventi sul posto.

Esantema. Termine generico indicante una qualsiasi eruzione cutanea. (morbillo, varicella, scarlatina)

Escara: gangrena superficiale chiusa e secca, espressione di necrosi dell' epidermide e degli strati superficiali del derma adesa agli strati profondi.
Escoriazione. Lesione superficiale della cute.
Escrezione. Emissione all’esterno dell’organismo delle sostanze nocive formatesi attraverso le reazioni metaboliche. Apparato escretore è insieme degli organi che servono all’eliminazione dal corpo dei prodotti di rifiuto, es Reni, ureteri, vescica, uretra, ghiandole sudoripare…
Essudato: fluido prodotto dalle lesione, costituito da siero, leucociti e materiale devitalizzato. Il volume diminuisce con la progressione della riparazione tessutale. L' essudato può avere proprietà battericida e contenere fattori nutritivi, ma può anche risultare infetto.

Esito (Outcome) : Modificazione delle condizioni di salute come prodotto degli interventi sanitari erogati
Estrogeno. Ormone sessuale femminile secreto dalle ovaie che prepara il rivestimento uterino in modo da accogliere l’uovo fecondato.
Evento (Incident) :Accadimento che ha dato o aveva la potenzialità di dare origine ad un danno non intenzionale e/o non necessario nei riguardi di un paziente
Evento avverso (Adverse event) : Evento inatteso correlato al processo assistenziale e che comporta un danno al paziente, non intenzionale e indesiderabile. Gli eventi avversi possono essere prevenibili o non prevenibili. Un evento avverso attribuibile ad errore è “un evento avverso prevenibile”
Evento avverso da farmaco (Adverse drug event) :  Qualsiasi evento indesiderato che si verifica durante una terapia farmacologica, per effetto dell’uso o del non uso di un farmaco, ma non strettamente correlato all’azione del farmaco stesso. Gli eventi avversi da farmaco comprendono:
eventi avversi da farmaco prevenibili, ovvero causati da un errore in terapia ed eventi avversi da farmaco non prevenibili, che avvengono nonostante l’uso appropriato, definiti come “reazioni avverse a farmaci” (ADR)
Evento evitato ( Near miss o close call) : Errore che ha la potenzialità di causare un evento avverso che non si verifica per caso fortuito o perché intercettato o perché non ha conseguenze avverse per il paziente.
Evento sentinella (Sentinel event) :  Evento avverso di particolare gravità, potenzialmente indicativo di un serio malfunzionamento del sistema, che può comportare morte o grave danno al paziente e che determina una perdita di fiducia dei cittadini nei confronti del servizio sanitario. Per la loro gravità, è sufficiente che si verifichi una sola volta perché da parte dell’organizzazione si renda opportuna a) un’indagine immediata per accertare quali fattori eliminabili o riducibili lo abbiamo causato o vi abbiano contribuito e b) l’implementazione delle adeguate misure correttive.
Eviscerazione. Protrusione all'esterno, attraverso una ferita addominale, dell'intestino o di altri organi interni.


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu