Crea sito

Quiz preselezione 801 -820 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Quiz preselezione 801 -820

I quiz dei concorsi delle ASL 1° parte > Concorso ASL Oristano > Da 801 a 840
 

801) IL DISTRETTO:
A) È individuato dall'atto aziendale
B) È individuato ogni anno con provvedimento del direttore amministrativo
C) Serve un territorio coincidente con quello di almeno due amministrazioni comunali

802) IL DISTRETTO:
A) Assicura i servizi di assistenza primaria
B) Non garantisce servizi di assistenza primaria ai cittadini esenti dal ticket sanitario
C) Eroga, a carico del servizio sanitario regionale, le prestazioni non ricomprese nei LEA

803) NELL'AMBITO DELLE RISORSE ASSEGNATE, IL DISTRETTO:
A) È dotato di autonomia tecnico-gestionale ed economico-finanziaria
B) Non è dotato di autonomia economico-finanziaria
C) Non è dotato di autonomia tecnico-gestionale

804) AL DISTRETTO:
A) Sono attribuite risorse definite in rapporto agli obiettivi di salute della popolazione di riferimento
B) Sono attribuite tutte le risorse necessarie a garantire la salute della popolazione di riferimento
C) Non sono attribuite risorse finanziarie ma solo risorse umane e materiali

805) IL PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ TERRITORIALI:
A) È basato sul principio della intersettorialità degli interventi
B) È basato sul principio dell’economicità degli interventi
C) È basato sul principio della discrezionalità degli interventi

806) IL PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ TERRITORIALI:
A) Determina le risorse per l'integrazione socio-sanitaria
B) Determina le risorse per l’assistenza ospedaliera
C) Non determina risorse ma definisce esclusivamente gli standard quantitativi e qualitativi dei servizi territoriali

807) IL PROGRAMMA DELLE ATTIVITÀ TERRITORIALI È PROPOSTO:
A) Dal direttore di distretto
B) Dal direttore generale della ASL
C) Dal direttore sanitario della ASL

808) L'ORGANIZZAZIONE DEL DISTRETTO DEVE GARANTIRE:
A) L'assistenza primaria, ivi compresa la continuità assistenziale
B) L’assistenza ospedaliera
C) L’assistenza sociale

809) L’ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE È GARANTITA
:
A) Dal distretto
B) Dai presidi ospedalieri
C) Dal dipartimento di prevenzione

810) IL DIRETTORE DEL DISTRETTO:
A) Realizza le indicazioni della direzione aziendale
B) È autonomo nella realizzazione degli obiettivi definiti delle norme nazionali e regionali
C) Realizza le indicazioni della Giunta regionale a cui risponde direttamente


811 IL DIRETTORE DEL DISTRETTO:

A) Gestisce le risorse assegnate al distretto

B) Non gestisce risorse economico finanziarie

C) Stabilisce l’ammontare delle risorse da assegnare al distretto

812 SI DEFINISCONO PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE:

A) Tutte le attività atte a soddisfare, mediante percorsi assistenziali integrati, bisogni di salute della persona che richiedono unitariamente prestazioni sanitarie e azioni di protezione sociale in grado di garantire, anche nel lungo periodo, la continuità tra le azioni di cura e quelle di riabilitazione

B) Tutte le attività atte a soddisfare, mediante percorsi assistenziali integrati, bisogni di salute della persona che richiedono unitariamente prestazioni sanitarie e azioni di protezione sociale in grado di garantire, solamente nel breve periodo, la continuità tra le azioni di cura e quelle di riabilitazione

C) Tutte le attività atte a soddisfare, mediante percorsi assistenziali integrati, i bisogni di salute della persona

813 IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE:

A) È struttura operativa dell'azienda sanitaria locale

B) È una struttura dotata di personalità fisica pubblica ed autonomia imprenditoriale

C) È una struttura dotata di personalità giuridica privata ed autonomia imprenditoriale

814 IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE:

A) Garantisce la tutela della salute collettiva, perseguendo obiettivi di promozione della salute, prevenzione delle malattie e delle disabilità, miglioramento della qualità della vita

B) Assicura la tutela della salute individuale, perseguendo obiettivi di promozione della salute e cura delle malattie e delle disabilità

C) Garantisce la tutela della salute individuale e collettiva, perseguendo obiettivi di tutela della salute e cura delle malattie e delle disabilità, miglioramento della qualità della vita

815 NEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DEVE ESSERE PRESENTE UNA STRUTTURA ORGANIZZATIVA SPECIFICAMENTE DEDICATA A:

A) Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche

B) Igiene degli allevamenti e della prevenzione alimentare

C) Prevenzione ed igiene delle produzioni da pascolo brado

816 IL COLLEGIO DI DIREZIONE È COSTITUITO:

A) In ogni azienda

B) Se ritenuto utile dal direttore generale

C) Facoltativamente su proposta del direttore sanitario

817 IL COLLEGIO DI DIREZIONE:

A) Concorre alla formulazione dei programmi di formazione

B) Verifica l'amministrazione dell'azienda sotto il profilo economico

C) Elegge il direttore amministrativo ed il direttore sanitario

818 NEL COLLEGIO DI DIREZIONE È PREVISTA LA PARTECIPAZIONE:

A) Del direttore sanitario

B) Di tutti i dirigenti dell’azienda

C) Dei tre dirigenti più anziani in servizio presso l’ azienda

819 IL DIRETTORE GENERALE SI AVVALE:

A) Del Collegio di direzione per la elaborazione del programma di attività dell'azienda

B) Del Collegio di direzione per la scelta dei responsabili di struttura complessa

C) Del Collegio di direzione per garantire la qualità delle procedure amministrativo-contabili

820 L'ORGANIZZAZIONE DIPARTIMENTALE È:

A) Il modello ordinario di gestione operativa di tutte le attività delle Aziende sanitarie

B) L’unico modello di gestione operativa di tutte le attività delle Aziende sanitarie

C) Il modello più efficace ed efficiente di organizzaz ione delle attività sanitarie

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu