Crea sito

Medicina - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Medicina

Procedure OSS > Unità operativa:

PROCEDURE ASSISTENZIALI
PER L’OPERATORE SOCIO-SANITARIO
Unità operative medicina
Regione del Veneto


1. Collaborazione all’accoglimento della persona in unità operativa
2. Rilevazione della temperatura corporea
3. Rilevazionedel peso
4. Annotazione dei parametri sulla grafica
5. Applicazione della bosa di ghiaccio
6. Applicaione dell’impacco caldo umido
7. Pulizia del cavo orale
8. Assistenza alla persona che vomita
9. Fissaggio del punto di inserimento del sondino nasogastrico
10. Ossigenoterapia: preparaione del materiale ed eventuale erogazione
11. Areosolterapia: preparazione ed eventuale erogazione
12. Preparazione del materiale per aspirare e supporto all’infermiere durante la manovra
13. Collaborazione nelle medicazioni
14. Esecuzione di medicazioni semplici
15. Esecuzione della tricotomia
16. Esecuzione dello stick glicemico
17. Posizionamento della persona allettata e/o parzialmente autosufficiente
18. Composizione della salma
19. Collaborazione con l’infermiere nell’esecuzione della paracentesi
20. Collaborazione con lò’infermiere in caso di urgenza-emergenza
21. Collaborazione con l’infermiere nell’isolamento del paziente
22. Invio del materiale alla centrale di sterilizzazione
23. Collaborazione nella cateterizzazione vescicale nell’uomo e nella donna
24. Raccolta urine delle 24 ore
25. Svuotamento della sacca per la raccolta urine e campioni di raccolta (esame
urine, urinocoltura)
26. Preparazione nell’esecuzione del clistere di pulizia
27. Prelevamento del materiale fecale e campioni di raccolta (sangue occulto)


Scheda 1

COLLABORAZIONE ALL’ACCOGLIMENTO DELLA PERSONA IN UNITA’ OPERATIVA

OBIETTIVI:

- Rendere meno traumatico e più agevole il momento dell’ingresso nell’U.O.
- Garantire un’adeguata sistemazione ed informazione alla persona
INDICAZIONE:
Su diretta indicazione dell’infermiere e del coordinatore
MATERIALE:
- Biancheria per preparazione e/o rifacimento letto
- Grafica
- Schede infermieristiche
- Acqua, bicchieri
- Vaso per eventuale raccolta diuresi
- Eventuale pappagallo per uomo
TECNICA:
- Accogliere e accompagnare la persona nella stanza e posto letto assegnati
- Il letto di degenza deve essere completo di biancheria, telino cerato e cuscino (eventuale
coperta nell’armadio). La parete attrezzata deve possedere un flussometro ad ossigeno
correttamente montato, gancio per fleboclisi con camicia (o palo portaflebo)
- Illustrargli la propria unità e l’ubicazione del bagno (funzionamento del campanello di
chiamata e luce notturna, collocazione dell’armadietto)
- Informare dell’orario di visita e di colloquio con il medico, orari dei pasti e di visita dei
familiari)
- Fornire un bicchiere e l’acqua
- Eventuale consegna della Carta di Accoglienza dell’u.o. (se in uso)
- Su indicazione del medico e/o infermiere l’OSS compila la scheda per la dieta, e rileva
eventuale peso e temperatura corporea
- Fornisce eventualmente il vaso per monitorare diuresi spiegando come raccoglierle
- Su indicazione dell’infermiere predisporre l’unità letto con gli ausili terapeutici necessari
(es. archetto solleva paziente, trapezio, cinghia, eventuale aspiratore etc.)

Scheda 2
RILEVAZIONE DELLA TEMPERATURA CORPOREA
OBIETTIVI:
- Monitorare la temperatura corporea del paziente
INDICAZIONE:
- Ricercare segni di alterazione della temperatura secondo i piani di lavoro stabiliti
dall’UO e le specifiche indicazioni infermieristiche in base alle condizioni del
paziente.
MATERIALE:
- Termometro digitale
- Termometro a mercurio
- Contenitore (reniforme o barattolo)
- Alcool denaturato
TECNICA:
- Lavarsi le mani (eventualmente indossare guani monouso in polietilene)
- Asciugare il termometro se immerso nella soluzione disinfettante
- Contare i termometri a disposizione e controllare che la temperatura di partenza
corrisponda a 35°C
- Controllare che il mercurio si trovi dentro al bulbo
- Controllare che nella sede di rilevazione (ascelle o inguine) non vi siano alterazioni
e la cute sia asciutta
- Aiutare il paziente ad assumere una posizione confortevole e posizionare il
termometro adeguatamente per una corretta rilevazione (con particolare attenzione
ai pazienti non autosuffienti)
- Se la rilevazione è ascellare porre il termometro sotto l’ascella e far piegare il
braccio sul torace, in modo che il bulbo sia a contatto con la cute
- Tener il termometro a mercurio in sede per 5-10 minuti, se il termometro è digitale
fino al segnale acustico
- Togliere il termometro, leggere la temperatura e asciugarlo
- Registrare la TC in grafica (vedi scheda specifica)
- Pulire, disinfettare i termometri (detergerli e didinfettarli con clorossidante
elettrolitico al 2% (antisapril) per 15 minuti)
- Contare il numero dei termometri in modo che sia identico a quello
precedentemente conteggiato all’inizio della procedura
- Lavarsi le mani
TRASMISSIONI:
- All’infermiere: temperature superiori e inferiori a quelle di normalità (36-37 °C)
- In caso di ipertermia precisare i sintomi del paziente (dolore, brivido, iperidrosi)
- Se la TC è superiore ai 38 gradi l’informazione all’infermiere deve essere
tempestiva
IMPORTANTE:
- Non dimenticare il termometro a mercurio nel letto del paziente
REPORT PROGETTO “RIORGANIZZAZIONE DELL’ATTIVITA’ DI DEGENZA”
A3_10 Integrazione Infermiere e Oss nelle u.o. di Medicina
5
- In caso di grave ipertermia (legata anche ad altri sintomi, per esempio a brivido)
avvisare direttamente e tempestivamente l’infermiere

Scheda 3

RILEVAZIONE DEL PESO

OBIETTIVI:
- Conoscere il peso di un paziente
- Monitorare dimagrimento o l’aumento di peso per motivi clinici
MATERIALE:
- Bilancia
TECNICA:
- Pesare il paziente il mattino a digiuno, e comunque sempre alla stessa ora e nelle
stesse condizioni (se richiesto rilevazione del peso quotidiana)
- Informare il paziente
- Aiutare il paziente a svestirsi
- Mettere la bilancia a bordo del letto
- Posizionare la lancetta sullo zero
- Aiutare il paziente a salire sulla bilancia
- Verificare che il paziente non appoggi sul bordo del letto o su altre superfici
- Leggere il peso e annotarlo sulla grafica
TRASMISSIONI ALL’INFERMIERE:
- Il valore del peso rilevato
- Segnalare se è avvenuto un dimagrimento o un aumento di peso
IMPORTANTE
- Pesare il paziente con la stessa bilancia e con lo stesso tipo di abiti

Scheda 4
ANNOTAZIONE DEI PARAMETRI SULLA GRAFICA

La grafica è un documento medico legale di fondamentale importanza nell’ambito della
documentazione clinica del paziente.
ATTENZIONI:
- Scrivere in modo chiaro e leggibile
DATI DA ANNOTARE:
- Dati anagrafici all’ingresso del paziente (nome, cognome, data di nascita, data di
ingresso)
- Peso all’ingresso espresso in Kg e secondo indicazioni mediche e/o infermieristiche
- Temperatura corporea in gradi centigradi
- Scariche: far visionare all’infermiere eventuali caratteristiche alterate delle feci
IMPORTANTE:
ogni volta che viene riportato un parametro in grafica, riferire il dato anche
all’infermiere

Scheda 5
APPLICAZIONE BORSA DI GHIACCIO

OBIETTIVI:
- Dare sollievo ai pazienti con ipertermia e con ematomi (per esempio da
traumatismo moderato)
INDICAZIONI:
- Su indicazione dell’infermiere
- Traumatismi senza ferite
- Ipertermia
MATERIALE:
- Borsa di ghiaccio
- Ghiaccio
- Biancheria (telini e federe)
TECNICA:
- Lavarsi le mani
- Preparare la boule di ghiaccio e avvolgerla nella biancheria
- Informare il paziente
- Posizionare comodamente il paziente scoprendo la parte del corpo interessata
- Posizionare la boule di ghiaccio avvolta nella biancheria (per evitare ustioni da
freddo)
- Informare il paziente di mantenere la boule nella corretta posizione e di avvisare
quando il ghiaccio è sciolto
- Riposizionare il paziente e avvicinare il sistema di chiamata
- Controllare frequentemente la sede di posizionamento per monitorare segni di
ustione da freddo
ATTENZIONI:
- Svuotare la borsa di ghiaccio
- Sciacquarla ed eventualmente disinfettarla
- Lasciarla asciugare bene
- Riporla in un ambiente pulito (in modo che sia sempre lo stesso)

Scheda 6
APPLICAZIONE IMPACCO CALDO UMIDO

OBIETTIVI:
- Favorire la vasodilatazione e la circolazione periferica
INDICAZIONI:
Su indicazione dell’infermiere:
- Processi tromboflebitici agli arti
- Favorire il riassorbimento di ematomi o stravaso di farmazi irritanti (flebite chimica)
MATERIALE:
- Teli di varie misure o cotone
- Materiale impermeabile per isolare l’impacco (tela cerata, plastica…)
- Bende per fissare l’impacco se occorre
- Contenitore con acqua alla temperatura di 43-46°C, o secondo prescrizione
- Termometro da bagno
- Catino
- Asciugamano da bagno
- Borsa di acqua calda
TECNICA:
- Lavarsi le mani
- Informare il pazientee spiegargli il procedimento
- Versare l’acqua nel catino
- Controllare la temperatura
- Immergervi un telo o il cotone finchè sia completamente intriso d’acqua
- Strizzarlo in modo da eliminare l’eccesso d’acqua
- Applicare una piccola parte del telo sulla zona per valutare la sensibilità del
soggetto
- Continuare a stendere il telo o il cotone su tutta la zona se il calore è ben tollerato
- Coprire l’impacco umido con un telo asciutto
- Ricoprire il tutto con il materiale impermeabile
- Fissare l’impacco con un giro di benda o cerotto e posizionare una borsa di acqua
calda
- Annotare l’orario
- Cambiare l’impacco caldo-umido ogni 2 ore rinnovando la borsa di acqua calda
- Mantenere la zona interessata al trattamento in posizione corretta per tutta la durata
della cura (solitamente in scarico)
- Asciugare delicatamente al termine, tamponando la zona
- Riordinare il materiale usato
- Lavarsi le mani
- Annotare la durata del trattamento.
IMPORTANTE:
- Fare attenzione al pericolo di ustioni (i pazienti non coscienti o con patologie
vascolari riducono la sensibilità cutanea e non avvertono la sensazione dolor dovuta
al calore eccessivo)
- Controllare frequentemente il paziente.
- Non lasciare in sito un impacco raffreddato

Scheda 7
PULIZIA DEL CAVO ORALE

OBIETTIVI:
- Assicurare l’igiene del cavo orale
- Favorire il comfort del paziente
INDICAZIONI:
Su diretta indicazione dell’infermiere:
- pazienti a rischio di infezioni (in stato di incoscienza, persone anziane, persone
defedate, portatori di SNG)
- in caso di digiuno prolungato (per esempio pazienti con nutrizione parenterale o
enterale in atto)
- nel post-operatorio
MATERIALE:
- Vassoio pulito per portare il materiale
- Guanti monouso
- Garze
- Abbassalingua o bastoncini monouso già preparati
- Soluzione antisettica, colluttori
- 1 bicchiere
- 1 reniforme
- Miele rosato o altro prodotto per labbra
- Pila
- Telino di protezione
- Contenitore per riporre la protesi dentaria
- Spazzolino monouso (eventualmente richiedere quello del paziente)
TECNICA PER IL PAZIENTE NON AUTOSUFFICIENTE
- L’IGIENE DEL CAVO ORALE VA ESEGUITA LONTANO DAI PASTI
- Posizionare il paziente semiseduto, seduto o in decubito laterale
- Se il paziente ha una protesi dentaria toglierla prima dell’igiene pulirla sotto acqua
corrente tiepida, usando eventualmente uno spazzolino e facendo attenzione perché
è un oggetto costoso che deve essere manipolato con estrema cura
- Mettere il telino di protezione davanti al paziente
- Mettere i guanti
- Arrotolare la garza nell’abbassalingua (NON UTILIZZARE MAI LE DITA PER
EFFETTUARE L’IGIENE)
Procedere nel modo seguente:
- Spostare la guancia con un abbassalingua senza garza
- Cominciare sempre dal fondo della bocca in avanti, pulendo le varie parti della
bocca : parte esterna delle gengive, parte interna delle guance, palato, parte interna
delle gengive, lingua, sotto la lingua
- Cambiare l’abbassalingua e le garze ogni volta che è necessario
- Far risciacquare la bocca al paziente (SOLO SE E’ COSCIENTE e
COLLABORANTE) e mettere un catino sotto la bocca per permettergli di sputare
- Risciacquare con garza bagnata se il paziente non è cosciente
- Pulire le labbra con una garza impregnata di collutorio
- Ammorbidire le labbra con il prodotto in uso (burrocacao o miele rosato
- Al termine dell’igiene riposizionare il paziente
- Disinfettare e riordinare tutto il materiale
- Togliere i guanti e lavarsi le mani
TECNICA PER IL PAZIENTE AUTOSUFFICIENTE
- Procurare tutto il materiale necessario
- Spiegare al paziente di eseguire la pulizia del cavo orale almeno 2 volte al giorno
lontano dai pasti
- Se portatore di protesi dentaria dare indicazioni per una corretta conservazione
della stessa consigliandogli di conservarla durante la notte in una soluzione
antisettica in un contenitore preferibilmente chiuso
COMUNICAZIONI CHE L’OSS DEVE DARE ALL’INFERMIERE:
- Effettuazione della prestazione
- Atteggiamenti del paziente
- Stato della bocca (lingua “carta vetrata”, stato dei denti, delle gengive e delle
labbra)
- Presenza di emorragie
- Presenza di dolore
- Presenza di arrossamenti o infiammazioni
IMPORTANTE:
- Eseguire la manovra dolcemente per non provocare sanguinamenti
- Non introdurre gli abbassalingua profondamente per non provocare nausea
- Non ripassare una garza sporca nella stessa sede
- Eseguire la pulizia del cavo orale 2 volte al giorno

Scheda 8
ASSISTENZA ALLA PERSONA CHE VOMITA

OBIETTIVI:
- Assicurare l’igiene e d il comfort del paziente
- Evitare l’inalazione del vomito
- Individuare e/o sorvegliare le condizioni cliniche del paziente
INDICAZIONI:
- Assistenza ai pazienti non autosufficienti, in particolare in stato di incoscienza
- Collaborare con l’infermiere durante l’assistenza e la rilevazione delle
caratteristiche del vomito
MATERIALE:
- Guanti monouso
- Teli e cambio biancheria
- Bacinella
- Cambio vestiario del paziente
- Materiale per l’igiene del cavo orale (vedi scheda)
TECNICA PER IL PAZIENTE VIGILE
- Provvedere immediatamente a procurare teli o bacinella per proteggere la persona
ed il letto
- Indossare guanti
- Posizionare il paziente seduto, se non è possibile su un fianco
- Invitare il paziente a stare tranquillo e a fare respiri profondi
- Aiutare il paziente nell’igiene personale e al cambio biancheria se necessario
- Cambiare biancheria del letto se sporca
- Controllare quantità e aspetto del vomito
- Lavarsi le mani e riordinare l’unità del paziente
- Arieggiare la stanza
TECNICA PER IL PAZIENTE NON COSCIENTE
- Indossare guanti
- Sollevare al testa del paziente e girarla di lato per evitare che il vomito occluda le
vie respiratorie
- Porre un telo per proteggiere la persona e il letto
- Predisporre il materiale per eventuale aspirazione del liquido dalla bocca
- Provvedere al cambio biancheria e all’igiene della persona
- Riposizionare il paziente in decubito laterale salvo controindicazioni e mettere un
telo di protezione sotto il viso, nel caso so pensi che l’episodio possa riverificarsi
- Controllare quantità e aspetto del vomito
INFORMAZIONI DA TRASMETTERE ALL’INFERMIERE:
- Quantità e aspetto del vomito (fondi di caffè, vomito nero, vomito costituito da
sangue digerito, vomito rosso vivo, vomito giallastro o verdastro, cibo non digerito
privo di odore, odore aspro, liquido contenente muco o pus)
- Comunicare all’infermiere come avviene l’espulsione del vomito se preceduto da
nausea, a getto, conati di vomito con solo emissione di gas, vomito gravidico che
insorge specialmente nella prime ore del mattino
IMPORTANTE
- Riferire sempre le caratteristiche del vomito e le condizioni del paziente subito
dopo l’evento
- Provvedere allo smaltimento del materiale emesso nei rifiuti speciali

Scheda 9
FISSAGGIO DEL PUNTO DI INSERIMENTO DEL
SONDINO NASO GASTRICO

OBIETTIVI:
- Evitare l’insorgenza di lesioni da decubito
- Evitare la dislocazione del SNG
INDICAZIONI:
- La medicazione va rinnovata ogni qualvolta si presenti bagnata, umida, o
parzialmente staccata, in qualsiasi caso va cambiata ogni 2 giorni
MATERIALE:
- Guanti
- Cerotti ipoallergenici
- Garze sterili
- Etere
- Soluzione fisiologica
TECNICA:
- Spiegare la procedura al paziente
- Lavarsi le mani
- Indossare i guanti e rimuovere il cerotto di fissaggio
- Sgrassare se necessario con garze leggermente imbevute di etere la superficie
cutanea interessata
- Pulire le narici con garze imbevute di soluzione fisiologica
- Ispezionare le narici
- Fissare la sonda con cerotto ipoallergenico
- Controllare giornalmente il fissaggio e sostituirlo secondo necessità
- Smaltire e riordinare il materiale utilizzato
IMPORTANTE:
- Mantenere un’adeguata igiene del cavo orale

Scheda 10
OSSIGENO TERAPIA :
PREPARAZIONE DEL MATERIALE
ED EVENTUALE EROGAZIONE

OBIETTIVI:
- Garantire che tutto il materiale necessario alla somministrazione dell’ossigeno
terapia sia completo e funzionante
L’OSS assicura solo la predispozione del materiale. Il resto della prestazione è di
responsabilità infermieristica. Si ricorda che l’Ossigeno è un farmaco per via inalatoria.
MATERIALE:
- Verificare che in ogni camera ci sia una presa per l’ossigeno
- Un flussometro
- Acqua bidistillata
- Tubo di raccordo tra il flussometro e la sonda nasale, maschera od occhialini
TECNICA:
- Informare il paziente
- Lavarsi le mani
- Riempire il flussometro fino al segno max con acqua bidistillata (l’acqua di
rubinetto rovina l’attrezzatura)
- Inserire il tubo di collegamento
- Applicare la mascherina o gli occhialini al paziente
- Aprire la valvola dell’erogatore solo su specifica indicazione infermieristica e
seguendo le indicazioni tassative sulla quantità da erogare (l/min O2)
IMPORTANTE
- Non erogare ossigeno senza precise indicazioni infermieristiche
- Riferire eventuali segni o sintomi di benefico per il paziente (scomparsa
dell’angoscia, viso colorato, ritmo respiratorio normale…)
- Avvisare l’infermiere in caso di malfunzionamento del flussometro e/o
eventualmente sostituirlo

Scheda 11
AREOSOLTERAPIA: PREPARAZIONE
ED EVENTUALE EROGAZIONE
L’UTILIZZO DELL’AREOSOL MEDICAMENTOSO E’ DA EFFETTUARE SU STRETTA INDICAZIONE
INFERMIERISTICA, PREVIA PRESCRIZIONE MEDICA

OBIETTIVI:
- Somministrazione dei farmaci per via respiratoria
- Umidificare le vie respiratorie
INDICAZIONI:
- Su stretta indicazione infermieristica
- Fluidificare le secrezioni polmonari
- Umidificare le alte vie respiratorie
MATERIALE:
- Manometro ad aria a seconda del tipo murale di presa della camera
- Nebulizzatore
- Boccaglio o mascherina naso bocca
- Acqua sterile o farmaci, su indicazione infermieristica, i farmaci devono essere stati
preparati dall’infermiere all’interno del nebulizzatore
- Reniforme
TECNICA:
- Informare il paziente
- Lavarsi le mani
- Montare il nebulizzatore o il manometro ad aria
- Mettere il paziente in posizione semiseduta
- Far soffiare il naso al paziente
- Mettere la maschera inspirare dal naso e d espirare dalla bocca
- Spiegare la manovra al paziente, dirgli di respirare normalmente:
- con la maschera, inspirare dal naso ed espirare dalla bocca
- con il boccaglio inspirare dalla bocca ed espirare dal naso
- far fare al paziente una inspirazione forzata ogni 20 inspirazioni
- Aprire l’aria fino a trasformare il liquido in un film nebulizzato
- In caso di tracheotomia dirigere l’imbocco verso la canula
- Aiutare il paziente a tenere l’attrezzatura se è troppo affaticato o impossibilitato
- Alla fine della cura riordinare il materiale
- Riposizionare il paziente
- Lavarsi le mani
TRASMISSIONI ALL’INFERMIERE:
- Comportamento ed atteggiamento del paziente
- Segni di alterazione respiratoria
- Malfunzionamento dell’apparecchiatura o del materiale
IMPORTANTE

- Prevedere questa prestazione lontano dai pasti


Scheda 12
PREPARAZIONE DEL MATERIALE PER ASPIRAZIONE
E SUPPORTO ALL’INFERMIERE
DURANTE LA MANOVRA

OBIETTIVI:
- L’OSS prepara il materiale e coadiuva l’infermiere
- Garantire che tutto il materiale necessario sia completo e funzionante
La prestazione di aspirazione è di competenza infermieristica
MATERIALE:
- Guanti sterili monouso
- Cateteri monouso in silicone n.14/16 o su indicazione dell’infermiere
- Apparecchio elettrico per aspirazione o set per aspirazione a muro da collegare
all’unità del paziente
- Tubi di connessione, raccordi a T
- Garze
- Spray o crema lubrificante
- Abbassalingua
- Soluzione sterile per pulizia
TECNICA:
- Lavarsi le mani
- Informare il paziente
- Aiutare l’infermiere a posizionare il paziente prima della manovra
- Collaborare con l’infermiere seguendo le sue indicazioni
- Al termine della manovra provvedere all’igiene del paziente se necessario
- Controllare la quantità e l’aspetto del materiale aspirato
- Provvedere al riordino e al ripristino del materiale usato
- Provvedere allo smaltimento del materiale aspirato nei rifiuti patologici
- Riordinare la stanza e posizionare il paziente
- Lavarsi le mani
TRASMISSIONI ALL’INFERMIERE:
- Mancanza del materiale per l’aspirazione
- Cattivo funzionamento dell’impianto
IMPORTANTE
- Controllare sempre la funzionalità del sistema di aspirazione

Scheda 13
COLLABORAZIONE NELLE MEDICAZIONI
OBIETTIVI:
- Aiutare l’infermiere nella preparazione del carrello, nel porgere il materiale, nel sorreggere il
paziente
INDICAZIONI:
- Medicazioni che necessitano della presenza di due operatori
- Pazienti troppo affaticati per mantenere la posizione adatta durante la medicazione
MATERIALE:
- L’OSS prepara il carrello con il materiale necessario per la medicazione, seguendo le
indicazioni infermieristiche
- Guanti monouso
TECNICA:
- Informare la persona
- Predisporre l’ambiente
- Lavarsi le mani
- A seconda della posizione della medicazione eseguire le cure igieniche necessarie
- Posizionare confortevolmente la persona nel letto. Mettere una spondina o una protezione se
necessaria
- Togliere i vestiti che intralciano la medicazione
- Rassicurare la persona
- Dopo l’esecuzione della medicazione, riordinare l’unità ed avvicinare il sistema di chiamata
- Lavarsi le mani
- Aiutare l’infermiere a riordinare e disinfettare il materiale utilizzato
IMPORTANTE:
- Mantenere l’asepsi, non toccando il materiale sterile con le mani, non passare con il braccio
sopra il materiale sterile aperto

Scheda 14
ESECUZIONE DI MEDICAZIONI SEMPLICI

Esempi: medicazioni a piatto, lesioni da pressione di primo e secondo grado, lesioni cutanee
superficiali (escoriazioni, abrasioni), flebiti venose post iniezioni endovenose,
alterazioni cutanee su cute integra (micosi, eritemi)
OBIETTIVI:
- Favorire il processo di guarigione di lesioni cutanee.
INDICAZIONI:
- La medicazione di lesioni cutanee da parte dell’OSS e’ su stretta indicazione
infermieristica, che indicherà i presidi da usare
- Presenza di lesioni cutanee superficiali
- La medicazione va rinnovata ogni qualvolta si presenti bagnata o umida, perché in
tali condizioni non è più barriera contro i microrganismi.
MATERIALE:
- Prima di procedere all’esecuzione della medicazione, verificare che sul carrello sia
presente tutto il materiale necessario:
- Guanti
- Reniforme
- Garze e batuffoli di cotone sterili, bende, garze non sterili
- Disinfettante (la scelta del disinfettante da usare è fatta dall’infermiere; alcuni
pazienti possono essere allergici allo iodio)
- Meteriale per lesioni da pressione secondo indicazioni delle Linee Guida aziendali
- Prodotto topico prescritto (es. pomata di eparinoide)
TECNICA:
- Informare il paziente
- Effettuare il lavaggio antisettico delle mani ed indossare i guanti monouso
- Rimuovere cerotti e garze in modo non traumatico (bagnando la parte adesiva della
medicazione con soluzione fisiologica, staccare il cerotto dalla cute
accompagnando il distacco della medicazione dalla cute e non strappare mai il
cerotto onde evitare ulteriori lesioni cutanee)
- Sostituire i guanti, indossare i guanti sterili
- Osservare la ferita e la cute circostante chiedendo eventualmente la valutazione
dell’infermiere
- Proseguire con la disinfezione della ferita, detergendo con tampone imbevuto di
antisettico partendo sempre dall’interno e dirigendosi verso l’esterno, solamente per
un passaggio, poi verrà sostituito
- Coprire la ferita con garze e tamponi sterili e fissare con cerotti e bende (idonei al
tipo di cute del paziente)
- Se si applicano pomate topiche, provvedere ad applicarne un leggero strato sulla
parte interessata (con o senza massaggio a seconda della indicazione
infermieristica). Successivamente posizionare eventuale retina di fissaggio sopra le
bende
- Togliere i guanti, smaltire il materiale, lavarsi le mani
- Registrare nella scheda l’avvenuta medicazione e riferire all’infermiere (sede della
lesione, aspetto, modalità e frequenza)

TRASMISSIONI:
- Effettuazione della prestazione
- Stato della cute
- Segni riferiti dal paziente (dolore, calore, bruciore, prurito)
- Riposizionare il paziente
- Riordino del materiale

Scheda 15
ESECUZIONE DELLA TRICOTOMIA
OBIETTIVI

- Depilazione della cute tramite rasoi monouso, clipper (rasoio elettrico)
INDICAZIONI
- Su indicazione infermieristica per migliorare la visione del campo operatorio
STRUMENTI
- Rasoio: valido come strumento, ma causa microlesioni cutanee in cui colonizzano
microrganismi patogeni nell’intervallo di tempo tricotomia-intervento chirurgico
- Rasoio elettrico o clipper: riducono il rischio di lesioni cutanee ma possono non consentire
un’adeguata rasatura della zona
- Tempi di esecuzione: in caso di intervento programmato si esegue il più vicino possibile al
momento dell’intervento. In caso di intervento d’urgenza, va eseguita immediatamente
prima di scendere in sala operaoria o sala di radiologia diagnostica.
MATERIALE
- Guanti monouso
- Clipper elettrico o rasoio monouso per tricotomia
- Forbice
- Schiuma da barba o sapone liquido
- Reniforme
- Telino o asciugamano pulito
- Garze sterili ed antisettico (clorexidina)
TECNICA
- Spiegare alla persona la procedura e le motivazioni, fargli assumere una posizione comoda
- Effettuare il lavaggio delle mani ed indossare i guanti
- Esporre la zona da radere ed ispezionare lo stato cutaneo, accertandosi che la cute sia
integra, proteggendo l’intimità della persona con teli e coperture
- La zona da radere varia in base al tipo d’intervento, deve essere indicata dall’infermiere
- Inumidire ed insaponare l’area da radere
- Eseguire la tricotomia con movimenti rapidi e decisi con passaggi sovrapposti
- Detergere e sciacquare bene la zona
- Asciugare la zona tamponando
- Disinfettare la zona con garze ed antisettico
- Pulire il materiale usato, eliminando il rasoio monouso o lama del rasoio elettrico
nell’apposito contenitore per aghi e taglienti
TRASMISSIONI
- Presenza d’alterazioni cutanee tipo lesioni, eritemi, o arrossamenti
REPORT PROGETTO “RIORGANIZZAZIONE DELL’ATTIVITA’ DI DEGENZA”
A3_10 Integrazione Infermiere e Oss nelle u.o. di Medicina
21
- Difficoltà o impossibilità all’esecuzione della procedura (es. persona non collaborante o con
gravi lesioni cutanee)
- Stato di cura ed igiene della persona

Scheda 16
ESECUZIONE DELLO STICK GLICEMICO

Misurazione attraverso apparecchio elettronico (reflettometro) che fornisce lettura digitale della
concentrazione del glucosio ematico espresso in mg/dl, attraverso una goccia di sangue prelevata
dal polpastrello della mano del paziente.
OBIETTIVI:
- Rilevazione della concentrazione di glucosio in modo rapido
INDICAZIONI:
- Su diretta indicazione Infermieristica. L’esecuzione dello stick glicemico è
comunque un’attività prevista per l’Oss Specializzato e attualmente non è stato
ritenuto opportuno affidarla all’Oss se non in casi eccezzionali ed extraroutine,
conformemente alle direttive dell’infermiere e sotto sua supervisione)
MATERIALE:
- Guanti monouso
- Materiale per la disinfezione (cotone , disinfettante)
- Lancetta monouso
- Apparecchio per la lettura del valore glicemico con apposita striscia reattiva
TECNICA:
- Informare il paziente e spiegare la prestazione che stiamo per fare
- Indossare i guanti
- Accendere l’apparecchio per la lettura della glicemia e seguire le istruzioni che
compaiono sullo schermo dello stesso
- Prelevare la striscia reattiva ed inserirla nell’ apposito supporto che troviamo
nell’ apparecchio dopo segnalazione di questo
- Disinfettare ed asciugare bene il polpastrello dell’utente prima di effettuare la
puntura nella zona laterale esterna dello stesso
- Premere delicatamente il dito fino ad ottenere una sufficiente goccia di sangue
per coprire totalmente l’area reattiva della striscia
- Tamponare il punto della puntura
- Attendere il risultato che comparirà sullo schermo dell’apparecchio ed annotarlo
dove proposto dall’infermiere
- Comunicare all’infermiere il risultato
- Riordinare i presidi usati avendo cura che il reflettometro sia adeguatamente pulito
N.B. Per evitare errori di rilevazione del dato
- Verificare che il numero del codice della striscia reattiva corrisponda al numero che
compare sullo schermo dell’apparecchio
- Osservare le indicazioni riportate dalla casa costruttice del reflettometro
- Disinfettare e asciugare con cura il polpastrello prima di pungere, il disinfettante
stesso può alterare il dato

Scheda 17
POSIZIONAMENTO DELLA PERSONA
ALLETTATA E/O PARZIALMENTE AUTOSUFFICIENTE

OBIETTIVO:
- Prevenire contratture
- Piede equino
- Prevenzione extra rotazione dell’anca
- Mantenimento della forza muscolare e del movimento articolare
- Prevenzione lesioni da pressione
INDICAZIONI:
- Su indicazione dell’infermiere al momento del passaggio delle consegne: si segnala all’OSS
le persone con patologie invalidanti la mobilità e/o parzialmente autosufficienti
MATERIALI:
- Cuscini
- Archetto alzacoperte
- Materasso ad aria
- Lenzuola e/o asciugami per facilitare il posizionamento
- Presidi anti-decubito
- Sollevatore
TECNICA:
- Dopo aver eseguito l’igiene della persona, si posiziona secondo lo schema di
posizionamento concordato con l’infermiere. Si suggerisce lo schema minimo standard di
mobilizzazione di re volte durante la giornata:
1. Prima di colazione
2. Prima del pranzo
3. Prima della cena
- Vigilare che il posizionamento indicato sia adeguato e confortevole e faciliti la respirazione
e la circolazione sanguigna.
- Trasmissione all’infermiere del tipo di posizionamento della persona, se questa presenta
anomalie (cutanee, del respiro, del sensorio, ecc.)
In caso di persona parzialmente autosufficiente:
- Spiegare l’intervento che verrà attuato, rassicurando e chiedendo la sua collaborazione
spiegando l‘obiettivo della manovra di posizionamento
- Far sedere la persona a bordo letto con l’ausilio di cuscini, assicurandosi che la persona
respiri adeguatamente, non presenti pallori e/o segnali di disagio o malessere
- Successivamente posizionare la persona su di una poltroncina o carrozzina
- Fornire il campanello e tornare successivamente per verificare se la posizione continua ad
essere confortevole o se al contrario la persona manifesta sofferenza e/o stanchezza
- Trasmissione all’infermiere di come la persona ha reagito e se ha collaborato durante la
mobilizzazione

Scheda 18
COMPOSIZIONE DELLA SALMA

OBIETTIVO :
- Rispettare la dignità e il credo del defunto e della famiglia
- Effettuare le ultime cure igieniche al defunto
INDICAZIONI:
- Seguire le procedure religiose e sanitarie in vigore in azienda
MATERIALE:
- Carrello utilizzato per effettuare l’igiene (biancheria e detergenti-disinfettanti)
- Carrello per la biancheria sporca
- Carrello per i rifiuti infettivi e non
- Reniforme
- Forbice
- Pinza
- Bisturi
- Garze
- Cotone
- Siringa da 10 ml
- Cerotti
TECNICA:
- La salma deve essere spostato in una stanza abilitata alla composizione delle salme
- Togliere eventuali drenaggi, infusioni cateteri, medicazioni
- Effettuare una toilette di pulizia
- Rimuovere tutta la biancheria del letto, riposizionando un lenzuolo pulito sopra il matersso
- Applicare cotone negli orifizi se necessario
- Chiudere gli occhi della salma ed inumidire delle garze e porle sulle palpebre
- Porre la salma in posizione supina
- Avvolgere la testa con una benda per mantenere la bocca chiusa ed evitare la caduta della
mandibola
- Avvicinare le mani al petto
- Coprire il corpo con un lenzuolo
- Eseguire l’inventario degli effetti personali e consegnarli ai parenti; in mancanza di questi
ultimi riporli in una scatola sigillata, segnalando nome e cognome, depositandola nel
magazzino appositamente adibito.
- Riordinare i presidi usati e segnalare la pulizia e disinfezione della stanza alla ditta esterna
competente.
N.B. In caso di oggetti di valore e/o protesi di qualsiasi tipo riporli in un cassetto chiuso a chiave
segnalando in consegna la locazione degli effetti personali del defunto o l’eventuale consegna degli
stessi.
La salma sarà accompagnata all’obitorio circa dopo 2 ore dopo il decesso.
Agire con tatto e discrezione con la famiglia.

Scheda 19
COLLABORAZIONE CON L’INFERMIERE
NELL’ESECUZIONE DELLA PARACENTESI
OBIETTIVI:

- Garantire il benessere fisico della persona attraverso l’eliminazione del liquido ascitico
dalla cavità addominale
INDICAZIONI:
Il ruolo dell’OSS in azione è quella di preparare e riordinare il materiale e di coadiuvare
l’infermiere nell’esecuzione della manovra, da effettuarsi su prescrizione e controllo medico
MATERIALE:
Carrello delle medicazioni provvisto di:
- Set paracentesi
- Aghi
- Siringhe
- Garze
- Cerotti
- Anestetico locale spray e lidocaina
- Guanti sterili e non
- Vasi per raccolta del liquido ascitico
- Cuscino
- Telini sterili e non
- Accertarsi della disponibilità dell’ecografo (se disponibile i reparto)
- Lenzuola e cerata
TECNICA:
- Informare e tranquillizzare la persona della manovra invasiva che verrà eseguita dal medico
- Preparare il letto con utilizzo di una cerata e un lenzuolo
- Posizionare la persona sul bordo del letto sul fianco sinistro supportato da un cuscino
- Sorvegliare la qualità e la quantità del liquido raccolto e sostituire il contenitore
Segnalare all’infermiere eventuali dolori addominali, collasso vascolare della persona e la
quantità e la qualità del liquido ascetico drenato
- Accertarsi che il paziente sia in posizione confortevole
- Riordino e ripristino dei presidi utilizzati

Scheda 20
COLLABORAZIONE CON L’INFERMIERE
IN CASO DI URGENZA

OBIETTIVI :
- Rendere agevoli ed efficaci le manovre di urgenza
INDICAZIONI :
- Situazioni di urgenza-emergenza delle condizioni cliniche dei pazienti
TECNICA :
- Portare il carrello urgenze tempestivamente nel posto dove si è verificata la
situazione di urgenza-emergenza, in base all’indicazione dell’inermiere
- Portare anche il monitor e l’aspiratore
- Invitare gli altri utenti autosufficienti ad accomodarsi in soggiorno
- Sgombrare la stanza rendendola più agevole per le manovre di rianimazione
- Verificare che aspiratore e ossigeno-terapia siano funzionanti e completi dei presidi
necessari
- Eventuale trasporto tempestivo di esami ematochimici e/o richieste per
emotrasfusione
- Rimanere a disposizione a secondo dell’urgenza su indicazione dell’infermiere
- Al termine dell’urgenza riordinare la stanza e i presidi utilizzati
- Provvedere alla detersione-disinfezione-sterilizzazione dell’ambu eventualmente
utilizzato, in base alle indicazioni della casa costruttrice e delle indicazioni
infermieristiche

Scheda 21
COLLABORAZIONE CON L’INFERMIERE
NELL’ISOLAMENTO DEL PAZIENTE

OBIETTIVI:
- Proteggere l’utente dal rischio di infezioni nosocomiali
- Evitare che un utente contagioso trasmetta germi patogeni all’ambiente ed ad altri utenti
INDICAZIONI:
Su indicazioni dell’infermiere e del medico
- Persona altamente contagiosa
- Persona immunocompromessa e/o a rischio di infezione
N.B. le vie di trasmissione delle infezioni sono:
- Aerea es. ( T.B.C. , varicella , morbillo)
- Sangue es.( epatite C-B-H.I.V.)
- Orofecale (salmonella, scabbia )
- Cutanea (pediculosi)
MATERIALE:
- Camera singola
- Camici monouso
- Mascherine
- Copricalzari
- Guanti
- Contenitori rifiuti e/o biancheria infetta
TECNICA:
- Il materiale di protezione deve essere posto presso la porta d’accesso della stanza
d’isolamento
- Entrare nella stanza con i presidi di protezione elencato cercando di organizzare e
raggruppare le prestazioni
- Lavarsi le mani prima e dopo essere venuti a contatto con la persona in isolamento
- Limitare le visite ed informarle dei presidi necessari da utilizzare per accedere alla stanza,
sorvegliando circa il loro rispetto. Limitare l’introduzione di oggetti personali
provenientidall’esterno e portati dai visitatori
- L’OSS deve occuparsi del ripristino e riordino dei presidi monouso e dell’ adeguato
smaltimento degli stessi
- E’ raccomandato un cambio giornaliero della biancheria del letto della persona
IMPORTANTE
- Importante ricordare che l’ efficacia della mascherina è al massimo di 3 ore e comunque va
cambiata se si bagna
- Eventuale osservanza di schema dietetico apposito per pazienti immunodepressi (vedi dieta)

Scheda 22
INVIO DEL MATERIALE ALLA CENTRALE DI
STERILIZZAZIONE

OBIETTIVI: Decontaminare e pulire gli strumenti metallici e/o in plastica riutilizzabili prima
della sterilizzazione
MATERIALE:
- Decontaminante per ferri chirurgici (ACTIZYME ® [2004] o attenersi a prodotti stabiliti dalla
farmacia)
- Disinfettante
- Guanti non sterili
- Contenitori forniti dalla ditta adibita alla sterilizzazione per l’invio del materiale
- N.B. Per alcuni presidi esistono diverse tecniche di sterilizzazione a seconda del materiale di
cui sono composti, quindi è necessario informarsi per le procedure di decontaminazione ed
invio alla sterilizzazione dagli infermieri
- Per inviare il contenitore occorre riporlo presso il punto smistamento dell’unità operativa
(attualmente entro entro le ore tredici), con annesso il modulo di invio materiale alla ditta,
debitamente compilato. Verrà riconsegnato nel tardo pomeriggio o la mattina seguente.
TECNICA:
- Immergere gli strumenti in soluzione disinfettante per la durata minima di dieci minuti
- Procedere quindi ad un accurata pulizia dei strumenti usati con l’utilizzo di un prodotto
decontaminante
- Sciacquare con abbondante acqua corrente e procedere nella preparazione del contenitore
versando 40 ml per litro d’acqua di clorexide s ed immergere gli strumenti
- Chiudere il contenitore ermeticamente
- Compilare l’apposita modulo di invio (scheda ottica)
- Portare il contenitore con l’apposito modulo nel punto destinato allo smistamento
TRASMISSIONE ALL’INFERMIERE:
L’OSS informa della presenza di materiale rotto e/o alterato da sostituire o eventualmente eliminare
Al momento dell’arrivo del materiale sterilizzato è necessario verificare la presenza dell’effettivo
numero di strumentazione precedentemente inviato. Nel caso dovesse mancare del materiale
chiamare la centrale di sterilizzazione (telefono 8277) comunicando il codice del contenitore.

Scheda 23
COLLABORAZIONE NELLA CATETERIZZAZIONE
VESCICALE NELL’UOMO E NELLA DONNA

OBIETTIVO:
- Facilitare tale manovra sull’utente supportando l’infermiere.
INDICAZIONI:
Il ruolo dell’OSS in questa prestazione è di preparare e riordinare il materiale e di
collaborare con l’infermiere
MATERIALE:
Carrello delle medicazioni provvisto di:
- Guanti sterili e non
- Occorrente per l’igiene
- Disinfettante (iodoforo, clorexidina)
- Garze sterili
- Siringa da 10 e 20 ml senza ago
- Fisiologica
- Lubrificante anestetico locale sterile, in confezione integra (Luan ® [2004])
- Cateteri vescicali di varie misure in silicone e/o lattice
- Sacchetti diuresi
- Supporto reggi sacchetto diuresi
TECNICA:
- Informare la persona della manovra che stiamo per fare
- Posizionare la persona supina con gambe divaricate e flesse
- Eseguire l’igiene intima
- L’OSS esegue disinfezione su indicazioni dell’infermiere del meato urinario esterno
dall’alto verso il basso per la donna più di una volta, avendo cura di cambiare le garze con
il disinfettante; per l’uomo si abbassa il prepuzio scoprendo il glande disinfettando
dall’interno verso l’esterno più volte
- L’OSS passa il lubrificante all’infermiere
- L’infermiere si predispone con i guanti sterili mentre l’OSS passa il catetere con il calibro
precedentemente indicato dall’infermiere e già collegato al sacchetto per raccolta diuresi
che procede all’inserimento dello stesso
- L’OSS procede inserendo la siringa precedentemente preparata con fisiologica 10cc
nell’apposita via gonfiando il palloncino d’ ancoraggio
- Riposizionare l’utente e porre il sacchetto di raccolta diuresi nell’apposito supporto al
bordo letto
- Riordinare i presidi usati

Scheda 24
RACCOLTA URINE DELLE 24 ORE

OBIETTIVI:
- Conoscere la quantità di diuresi emessa da una persona durante un tempo prestabilito,
generalmente 24 ore
INDICAZIONI:
Su indicazione infermieristica per motivi:
- diagnostici o di sorveglianza di un trattamento e/o evoluzione di una patologia
- per l’esecuzione di esami di laboratorio
MATERIALE:
- Guanti
- Recipiente graduato con coperchio (segnalando nome e cognome dell’utente e se necessario
l’ora d’inizio della raccolta urine)
- Padella o pappagallo per la raccolta
TECNICA
Nel paziente autosufficiente o collaborante:
- Spiegare la prestazione al paziente e assicurarsi che abbia compreso. Informare
anche i familiari della raccolta per evitare che siano gettate delle urine nell’arco della
giornata
- Nel primo mattino far urinare il paziente utilizzando la padella, il pappagallo o la
comoda se necessario (ad es. nel paziente non deambulante) ed eliminare le urine
della prima minzione
- Annotare l’ora
- Conservare tutte le urine seguenti nel recipiente chiuso, graduato e contrassegnato
dai dati anagrafici del paziente, compresa la prima minzione del mattino successivo;
- Dopo le 24/h misurare la quantità totale ed annotarla
- Prima di svuotare il vaso annotare la quantità della diuresi per poi lavarlo e
disinfettarlo prima di riconsegnarlo
- Riportare il dato della diuresi in grafica o dove indicato dall’infermiere
Nel paziente con catetere vescicale:
- Iniziare la nuova raccolta delle urine del primo mattino segnando l’orario
- Svuotare la sacca il mattino successivo alla stessa ora e, se necessario, nell’arco della
giornata nell’apposito recipiente
- Dopo le 24/h misurare la quantità totale ed annotarla;
- Svuotare il recipiente o raccogliere un campione (riportando la quantità della diuresi)
a seconda delle indicazioni dell’infermiere.
· In entrambi i casi annotare ed informare il paziente di eventuale presenza di conservanti (es.
acido cloridrico o bicarbonato di sodio) all’interno del recipiente per evitare irritazioni
cutanee o lesioni al paziente. Nel caso di raccolta per porfirine, ricordarsi di mantenere il
recipiente e i relativi campioni al buio (avvolti nella stagnola).
TRASMISSIONI
Trasmissioni all’infermiere:
- Perdita di urine (il paziente può inavvertitamente avere urinato nel WC o insieme alla
scarica)
- Se presente dolore alla minzione
- Annotare la diuresi sulla grafica o dove preposto
- Aspetto delle urine: colore, quantità
IMPORTANTE
- Assicurarsi che la persona abbia compreso cosa deve fare
- Spiegargli che se deve scaricare, prima deve urinare e raccogliere la diuresi
- Assicurarsi che non ci sia stata una perdita di urine

Scheda 25
SVUOTAMENTO DI UNA SACCA
PER LA RACCOLTA URINE

OBIETTIVI
- Svuotare una sacca delle urine, collegata ad un catetere vescicale a circuito chiuso o
aperto limitando al minimo le manipolazioni per evitare l’insorgenza di infezioni.
MATERIALE
Sul carrello disinfettato:
- Guanti non sterili monouso
- Un recipiente per raccogliere le urine oppure una sacca urine
- Sacca urine per circuito aperto e/o circuito chiuso
- Su indicazione dell’infermiere, valutare l’uso di dispositivi di protezione individuale
(mascherina con visiera o occhiali, copricamice).
TECNICA
_ Sacca a circuito chiuso
- Lavarsi le mani
- Indossare i guanti monouso
- Informare la persona
- Chiudere il circuito
- Prendere visione della quantità di urine
- Posizionare il raccoglitore per le urine (o la sacca urine monouso) a terra e a fianco della
sacca raccolta urine
- Aprire il dispositivo di scarico
- Svuotare il contenuto della sacca
- Chiudere il dispositivo di scarico.
- Riapplicare la sacca al supporto di tenuta
- Eliminare le urine:
o svuotandole nell’apposito recipiente corrispondente al paziente nel caso in cui debba
effettuare una raccolta delle 24/h
o in vuotatoio nel caso in cui possano essere subito smaltite
- Togliere i guanti
- Lavarsi le mani
- Registrare la quantità di urine nella grafica o dove preposto dall’infermiere
_ Sacca a circuito aperto
- Lavarsi le mani
- Indossare i guanti monouso
- Informare la persona
- Sraccordare la sacca dal catetere cercando di mantenere la massima sterilità (se necessario
aiutarsi con una garza sterile) e impedendo la fuoriuscita di urine dal catetere raccordato
(eventulamente piegare leggermente il catetere)
- Collegare una nuova sacca di raccolta osservando la massima sterilità nel raccordarla
- Eliminare le urine:
o svuotandole nell’apposito recipiente corrispondente al paziente nel caso in cui debba
effettuare una raccolta delle 24/h
o in vuotatoio nel caso in cui possano essere subito smaltite
- Togliere i guanti
- Lavarsi le mani
- Registrare la quantità di urine nella grafica o dove preposto dall’infermiere
TRASMISSIONI
Trasmissioni all’infermiere:
- Quantità ed aspetto delle urine
- Eventuali segni e sintomi riferiti dalla persona
- L’integrità del sistema
IMPORTANTE
- Evitare di contaminare il sistema di raccolta cercando di mantenere la massima sterilità
- La sacca di raccolta delle urine deve sempre trovarsi a livello più basso della vescica (se
priva di sistema antireflusso come nella sacca a circuito aperto)
- Verificare che i tubi non siano piegati o schiacciati dal paziente o da qualche oggetto
- Prima di gettare le urine verificare se è in corso una raccolta delle 24/h

INFORMAZIONI A PROPOSITO DI:
RACCOLTA ESAME URINE STANDARD
- Deve essere effettuato preferibilmente sul campione della prima minzione del mattino,
perché essendo la prima urina del mattino più concentrata, facilita la rilevazione di anomalie
- Nel caso la persona presenti catetere vescicole, si preleva il campione in modo sterile dopo
aver clampato il catetere per circa 30 min
- Il campione deve essere inviato subito al laboratorio, in caso contrario deve essere
refrigerato (+4°C), dopo la raccolta. Se lasciato a temperatura ambiente, l’urina diventa
alcalina a causa della contaminazione dei batteri che degradano l’urea
URINOCOLTURA
- Tale esame consente di identificare la presenza di microbi responsabili del quadro infettivo
associato all’individuazione di chemioterapici sensibili
- Effettuare un’accurata igiene dei genitali con acqua e detergente, poi disinfettare la zona con
antisettico
- Nel paziente autosufficiente _ raccolta del mitto intermedio: raccogliere in un contenitore
sterile le urine della minzione centrale avendo particolare attenzione di non contaminare i
bordi sia esterni che interni del recipiente (che deve rimanere sterile)
- Nel paziente non autosufficiente o incapace di contenere le urine per es. per patologie
addominali o in seguito ad interventi chirurgici _ cateterismo estemporaneo: si rende
necessaria l’introduzione del catetere vescicale monouso nel meato uretrale e tale
permanenza è limitata alla raccolta di urine per l’esame batteriologico
- Nel paziente con catetere vescicale _ si campa il catetere con l’apposito morsetto per circa
30 min (valutando anche le condizioni di diuresi del pz.), quindi si effettua il prelievo del
campione in modo sterile:
o tramite sraccordo del catetere al sistema di raccolta
o tramite prelievo (previa disinfezione del sito) dall’apposito gommino
- Inviare il campione al laboratorio di microbiologia con apposita richiesta e nel caso in cui
l’invio non sia tempestivo, mantenere il campione a temperatura di +4°C.

Scheda 26
PREPARAZIONE NELL’ESECUZIONE
DEL CLISTERE DI PULIZIA

OBIETTIVI:
- Liberare l’ultimo tratto intestinale dal materiale fecale
INDICAZIONI:
Il ruolo dell’ OSS in questa prestazione è quello di preparare e riordinare il materiale, di coadiuvare
l’infermiere nell’esecuzione del clistere.
- Il clistere va praticato su prescrizione medica, o su specifico protocollo
assistenziale in caso di: stipsi, alcuni tipi di interventi chirurgici, prima di alcuni
esami radiologici o strumentali a livello addominale
MATERIALI:
- Irrigatore per la somministrazione della soluzione
- Tubo di connessione
- Sonda rettale
- Soluzione evacuante (attenersi ad indicazioni dell’infermiere: es. glicerina …)
- Pomata lubrificante
- Garze
- Guanti non sterili
- Padella o comoda se necessario
- Materiale per l’esecuzione di igiene intima
- Nella pratica assistenziale si possono utilizzare delle perette monouso con soluzione
già pronta
TECNICA:
- Eseguire un lavaggio antisettico delle mani
- Preparare tutto l’occorrente per effettuare la manovra
- La soluzione da usare deve avere una temperatura pari a 37-38°C e la quantità del
liquido da introdurre può variare da 500 a 1200 ml.
- Assicurare la privacy ed informare il paziente
- Riempire il tubo di irrigazione e la sonda di irrigazione facendo quindi uscire l’aria
- Proteggere il letto con una cerata
- Porre il soggetto in decubito laterale sinistro con gamba flessa se non
controindicato
L’esecuzione del clistere è di competenza infermieristica, con la consapevolezza che,
nonostante la naturalità della via di comunicazione, la manovra di inserimento della
sonda rettale non è scevra da rischi e complicanze derivanti da un’esecuzione scorretta.
In caso di clistere a pressione con l’irrigatore e la sonda l’ infermiere quindi dovrà:
o indossare i guanti e lubrificare la sonda per circa 10 cm
o inserire delicatamente la sonda nel retto per 5 cm in direzione
dell’ombelico, quindi aprire il morsetto e lasciar scorrere un po’ di
liquido, procedendo all’inserimento della sonda per altri 5 cm.
o introdurre il liquido lentamente e se il soggetto accusa dolori sospendere
l’irrigazione per qualche secondo.
o arrestare il flusso con il morsetto prima del termine del liquido in modo
da non favorire l’entrata di aria
o invitare il soggeto a trattenere la soluzione per circa 5-10 min.
In caso di peretta a bassa pressione l’infermiere quindi dovrà:
o indossare i guanti e lubrificare il beccuccio della peretta o della sonda ad
essa collegata
o posizionare il paziente come precedentemente indicato
o inserire delicatamente il beccuccio o la sonda ll’interno dello sfintere
anale
o svuotare la peretta con una pressione costante ed invitare il paziente a
trattenere il liquido
- Posizionare la padella (o pannolone) e/o accompagnare il paziente in bagno
(eventualmente in comoda se non autosuffiente) assistendelo adeguatamente
(possibili cali pressori)
- In caso di anomalie nelle feci avvisare tempestivamente l’infermiere
- Riordinare il letto ed eseguire l’igiene intima se il paziente non è in grado di
provvedere da solo
- Annotare in grafica se il clistere ha fatto effetto o meno e segnalarlo all’infermiere
TRASMISSIONI ALL’INFERMIERE:
- Efficacia o meno della prestazione
- Quantità e caratteristiche delle feci
- Presenza di dolore addominale
- Presenza di reazioni del paziente a seguito della prestazione (sudorazione,
tachicardia, alterazioni del respiro)
IMPORTANTE :
- Il clistere non deve mai essere effettuato in posizione di ortostatismo (in piedi)
- Rispettare sempre la privacy e la sensibilità dell’individuo
- Nell’esecuzione del clistere l’OSS collabora solo nella preparazione del materiale e
nell’igiene del paziente, non nell’esecuzione della prestazione

Scheda 27
PRELEVAMENTO DEL MATERIALE FECALE

OBIETTIVI
- Raccogliere il materiale fecale per la ricerca di parassiti, batteri, sangue o di altre
sostanze o per l’esecuzione di esami (es. coprocoltura)
MATERIALE
Sul carrello disinfettato:
- Contenitore sterile con nome, cognome,unità operativa, data
- Guanti monouso non sterili
- Padella o comoda
- Materiale per eventuale igiene
TECNICA
- Informarela persona. Chiedergli di suonare il campanello quando ha bisogno di defecare
- Lavarsi le mani
- Far urinare il paziente prima della defecazione
- Posizionare la padella o la comoda
- Durante la defecazione assicurare la privacy
- Indossare i guanti
- Rimuovere la padella o la comoda
- Prelevare il materiale e introdurlo nel contenitore senza toccare con le dita né il bordo
del contenitore, né l’interno del coperchio, poiché sono sterili
- Assicurarsi della perfetta chiusura del coperchio
- Se necessario effettuare una toilette genitale
- Togliersi i guanti e lavarsi le mani
- Annotare il prelievo del campione sulla grafica o dove preposto
- Inviare il contenitore al laboratorio verificando dapprima l’etichetta con l’esatto nome e
cognome della persona
TRASMISSIONI
- Effettuazione della prestazione e orario
- Caratteristiche delle feci

INFORMAZIONI A PROPOSITO DI:
SANGUE OCCULTO

- E’ la raccolta delle feci per la ricerca di tracce occulte di sangue. E’ usato un apposito
contenitore (vedi). Dopo aver indossato i guanti, si deve intingere in più punti nel materiale
fecale il pistillo del contenitore, raccogliendo tracce fecali attorno alla parte seghettata dello
stesso. Assicurarsi della perfetta chiusura del tappo e inserirlo nell’apposito sacchetto
plastificato. Inviarlo al più presto al laboratorio, altrimenti conservarlo in frigorifero.

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu