Crea sito

Da 261 a 280 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Da 261 a 280

I quiz dei concorsi delle ASL 3° parte > Regione Sardegna > Asl 8 Cagliari > Da 201 a 300

Sezione in fase di discussione

Nota bene: Le risposte ai quiz sono frutto del lavoro di gruppo dei collaboratori di questo sito ABC OSS.
Considerata l'ambiguità e/o inesattezza di alcuni quiz, esiste la possibilità , seppur minima,
che alcune risposte siano discordanti da quelle ufficiali della ASL.
Decliniamo quindi ogni responsabilità in merito, ma siamo disponibili alla discussione. Grazie!

Per eventuali segnalazioni inviate una mail a  abcossblog@tiscali.it



261 COSA INDICA L’ACRONIMO RCP?


1) Respirazione Cardio Polmonare

2) Rianimazione Cardio Polmonare

3) Riabilitazione Cardiopolmonare
www.biancofrancesco.altervista.org

262 QUALE DELLE SEGUENTI CATEGORIE DI PERSONE HA IL MINOR RISCHIO DI CONTRARRE UN’INFEZIONE DELLE VIE URINARIE?

1) Le donne

2) Gli uomini

3) I bambini
Le infezioni delle vie urinarie (IVU) sono fra le più frequenti infezioni umane ed insieme a quelle dell'apparato respiratorio, costituiscono una delle affezioni di più comune riscontro nella pratica medica . Sono anche al primo posto fra le infezioni nosocomiali.
La via d'ingresso canalicolare è di gran lunga la più frequente e per ovvie ragioni anatomiche (brevità dell'uretra, con sbocco in vicinanza della vagina e dell'ano), il sesso femminile è quello maggiormente predisposto.
Fattori che predispongono alle IVU
Età
Sesso femminile
Diabete
Gravidanza
Reflusso vescico-ureterale
Stasi urinaria (malformazioni, IPB, vescica neurologica, stenosi uretrali o ureterali, calcoli, ecc.)
Corpi estranei nelle vie urinarie (anche calcoli)
Manovre strumentali nelle vie urinarie
Rapporti sessuali
Contraccettivi intrauterini, creme spermicide
Errate abitudini minzionali
Irregolarità dell'alvo

www.biancofrancesco.altervista.org


263 QUALI SONO I VALORI NORMALI DI PRESSIONE ARTERIOSA IN UN SOGGETTO ADULTO A RIPOSO?

1) 120/70 mmHg

2) 140/80 mmHg

3) 100/60 mmHg

La pressione arteriosa è normale quando il valore sistolico è inferiore a 140 mmHg e quello diastolico inferiore a 90 mmHg.
Ideali per la salute sono però valori inferiori a 130/85 mmHg. «mm Hg» significa «millimetri della colonnina di mercurio», l’unità di misura dei valori pressori.
Gli specialisti suddividono i valori pressori normali nelle seguenti categorie:

Pressione ottimale inferiore a 120 mmHg (valore sistolico)     inferiore a 80 mmHg (valore diastolico)
Pressione normale 120 mmHg a 129 mmHg (valore sistolico) 80 mmHg a 84 mmHg(valore diastolico)
Pressione normale alta 130 mmHg a  139 mmHg(valore sistolico) 85 mmHg a 89 mmHg (valore diastolico)


264 NEL PAZIENTE CON DIFFICOLTÀ RESPIRATORIA SONO PRESENTI:

1) Solo alterazioni di polso

2) Solo alterazioni della pressione sanguigna

3
) Sia alterazioni di polso che alterazioni della pressione sanguigna

265 QUAL È LA PRIMA COSA DA FARE IN CASO DI FOLGORAZIONE?

1) Coprire l’infortunato con una coperta e dargli da bere

2) Allontanare l’infortunato dalla corrente con l’ausilio di materiale isolante

3) Staccare subito l’infortunato dalla corrente afferrandolo con il palmo delle mani

266 IL LACCIO EMOSTATICO NORMALMENTE VIENE UTILIZZATO:

1) A monte di un flusso emorragico per contenere o arrestare la perdita del sangue

2) A valle di un flusso emorragico per contenere o arrestare la perdita del sangue

3) Sopra il punto da dove avviene la perdita del sangue



267 CON IL TERMINE STIPSI SI INTENDE:

1) Mancata evacuazione quotidiana

2) Mancata evacuazione ogni 4/5 giorni

3) Mancata evacuazione ogni 2/3 giorni

268 CHE COSA SI INTENDE PER BURN OUT?

1) Sindrome da stanchezza cronica

2) Atteggiamento propositivo e attivo verso l’attività assistenziale

3) Sindrome di esaurimento emozionale, di spersonalizzazione e di riduzione delle capacità personali e lavorative

269 LA TETRAPLEGIA È LA:

1) Paralisi di tre arti

2) Paralisi dei due arti inferiori

3
) Paralisi di quattro arti

270 COME SI MONITORA LA FUNZIONE RESPIRATORIA?

1) Rilevando il polso

2) Rilevando la presenza o meno di estensioni toraciche

3) Osservando il colorito cutaneo
www.biancofrancesco.altervista.org

271 I NUTRIENTI O PRINCIPI NUTRITIVI PERMETTONO ALL'ORGANISMO DI OTTEMPERARE ALLA FUNZIONE:

1) Esclusivamente energetica e regolatrice

2) Energetica, plastica, regolatrice, protettiva

3) Nessuna funzione in particolare

272 LA “REGOLA DEL 9” DELLE USTIONI SERVE A VALUTARE:

1) La profondità dell’ustione

2) L’estensione dell’ustione

3) La profondità e l’estensione dell’ustione

273 LAVORANDO CON EXCEL, IN QUALE POSIZIONE DEVE ESSERE INSERITO IL SEGNO DELL'UGUALE (=) ALL'INTERNO DI UNA FORMULA?

1) All'inizio della formula

2) Fra i diversi riferimenti di cella

3) Al termine della formula

274 LA PARALISI DI UN’INTERA METÀ DEL CORPO (DESTRA O SINISTRA) È   DEFINITA:

1) Emiparesi

2) Paraplegia

3) Tetraplegia
www.biancofrancesco.altervista.org

275 L’URETRA MASCHILE RISPETTO A QUELLA FEMMINILE È:

1) Più lunga

2) Più corta

3) Uguale

276 NON È UN SEGNO DI SHOCK:

1) Cute pallida e sudata

2) Pressione arteriosa sistolica inferiore a 80mmHg

3) Poliuria

277 IN AMBITO MEDICO SANITARIO LA STERILIZZAZIONE NON È NECESSARI A PER:

1) Gli oggetti presenti nella stanza del paziente

2) Gli oggetti che devono entrare a contatto con la cute del paziente

3) Ogni presidio che viene introdotto nell'organismo

278 QUANDO È NECESSARIO UTILIZZARE I DISPOSITIVI DI PROTEZIONE INDIVI DUALE (DPI)?

1) In presenza di rischi rilevanti

2) Solo se i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione

3) In alternativa a misure di protezione collettiva

279 LA PRESENZA DI PUS NELLE URINE È DEFINITA:

1) Piuria

2) Nicturia

3) Anuria

www.biancofrancesco.altervista.org


280 QUAL E’ L’OBIETTIVO DELLA SANIFICAZIONE?

1) Ridurre la carica microbica su oggetti o superfici con l'ausilio di detergenti abbinati ai disinfettanti

2) Distruggere ogni forma vitale comprese le forme sporigene

3) Ridurre il numero di contaminanti microrganici a un livello statisticamente e sufficientemente non patogeno o giudicato tale dalle autorità sanitarie
www.biancofrancesco.altervista.org


 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu