Crea sito

Posizionamento del paziente - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Posizionamento del paziente

Procedure OSS > Area igienico sanitaria e alberghiera > Alcuni protocolli operativi

POSIZIONAMENTO DELLA PERSONA
ALLETTATA E/O PARZIALMENTE AUTOSUFFICIENTE

OBIETTIVO:
- Prevenire contratture
- Piede equino
- Prevenzione extra rotazione dell’anca
- Mantenimento della forza muscolare e del movimento articolare
- Prevenzione lesioni da pressione
INDICAZIONI:
- Su indicazione dell’infermiere al momento del passaggio delle consegne: si segnala all’OSS
le persone con patologie invalidanti la mobilità e/o parzialmente autosufficienti

MATERIALI:

- Cuscini
- Archetto alzacoperte
- Materasso ad aria
- Lenzuola e/o asciugami per facilitare il posizionamento
- Presidi anti-decubito
- Sollevatore

TECNICA:
- Dopo aver eseguito l’igiene della persona, si posiziona secondo lo schema di
posizionamento concordato con l’infermiere. Si suggerisce lo schema minimo standard di
mobilizzazione di re volte durante la giornata:
1. Prima di colazione
2. Prima del pranzo
3. Prima della cena
- Vigilare che il posizionamento indicato sia adeguato e confortevole e faciliti la respirazione
e la circolazione sanguigna.
- Trasmissione all’infermiere del tipo di posizionamento della persona, se questa presenta
anomalie (cutanee, del respiro, del sensorio, ecc.)
In caso di persona parzialmente autosufficiente:
- Spiegare l’intervento che verrà attuato, rassicurando e chiedendo la sua collaborazione
spiegando l‘obiettivo della manovra di posizionamento
- Far sedere la persona a bordo letto con l’ausilio di cuscini, assicurandosi che la persona
respiri adeguatamente, non presenti pallori e/o segnali di disagio o malessere
- Successivamente posizionare la persona su di una poltroncina o carrozzina
- Fornire il campanello e tornare successivamente per verificare se la posizione continua ad
essere confortevole o se al contrario la persona manifesta sofferenza e/o stanchezza

- Trasmissione all’infermiere di come la persona ha reagito e se ha collaborato durante la
mobilizzazione

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu