Crea sito

Quiz l'OSS integrazione scolastica sicurezza - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Quiz l'OSS integrazione scolastica sicurezza

Prove finali dei Corsi > Aggiornamento continuo per OSS

Corso di sicurezza per l'Operatore socio sanitario  nel servizio di integrazione scolastica


La risposta corretta è sempre la n° 1

1. è il provvedimento normativo di riferimento per la salute e la sicurezza sui luoghi di lavoro?
1 Il D. Lgs. 81/2008
2 Il D.Lgs. 626/94
3 Il D.P.R.547/55
4 Il DM 382/1998

2.  Qual è stata la funzione del DM382/1998?
1 Quello di individuare le effettive particolari esigenze connesse al servizio espletato o alle peculiarità organizzative della scuola per la corretta attuazione del DLgs.626/94
2 Quella di essere il provvedimento precursore del D.Lgs. 81/2008
3 Quella di regolare le procedure antincendio
4 Quella di stabilire le norme del primo soccorso

3.  Secondo la normativa di sicurezza, i docenti sono:
1 lavoratori
2 con i stessi diritti dei datori di lavoro
3 soggetti non interessati dalla norma
4 rappresentanti dei lavoratori sulla sicurezza

4.  Lo studente è equiparato al lavoratore?
1 Solo nei casi in cui si faccia uso di laboratori e attrezzature di lavoro in genere, agenti chimici, fisici e biologici, ivi comprese le apparecchiature fornite di videoterminali limitatamente ai periodi in cui l'allievo sia effettivamente applicato alla strumentazioni o ai laboratori
2 Mai
3 Solo nelle scuole secondarie di primo e di secondo grado
4 Sì, sempre

5. di studio e di lavoro è reso più idoneo e sicuro attraverso:

1 interventi sull'edilizia scolastica, l'organizzazione del lavoro e il sistema partecipato basato sulla formazione dei soggetti
2 la formazione del datore di lavoro
3 gli interventi sull'edilizia scolastica
4 la nomina del RSPP

6.  Gli obblighi dei lavoratori in materia di sicurezza fanno parte del programma di informazione?
1 Sì
2 No sono i lavoratori che devono informarsi
3 No
4 Solo in qualche caso previsto espressamente dalla norma

7.  Il Decreto Legislativo 81 del 2008 si applica:
1 indifferentemente ad ogni settore lavorativo
2 solo alle strutture pubbliche
3 in nessuno dei due casi
4 solo alle strutture private

8.  I dispositivi di protezione individuale:
1 devono essere forniti quando non esistono tecniche alternative per la prevenzione o protezione collettiva, né misure organizzative sufficienti a
ridurre adeguatamente il rischio
2 non devono essere forniti in nessun momento
3 devono essere forniti solo ai lavoratori assunti a tempo determinato
4 devono essere forniti a richiesta del lavoratore

9.  Individua l'obbligo del datore di lavoro che può essere delegato ad altro soggetto:
1 nomina del medico competente
2 l'elaborazione del documento di valutazione dei rischi
3 la valutazione dei rischi
4 la nomina del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione

10.  Il Datore di lavoro può assumere l'incarico di responsabile del servizio di prevenzione e protezione?
1 Sì, se ricorrono le condizioni stabilite dalla norma
2 Sì, se lo ritiene opportuno
3 Sempre
4 No mai

11.  Il Dirigente sanitario può essere esonerato dalla propria responsabilità in materia di sicurezza:
1 no mai
2 sì, solo se ricorre all'ausilio di un responsabile del servizio di protezione e prevenzione
3 sì
4 nei casi previsti

12.  Il lavoratore può svolgere l'incarico di Responsabile del servizio di protezione e prevenzione:
1 solo se possiede i requisiti stabiliti dalla norma
2 sì, se vuole
3 no mai
4 solo per certi tipi di istituzioni scolastiche

13.  L'RLS può accedere ai luoghi di lavoro per raccogliere informazioni?
1 Sì
2 Solo se autorizzato
3 Solo in qualche caso previsto espressamente dalla norma
4 No

14.  Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza:
1 è eletto o designato dai lavoratori
2 è un volontario
3 è individuato dal datore di lavoro
4 è un collaboratore del Responsabile del servizio di prevenzione e protezione

15.  Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza:
1 ha diritto ad un formazione specifica
2 non è interessato ad una formazione particolare
3 è individuato tra esperti per cui non necessita di formazione particolare
4 non può fare formazione

16.  Al Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza:
1 sono applicabili le tutele previste dalla Legge 300/70
2 spettano tutele solo se è individuato tra personale assunto a tempo determinato
3 spettano le tutele come ad ogni lavoratore
4 non necessitano particolari elementi di tutela

17.  Il Rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e il CCNL:
1 nel CCNL viene riportato il ruolo e i diritti dell'RLS
2 non hanno niente in comune
3 il CCNL parla dell'RLS solo quando questi viene retribuito
4 il CCNL parla dell'RLS solo in ricorrenza di condizioni di pericolo

18.  Il medico competente deve essere incaricato:
1 obbligatoriamente alla presenza di rischi che richiedono la sorveglianza sanitaria
2 quando lo decide il datore di lavoro
3 a seconda delle tipologie di istituzioni scolastiche
4 quando se ne ravvisi la necessità

19.  Non può svolgere il ruolo di medico competente
:
1 il medico con specializzazione in ortopedia e traumatologia
2 il docente in medicina preventiva dei lavoratori e psicotecnica o in tossicologia industriale o in igiene industriale o in fisiologia ed igiene
del lavoro o in clinica del lavoro o in igiene e medicina preventiva o in medicina legale e delle assicurazioni
3 il medico in possesso di specializzazione in medicina del lavoro
4 il medico con autorizzazione di cui all’art. 55 del D.Lgs. 277/1991

20.  La pianificazione delle misure di prevenzione è un punto fondamentale nel D.Lgs. 81/2008.
1 sì
2 non è importante pianificarle, basta solo attuarle
3 no
4 solo in qualche caso previsto espressamente dalla norma

21.  Per quanto riguarda la sicurezza, è importante l'aspetto collettivo e partecipativo?
1 Sì
2 No perché la sicurezza è soggettiva
3 No
4 Solo nelle scuole secondarie di secondo grado

22.  Da chi sono designati gli addetti al primo soccorso
?
1 Dal datore di lavoro
2 Dall'RLS
3 Dal Medico competente
4 Dall'RSPP

23.  L'informazione sulle misure di emergenza riguarda solo gli addetti specifici o va estesa a tutti i lavoratori:
1 riguarda tutti i lavoratori
2 lo decide di volta in volta il datore di lavoro
3 non riguarda nessuno
4 riguarda solo gli addetti specifici

24.  Da chi sono designati gli addetti antincendio
?
1 Dal datore di lavoro
2 Dal RSPP
3 Dal RLS
4 Dal medico competente

25.  Le scuole sono considerate luogo di lavoro?
1 Sì, tutte
2 Solo le scuole secondarie superiori
3 No
4 Solo se quelle a norma

26.  Come bisogna tenere le vie di esodo e di circolazione nella scuola?
1 Devono essere tenute sgombre
2 Devono essere tenute pulite
3 Possono essere tenute ingombre purché non presentino motivi di inciampo
4 È indifferente

27.  Quando il Dirigente Scolastico non può svolgere l'incarico di RSPP?
1 Nelle scuole in cui i dipendenti (docenti ed ATA) siano più di 200
2 Il Dirigente Scolastico non può mai svolgere l'incarico di RSPP
3 Il Dirigente Scolastico svolge sempre l'incarico di RSPP
4 Nelle scuole secondarie di secondo grado

28.  Nelle scuole è obbligatoria la sorveglianza sanitaria?
1 Dipende dalla valutazione del rischio effettuata
2 No mai
3 Sì sempre
4 Solo nelle scuole con oltre 200 alunni


29.  Per le scuole di istruzione secondaria di secondo grado, qual è l'organo di riferimento in materia di edilizia scolastica?
1 Provincia
2 Comune
3 Regione
4 USR

30.  Per le scuole di istruzione secondaria di primo grado, qual è l'organo di riferimento in materia di edilizia scolastica?
1 Comune
2 Provincia
3 Regione
4 USR

31.  Per le scuole primarie, qual è l'organo di riferimento in materia di edilizia scolastica?
1 Comune
2 Provincia
3 Regione
4 USR

32.  Chi è individuato come datore di lavoro all'interno della scuola?
1 Il Dirigente Scolastico
2 Il datore di lavoro è presente solo nelle scuole private
3 Il Direttore dell'Ufficio Scolastico Regionale
4 Nella scuola non esiste il datore di lavoro

33.  Nell'attuazione di un sistema di sicurezza nella scuola, gli alunni devono essere coinvolti?
1 Sì, sempre
2 Solo se maggiorenni
3 No
4 Non è necessario

34.  Le norme sulla sicurezza guardano alla scuola solo come luogo di lavoro:
1 la scuola assume un ruolo fondamentale anche nell’operaz. di diffusione della cultura della sicurezza nei luoghi di lavoro nel tessuto sociale
2 sì
3 l'affermazione è vera tranne che per alcuni tipi di scuole
4 solo nei casi previsti

35.  Ci sono dei rischi derivanti dall'organizzazione del lavoro?
1 Sì
2 No
3 Solo in alcuni tipi di scuola
4 Solo se vengono indicati dal medico competente

36.  Non è necessario che i luoghi di lavoro, gli impianti e i dispositivi di sicurezza debbano essere sempre sottoposti a regolari e periodici controlli:
1 è falso
2 la necessità è data dalle circostanze
3 è vero
4 infatti il controllo periodico è subordinato alla tipologia di rischio

37.  Tra gli obiettivi del piano di emergenza vi è quello di circoscrivere e contenere l'evento pericoloso in modo da limitare i danni e permettere la ripresa dell'attività:
1 è sempre vero
2 è parzialmente vero
3 è falso
4 è vero solo se a deciderlo è il datore di lavoro

38.  La formazione deve avvenire in particolare in occasione dell'assunzione, del trasferimento e/o cambiamento di mansioni e dell'introduzione di
nuove attrezzature di lavoro, tecnologie, sostanze pericolose:
1 è vero
2 solo nei casi espressamente previsti
3 è falso
4 solo se lo decide il datore di lavoro

39.  La durata, i contenuti minimi e le modalità della formazione:
1 sono definiti mediante accordo in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano
2 sono definiti dal RSPP
3 sono di volta in volta regolati da accordi di comparto
4 sono definiti dal datore di lavoro

40.  L'informazione, la formazione e l'addestramento sono lo strumento principale della prevenzione:
1 è vero
2 solo nei casi previsti dalla norma
3 è falso
4 solo se lo decide il datore di lavoro

41.  Formazione e informazione sono attività di protezione e prevenzione:
1 è vero
2 solo nei casi previsti dalla norma
3 solo se il RSPP è d'accordo
4 è falso

42.  Il D. Lgs. 81/2008 parla di RLS:
1 anche di comparto, aziendale e di sito produttivo
2 solo di comparto
3 solo aziendale
4 solo di comparto e di sito produttivo

43.  Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza ha diritto di formulare osservazioni in occasione di verifiche compiute dagli organi di vigilanza:
1 sempre in tutti i casi
2 mai
3 solo nei casi previsti dalla norma
4 solo in alcuni tipi di scuole

44.  La verifica dell'apprendimento è prevista alla fine della formazione:
1 del RSPP
2 del preposto
3 del RLS
4 del datore di lavoro

45.  Il responsabile del servizio di prevenzione e protezione:
1 è designato obbligatoriamente
2 è designato in presenza di rischi particolari
3 è designato solo nei casi previsti dalla norma
4 è designato opzionalmente dal datore di lavoro

46.  Il cortile della scuola
:
1 è considerato comunque luogo di lavoro
2 non è mai considerato luogo di lavoro
3 è considerato luogo di lavoro se prescritto dalla norma tecnica
4 è considerato luogo di lavoro se prevista dal documento di valutazione dei rischi

47.  Gli studenti:
1 non vengono computati ai fini della determinazione del numero di lavoratori dal quale il D.Lgs. 81/2008 fa discendere particolari obblighi
2 sono computati nel numero dei lavoratori
3 vengono computati a seconda del tipo di rischio
4 vengono computatati a seconda del tipo di scuola

48.  Gli utenti dei servizi di orientamento professionale avviati presso datori di lavoro:
1 sono equiparati ai lavoratori
2 non possono essere equiparati ai lavoratori in quanto non dipendenti
3 sono da considerare come soggetti esterni
4 non sono rilevanti per la disciplina

49.  La finalità della formazione è:
1 far conoscere, formare e conseguentemente modificare le abitudini e i comportamenti dei lavoratori per prevenire e proteggerli dai rischi stessi
2 definita dal datore di lavoro
3 definire, classificare e valutare solo i rischi
4 stabilita di volta in volta in sede di riunione periodica

50.  Lo studente quando è individuato come lavoratore, lo è:
1 solo limitatamente ai periodi in cui l'allievo sia effettivamente applicato alla strumentazioni o ai laboratori
2 nelle scuole secondarie di secondo grado
3 sulla base del regolamento d'istituto
4 sempre in tutti i casi

51.  Il D.Lgs. 81/2008 è da applicarsi nella scuola
:
1 tenendo conto delle particolari esigenze connesse al servizio espletato
2 a seconda delle tipologie di istituzioni scolastiche
3 integralmente
4 mai

52.  Qual è l'obbligo che il datore di lavoro potrebbe delegare:
1 la nomina del medico competente
2 la nomina del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione
3 la valutazione dei rischi
4 l'elaborazione del documento di valutazione dei rischi

53.  Nella scuola, con le norme sulla sicurezza
:
1 non viene meno l'obbligo di vigilanza
2 viene meno l'obbligo di vigilanza
3 il datore di lavoro può scegliere di applicare le norme sulla sicurezza sui luoghi di lavoro o le norme sulla vigilanza
4 viene meno l'obbligo di vigilanza solo nei casi previsti dal documento di valutazione dei rischi

54.  Il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza è consultato preventivamente in ordine alla designazione del responsabile e degli addetti
al servizio di prevenzione, all'attività di prevenzione incendi, al pronto soccorso, alla evacuazione dei lavoratori e del medico competente:
1 è vero
2 è vero tranne che per il medico competente
3 è falso
4 è vero solo in casi specifici

55.  L'informazione, la formazione e l'addestramento sono finalizzate anche a far modificare le abitudini e i comportamenti dei lavoratori e loro  equiparati per prevenire e proteggere gli stessi dai rischi:
1 è vero
2 solo nei casi previsti dalla norma
3 è falso
4 solo se lo decide il datore di lavoro

56.  L'informazione e la formazione devono essere commisurate alla valutazione dei rischi e devono essere riferite ai rischi del posto di lavoro ed  alle specifiche mansioni:
1 è vero
2 solo nei casi previsti dalla norma
3 è falso
4 solo se lo decide il datore di lavoro

57.  La norma definisce l'obbligo almeno annuale di indire riunioni periodiche dei principali soggetti del “sistema sicurezza":
1 è vero
2 solo nei casi previsti dalla norma
3 solo se lo decide il datore di lavoro
4 è falso

58.  Il datore di lavoro deve far ricorso alla segnaletica di sicurezza:
1 quando, anche a seguito della valutazione effettuata, risultino rischi che non possono essere evitati o sufficientemente limitati
2 mai
3 tutte le volte stabilite dal medico competente
4 quando vi sono condizioni di bassa visibilità

59.  La segnaletica di sicurezza:
1 deve essere conforme alle prescrizioni di cui agli allegati da XXIV a XXXII del D.Lgs 81/2008
2 è indicata dal D.Lgsd. 626/94
3 viene definita durante la riunione periodica
4 è liberamente determinata dal Dirigente Scolastico

60.  Le forme, i colori, i pittogrammi utilizzati nella segnaletica di sicurezza:
1 hanno significati predeterminati
2 vengono stabiliti durante la riunione periodi
3 vengono definiti dal RSPP
4 sono liberi, purché garantiscano una informazione effettiva
61.  I cartelli di divieto:
1 sono a forma rotonda con pittogramma nero su fondo bianco; bordo e banda rossi
2 sono a forma quadrata o rettangolare con pittogramma bianco su fondo verde
3 sono a forma quadrata o rettangolare con pittogramma bianco su fondo rosso
4 sono a forma rotonda con pittogramma bianco su fondo azzurro

62.  I cartelli di avvertimento:
1 sono a forma triangolare con pittogramma nero su fondo giallo e bordo nero
2 sono a forma quadrata o rettangolare con pittogramma bianco su fondo rosso
3 sono a forma rotonda con pittogramma bianco su fondo azzurro
4 sono a forma rotonda con pittogramma azzurro su fondo bianco

63.  I cartelli di prescrizione
:
1 sono a forma rotonda con pittogramma bianco su fondo azzurro
2 sono a forma quadrata o rettangolare con pittogramma bianco su fondo verde
3 sono a forma quadrata o rettangolare con pittogramma bianco su fondo rosso
4 sono a forma quadrata o rettangolare con pittogramma rosso su fondo bianco

64.  I cartelli di salvataggio
:
1 sono a forma quadrata o rettangolare con pittogramma bianco su fondo verde
2 sono a forma triangolare con pittogramma nero su fondo giallo e bordo nero
3 sono a forma rotonda con pittogramma bianco su fondo azzurro
4 sono a forma triangolare con pittogramma nero su fondo rosso e bordo nero

65.  I cartelli per le attrezzature antincendio
:
1 sono a forma quadrata o rettangolare con pittogramma bianco su fondo rosso
2 sono a forma triangolare con pittogramma nero su fondo giallo e bordo rosso
3 sono a forma quadrata o rettangolare con pittogramma bianco su fondo verde
4 sono a forma triangolare con pittogramma nero su fondo giallo e bordo nero

66.  Il videoterminale:
1 può essere responsabile dell'insorgenza di disturbi a livello oculare o dell'apparato muscolo scheletrico
2 può essere responsabile dell'insorgenza di disturbi a livello oculare per negligenza del lavoratore
3 può essere responsabile dell'insorgenza di disturbi a livello polmonare
4 non è responsabile dell'insorgenza di disturbi a livello scheletrico

67.  Il lavoratore a videoterminale è colui che:
1 utilizza un'attrezzatura munita di videoterminali, in modo sistematico o abituale, per venti ore settimanali
2 utilizza un'attrezzatura munita di videoterminali, in modo sistematico o abituale, per trenta ore settimanali
3 utilizza un'attrezzatura munita di videoterminali, in modo sistematico o abituale, per quindici ore settimanali
4 utilizza comunque un'attrezzatura munita di videoterminali

68.  Il lavoratore a videoterminale
:
1 deve essere sottoposto a sorveglianza sanitaria
2 può essere sottoposto a sorveglianza sanitaria se concordato in sede di riunione periodica
3 può essere sottoposto a sorveglianza sanitaria su indicazione del RSPP
4 può essere sottoposto a sorveglianza sanitaria

69.  Il lavoratore a videoterminale:
1 ha diritto ad una pausa di 15 minuti ogni 2 ore
2 ha diritto ad una pausa di15 minuti ogni 3 ore
3 ha diritto ad una pausa di 20 minuti ogni 3 ore
4 ha diritto ad una pausa di 10 minuti ogni 2 ore
70.  In caso di lavoro al videoterminale, nel computo dei tempi di interruzione:
1 non sono compresi i tempi di attesa della risposta da parte del sistema elettronico, che sono considerati tempo di lavoro ove il lavoratore non
possa abbandonare il posto di lavoro
2 sono compresi i tempi di attesa della risposta da parte del sistema elettronico, che sono considerati tempo di lavoro ove il lavoratore non
possa abbandonare il posto di lavoro
3 potrebbero essere compresi i tempi di attesa della risposta da parte del sistema elettronico a seconda dei dispositivi
4 non sono compresi i tempi di attesa della risposta da parte del sistema elettronico, che sono considerati tempo di lavoro ove il lavoratore non
possa abbandonare il posto di lavoro

71.  La postazione di lavoro:
1 comprende la stampante
2 non comprende la stampante
3 comprende la stampante se a getto d'inchiostro
4 comprende la stampante se così definito dal datore di lavoro

72.  La valutazione dei rischi derivanti da esposizioni ad agenti fisici:
1 è programmata ed effettuata, con cadenza almeno quadriennale
2 è programmata ed effettuata, con cadenza almeno decennale
3 è importante effettuarla una sola volta
4 viene effettuata solo se ricorrono rischi particolari

73.  La valutazione dei rischi derivanti da esposizioni ad agenti fisici:
1 è aggiornata ogni qual volta si verifichino mutamenti che potrebbero renderla obsoleta
2 è aggiornata ogni anno
3 è aggiornata ogni quattro anni
4 occorre farla solo a inizio attività

74.  In caso di esposizione dei lavoratori ad agenti fisici i cui valori superino quelli stabiliti dalle norme:
1 il datore di lavoro adotta misure immediate per riportare l'esposizione al di sotto dei valori limite di esposizione, individua le cause del
del superamento dei valori limite di esposizione e adegua di conseguenza le misure di protezione e prevenzione
2 il datore di lavoro fa intervenire i Vigili del Fuoco
3 il datore di lavoro si consulta con il RSPP
4 viene convocato il medico competente per effettuare le visite mediche previste

75.  Lo strumento per misurare il rumore si chiama:
1 fonometro
2 fotometro
3 amperometro
4 voltmetro

76.  In presenza di impianti di condizionamento , nei periodi nei quali è necessaria la refrigerazione dell'aria:
1 la differenza di temperatura tra l'interno e l'esterno deve essere 7° C
2 la differenza di temperatura tra l'interno e l'esterno deve essere quella stabilita dal medico competente
3 la differenza di temperatura tra l'interno e l'esterno deve essere 10° C
4 la differenza di temperatura tra l'interno e l'esterno può essere lasciata alla libera regolazione del lavoratore

77.  Indicare la risposta sbagliata. I rischi derivanti da agenti chimici pericolosi devono essere eliminati o ridotti al minimo mediante:
1 limitare l'esposizione dei lavoratori alle 20 ore settimanali
2 fornitura di attrezzature idonee per il lavoro specifico e relative procedure di manutenzione adeguate
3 riduzione al minimo del numero di lavoratori che sono o potrebbero essere esposti
4 progettazione e organizzazione dei sistemi di lavorazione sul luogo di lavoro

78.  Si possono detenere tutte le quantità di agenti chimici che si vogliono?
1 No, in quanto occorre ridurre al minimo la quantita' di agenti presenti sul luogo di lavoro in funzione delle necessita' della lavorazione
2 Sì
3 Sì, se si ottiene apposta autorizzazione della ASL
4 Dipende dalla valutazione del rischio

79.  Le attrezzature di soccorso e di salvataggio
:
1 non sono DPI
2 sono DPI
3 sono DPI solo se vengono riconosciuti tali
4 sono DPI solo se di proprietà del lavoratore

80.  Nella prevenzione degli infortuni si è obbligati a privilegiare
:
1 quelle misure ed interventi, di natura tecnica od organizzativa, che abbiano funzioni di "protezione collettiva"
2 le misure di protezione come stabilito in sede di riunione periodica
3 quelle misure ed interventi, di natura tecnica od organizzativa, che abbiano innanzi tutto funzioni di "protezione individuale"
4 le misure di protezione così come indicato dalle buone pratiche

81.  I Dispositivi di protezione individuale
1 devono essere forniti dal datore di lavoro
2 devono essere acquistati dal lavoratore
3 devono essere forniti dalle ASL
4 devono essere regolati secondo quanto definito in sede di riunione periodica

82.  I lavoratori:
1 sono obbligati ad utilizzare correttamente ed a mantenere in buono stato di efficienza i DPI messi a loro disposizione
2 stabiliscono di volta in volta se utilizzare i DPI messi a disposizione
3 non sono obbligati ad utilizzare correttamente ed a mantenere in buono stato di efficienza i DPI messi a loro disposizione
4 utilizzano i DPI secondo quanto definito in sede di riunione periodica

83.  I locali destinati a laboratorio devono essere ubicati fuori terra:
1 sempre tranne quando possono essere autorizzati in qualche caso particolare in presenza di particolari condizioni
2 mai
3 dipende dalla valutazione del rischio
4 sempre

84.  Quando le lavorazioni diano luogo ad emissioni di agenti nocivi:
1 i locali dove avvengono le lavorazioni non possono essere ubicati in ambienti interrati
2 i locali dove avvengono le lavorazioni possono essere ubicati in ambienti interrati
3 i locali dove avvengono le lavorazioni sono sempre ubicati in ambienti interrati
4 i locali dove avvengono le lavorazioni sono sempre ubicati in ambienti interrati purché siano attivate le prescritte misure di protezione

85.  I laboratori devono presentare un'altezza netta maggiore o uguale a 3 metri:
1 sempre
2 mai
3 solo quando necessario
4 dipende dalla valutazione del rischio

86.  Valutare la seguente affermazione: ‘Le porte dei laboratori devono aprirsi agevolmente verso le vie di esodo’:
1 è giusta
2 non è giusta perché le porte dei laboratori devono aprirsi in senso contrario alle vie di esodo
3 è parzialmente corretta poiché dipende dal numero dei lavoratori presenti nel laboratorio
4 non è giusta poiché è indifferente il senso di apertura

87.  Valuta la seguente affermazione: ‘In presenza di rischio di incendio o di esplosione la larghezza minima delle porte dei laboratori dovrà essere pari ad almeno 1,20 metri’:
1 è giusta
2 è parzialmente corretta poiché dipende dal numero dei lavoratori presenti nel laboratorio
3 è errata perché il valore minimo e 1 metro
4 è errata poiché è un parametro stabilito dal RSPP

88.  Nei laboratori può essere derogato il rispetto della segnaletica di sicurezza:
1 no mai
2 ove lo ricorrano le condizioni
3 sempre
4 sì se autorizzato dal datore di lavoro
89.  Nei laboratori può essere derogato l'uso dei dispositivi di protezione individuali:
1 mai, se si svolgono lavorazioni che ne prevedono l'uso
2 la scelta è lasciata al lavoratore
3 sempre
4 sì se autorizzato dal datore di lavoro

90.  Nei laboratori deve essere eseguita la misura di rumorosità delle singole macchine e della rumorosità complessiva dell'ambiente
:
1 sì
2 dipende dalle lavorazioni
3 no
4 sì se a deciderlo è il datore di lavoro

91.  Se in un laboratorio venissero riscontrati valori di rumorosità al di sopra delle norme:
1 devono essere effettuati interventi atti a ridurre le rumorosità
2 possono essere effettuati interventi atti a ridurre le rumorosità
3 il lavoratore provvede a proteggersi
4 non occorre far nulla

92.  Per garantire la sicurezza durante l'uso delle macchine
:
1 devono essere predisposte preliminarmente le disposizioni concernenti l'uso e la manutenzione delle stesse
2 devono essere predisposte, quando necessario, le disposizioni concernenti l'uso e la manutenzione delle stesse
3 occorre predisporre le istruzioni d'uso per metterle a disposizione del lavoratore qualora questi ne avesse bisogno
4 si aspettano gli ordini del datore di lavoro

93.  Per garantire la sicurezza durante l'uso delle attrezzature
:
1 devono essere predisposte preliminarmente le disposizioni concernenti l'uso e la manutenzione delle stesse
2 devono essere predisposte, quando necessario, le disposizioni concernenti l'uso e la manutenzione delle stesse
3 occorre predisporre le istruzioni d'uso per metterle a disposizione del lavoratore qualora questi ne avesse bisogno
4 si aspettano gli ordini del datore di lavoro

94.  Gli elementi accessibili delle macchine devono
:
1 nei limiti del possibile, essere privi di spigoli vivi e di superfici taglienti
2 essere muniti di spigoli vivi
3 essere muniti di spigoli vivi e di superfici taglienti
4 essere muniti di superfici un po' taglienti

95.  Valuta la seguente espressione: ‘Gli organi di collegamento, di fissaggio presenti sugli elementi in movimento delle macchine non devono sporgere rispetto alle superfici esterne, ma devono essere inseriti in appositi incavi oppure ricoperti da manicotti aventi superfici lisce’:
1 è corretta
2 dipende dalle lavorazioni
3 è sbagliata
4 rappresenta una facoltà

96.  Le macchine che, in relazione alle loro condizioni di lavoro, presentano dei rischi di rottura con conseguenti proiezioni di parti di macchina o del materiale in lavorazione
:
1 devono essere provviste di schermi protettivi o di altre idonee misure di sicurezza
2 possono essere provviste di schermi protettivi o di altre idonee misure di sicurezza se a richiederlo è il lavoratore
3 possono essere provviste di schermi protettivi o di altre idonee misure di sicurezza se viene deciso in sede di riunione periodica
4 possono essere provviste di schermi protettivi o di altre idonee misure di sicurezza

97.  La macchine devono essere costruite, installate, mantenute:
1 in modo da evitare vibrazioni e scuotimenti
2 nel rispetto delle indicazioni del fornitore
3 in modo da limitare i consumi
4 a cura del lavoratore

98.  Se la funzione tecnologica richiede l'utilizzo di una macchina che provoca vibrazioni e scuotimenti:
1 devono essere adottate le opportune misure che garantiscano la sicurezza degli edifici e degli addetti
2 si chiama il datore di lavoro
3 si avvertono i vicini
4 si informa la Asl

99.  La macchina, dopo l'eventuale interruzione dell'energia elettrica e la successiva rierogazione:
1 non deve riavviarsi automaticamente
2 deve riavviarsi automaticamente
3 può riavviarsi automaticamente
4 deve rispettare le istruzioni del costruttore

100.  Gli studenti che svolgono attività in laboratorio:
1 devono essere preventivamente informati circa l'uso e l'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale
2 possono essere preventivamente informati circa l'uso e l'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale
3 potrebbero essere preventivamente informati circa l'uso e l'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale a seconda delle decisioni del Dir. Scol.
4 possono essere preventivamente informati circa l'uso e l'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale se lo richiedono

101.  I docenti e gli Assistenti Tecnici
:
1 devono vigilare sull'efficienza dei dispositivi di protezione individuale, sulla loro manutenzione e sull'uso corretto
2 decidono di volta in volta se devono vigilare sull'efficienza dei dispositivi di protezione individuale, sulla loro manutenzione e sull'uso corretto
3 possono vigilare sull'efficienza dei dispositivi di protezione individuale, sulla loro manutenzione e sull'uso corretto
4 potrebbero vigilare sull'efficienza dei dispositivi di protezione individuale, sulla loro manutenzione e sull'uso corretto se a richiederlo è il datore di lavoro

102.  Gli impianti elettrici:
1 devono essere costruiti, installati e mantenuti in modo da prevenire i pericoli derivanti da contatti accidentali con gli elementi sotto tensione
2 non devono essere costruiti, installati e mantenuti in modo da prevenire i pericoli derivanti da contatti accidentali con gli elementi sotto tensione
3 potrebbero essere costruiti, installati e mantenuti in modo da prevenire i pericoli derivanti da contatti accidentali con gli elementi sotto tensione
4 se richiesto dal lavoratore
possono essere costruiti, installati e mantenuti in modo da prevenire i pericoli derivanti da contatti accidentali con gli elementi sotto tensione se richiesto dal RSPP

103.  Le lampade ed i portalampade devono essere costruiti ed installati in modo:
1 che sia escluso il contatto con parti in tensione
2 che sia garantito il contatto con parti in tensione
3 che sia possibile il contatto con parti in tensione
4 che siano rispettate le indicazioni del datore di lavoro

104.  Gli utensili elettrici portatili e gli apparecchi elettrici mobili devono avere:
1 un isolamento supplementare di sicurezza fra le parti interne in tensione e l'involucro metallico esterno
2 una buona ergonomicità
3 l'autorizzazione all'uso del datore di lavoro
4 essere inserite in un contratto di manutenzione

105.  I contenitori di sostanze pericolose
:
1 devono portare in maniera ben visibile l'etichettatura che indichi le caratteristiche della sostanza
2 devono essere lasciati in zona libera
3 sono tenuti in archivio
4 possono portare l'etichettatura che indichi le caratteristiche della sostanza

106.  Le cappe aspiranti:
1 devono essere in grado di aspirare con efficienza anche gas e vapori pesanti
2 devono essere in grado di aspirare con efficienza solo gas e vapori leggeri
3 devono aspirare solo alcuni tipi di gas e vapori
4 non occorrono in un laboratorio scolastico

107.  Gli studenti:
1 devono comunque disporre di ambienti e di attrezzature che abbiano i requisiti richiesti dalla normativa vigente anche se non sono considerati
2 videoterminalisti
3 non devono mai disporre di ambienti e di attrezzature che abbiano i requisiti richiesti dalla normativa vigente
4 devono disporre di ambienti e di attrezzature che abbiano i requisiti richiesti dalla normativa vigente solo se considerati videoterminalisti anche se operano a videoterminale non sono considerati lavoratori per cui non è necessario applicare la relativa normativa

108. tastiera del videoterminale
:
1 deve essere inclinabile e dissociata dallo schermo
2 deve avere il tastierino alfanumerico
3 deve essere di tipo US
4 può essere assemblata anche con lo schermo

109.  Il sedile di lavoro:
1 deve essere stabile, regolabile in altezza e il suo schienale deve essere regolabile in altezza ed in inclinazione
2 deve essere rigido
3 può avere 4 rotelle
4 può essere qualsiasi sedia in quanto lo studente non viene considerato come videoterminalista

110.  I conduttori elettrici flessibili impiegati per l'alimentazione di apparecchi portatili
:
1 devono avere un rivestimento resistente all'usura anche di natura meccanica
2 devono essere lunghi max 1 metro
3 sono solo quelli autorizzati dal RSPP
4 possono essere di qualsiasi tipo

111.  Durante l'inserimento o il desinserimento di una spina:
1 occorre che sia evitato il contatto accidentale con le parti in tensione
2 occorre che sia consentito il contatto accidentale con le parti in tensione
3 non occorre che sia evitato il contatto accidentale con le parti in tensione
4 il contatto accidentale con le parti in tensione è una ipotesi che non si verifica mai

112.  Il piano di lavoro del videoterminalista deve avere:
1 una superficie poco riflettente
2 un piano riflettente
3 una superficie bianca
4 una superficie di laminato

113.  Lo schermo del videoterminale deve essere:
1 orientabile ed inclinabile
2 retroilluminato
3 rigido
4 multimediale

114 Le valvole di intercettazione di gas:
1 devono essere controllate al termine di ogni lezione
2 devono essere controllate al termine della giornata
3 devono essere controllate entro l'arco di un mese
4 devono essere controllate saltuariamente

115 Gli studenti:
1 devono usare obbligatoriamente i dispositivi di protezione individuale quando previsto e segnalare eventuali deficienze degli stessi
2 possono usare dispositivi di protezione individuale quando lo ritengono opportuno
3 non si devono preoccupare delle deficienze dei dispositivi di protezione individuale poiché è compito dell'Assistente Tecnico
4 devono indicare quale dispositivi di protezione individuale intendono usare

116 Nei luoghi sotterranei:
1 è vietato installare o usare generatori e gasometri di acetilene
2 è consigliato installare o usare generatori e gasometri di acetilene
3 è vietato installare o usare generatori e gasometri di acetilene solo per grandi quantità
4 è possibile o usare generatori e gasometri di acetilene dietro autorizzazione del datore di lavoro

117 I Laboratori scolastici:
1 sono luoghi di lavoro
2 sono luoghi di lavoro solo su indicazione del datore di lavoro
3 non rientrano nella categoria dei luoghi di lavoro
4 sono luoghi di lavoro solo nei casi in cui vi si svolgono attività per cui è prevista la sorveglianza sanitaria

118 Il divieto di pulire o ingrassare manualmente gli elementi in movimento delle macchine e di compiere operazioni di riparazione o di registrazione:
1 deve essere comunicato agli addetti mediante appositi cartelli
2 deve essere comunicato ai lavoratori al momento dell'assunzione
3 deve essere comunicato solo oralmente
4 vale solo per alcuni tipi di macchine

119 I lavoratori incaricati dell'attuazione delle misure di prevenzione antincendio e di primo soccorso, possono rifiutare la designazione?
1 No, se non per giustificato motivo
2 Sì, se non hanno ancora partecipato allo specifico corso di formazione
3 Sì, sempre
4 No, mai

120 Quali lavoratori sono tenuti a partecipare ai programmi di formazione organizzati dal datore di lavoro?
1 Tutti i lavoratori
2 Il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS), gli Addetti Antincendio e gli Addetti al Primo Soccorso
3 Solo i Preposti alla sicurezza
4 Gli Addetti Antincendio e gli Addetti al Primo Soccorso

121 Quali Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) il datore di lavoro deve assegnare ai lavoratori?
1 I necessari e idonei dispositivi di Protezione Individuale, sentito il parere del Resp.del Serv. di Prevenzione e Protezione e il Medico Competente,ove presente
2 Le scarpe antinfortunistiche e i guanti da lavoro
3 Solo i Dispositivi di Protezione Individuale richiesti dai lavoratori
4 Solo i Dispostivi di Protezione Individuale indicati dal preposto alla sicurezza

122 A chi spetta specificamente sovrintendere e vigilare sull'osservanza da parte dei singoli lavoratori dei loro obblighi di legge e dell'uso
dei dispositivi di Protezione Individuale?
1 Al Preposto alla sicurezza
2 Al Medico Competente
3 Al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP)
4 Al datore di lavoro

123 Su sua richiesta, il Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) può ricevere dal datore di lavoro una copia del Documento di valutazione dei Rischi?
1 Sì, sempre
2 Sì, ma col consenso del Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione e del Medico Competente
3 Sì, ma solo il Documento di Valutazione dei Rischi del plesso scolastico in cui opera
4 No, mai

124 Sono previsti finanziamenti per gli istituti scolastici che inseriscono nei loro percorsi formativi iniziative volte a favorire la conoscenza delle tematiche della salute e della sicurezza?

1 Sì, per tutte le istituzioni scolastiche che attivano i predetti percorsi formativi
2 Sì, ma solo per gli istituti di secondo grado e per l'Università
3 Sì, ma solo per i Centri di Formazione Professionale
4 No, per carenza di risorse finanziarie

125 La formazione dei incaricati di svolgere le funzioni di Addetto al Primo Soccorso dovrà essere ripetuta, per quanto attiene alle capacità di
intervento pratico, con cadenza
1 Triennale
2 Biennale
3 Annuale
4 Quinquennale

126 Gli Addetti al Servizio di Prevenzione e Protezione (ASPP) partecipano all'individuazione dei fattori di rischio, alla valutazione dei rischi e all'individuazione delle misure per la sicurezza e la salubrità degli ambienti di lavoro?
1 Sì, sempre
2 No, perché spetta esclusivamente al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione
3 No, perché spetta solo al datore di lavoro e al Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione
4 No, perché spetta solo al datore di lavoro

127Il datore di lavoro programma gli interventi, prende i provvedimenti e dà istruzioni affinché i lavoratori, in caso di pericolo grave e immediato, abbandonino immediatamente il luogo di lavoro?
1 Sì, per ogni tipo di azienda
2 Sì, ma solo per i casi di incendio diffuso
3 Sì, ma solo per le azienda con più di 15 lavoratori
4 Sì, ma da attuare sono nel caso in cui si verifichi un terremoto

128 L'esercizio della funzione di Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza (RLS) è compatibile con la nomina a Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP)?
1 No, è incompatibile
2 Sì, ma solo nei casi di aziende con meno di 15 lavoratori
3 Sì, purché nell'azienda operino meno di 200 lavoratori
4 Sì, sempre

129È vero che per i lavoratori che non utilizzano in modo appropriato i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) messi a loro disposizione, sono previste specifiche sanzioni fino ad un mese o con l'ammenda da 200 a 600 euro?
1 È vero, per ogni ambiente di lavoro
2 È vero, ma la sanzione è applicata solo nelle aziende private
3 È vero, ma la sanzione è applicata solo nelle aziende con più di 15 dipendenti
4 È vero, ma la sanzione è limitata a 300 euro

130 Quando debbono essere impiegati i Dispositivi di Protezione Individuale (DPI)?
1 Quando i rischi non possono essere evitati o sufficientemente ridotti da misure tecniche di prevenzione e da mezzi di protezione collettiva
2 Solo se sono a portata di mano
3 Solo quando lo ritiene opportuno il lavoratore
4 Solo per i rischi derivanti dalla movimentazione manuale dei carichi

131 Prima che entri un cantiere a scuola è necessario che l'Ente proprietario dell'edificio, il Dirigente Scolastico e il Responsabile della Ditta  esecutrice dei lavori, si coordinino tra loro per redigere il Documento Unico di valutazione dei Rischi interferenziali (D.U.V.R.I.)?
1 Sì, sempre; per individuare i Rischi Interferenziali tra i lavori svolti dalla Ditta esterna e le attività scolastiche, al fine di individuare le idonee
misure preventive e protettive
2 Sì, ma solo per gli edifici con una presenza superiore a 100 persone
3 No, solo nei casi in cui sia prevista l'installazione di una impalcatura sulle pareti esterne dell'edificio
4 No, vale solo per gli edifici scolastici costruiti prima del 1975

132  Tra le misure generali di tutela della salute e della sicurezza dei lavoratori nei luoghi di lavoro è prevista anche un'adeguata informazione e formazione?
1 Sì, in tutte le aziende pubbliche e private
2 Sì, ma solo per le aziende con più di 35 lavoratori
3 Sì, ma solo atto dell'assunzione
4 Sì, ma solo per le aziende con più di 15 dipendenti

133 Ciascun lavoratore deve essere informato sui nominativi dei lavoratori incaricati di svolgere le funzioni di Addetto Antincendio e di Addetto  al Primo Soccorso?
1 Sì, per qualsiasi tipologia di edificio scolastico
2 Sì, ma solo per gli edifici scolastici con un numero di persone presenti superiore a 300 unità
3 Sì, ma solo per gli edifici scolastici con più di 100 persone presenti
4 No, non è necessario

134 I Dispositivi di Protezione Individuale (DPI) devono essere forniti dal datore di lavoro senza onere economico per i lavoratori?
1 Sì, sempre
2 No ,con un contributo economico da parte del lavoratore pari al 50%
3 No ,con un contributo economico da parte del lavoratore pari al 20%
4 No, l'acquisto è a totale carico dei lavoratori

135 In quale circostanza i lavoratori designati di svolgere le funzioni di Addetto Antincendio devono conseguire l'attestato di idoneità tecnica presso i  Vigili del Fuoco?
1 Se operano in scuole con oltre 300 persone presenti
2 Se operano in scuole con un numero di persone presenti comprese fra le 100 e le 300
3 Se operano in scuole con più di 500 persone presenti
4 Se il numero di Addetti Antincendio presenti nell'edificio, per ogni turno di servizio, è inferiore a 5



 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu