Crea sito

Da 461 a 480 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Da 461 a 480

I quiz dei concorsi delle ASL 3° parte > Regione Sardegna > Asl 8 Cagliari > Da 401 a 500

Sezione in fase di discussione

Nota bene: Le risposte ai quiz sono frutto del lavoro di gruppo dei collaboratori di questo sito ABC OSS.
Considerata l'ambiguità e/o inesattezza di alcuni quiz, esiste la possibilità , seppur minima,
che alcune risposte siano discordanti da quelle ufficiali della ASL.
Decliniamo quindi ogni responsabilità in merito, ma siamo disponibili alla discussione. Grazie!

Per eventuali segnalazioni inviate una mail a  abcossblog@tiscali.it


461 LA VACCINAZIONE E’ UN INTERVENTO DI PREVENZIONE?


1) Sì, rientra nella prevenzione terziaria

2) Sì, rientra nella prevenzione primaria


3) No, non può essere considerata prevenzione
www.biancofrancesco.altervista.org
462 LE SOSTANZE PSICOATTIVE:

1) Hanno origine esclusivamente naturale

2) Sono sempre frutto di sintesi chimiche

3) Possono essere sia di origine naturale che prodotte in laboratorio


463 IN QUANTE REGIONI SI DIVIDE L’ADDOME?

1) 9

2) 6

3) 3
www.biancofrancesco.altervista.org
464 QUANDO NON È POSSIBILE EVITARE LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CAR ICHI:

1) Il datore di lavoro dovrà fornire ai lavoratori un`adeguata formazione e gli adeguati DPI

2) Il datore di lavoro dovrà fornire ai lavoratori un assistente

3) La movimentazione manuale dei carichi deve sempre essere evitata

1. Il  datore  di  lavoro  adotta  le  misure  organizzative  necessarie  e  ricorre  ai  mezzi  appropriati,  in  particolare
attrezzature  meccaniche,  per  evitare  la  necessità  di  una  movimentazione  manuale  dei  carichi  da  parte  dei
lavoratori.
2.  Qualora non sia possibile evitare la movimentazione manuale dei carichi ad opera dei lavoratori, il datore di
lavoro adotta le misure organizzative necessarie, ricorre ai mezzi appropriati e fornisce ai lavoratori stessi i
mezzi  adeguati,  allo  scopo  di  ridurre  il  rischio  che  comporta  la  movimentazione  manuale  di  detti  carichi,
tenendo conto dell’allegato XXXIII, ed in particolare:
a) organizza i posti di lavoro in modo che detta movimentazione assicuri condizioni di sicurezza e salute;
b) valuta, se possibile anche in fase di progettazione, le condizioni di sicurezza e di salute connesse al lavoro in
questione tenendo conto dell’allegato XXXIII;
c) evita o riduce i rischi, particolarmente di patologie dorso-lombari, adottando le misure adeguate, tenendo
conto  in  particolare  dei  fattori  individuali  di  rischio,  delle  caratteristiche  dell’ambiente  di  lavoro  e  delle
esigenze che tale attività comporta, in base all’allegato XXXIII;
d) sottopone i lavoratori alla sorveglianza sanitaria di cui all’articolo 41, sulla base della valutazione del rischio
e dei fattori individuali di rischio di cui all’allegato XXXIII.
3.  Le  norme  tecniche  costituiscono  criteri  di  riferimento  per  le  finalità  del  presente  articolo  e  dell’allegato
XXXIII, ove applicabili. Negli altri casi si può fare riferimento alle buone prassi e alle linee guida.

Art. 169.
(Informazione, formazione e addestramento)
1.  Tenendo conto dell’allegato XXXIII, il datore di lavoro:
a) fornisce  ai  lavoratori  le  informazioni  adeguate  relativamente  al  peso  ed  alle  altre  caratteristiche  del
carico movimentato
;
b) assicura  ad  essi  la  formazione  adeguata  in  relazione  ai  rischi  lavorativi  ed  alle  modalità  di  corretta
esecuzione delle attività.

2.  Il  datore  di  lavoro  fornisce  ai  lavoratori  l’addestramento  adeguato  in  merito  alle  corrette  manovre  e
procedure da adottare nella movimentazione manuale dei carichi.

www.biancofrancesco.altervista.org

465 DURANTE L’ARCO DELLA GIORNATA LA TEMPERATURA CORPOREA:

1) È costante

2) È più alta di mattina

3) È più alta di pomeriggio

466 QUALE TRA LE SEGUENTI È L'ESTENSIONE DI UN FILE EXCEL?

1) ppt

2) bmp

3) xlsx

467 IL MANCATO SVILUPPO DELLA STATURA VIENE CHIAMATO:

1) Nanismo

2) Infantilismo

3) Macrosomia
www.biancofrancesco.altervista.org
468 SECONDO LA NORMATIVA SULLA SICUREZZA, PER QUANTO RIGUARDA IL RUMORE:

1) Ci sono obblighi di sorveglianza sanitaria per tutti i lavoratori perché è un rischio particolarmente diffuso

2) Sono previsti una serie di obblighi che dipendono dai risultati di una specifica valutazione del rischio

3) Gli obblighi sono collegati al numero di lavoratori esposti

469 QUALE  DEI SEGUENTI PAZIENTI È PIÙ A RISCHIO PER LO SVILUPPO DI UNA   PIAGA DA DECUBITO?

1) Un anziano che pesa 40/50 Kg

2) Una giovane che pesa 40 kg

3) Un anziano che pesa 80/100 kg

470 PER ECCHIMOSI SI INTENDE:

1) Una microfrattura che colpisce le parti distali degli arti superiori o inferiori

2) L’infiltrazione di sangue tra i tessuti, dovuta generalmente alla rottura limitata dei capillari

3) La lesione di un muscolo a seguito di un forte trauma
www.biancofrancesco.altervista.org

471 QUALI CATEGORIE DI PERSONE SONO PIÙ A RISCHIO DI SVILUPPO DI UN’ INFEZIONE DELLE VIE URINARIE?

1) Gli uomini, gli anziani e i bambini

2) Le donne, gli anziani e i bambini

3) Le donne, gli uomini e gli anziani


472 IL PERSONALE CHE SOLLEVA OBIEZIONE DI COSCIENZA ALL’INTERRUZIONE VOLONTARIA DI GRAVIDANZA (IVG):

1) Non è tenuto a prestare assistenza prima e dopo l’intervento di IVG

2) È tenuto a prestare l’assistenza precedente e conseguente all’intervento di IVG

3) Non è esonerato dal compimento delle procedure specificamente dirette a determinare l’interruzione della gravidanza

473 L’ASPIRAZIONE DELLE VIE AEREE SERVE, TRA L’ALTRO, A:

1) Aumentare la frequenza respiratoria

2) Aumentare l’ossigenazione dei tessuti

3) Diminuire la ventilazione respiratoria
www.biancofrancesco.altervista.org

474 IN MERITO ALLA COMPOSIZIONE DELLA SALMA DI UN DEFUNTO, L’OSS SI OCCUPA D
I:

1) Provvedere alla pulizia del letto

2) Provvedere alla rimozione di eventuali cateteri e flebo

3) Provvedere sia alla pulizia del letto che alla rimozione di eventuali cateteri e flebo

475 QUALE È IL PRIMO SENTIMENTO CHE L’OPERATORE SANITARIO DEVE TRASMETT ERE ALL’UTENTE?

1) Sicurezza di se stessi

2) Simpatia

3) Fiducia




476 LA GERIATRIA OFFRE ALL’ANZIANO UN’ASSISTENZA DI TIPO:

1) Esclusivamente medico (prevenzione e trattamento delle malattie)

2) Esclusivamente psicologico

3) Medico, psicologico e socio-economico

La Geriatria
si occupa delle patologie che si verificano nell’anziano, e cioè in un soggetto di età superiore ai 65 anni e i loro effetti disabilitanti, con lo scopo principale di rallentare il declino nelle funzioni fisiche e in quelle mentale, conservando nei soggetti l’autosufficienza e la miglior qualità di vita possibile.
La Gerontologia
è la parte della medicina che studia la fisiopatologia e la clinica dell’invecchiamento e della senescenza, inclusi gli aspetti sociali e psicologici che hanno luogo nella terza età, e che sono in grado di condizionare lo stato di salute, determinando la comparsa delle malattie tipiche nell’anziano. Il Geriatra è quel medico che opera avendo ben presenti le nozioni fornite dalla gerontologia.


www.biancofrancesco.altervista.org

477 COSA SONO I BATTERI?

1) Microrganismi visibili a occhio nudo

2) Microrganismi capaci di vita propria

3) Microrganismi incapaci di vita propria

478 IL BISOGNO DI SICUREZZA, SECONDO MASLOW, È UN BISOGNO DI QU ALE LIVELLO?

1) I livello

2) II livello

3) III livello

479 IN AMBITO SANITARIO IL CODICE DEONTOLOGICO È:

1) Un documento che riguarda le regole di condotta professionale esclusivamente dei medici

2) Un documento che riguarda le regole di condotta professionale di tutti gli operatori sanitari

3) Un documento che riguarda le regole di condotta professionale esclusivamente degli infermieri
www.biancofrancesco.altervista.org
480 CHE COSA SONO I REGIMI DIETETICI?

1) Un insieme di diete equilibrate

2) Un insieme di menù

3) Diete specifiche per patologie

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu