Crea sito

Da 481 a 500 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Da 481 a 500

I quiz dei concorsi delle ASL 3° parte > Regione Sardegna > Asl 8 Cagliari > Da 401 a 500

Sezione in fase di discussione

Nota bene: Le risposte ai quiz sono frutto del lavoro di gruppo dei collaboratori di questo sito ABC OSS.
Considerata l'ambiguità e/o inesattezza di alcuni quiz, esiste la possibilità , seppur minima,
che alcune risposte siano discordanti da quelle ufficiali della ASL.
Decliniamo quindi ogni responsabilità in merito, ma siamo disponibili alla discussione. Grazie!

Per eventuali segnalazioni inviate una mail a  abcossblog@tiscali.it


481 QUAL È LA FIGURA DI RIFERIMENTO DELL’OSS IN AMBITO SANITAR IO?


1) L’infermiere e l’ostetrica

2) L’infermiere e il medico

3) Esclusivamente l’infermiere
www.biancofrancesco.altervista.org
482 QUALE FRA LE SEGUENTI FIGURE ATTRIBUISCE L'INCARICO DI DIRETTORE DEL DISTRETTO SANITARIO?

1) La Conferenza dei Sindaci

2) Il Direttore generale

3) Il Collegio di direzione

483 CHI È IL PROVIDER ECM?

1) Un soggetto attivo e qualificato nel campo della formazione continua in sanità, abilitato a realizzare attività formative riconosciute idonee per l’ECM e ad assegnare i crediti

2) La commissione nazionale per la formazione continua che accredita i corsi ECM

3) L’organo istituzionale che vigila sul corretto svolgimento della formazione
www.biancofrancesco.altervista.org
484 LA MOVIMENTAZIONE MANUALE DEI CARICHI:

1) Prevede un rischio di tipo ergonomico, che si riduce utilizzando i giusti criteri

2) Non prevede rischi di tipo ergonomico

3) Prevede un rischio di tipo ergonomico, che si riduce con l`utilizzo dei DPI adeguati

(Obblighi del datore di lavoro)
1.  Il  datore  di  lavoro  adotta  le  misure  organizzative  necessarie  e  ricorre  ai  mezzi  appropriati,  in  particolare
attrezzature  meccaniche,  per  evitare  la  necessità  di  una  movimentazione  manuale  dei  carichi  da  parte  dei
lavoratori.
2.  Qualora non sia possibile evitare la movimentazione manuale dei carichi ad opera dei lavoratori, il datore di
lavoro adotta le misure organizzative necessarie, ricorre ai mezzi appropriati e fornisce ai lavoratori stessi i
mezzi  adeguati,  allo  scopo  di  ridurre  il  rischio  che  comporta  la  movimentazione  manuale  di  detti  carichi,
tenendo conto dell’allegato XXXIII, ed in particolare:
a) organizza i posti di lavoro in modo che detta movimentazione assicuri condizioni di sicurezza e salute;
b) valuta, se possibile anche in fase di progettazione, le condizioni di sicurezza e di salute connesse al lavoro in
questione tenendo conto dell’allegato XXXIII;
c) evita o riduce i rischi, particolarmente di patologie dorso-lombari, adottando le misure adeguate, tenendo
conto  in  particolare  dei  fattori  individuali  di  rischio,  delle  caratteristiche  dell’ambiente  di  lavoro  e  delle
esigenze che tale attività comporta, in base all’allegato XXXIII;
d) sottopone i lavoratori alla sorveglianza sanitaria di cui all’articolo 41, sulla base della valutazione del rischio
e dei fattori individuali di rischio di cui all’allegato XXXIII.
3.  Le  norme  tecniche  costituiscono  criteri  di  riferimento  per  le  finalità  del  presente  articolo  e  dell’allegato
XXXIII, ove applicabili. Negli altri casi si può fare riferimento alle buone prassi e alle linee guida.

Art. 169.
(Informazione, formazione e addestramento)
1.  Tenendo conto dell’allegato XXXIII, il datore di lavoro:
a) fornisce  ai  lavoratori  le  informazioni  adeguate  relativamente  al  peso  ed  alle  altre  caratteristiche  del
carico movimentato;
b) assicura  ad  essi  la  formazione  adeguata  in  relazione  ai  rischi  lavorativi  ed  alle  modalità  di  corretta
esecuzione delle attività.
2.  Il  datore  di  lavoro  fornisce  ai  lavoratori  l’addestramento  adeguato  in  merito  alle  corrette  manovre  e
procedure da adottare nella movimentazione manuale dei carichi.

www.biancofrancesco.altervista.org
485 IL MOBBING È:

1) Una forma di pressione psicologica che viene esercitata sul posto di lavoro

2) Un tipo di provvedimento sanzionatorio

3) Una forma di depressione tipica delle professioni sanitarie

486 LA NUTRIZIONE ENTERALE VIENE NORMALMENTE EFFETTUATA TRAMITE:

1
) Sondino naso gastrico inserito attraverso una delle narici, fino allo stomaco

2) Ago cannula inserito in una vena periferica

3) Ago cannula inserito in un'arteria periferica

487 COS’È L’IPOACUSIA?

1) Un deficit visivo

2) Una compromissione dell’udito

3) Un handicap motorio


www.biancofrancesco.altervista.org
488 I CREDITI RILASCIATI DA PROVIDER ESTERI PER LA PARTECIPAZIONE AD UN EVENTO FORMATIVO ALL’ESTERO O PER LA PARTECIPAZIONE AD UNA INIZIATIVA FORMATIVA IN FAD VALGONO ANCHE IN ITALIA?

1) No

2) Si, con un valore pari al 50% dei crediti attribuiti all’iniziativa formativa

3) No, ad eccezione degli eventi formativi organizzati da Provider dei paesi dell’Unione Europea

489 LA DEFINIZIONE “MALATTIA MENTALE CHE COMPORTA UN DELIRIO L UCIDO, CRONICO, A SFONDO PERSECUTORIO, IN ASSENZA DI ALLUCINAZIONI” SI RIFERISCE A:

1) Paranoia

2) Schizofrenia

3) Alzheimer
www.biancofrancesco.altervista.org
490 LE ASL SONO DOTATE DI:


1) Personalità giuridica pubblica e autonomia imprenditoriale

2) Personalità giuridica privata e autonomia imprenditoriale

3) Personalità fisica e giuridica allo stesso tempo

491 QUALE TRA I SEGUENTI SINTOMI SI VERIFICA IN CASO DI COLPO DI CALORE?

1) Il soggetto colpito suda moltissimo

2) La temperatura corporea sale in breve tempo

3) La temperatura corporea scende rapidamente

492 IL TASSO DI FECONDITÀ TOTALE ESPRIME:

1) Il numero medio di figli per donna in età fertile

2) Il rapporto tra nati e popolazione totale

3) Il rapporto tra nati e popolazione femminile
www.biancofrancesco.altervista.org
493 LO SCOPO DELLA FISIOTERAPIA È:

1) Restituire la normale funzionalità a chi ha subito danni fisici

2) Aiutare chi ha subito danni neurologici

3) Sia restituire la normale funzionalità a chi ha subito danni fisici, sia aiutare chi ha subito danni neurologici

494 I LAVORATORI POSSONO MODIFICARE I DPI DI PROPRIA INIZIATIVA?

1) Sì

2) Dipende dall’uso a cui sono destinati

3) No, mai

495 IN AMBITO SANITARIO CON IL TERMINE EPIDEMIOLOGIA SI INTENDE:

1) Lo studio delle distribuzione delle malattie nell’ambito della comunità nel suo complesso comprendendo sia le persone sane che i malati

2) Lo studio della malattia sul singolo malato e si propone di diagnosticarla e di curarla

3) Lo studio dei vaccini per prevenire il diffondersi delle epidemie
www.biancofrancesco.altervista.org
496 L’ASSISTENZA SPECIALISTICA AMBULATORIALE È GARANTITA:

1) Dal distretto

2) Dai presidi ospedalieri

3) Dal dipartimento di prevenzione

497 LE MANI DELL’OPERATORE, TRANSITORIAMENTE CONTAMINATE, POSSONO TRASFERIRE PASSIVAMENTE I MICRORGANISMI DA UN PAZIENTE ALL’ALTRO?

1) No

2) Si

3) E’ molto raro

498 QUALE ATTO NON È DELEGABILE ALL’OSS DURANTE LA SOMMINISTRAZIO NE DELLA TERAPIA ORALE?

1) Verificare l’identità del paziente

2) Verificare che il farmaco sia stato assunto correttamente

3) Preparare il farmaco da somministrare
www.biancofrancesco.altervista.org
499 PER QUANTO TEMPO SI MANTIENE STERILE UN OGGETTO CORRETTAMENTE CONSERVATO?

1) 20 giorni

2) 30 giorni

3) 60 giorni
www.biancofrancesco.altervista.org
Sarebbe utile specificare il tipo di confezionamento,
la nostra  risposta si riferisce al confezionamento con carta Medical grade tempi di mantenimento sterilità 30 giorni.
Carta Kraft polietilene tempi mantenimento sterilità 60 giorni..

www.biancofrancesco.altervista.org
500 QUAL È L'ARTICOLAZIONE ORGANIZZATIVA UTILIZZATA DALL'A ZIENDA SANITARIA LOCALE PER GARANTIRE L'ADI, L’ASSISTENZA NELLE RSA, L’ASSISTENZA SPECIALISTICA ECC. NEL TERRITORIO?

1) Il dipartimento di area critica

2) Il distretto

3) Il consiglio delle professioni sanitarie

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu