Crea sito

L. R. 39/2001 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

L. R. 39/2001

Tutto Test > Quiz a Tema 1

Documenti correlati su normativa socio sanitaria :
Test D.LGS. 502/92
Test la Legge regionale della Sardegna 10/2006
Test la Legge regionale della Sardegna 10/2006
Test D.Lgs 81/2008
Test Legge 833/1978
Test D.L. 165/2001
Test Costituzione
Test Legge 241/1990
Test D.P.R 445/2000 Documentazione amministrativa
Test L.R. 39/2001 Legge Regionale Basilicata
Test D.Lg 196/2003 Privacy





L.R. Basilicata

1) Ai sensi della L.R. Basilicara n. 39/2001, i Comuni esercitano le funzioni di indirizzo e la valutazione sull'attività nell'ambito territoriale di ciascuna Azienda USL attraverso:

A) La Conferenza dei Sindaci.


B) Il Consiglio comunale.

C) La Giunta comunale.

D) Il S.E.R.T.

2) Secondo quanto riportato dalla L.R. Basilicata n. 39/2001, la "Conferenza permanente per la programmazione sanitaria e socio sanitaria regionale" è:
a. Un organo consultivo della Regione.

b. Un organo rappresentativo del Ministero della Salute.

c. Un organo deliberativo del Comune.

d. Un organo operativo della Protezione Civile

3) AI sensi dell'art. 11 della L.R. Basilicata n. 39/2001, tutti gli atti soggetti a controllo adottati dal Direttore Generale dell'Azienda sanitaria sono trasmessi al Collegio dei Revisori entro:

a. 10 giorni dalla loro adozione.

b. 30 giorni dalla loro pubblicazione all'albo.

c. 60 giorni dalla loro adozione.

d. 90 giorni dalla loro pubblicazione all'albo

3) Ai sensi dell'art. 40 della L.R. Basilicata n. 39/2001, il "Piano attuativo" dell'Azienda sanitaria viene adottato…..

A) annualmente, secondo il principio dello scorrimento triennale rispetto agli obiettivi del Piano Sanitario Regionale.

B) annualmente, secondo il principio dello scorrimento quinquennale rispetto agli obiettivi del Piano Sanitario Regionale.

C) semestralmente, secondo il principio dello scorrimento biennale rispetto agli obiettivi del Piano Sanitario Regionale.

D) Viene adottato semestralmente, secondo il principio dello scorrimento quadriennale rispetto agli obiettivi del Piano Sanitario Regionale

4) Ai sensi della L.R. Basilicara n. 39/2001, gli ambiti territoriali delle Aziende Unità Sanitarie Locali sono definiti con:

A) Legge regionale.

B) Decreto parlamentare.

C) Delidera prefettizia.

Regolamento ministeriale

5) Secondo quanto prescritto dalla L.R. Basilicata n. 39/2001, in presenza di cause di decadenza e revoca del Direttore generale, da chi

pronunciata la decadenza dalla nomina?


A) Dal Presidente della Giunta regionale su conforme deliberazione della Giunta medesima.

B)  Dal Presidente del Consiglio Comunale del capoluogo di regione.

C) Dal Prefetto in via esclusiva.

D) Dal Presidente della Provincia con il maggior numero di assistiti.


6) I soggetti istituzionali, cui spetta l'attuazione del Servizio Sanitario Regionale secondo le competenze e con le modalità previste dalla L.R. Basilicara n. 39/2001, sono:
A) La Regione, le Province, i Comuni, le Aziende unità Sanitarie Locali ed Ospedaliere e gli altri Enti istituiti dalla Regione Basilicata che gestiscono i servizi sanitari.
B) La Regione, le Prefetture ed i Comuni.

C)  Le Aziende unità Sanitarie Locali ed Ospedaliere in via esclusiva.

D) Il Ministero della sanità, la Regione, le Comunità montane, le Prefetture ed i Consultori.
7) Ai sensi della L.R. Basilicata n. 39/2001, le Aziende Sanitarie approvano e aggiornano la carta dei servizi:

A) Ogni anno.

B) Ogni tre anni.

C) Ogni cinque anni.

Ogni due anni

8) AI sensi dell'art. 33 della L.R. Basilicata n. 39/2001, in caso di assenza o legittimo impedimento alle sedute del Comitato dei Sindaci di distretto partecipa in rappresentanza del Sindaco:

A
) Il Vice Sindaco o un Assessore munito di delega scritta.

B) il Vice Sindaco o il Segretario Generale.

C) Esclusivamente dall'Assessore alle politiche sociali, benessere e salute.

D) Esclusivamente dal Vice sindaco.

9) E' COMPONENTE DEL COLLEGIO DI DIREZIONE DELLE AZIENDE OSPEDALIERE, AI SENSI DELL'ART. 22 DELLA L.R. BASILICATA N. 39/2001, OLTRE AL DIRETTORE AMMINISTRATIVO:
A) Il Direttore sanitario.

B) Il Direttore del distretto.

C) Il Direttore del consultorio.

D) Il Presidente della Regione.

10) Ai sensi dell'art. 11 della L.R. Basilicata n. 39/2001, i componenti del Collegio Sindacale dell'Azienda Sanitaria possono procedere ad atti di ispezione e controllo anche individuale?

A) Si, in tal caso le risultanze delle verifiche devono essere portate a conoscenza degli altri componenti del Collegio nella prima seduta successiva alla verifica stessa.

B) No, in nessun caso trattandosi di organo collegiale.

C) Si, in tal caso le risultanze delle verifiche devono essere portate a conoscenza degli altri componenti del Collegio entro cinque giorni dalla verifica stessa.

No, ad eccezione del caso di sospetto di gravi inadempimenti.

11) SONO COMPONENTI DEL COLLEGIO DI DIREZIONE DELL'AZIENDA SANITARIA, AI SENSI DELL'ART. 22 DELLA L.R. BASILICATA N. 39/2001, OLTRE AL DIRETTORE AMMINISTRATIVO E SANITARIO:

A) I Dirigenti di altre strutture aziendali individuati dal Direttore generale.

B) Quattro infermieri individuati dal Direttore sanitario.

C) Due medici dirigenti con incarico di struttura complessa.

D) Due medici dirigenti e tre infermieri individuati dal Direttore amministrativo.

12) IL "DIPARTIMENTO FUNZIONALE" DI CUI ALL'ART. 29 DELLA L.R. BASILICATA N. 39/2001, È COSTITUITO:

A) Da un'aggregazione di strutture complesse e semplici a valenza dipartimentale che appartengono ad aziende diverse.

B) Da un'aggregazione di strutture esclusivamente semplici a valenza dipartimentale che appartengono alla stessa azienda.

C) Da un'aggregazione di strutture di base finalizzate ad uno specifico obiettivo.

D) Da un'aggregazione di strutture esclusivamente complesse finalizzate ad uno specifico obiettivo e che appartengono alla stessa azienda.

13) Ai sensi della L.R. Basilicata n. 39/2001, gli atti delle Aziende sanitarie non soggetti a controllo preventivo della Giunta Regionale diventano esecutivi, di norma:

E) Dopo cinque giorni dalla loro affissione all’albo.

F) Dopo dieci giorni dalla loro affissione all’albo.

G) Dopo quindici giorni dalla loro affissione all’albo.

Immediatamente

14) AI SENSI DELL'ART. 20 DELLA L.R. BASILICATA N. 39/2001, LE PRESTAZIONI SOCIALI A RILEVANZA SANITARIA SONO:

H) Tutte le attività del sistema sociale che hanno l'obiettivo di supportare la persona in stato di bisogno, con problemi di disabilità o di emarginazione condizionante lo stato di salute.
I) Esclusivamente le attività rivolte al recupero dei tossicodipendenti.

J) Tutte le cure di patologie croniche.

Esclusivamente le attività rivolte al recupero di persone emarginate

15) A NORMA QUANTO STABILITO DALL'ART. 38 DELLA L.R. BASILICATA N. 39/2001, IL PIANO SANITARIO REGIONALE DEFINISCE, PER IL PERIODO DI RIFERIMENTO, I VINCOLI FINANZIARI...

A) da attribuire, anche in via tendenziale, a ciascun livello di assistenza.

B) relativi ai programmi di formazione del personale sanitario e para-sanitario.

C) relativi all'assistenza domiciliare.

relativi sia all'assistenza domiciliare che ai programmi di formazione del personale sanitario e para-sanitario

16) Ai sensi dell'art. 11 della L.R. Basilicata n. 39/2001, il Collegio Sindacale delle Aziende Sanitarie di Basilicata è nominato:

A) Dal Direttore Generale dell'Azienda stessa.

B) Dal Consiglio Regionale.

C) Dalla Giunta Regionale.

Dal Presidente della Regione
17) AI sensi dell'art. 14 della L.R. Basilicata n. 39/2001, l'organizzazione ed il funzionamento dell’Azienda sanitaria, sulla base degli indirizzi assegnati dalla Giunta Regionale di Basilicata, sono adottati…..

A
) dal Direttore Generale con atto aziendale di diritto privato entro sessanta giorni dalla emanazione degli indirizzi suddetti.

B) dal Direttore Generale con atto aziendale di diritto pubblico entro trenta giorni dalla emanazione degli indirizzi suddetti.

C) dal Direttore Generale con atto aziendale di diritto privato entro novanta giorni dalla emanazione degli indirizzi suddetti.

D) dal Direttore Generale con atto aziendale di diritto pubblico entro quarantacinque giorni dalla emanazione degli indirizzi suddetti.


18) La Giunta Regionale esercita il controllo preventivo sugli atti delle Aziende sanitarie individuati dall'art. 44 della L.R. Basilicata n. 39/2001 entro:

A) Quaranta giorni dal ricevimento. Decorso tale termine senza che sia intervenuta alcuna comunicazione al riguardo, gli atti si intendono approvati.

B) Trenta giorni dal ricevimento. Decorso tale termine senza che sia intervenuta alcuna comunicazione al riguardo, gli atti si intendono approvati.

C) Dieci giorni dal ricevimento. Decorso tale termine senza che sia intervenuta alcuna comunicazione al riguardo, gli atti si intendono approvati.

D) Quindici giorni dal ricevimento. Decorso tale termine senza che sia intervenuta alcuna comunicazione al riguardo, gli atti si intendono approvati.

19) Ai sensi della L.R. Basilicata n. 39/2001, il Piano Sanitario Regionale è adottato o adeguato entro:

A) Centocinquanta giorni dalla entrata in vigore del Piano Sanitario Nazionale.

B) Trenta giorni dalla entrata in vigore del Piano Sanitario Nazionale.

C) Un anno dalla entrata in vigore del Piano Sanitario Nazionale.

D) Sessanta giorni dalla entrata in vigore del Piano Sanitario Nazionale.

19) Ai sensi dell'art. 11 della L.R. Basilicata n. 39/2001, chi vigila sull'osservanza della Legge?

A) Il Collegio Sindacale.

B) il Direttore Amministrativo.

C) Il Direttore Generale.

D) la Giunta Regionale.

20) Ai sensi dell'art. 46 della L.R. Basilicata n. 39/2001, le "Carte dei servizi" sono sottoposte a verifica periodica:

A
) Almeno annuale.

B) Ogni tre anni.

C) Ogni cinque anni.

D) Ogni due anni.

21) Ai sensi della L.R. Basilicata n. 39/2001, , il Piano Sanitario Regionale ha, di norma, durata:

A) Triennale.

B) Annuale.

C) Biennale.

Quinquennale

22) Ai sensi della L.R. Basilicara n. 39/2001, la Giunta Regionale, tra l'altro:

A) Assegna le risorse finanziarie alle Aziende Sanitarie ed esercita le funzioni di controllo sulle Aziende Sanitarie nei modi indicati nella legge stessa.
B) Assegna le risorse finanziarie alle Aziende Sanitarie, ma non può esercitare alcuna funzione di controllo sulle Aziende Sanitarie stesse.

C) Esercita le funzioni di controllo sulle Aziende Sanitarie nei modi indicati nella legge stessa, ma non può assegnare risorse finanziarie alle Aziende Sanitarie.

D) Non può assegnare risorse finanziarie alle Aziende Sanitarie e non può esercitare le funzioni di controllo sulle Aziende Sanitarie stesse.

23) AI sensi dell'art. 33 della L.R. Basilicata n. 39/2001, il Comitato dei Sindaci di Distretto è presieduto:

A) Da uno dei Sindaci che lo compongono eletto a maggioranza assoluta dei componenti ed a scrutinio segreto.

B) Dal Sindaco del Comune sede di distretto.

C) Dal Sindaco più anziano di età.

D) Da uno dei Sindaci che lo compongono secondo turnazione annuale.

24) La "Conferenza dei Sindaci" può essere convocata, ai sensi dell'art. 13 della L.R. Basilicata n. 39/2001, su richiesta del Comitato dei sindaci, oppure…..

A) di almeno sette Sindaci dei Comuni dell'Azienda Sanitaria.

B) di almeno cinque Sindaci dei Comuni della U.S.L.

C)  su richiesta del Direttore Generale dell'Azienda Sanitaria Locale.

D) di almeno dieci Sindaci dei Comuni dell'Azienda Sanitaria.

25) Secondo la L.R. Basilicata n. 39/2001, le Aziende Sanitarie nel definire la propria organizzazione e funzionamento, mediante apposito atto aziendale, devono ispirarsi, tra l'altro, al criterio.....

A) della valorizzazione delle risorse umane e professionali presenti nell'Azienda e del rispetto delle pari opportunità tra uomo e donna.

B) della valorizzazione delle strutture complesse per la soddisfazione dei bisogni degli utenti.

C) della divulgazione dei dati aziendali.

D) della valorizzazione delle risorse professionali sanitarie presenti sul territorio regionale dove l'Azienda è localizzata.

26) AI sensi della normativa sanitaria della Regione Basilicata, il regolamento relativo all'organizzazione ed al funzionamento del Comitato dei Sindaci è approvato:

A
) Dal Comitato stesso entro 30 giorni dalla sua costituzione ed insediamento.

B) Dal Comitato stesso entro 60 giorni dalla sua costituzione ed insediamento.

C) Con apposita deliberazione del Consiglio Regionale.

Con apposita deliberazione della Giunta Regionale

27) Ai sensi della L.R. Basilicata n. 12/2008, le Aziende del Servizio Sanitario della Regione Basilicata sono:

A) L'Azienda Sanitaria locale di Potenza (ASP), l'Azienda Sanitaria locale di Matera (ASM), l'Azienda Ospedaliera Regionale "S. Carlo" (AOR) e l'Ospedale Oncologico di Rionero in Vulture (CROB).
B) Esclusivamente, l'Azienda Sanitaria locale di Potenza (ASP) e l'Azienda Sanitaria locale di Matera (ASM).

C) Esclusivamente, l'Azienda Ospedaliera Regionale "S. Carlo" (AOR) e l'Ospedale Oncologico di Rionero in Vulture (CROB).

L'Azienda Sanitaria Regionale (ASR) con le sue articolazioni e sedi nel territorio

28) La L.R. Basilicata n. 12/2008 non prevede tra i compiti del Distretto della Salute:

A
) Il concorso alla predisposizione del piano attuativo dell'Azienda sanitaria.

B) La pianificazione e gestione integrata dei servizi sanitari, socio-sanitari e sociali sul territorio di riferimento.

C) L'analisi della domanda e il governo dell' offerta in relazione ai bisogni di salute e di benessere delle persone, delle famiglie e delle comunità locali.

D) L'integrazione funzionale e il coordinamento dei suoi interventi con le attività territoriali dei Dipartimenti di Prevenzione e del Dipartimento di Salute Mentale.

29) Ai sensi della L.R. Basilicata n. 12/2008, la rete regionale dell’emergenza-urgenza, denominata “Basilicata Soccorso”, è organizzata e gestita:

A) Dal Dipartimento Interaziendale Regionale di Emergenza Sanitaria (DIRES).

B) Dall’Ente Basilicata Soccorso (EBaS).

C) Dall'Azienda Sanitaria Regionale (ASR).

D) Dal Dipartimento Regionale Sanità e Politiche Sociali (DRSPS).

30) Ai sensi della L.R. Basilicata n. 12/2008, i Direttori Generali delle Aziende Sanitarie avviano le procedure per la nomina dei Direttori amministrativi e sanitari delle rispettive Aziende:

D) Entro trenta giorni dal loro insediamento.

E) Entro sessanta giorni dal loro insediamento.

F) Entro quarantacinque giorni dal loro insediamento.

G) Entro novanta giorni dal loro insediamento.

31) Ai sensi della L.R. Basilicata n. 12/2008, i "Dipartimenti Aziendali di Prevenzione" sono riorganizzati in:

A) Dipartimenti di Prevenzione Collettiva della Salute Umana e Dipartimenti di Prevenzione della Sanità e benessere animale.

B) Centri Operativi e Unità per i Servizi Integrati di Base.

C) Dipartimenti di Assistenza alla Sanità Umana e Dipartimenti di Assistenza alla Sanità Animale.

Centri di Prevenzione Collettiva e Centri di Assistenza Individuale

32) Ai sensi della L.R. Basilicata n. 12/2008, l’Azienda Sanitaria di Potenza e l’Azienda Sanitaria di Matera garantiscono l’offerta integrata socio-sanitaria e sanitaria, sull’intero territorio di competenza, attraverso:

A) Le Unità per i Servizi Integrati di Base (USIB).

B) I Centri Operativi Sanitari (COS).

C) Le Unità Sanitarie Locali (USL).

Gli ospedali.

33) Ai sensi della L.R. Basilicata n. 12/2008, è componente del Collegio di Direzione dell'Azienda Sanitaria:

D) Il Direttore di Distretto.

E) Il Presidente della Consulta permanente per la programmazione sociale e sanitaria.

F) Il Dirigente del Dipartimento competente in materia di sanità.

Il Dirigente del Dipartimento Interaziendale Regionale di Emergenza Sanitaria.

34) Ai sensi della L.R. Basilicata n. 12/2008, il Direttore di Distretto viene individuato:

D) Dal Direttore Generale dell'Azienda Sanitaria, a seguito di regolare avviso pubblico conforme a indirizzi appositamente emanati dalla Regione.
E) Dal Direttore Generale dell'Azienda Sanitaria, a seguito di regolare avviso pubblico conforme a indirizzi appositamente emanati dal Collegio di Direzione dell'Azienda.

F) Dal Presidente della Giunta Regionale con apposito decreto.

Dal Consiglio Regionale con apposita deliberazione

35) Ai sensi della L.R. Basilicata n. 12/2008, i "Distretti della Salute" corrispondono ad aree omogenee, coincidenti con gli ambiti socioterritoriali della rete regionale integrata dei servizi alla persona, il cui ambito territoriale è previsto:

A) Nell’Atto aziendale.

B) Dalla Giunta Regionale.

C) Nelle Circolari governative.

Con Decreti ministeriali

36) Con riguardo alle Aziende sanitarie, entro quanto tempo dalla nomina del Direttore Generale la Giunta Regionale di Basilicata verifica i risultati aziendali conseguiti ed il raggiungimento degli obiettivi di salute e di funzionamento dei servizi?
D) Trascorsi diciotto mesi dalla nomina di ciascun Direttore Generale.

E) Trascorsi dodici mesi dalla nomina di ciascun Direttore Generale.

F) Entro il 31 dicembre di ogni anno.

G) Entro il 31 gennaio di ogni anno.

37) Ai sensi della L.R. Basilicata n. 12/2008, quale dei seguenti è uno strumento di governo partecipato delle politiche integrate della salute?
E) Il Distretto della Salute.

F) La Rete Regionale Integrata dei servizi di cittadinanza sociale.

G) Il Dipartimento competente in materia di sanità.

L'Assessore regionale competente in materia di sanità

38) Ai sensi della L.R. Basilicata n. 12/2008, il "Dipartimento Interaziendale Regionale di Emergenza Sanitaria (DIRES)" è struttura…..

H) operativa unitaria a carattere interaziendale, transmurale e trasversale, istituita presso l’Azienda Sanitaria locale di Potenza.

I) consultiva unitaria a carattere interaziendale, transmurale e trasversale, istituita presso l’Azienda Sanitaria locale di Matera.

J) operativa unitaria a carattere interaziendale, transmurale e trasversale, istituita presso l'Azienda Ospedaliera Regionale "S. Carlo".

consultiva unitaria a carattere interaziendale, transmurale e trasversale, istituita presso il Dipartimento regionale competente in materia di sanità e politiche sociali

39) Secondo quanto prescrive la L.R. Basilicata n. 39/2001, il Direttore Amministrativo…..

E) fornisce parere obbligatorio al Direttore generale sugli atti relativi alle materie di competenza.

F) fornisce parere facoltativo al Direttore generale sugli atti relativi alle materie di competenza.

G) fornisce parere obbligatorio al Direttore generale sugli atti relativi alle materie che non sono di sua competenza.

non verifica la spesa

40) L’incarico di Presidenza del Comitato dei Sindaci previsto dalla normativa sanitaria della Regione Basilicata ha durata:

E
) Quadriennale.

F) Annuale.

Quinquennale.

 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu