Crea sito

Eserciziario per OSS 2 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Eserciziario per OSS 2

DOMANDE & RISPOSTE > Occasionali e rare > 1° Parte
 

Prova orale ASL 8 Cagliari
La commissione esaminatrice rivolge al candidato questa domanda :

EPILESSIA E CRISI CONVULSIVE

Convulsioni: sono movimenti incontrollati della muscolatura; sono scatenate dall'instaurarsi di un'attività  elettrica cerebrale irregolare.  A volte si verificano come movimenti muscolari involontari ed incontrollabili, in  questi casi si parla di “convulsioni”. Le crisi non sono la malattia, bensì il segno di una patologia sottostante.
Cause più comuni: - tumori cerebrali         - difetti cerebrali congeniti  -   febbre   (soprattutto   nei   bambini)
forme idiomatiche    - infezioni ( ad es. encefaliti)  - cause metaboliche (ad es. il diabete)         - cause  tossiche      - traumi  Inoltre:   - epilessia  - ictus   - tia  - ipoglicemia
In casi di epilessia le crisi non sono tutte uguali e vengono suddivise in: - crisi parziali  e  crisi generalizzate.
parziali - Segni e sintomi
Crisi parziale semplice o crisi motoria focale, crisi focale,  (assenza)
• irrigidimento
• spasmo di una parte del corpo
• aura con percezione di: odori, luci, colori,disturbi gastrici
• NON c'è perdita di coscienza  
parziale complessa o psicomotoria del lobo temporale
• preceduta da aura
• comportamento anomalo e ripetitivo, diverso da soggetto a soggetto
• NON c'è perdita di coscienza

generalizzate  -  Segni e sintomi
• Piccolo male o assenza
• Non c'è perdita di coscienza.
• La crisi dura pochi secondi e può ripetersi più volte nella stessa giornata.
• E' caratterizzata da :
• perdita temporanea di concentrazione
• perdita temporanea di consapevolezza
Grande male o crisi tonico-clonica
• Non è preceduta da aura, ma a volte può essere preceduta da un grido
• Si ha DI COSCIENZA,con comparsa di una notevole attività motoria. Durata: 2-3 minuti.
Le tre fasi
fase tonica: dura circa 30''
• corpo rigido
• il paziente può mordersi la
• il  paziente può  perdere  il  controllo sfinteriale fase clonica: dure circa 1-2 '
• spasmi evidenti
• perdita   di   schiuma   e  saliva dalla bocca
• labbra e viso cianotici  fase post-ictus: può durare anche  delle ore
• termine convulsioni
• sonnolenza e confusione
• a   volte   permane  l'incoscienza
• emicrania
ATTENZIONE!!!  Le crisi parziali e quelle di grande male durano di solito 2 o 3 minuti. Se durano 5-10 minuti parla di status epilettico ed in questi casi è necessario allertare subito la CO e chiedere il mezzo di  Soccorso Avanzato.  
fare
:
Compiti del soccorritore :
• Mantieni la calma e resta con il paziente, se si fa in tempo adagiarlo a terra, allentare abiti stretti
• NON tentare di tenerlo fermo durante le convulsioni, non trattenerlo
• Allontana oggetti pericolosi, contro cui potrebbe andare sbattere
• NON mettere niente in bocca al paziente: potrebbe rompersi ed ostruire le vie aeree
• Mettere il paziente nella posizione laterale di sicurezza solo dopo aver escluso un possibile trauma,  per facilitare l'uscita di eventuale bava dalla bocca; se necessario aspirare (dopo fase tonica)
• Valutare ABC dopo la fase tonica (convulsioni), se presente dispnea erogare ossigeno
• Tranquillizzare il paziente, dopo la crisi sarà probabilmente confuso e imbarazzato
• Trasporto in pronto soccorso, tenendo monitorizzati i parametri vitali
Al personale del Pronto Soccorso riferire:
• cosa stava facendo il paziente prima della crisi
• che tipo di movimenti ha compiuto durante la crisi
• se ha perso il controllo degli sfinteri
• quanto è durata la crisi
• che cosa ha fatto dopo la crisi (ha dormito, era vigile, rispondeva alle domande)
i 10 punti da ricordare al fine di  prestare aiuto:
Rimani vicino alla persona - stai calmo.
Prendi nota dell'ora/durata della crisi.
Proteggi la persona da lesioni  - togli qualunque oggetto pesante dall'area in cui si Metti qualcosa di morbido sotto la sua testa. Allenta i capi di vestiario troppo
Sposta con delicatezza la persona su di un fianco  - non appena sarà possibile, per a respirare
Cerca di comunicare con la persona per assicurarti che abbia effettivamente ripreso
Rassicurala
Tieni lontano i curiosi
Non limitare i movimenti della persona.
Non cercare di mettere forzatamente nulla dentro la bocca.
Non dare alla persona acqua, pillole o cibo fino a quando non sarà pienamente  che  la  crisi  si  è  conclusa,  la  persona  dovrebbe  essere  messa  sul  suo  fianco  sinistro. che esiste il lieve rischio che la persona possa vomitare una volta terminata la crisi,  che  abbia  pienamente  ripreso  coscienza.  Perciò,  la  testa  dovrebbe  essere  collocata modo che il vomito possa essere espulso dalla bocca senza venire inalato. Rimani con la fino a quando si sarà ripresa (da 5 a 20 minuti).




Aiuto al paziente con crisi epilettiche
NELL'ACQUA

In  certe  situazioni  la  perdita  di  conoscenza  è  particolarmente  pericolosa,  il soccorso d'emergenza deve andare al di là della normale routine. Una crisi epilettica può a repentaglio la vita di una persona, se avviene nell'acqua.qualcuno sta avendo una crisi epilettica nell'acqua, es. mentre fa il bagno o in piscina:
? Sostieni la persona nell'acqua con la testa inclinata in modo che il viso e la testa sopra la superficie.
? Togli la persona dall'acqua non appena i movimenti attivi causati dalla crisi sono
? Controlla se la persona sta respirando. Se non respira, comincia immediatamente la (rianimazione cardiopolmonare).
? Chiama un'ambulanza. Anche se la persona sembra essersi ripresa del tutto, sottoporsi ad un checkup medico completo. Inalare acqua può causare polmonari o cardiaci.:  Se la crisi epilettica avviene fuori dall'acqua nel corso di un'attività natatoria,  persone non dovrebbe continuare a nuotare o praticare sport acquatici per quel giorno, se sembra essersi ripresa del tutto.

Aiuto al paziente con crisi epilettiche
NELLA SEDIA

Se qualcuno comincia ad avere una crisi epilettica mentre:
è confinato in una  sedia a rotelle è seduto su di un autobus, un treno o un tram
è legato ad un passeggino o ad una carrozzina Stai calmo, e fermati ad osservarecercare di far cessare la crisi epilettica.cercare di mettere niente nella bocca della persona.cercare di toglierla dalla posizione in cui si trova - nella maggior parte dei casi la sedia un po' di sostegno., se c'è del cibo, acqua o vomito nella sua bocca, bisognerà togliere la persona dal posto e disporla su di un fianco immediatamente.ciò non si verifica, segui le lineee di condotta descritte qui di seguito:  
una crisi epilettica:
?Proteggi la persona impedendole di cadere se è  allacciata ad una cintura di sicurezza.
?Assicurati che la sedia a rotelle o il passeggino sia  ben fissato.
?Proteggi la persona sostenendole la testa. Se  non c'è un poggiatesta modellato, sarà d'aiuto  qualcosa di morbido posto sotto il capo.
?Controlla se bisogna spostare qualche oggetto  pesante che potrebbe ferire braccia e gambe in particolare.
?A volte potrebbe essere necessario togliere la persona dalla sedia al termine della crisi, se le vie  aeree sono bloccate. La persona solitamente riprende conoscenza in pochi Rassicurala e riferiscile quanto è accaduto.




migliorare le conoscenze dell'operatore socio sanitario addetto all'integrazione scolastica si riporta un protocollo operativo di una scuola di Brescia in merito alle crisi Epilettiche.
LA LA GESTIONE DELLA CRISI EPILETTICA PROLUNGATA A SCUOLA

Documento redatto con il supporto tecnico degli specialisti dell'Ospedale dei Bambini Brescia e dei rappresentanti dei pediatri di famiglia
MANIFESTAZIONI DELLA CRISI EPILETTICA
La  maggior  parte  delle  crisi  in  persone  con  epilessia  nota  non  rappresenta  una medica e termina, senza danni, dopo 1-2 minuti dall'inizio. crisi epilettica prolungata si intende la crisi di durata superiore ai 3-4 minuti. alcune persone la crisi epilettica è preceduta da segni premonitori.  manifestazioni  presenti  prima  e  durante  la  crisi  possono  essere  molto  diverse  nelle  persone,  mentre  tendono  a  ripresentare  le  stesse  caratteristiche  nella  stessa  scheda  di  prescrizione  il  medico  di  famiglia  evidenzia  il  quadro  clinico  peculiare  del /ragazzo segnalando gli eventuali segni premonitori tipici.  caso  di  crisi  epilettica  in  un  bambino  non  segnalato  come  affetto  da  epilessia,  è ed urgente attivare il 118 e seguire le indicazioni fornite dallo stesso.
CONSERVAZIONE  DELL'EVENTUALE  FARMACO,  SE  PRESCRITTO  DAL DI FAMIGLIA'  sufficiente  conservare  il  farmaco  (diazepam  -  Micronoan  microclismi),  in  confezione , a temperatura ambiente, lontano da fonti di calore e dalla luce solare. 3.  CONDOTTA DA
IN  CASO DI CRISI EPILETTICA PROLUNGATA
È utile potersi avvalere di tre persone:
•  una persona per i contatti telefonici:
chiama i genitori,
informa il 118 e prende nota delle eventuali indicazioni ricevute.
•  una persona accudisce il bambino:
allontana dal bambino ogni oggetto pericoloso,
appoggia qualcosa di morbido sotto la testa per evitare traumi,
slaccia i capi di vestiario troppo stretti,
non blocca le “scosse”, evitando comunque che sbatta contro oggetti rigidi,
non cerca di aprire la bocca e non inserisce oggetti o dita tra i denti,
non cerca di attuare manovre respiratorie durante la crisi,
non somministra liquidi o altro per bocca durante la crisi e subito dopo,
terminata  la  crisi  posiziona  il  bambino  su  un  fianco  per  aiutare  la  respirazione  e la fuoriuscita di saliva,
lascia  dormire  il  bambino  dopo  la  crisi  (il  sonno  post-critico  può  durare  da  pochi a ore), vigilandolo.
•  una persona si attiva per l'eventuale somministrazione del farmaco indicato dal di famiglia; nel caso in cui sia prevista la somministrazione di farmaco per via (solitamente diazepam - Micronoan microclismi):
procede  alla  somministrazione  del  farmaco  dopo  3-4  minuti  dall'inizio  della  crisi
(salvo diversa indicazione del medico di famiglia sui tempi di somministrazione),
mette il soggetto sdraiato a pancia in giù, con un cuscino sotto l'addome, o di lato; bambino piccolo può essere disteso sulle ginocchia dell'operatore seduto,
rimuove la capsula di chiusura ruotandola delicatamente 2-3 volte senza strappare,
inserisce il beccuccio nell'ano e preme tra pollice e indice fino a far defluire la dose ,
durante la somministrazione, tiene sempre il microclistere inclinato verso il basso,
rimuove il microclistere,
tiene  stretti  i  glutei  per  alcuni  istanti  per  evitare  la  fuoriuscita  del  farmaco  e il bambino disteso per alcuni minuti.
•  La persona che tiene i contatti telefonici, prende nota:
dell'orario di inizio della crisi e della sua durata,
dell'attività che il bambino stava svolgendo all'esordio della crisi,
delle manifestazioni che gli insegnanti sono stati in grado di rilevare  (es.:  stato di ,  movimenti  anomali,  colorito  della  cute,  modificazioni  del  respiro,  comportamentali  e  del  linguaggio)  durante  la  crisi  e  nell'ora


 
Torna ai contenuti | Torna al menu