Crea sito

Quiz infermieri asl 2 Olbia 201- 250 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Quiz infermieri asl 2 Olbia 201- 250

I quiz dei concorsi delle ASL 2° parte > Quiz preselezione infermieri Olbia > Quiz da 201 a 300
 

Nota bene: Le risposte ai quiz sono frutto del lavoro di gruppo dei collaboratori di questo sito ABC OSS e del gruppo di lavoro (30 infermieri) del sito web www.infermiereonline.altervista.org
Considerata l'ambiguità di alcuni quiz, esiste la possibilità , seppur minima, che alcune risposte siano discordanti da quelle ufficiali della ASL. Decliniamo quindi ogni responsabilità in merito, e siamo disponibili alla discussione. Grazie!

201   QUALE DEI SEGUENTI INTERVENTI PUÒ ESSERE SEMPRE ATTUATO PER FAVORIRE LA COMUNICAZIONE CON UN PAZIENTE AFFETTO DA EMIPLEGIA DESTRA ED AFASIA?

A)   Formulare domande in modo che la risposta possa essere fornita in termini di "si" e "no"


B)   Servirsi della mediazione di un parente per decodificare il messaggio

C)   Mettere a disposizione del paziente il necessario per scrivere
www.biancofrancesco.altervista.org
202   QUALE DELLE SEGUENTI MISURE ASSISTENZIALI DEVE ESSERE ADOTTATA NEI CONFRONTI DEL PAZIENTE CHE HA ESEGUITO UNA BIOPSIA EPATICA PERCUTANEA?

A)   Deve essere posizionata una borsa del ghiaccio in sede di puntura

B)   Deve essere eseguita una medicazione compressiva con fascia elastica

C)   Deve essere posizionato il paziente in decubito supino per 24 ore

203   DA QUALE CAUSA ORIGINA LA SILICOSI?

A)   Dal lavoro al chiuso

B)   Dal lavoro in sotterraneo

C)   Dall'inalazione di polveri di silice cristallina

204   SI DEFINISCONO PRESTAZIONI SOCIOSANITARIE:

A)   Tutte le attività atte a soddisfare, mediante percorsi assistenziali integrati, i bisogni di salute della persona

B)   Tutte le attività atte a soddisfare, mediante percorsi assistenziali integrati, bisogni di salute della persona che richiedono unitariamente prestazioni sanitarie e azioni di protezione sociale in grado di garantire, solamente nel breve periodo, la continuità tra le azioni di cura e quelle di riabilitazione

C)   Tutte le attività atte a soddisfare, mediante percorsi assistenziali integrati, bisogni di salute della persona che richiedono unitariamente prestazioni sanitarie e azioni di protezione sociale in grado di garantire, anche nel lungo periodo, la continuità tra le azioni di cura e quelle di riabilitazione

205   PER ASSORBIMENTO DI UN FARMACO SI INTENDE:

A)   Il passaggio di un farmaco dal sistema arterioso al sistema venoso

B)   Il passaggio di un farmaco dallo stomaco all'intestino

C)   Il passaggio di un farmaco dal punto di somministrazione al circolo ematico sistemico
www.biancofrancesco.altervista.org

206   I FARMACI ANTINFIAMMATORI NON STEROIDEI (FANS) NON DEVONO ESSERE SOMMINISTRATI AI PAZIENTI AFFETTI DA:

A)   Ulcera Peptica e insufficienza renale grave

B)   Ulcere arteriopatiche e malattie infettive in genere

C)   Coronaropatia e cirrosi epatica

207   NELL'AMBITO DEL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL DIPENDENTE:

A)   Può rifiutare la collaborazione richiesta dall'autorità disciplinare procedente esclusivamente se il procedimento riguarda un collega di reparto col quale si lavora abitualmente

B)   Può rifiutare la collaborazione richiesta dall'autorità disciplinare procedente se non ha l'autorizzazione del Dirigente della Struttura

C)   Non può rifiutare, senza giustificato motivo, la collaborazione richiesta dall'autorità disciplinare procedente
www.biancofrancesco.altervista.org
208   IL RAPPORTO FRA LE COMPRESSIONI TORACICHE E LE VENTILAZIONI DURANTE UNA RCP È:

A)   15 / 2

B)   30 / 2

C)   30 / 5

209   UN EDEMA GENERALIZZATO PRESENTE SIA NEL TESSUTO SOTTOCUTANEO CHE NELLE CAVITÀ SIEROSE SI DEFINISCE:

A)   mixedema

B)   linfedema

C)   anasarca

210   TUTTI I MODELLI DI "CARTA DEI SERVIZI SANITARI" DEVONO CONTENERE I PRINCIPI FONDAMENTALI STABILITI DALLA DIRETTIVA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DEL 27 GENNAIO 1994. QUALI SONO DETTI PRINCIPI?

A)   Eguaglianza; imparzialità; continuità; partecipazione; efficienza e efficacia

B)   Eguaglianza; continuità; diritto di scelta; partecipazione; efficienza e efficacia

C)   Eguaglianza; imparzialità; continuità; diritto di scelta; partecipazione; efficienza e efficacia

211   IN MATERIA DI ORGANIZZAZIONE DEL LAVORO, LE LINEE GUIDA SONO:

A)   Un insieme di raccomandazioni sviluppate sistematicamente, sulla base di conoscenze continuamente aggiornate e valide, redatte allo scopo di rendere appropriata un attività

B)   L'indicazione di "chi fa che cosa"

C)   Tutte le attività uniformabili e standardizzabili che possono essere rese fisse e metodiche

212   IL TERMINE PARAPLEGIA INDICA:

A)   La paralisi degli arti superiori, inferiori e del tronco

B)   La paralisi degli arti inferiori e superiori

C)   La paralisi degli arti inferiori

213   QUALE POSIZIONE DEVE ESSERE FATTA ASSUMERE AD UN PAZIENTE CON EDEMA POLMONARE ACUTO?

A)   Seduto con gli arti inferiori fuori dal letto

B)   Seduto con gli arti inferiori sollevati

C)   Posizione supina o laterale
www.biancofrancesco.altervista.org
214   IL NUCLEO CONCETTUALE FONDAMENTALE DELLA TEORIA DI NANCY ROPER È:

A)   la dimensione transculturale del nursing

B)   il self care

C)   l'attività del vivere

215   QUALE TRA LE SEGUENTI AFFERMAZIONI RELATIVE ALLA RILEVAZIONE DEL POLSO CAROTIDEO È CORRETTA?

A)   Deve essere sempre rilevato in contemporanea al polso radiale

B)   Deve essere rilevato su un solo lato per non provocare bradicardia riflessa

C)   Deve essere rilevato contemporaneamente sui due lati per valutare le possibili differenze

www.biancofrancesco.altervista.org
216   PER IL BENE DELLA COLLETTIVITÀ IL PARLAMENTO IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE:

A)   Non può approvare leggi che violino i limiti imposti dal rispetto della persona umana

B)   Può approvare leggi che violino i limiti imposti dal rispetto della persona umana solo in caso di esplosioni nucleari

C)   Può sempre approvare leggi che violino i limiti imposti dal rispetto della persona umana

217   IL POLSO POPLITEO È PALPABILE:

A)   Dietro il malleolo

B)   Dietro il ginocchio

C)   Sul dorso del piede
www.biancofrancesco.altervista.org
218   COSA È PIÙ IMPORTANTE VALUTARE DOVENDO FORNIRE AL PAZIENTE INFORMAZIONI SULLA PROPRIA MALATTIA IN FUNZIONE DELLA DIMISSIONE?

A)   Il possibile contatto del paziente con familiari affetti dalla stessa patologia

B)   Le conoscenze specifiche già possedute sulle caratteristiche della sua malattia

C)   La capacità di comprendere ed apprendere i fattori che la influenzano
www.biancofrancesco.altervista.org

219   IL DIRIGENTE MEDICO NON DIRETTORE DELLA STRUTTURA:

A)   Può esercitare il potere disciplinare

B)   Non può esercitare il potere disciplinare se è presente il Direttore della Struttura

C)   Può esercitare il potere disciplinare solo in presenza del Capo Sala

220   IL VIRUS DELL'EPATITE A SI INTRODUCE NELL'ORGANISMO ATTRAVERSO:

A)   Via oro-fecale da acque, verdure o cibi contaminati

B)   Ferite

C)   Via ematica, attraverso saliva, sudore, sperma, muco vaginale

221   QUALE COMPORTAMENTO NON È DECISAMENTE OPPORTUNO PER COMUNICARE CON UN PAZIENTE ANZIANO CHE PRESENTA UN DEFICIT UDITIVO?

A)   Attirare l'attenzione del paziente anche toccandolo prima di rivolgergli la parola

B)   Parlare con tono di voce alto poichè è più facile che possa percepire suoni di alta frequenza

C)   Mettersi di fronte al paziente in modo che possa anche ricorrere alla lettura labiale

222   I CATETERI A FLUSSO DIRETTO SWAN-GANZ SI USANO PER:

A)   La somministrazione di Nutrizione Parenterale Totale

B)   Irrigazione vescicale continua

C)   La misurazione della pressione nell'arteria polmonare

223   IL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE:

A)   È struttura operativa dell'azienda sanitaria locale

B)   È una struttura dotata di personalità fisica pubblica ed autonomia imprenditoriale

C)   È una struttura dotata di personalità giuridica privata ed autonomia imprenditoriale
www.biancofrancesco.altervista.org
224   AI SENSI DEL D.LGS. 81/08, IL MEDICO COMPETENTE:

A)   Può essere un dipendente del datore di lavoro

B)   È sempre un dipendente del datore di lavoro

C)   Non può mai essere un dipendente del datore di lavoro
www.biancofrancesco.altervista.org

225   LA FLORA RESIDENTE NELLA CUTE DI UNA MANO È:

A)   Patogena

B)   Non patogena

C)   Nella mano non vi è assolutamente presenza di batteri

www.biancofrancesco.altervista.org










226   QUALE TRA I SEGUENTI È VEICOLO DI TRASMISSIONE PER COLERA E INFEZIONI TIFO-PARATIFICHE?

A)   Acqua

B)   Zanzara

C)   Mosca domestica
www.biancofrancesco.altervista.org
227   NEL DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE DEVE ESSERE PRESENTE UNA STRUTTURA ORGANIZZATIVA SPECIFICAMENTE DEDICATA A:

A)   Igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche

B)   Prevenzione ed igiene delle produzioni da pascolo brado

C)   Igiene degli allevamenti e della prevenzione alimentare
228   A QUALE AUTORITÀ SPETTA LA RISOLUZIONE DEL CONTRATTO CON IL DIRETTORE GENERALE DELLA ASL?

A)   Al Ministero della Salute

B)   Alla Corte dei conti

C)   Alla Regione

229   COSA PUÒ ACCOMPAGNARE UNA COLICA RENALE?

A)   Poliuria

B)   Astenia

C)   Ematuria

230   FRA LE FIGURE CHE HANNO CONTRIBUITO NEL 1800 ALLA CREAZIONE DEL MODERNO CONCETTO DI ASSISTENZA INFERMIERISTICA E DEI SUOI PRINCIPI SI PUÒ INDICARE?

A)   Hidelgard Peplau ed il suo libro Interpersonal Relation in Nursering

B)   Dorothea Orem ed il suo libro Self Care deficit Nnursering theory

C)   Florence Nightingale ed il suo libro Notes of Nursering

231   IL DIRETTORE GENERALE DELL'AZIENDA SANITARIA LOCALE NON PUÒ:

A) Essere dipendente a tempo indeterminato della ASL stessa

B)   Essere dipendente a tempo indeterminato di qualsiasi ASL

C)   Essere un libero professionista

DECRETO LEGISLATIVO 19 giugno 1999, n. 229.
Norme per la razionalizzazione  del Servizio sanitario nazionale, a norma dell’articolo 1
della legge 30 novembre 1998, n. 419.
“Art. 3-bis
(Direttore generale, direttore amministrativo e direttore sanitario)
10. La  carica  di  direttore  generale  è  incompatibile  con  la  sussistenza  di  altro
rapporto di lavoro, dipendente o autonomo


www.biancofrancesco.altervista.org
232   DURANTE LE MANOVRE DI RCP LE COMPRESSIONI TORACICHE DEVONO ESSERE PRATICATE:

A)   Sia al centro del torace, sia nella metà inferiore dello sterno


B)   Solo nella metà inferiore dello sterno

C)   Solo al centro del torace

POSIZIONE DELLE MANI NELLE COMPRESSIONI TORACICHE
Prima del 2005: si ricercava il punto di repere al centro del torace facendo scorrere l'indice ed il medio sul margine  inferiore  della  gabbia  toracica  fino  al  congiungimento  delle  coste  con  lo  sterno;  si posizionava  il  dito  medio  su  questo  punto,  si  appoggiava  l'indice  sullo  sterno,  facendo  scorrere  la mano  libera  sullo  sterno  si  appoggiava  di  fianco  all'indice.  Si  sovrapponeva  poi  l'altra  mano  alla prima. Frequenza delle compressioni circa 100 al minuto.
Adesso: si pone la parte prossimale del palmo (parte più vicina al polso)  al centro del torace facendo attenzione ad appoggiarla sullo sterno e non sulle coste(sulla metà inferiore dello sterno). Sovrapporre l'altra mano alla prima. Intrecciare le dita delle due mani sovrapposte. Non appoggiarsi sopra l'addome superiore o l'estremità inferiore dello sterno. Frequenza delle compressioni circa 100 al minuto.





233   LA SCALA DI BRADEN È UNO STRUMENTO PER LA VALUTAZIONE:

A)   Del rischio di cadute nell'anziano

B)   Del rischio di cadute

C)   Del rischio della ulcere da pressione
www.biancofrancesco.altervista.org
234   L'INDIVIDUO CHE OSPITA IN MODO STABILE IL MICRORGANISMO PUR NON SVILUPPANDO LA MALATTIA È:

A)   Un portatore cronico

B)   Un portatore sano

C)   Un portatore malato

235   IL CATETERE DI SWAN-GANZ SI USA PER:

A)   Drenaggio Toracico

B)   Somministrazione di Nutrizione Parenterale Totale

C)   Misurare la pressione a livello dell'Arteria Polmonare

236   IN UN PAZIENTE CON SHOCK IPOVOLEMICO IL POLSO SI PRESENTA:

A)   Filiforme e tachicardico

B)   Filiforme e bradicardico

C)   Aritmico con frequenti extrasistoli

237   QUALE TRA LE SEGUENTI AFFERMAZIONI RELATIVE AL D.P.R. 225/74 (MANSIONARIO)È VERA?

A)   è stato abrogato ad eccezione della parte relativa agli infermieri generici

B)   è stato aggiornato in seguito alla modifica dei programmi scolastici

C)   è tuttora in vigore ma solo per gli infermieri che non sono in possesso del Diploma Universitario

238   A CHI SPETTA L'ADEGUAMENTO DELLE REGOLE DEONTOLOGICHE?

A)   Esclusivamente agli Ordini Professionali

B)   Esclusivamente ai Collegi Professionali

C)   Sia agli ordini professionali che ai collegi professionali

239   IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO E IL DIRETTORE SANITARIO:

A)   Partecipano, unitamente al direttore generale, che ne ha la responsabilità, alla direzione dell'azienda

B)   Adottano, in autonomia, deliberazioni idonee ad impegnare l'azienda verso terzi

C)   Sono organi dell'azienda sanitaria

240 SECONDO LA PRIMA TEORICA ITALIANA DELL'ASSISTENZA INFERMIERISTICA MARISA CANTARELLI:

A)   La prestazione infermieristica scaturisce esclusivamente dalla diagnosi medica

B)   La prestazione infermieristica è indipendente dai bisogni del paziente

C)   Ad ogni bisogno dell'essere umano corrisponde una particolare prestazione infermieristica

241   LA CURVA FEBBRILE INTERMITTENTE È CARATTERIZZATA DA:

A)   presenza di oscillazioni senza che la temperatura rientri nei valori normali

B)   insorgenza rapida, valori elevati con oscillazioni minime

C)   alternanza quotidiana di periodi febbrili ad accessi e di apiressia
www.biancofrancesco.altervista.org
242   L'INFERMIERE PUÒ EFFETTUARE LA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE E IL MASSAGGIO CARDIACO ESTERNO?

A)   Si

B)   No

C)   Solo in caso di (emergenza) assenza del personale medico

243   IN UN PAZIENTE SOTTOPOSTO A TRATTAMENTO CON OPPIOIDI SI MANIFESTA QUASI SEMPRE:

A)   Bulimia

B)   Cefalea

C)   Stipsi

244   IL "PUNTO ZERO" PER LA RILEVAZIONE DELLA PVC ( PRESSIONE VENOSA CENTRALE) SI RICERCA:

A)   All'altezza della linea ascellare media

B)   All'altezza dell'articolazione temporo-mandibolare

C)   All'altezza della linea ascellare inferiore

245   QUALE TRA LE SEGUENTI AFFERMAZIONI RELATIVE ALL'ESECUZIONE DI UN TAMPONE ORO-FARINGEO È ERRATA?

A)   È preferibile effettuare l'esame al mattino

B)   Prima dell'esame è opportuno che il paziente non si alimenti

C)   Prima dell'esame il paziente deve effettuare una accurata igiene orale

246   NEI SOGGETTI CON INSUFFICIENZA PANCREATICA LA DIETA DEVE:

A)   Essere basata sull'abolizione dell'alcool e sulla restrizione dei lipidi

B)   Essere lievemente ipocalorica per favorire una graduale perdita di peso

C)   Prevedere l'eliminazione di alimenti con elevato contenuto di purine

247   QUALE FRA QUESTI È UN PRINCIPIO FONDAMENTALE DI RIFERIMENTO PER L'ANALISI ETICA?

A)   Il principio di salute

B)   Il principio di ingiustizia

C)   Il principio di non maleficenza
www.biancofrancesco.altervista.org

248   IL CONSIGLIO DEI SANITARI HA FUNZIONI:

A)   Di consulenza tecnico-sanitaria

B)   Di consulenza ai pazienti per la soluzione di casi particolarmente complessi

C)   Di indirizzo e controllo in materia di igiene, sanità ed assistenza sociale
www.biancofrancesco.altervista.org
249   QUALE TRA LE SEGUENTI AFFERMAZIONI, RIGUARDANTI IL PAZIENTE DIABETICO INSULINO DIPENDENTE È VERA?

A)   La dieta adeguata da sola, nella maggior parte dei casi, non risolve i problemi del paziente

B)   La somministrazione di insulina esclude la dieta ipoglucidica

C)   Dopo ogni pasto deve essere eseguito un accurato controllo della glicemia

250   LA MELENA È CARATTERIZZATA DA:

A)   Emissione di feci picee

B)   Emissione di feci bianche

C)   Emissione di feci non formate e di colore scuro







 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu