Crea sito

Test Legislazione da 201 a 267 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Test Legislazione da 201 a 267

I quiz dei concorsi delle ASL 3° parte > Regione Lazio > Banca dati quiz legislazione

Banca Dati concessa gentilmente dal sito www.infermiereonline.altervista.org
dove trovate  le risposte (sezione quiz asl Lazio)
Le risposte le trovate anche nel Quizzario dell'OSS

201.   LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA RICERCA SANITARIA È COSTITUTITA PRESSO

A  IL MINISTERO

B  CIASCUNA USL

C  L'ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ
www.infermiereonline.altervista.org
202.   QUALE IMPORTANTE AMMINISTRAZIONE FU ISTITUITA NEL 1958?


A  IL CNR

B  IL MINISTERO DELLA SANITÀ


C  L'ISPELS

203.   QUALE IMPORTANTE ENTE FU ISTITUITO NEL 1978?

A  IL MINISTERO DELLA SALUTE

B  L'AIFA

C  LA USL
www.infermiereonline.altervista.org
204.   QUALE LEGGE ISTITUÌ IL MINISTERO DELLA SANITÀ?

A  L. 23/12/1978, N. 833

B  L. 14/3/1968 N. 203

C  L. 13/03/1958, N. 296

205.   QUALE LEGGE ISTITUÌ LA USL?

A  L. 14/3/1968 N. 203

B  L. 29/6/1977 N. 349

C   L. 23/12/1978, N. 833
www.infermiereonline.altervista.org
206.   QUALE NORMA ATTRIBUISCE ALLE REGIONI A STATUTO SPECIALE UNA COMPETENZA LEGISLATIVA IN MATERIA SANITARIA?

A  LA COSTITUZIONE

B  IL RISPETTIVO STATUTO SPECIALE

C  NESSUNA DELLE PRECEDENTI

207.   QUALE PROVVEDIMENTO HA DISPOSTO LA TRASFORMAZIONE DELLE USL IN AZIENDE?

A  D.LGS 19/6/1999 N. 229

B  D. LGS. 30/12/1992, N. 502

C  L. 23/12/1978, N. 833
www.infermiereonline.altervista.org
208.   QUALE STRUMENTO GIURIDICO FISSA I PRINCIPI CHE REGOLANO I TRATTAMENTI SANITARI OBBLIGATORI?

A  LA LEGGE 833/1978

B  IL DECRETO LEGISLATIVO 229/1999

C  LA COSTITUZIONE

209.   QUALE STRUTTURA COADIUVA IL DIRETTORE GENERALE NELL'ORGANIZZAZIONE, COORDINAMENTO E FUNZIONAMENTO DI TUTTI I SERVIZI DELLA AUSL, DISTINTI IN COMPITI SANITARI ED AMMINISTRATIVI?
A  CONSIGLIO DEI SANITARI

B  UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

C  COLLEGIO DI DIREZIONE

210.   QUALE STRUTTURA RAPPRESENTA UN'ARTICOLAZIONE DELL'AUSL?

A  IL PRESIDIO OSPEDALIERO

B  IL DEA DI II LIVELLO

C  NESSUNA DELLE PRECEDENTI
www.infermiereonline.altervista.org
211.   QUALE TRA LE SEGUENTI PROFESSIONI LIBERALI È QUALIFICATA DALLA LEGGE COME PROFESSIONE SANITARIA?

A  ODONTOIATRA

B  SOCIOLOGO

C  ARCHITETTO

212.   QUALE TRA LE SEGUENTI PROFESSIONI LIBERALI È QUALIFICATA DALLA LEGGE COME PROFESSIONE SANITARIA?

A  FARMACISTA

B  SOCIOLOGO

C  INGEGNERE
www.infermiereonline.altervista.org
213.   QUALE ULTERIORE ORGANO È PREVISTO DAL D. LGS. 517/1999 PER LE AZIENDE OSPEDALIERE UNIVERSITARIE RISPETTO ALLE ALTRE AZIENDE SANITARIE?

A  IL COLLEGIO DI DIREZIONE

B  L'ORGANO DI INDIRIZZO

C  IL COLLEGIO TECNICO

214.   QUALE, FRA I SEGUENTI ENTI, VIGILA E CONTROLLA LE OFFICINE DI PRODUZIONE DELLE AZIENDE FARMACEUTICHE?

A  IL MINISTERO DELLA SALUTE

B  LA COMMISSIONE UNICA DEL FARMACO

C  L'AIFA
www.infermiereonline.altervista.org
215.   QUALI SONO I RUOLI NEI QUALI È INQUADRATO IL PERSONALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE?

A  SANITARIO TECNICO E AMMINISTRATIVO

B  MEDICO AMMINISTRATIVO E PROFESSIONALE

C  SANITARIO PROFESSIONALE TECNICO E AMMINISTRATIVO

216.   QUANDO È STATO ISTITUITO IL MINISTERO DELLA SALUTE?

A  CON LA LEGGE N. 296 DEL 1958

B  CON IL DECRETO LEGISLATIVO N. 502 DEL 1992

C  CON D.L. N. 217 DEL 2001 CONVERTITO DALLA LEGGE N. 317 DEL 2001

217.   IN CHE ANNO FU AVVIATO IL PROCESSO DI AZIENDALIZZAZIONE DELLE USL?

A  1978

B  1992

C  1999
www.infermiereonline.altervista.org
218.   QUANDO LA GESTIONE DI UNA AUSL PRESENTI UNA SITUAZIONE DI GRAVE DISAVANZO, LA REGIONE PUÒ:

A  TRASFERIRE I POTERI DI GESTIONE AL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

B  ATTRIBUIRE LA RAPPRESENTANZA LEGALE DELL'AZIENDA AL PRESIDENTE DEL COLLEGIO SINDACALE

C  RISOLVERE IL CONTRATTO DEL DIRETTORE GENERALE

219.   QUANDO UNA STRUTTURA PRIVATA È AUTORIZZATA AD EROGARE PRESTAZIONI PER CONTO DEL SSN SI PARLA DI:

A  ACCREDITAMENTO ISTITUZIONALE

B  AUTORIZZAZIONE AL SSN

C  EQUIPARAZIONE AL SSN

220.   QUANTE STRUTTURE DI ALTA SPECIALITÀ DEVE POSSEDERE UN OSPEDALE PER ESSERE COSTITUITO IN AZIENDA OSPEDALIERA DI RILIEVO NAZIONALE?

A  UNA

B  TRE

C  CINQUE
www.infermiereonline.altervista.org


221.   QUANTO DURA IN CARICA IL COLLEGIO SINDACALE DI UN'AZIENDA SANITARIA?

A  1 ANNO

B  3 ANNI


C  5 ANNI
www.infermiereonline.altervista.org
222.   QUANTO DURANO I PIANI SANITARI REGIONALI?

A  1 ANNO

B  3 ANNI

C  5 ANNI

223.   RISPETTO AD UN'AZIENDA OSPEDALIERA, IL PRESIDIO OSPEDALIERO GODE DI UN'AUTONOMIA:

A  MAGGIORE

B  UGUALE

C  MINORE
www.infermiereonline.altervista.org
224.   SALVO IL CASO DI SPECIFICA DELEGA, CHI SOSTITUISCE IL DIRETTORE GENERALE DI UN'AZIENDA SANITARIA IN CASO DI ASSENZA O IMPEDIMENTO?

A  IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO

B  IL PRESIDENTE DEL COLLEGIO SINDACALE

C  IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO O SANITARIO, CON PRECEDENZA PER IL PIÙ ANZIANO

225.   CHI DEFINISCE L'ARTICOLAZIONE TERRITORIALE DELLE AUSL?

A  LA CONFERENZA STATO-REGIONI

B  IL MINISTERO DELLA SALUTE


C  LE REGIONI
www.infermiereonline.altervista.org
226.   CHI PROVVEDE ALL'ACCREDITAMENTO DELLE STRUTTURE PUBBLICHE O PRIVATE AUTORIZZATE A FORNIRE PRESTAZIONI PER CONTO DEL SSN?

A  IL MINISTERO DELLA SALUTE

B  LA REGIONE

C  LA AUSL

227.   CHI STABILISCE LA SUDDIVISIONE DELL'AUSL IN DISTRETTI?

A  IL GOVERNO

B  LA REGIONE

C  LA CONFERENZA STATO - REGIONI

228.   SONO ORGANI DELL'AUSL:

A  IL DIRETTORE GENERALE, IL DIRETTORE AMMINISTRATIVO, IL DIRETTORE SANITARIO

B  IL DIRETTORE GENERALE E IL COLLEGIO DI DIREZIONE

C  IL DIRETTORE GENERALE ED IL COLLEGIO SINDACALE
www.infermiereonline.altervista.org
229.   TUTTI I CITTADINI SONO ISCRITTI ED ASSISTITI DAL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE?

A  NO

B  SOLO QUELLI CHE NE FANNO DOMANDA

C  SÌ

230.   UN'AZIENDA OSPEDALIERA RICOMPRESA NEL TERRITORIO DI UNA AUSL HA LO STESSO PIANO SANITARIO AZIENDALE DI QUEST'ULTIMA?
A  SI

B  SI, ESCLUSA LA PARTE RIFERITA AI RICOVERI

C  NO

231.   UN'AZIENDA OSPEDALIERA RICOMPRESA NEL TERRITORIO DI UNA AUSL HA UN'AUTONOMIA LIMITATA RISPETTO A QUEST'ULTIMA?
A  SI

B  SI,HA UNA LIMITATA AUTONOMIA GESTIONALE

C  NO
www.infermiereonline.altervista.org
232   IL REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA CONCORSUALE DEL PERSONALE NON DIRIGENZIALE DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE È IL
A  DPR 27 MARZO 2001, N. 220

B  DM SANITÀ 27 MAGGIO 2001, N. 220

C  DPR 27 MARZO 1981, N. 230

233   L'INQUADRAMENTO DEL PERSONALE DIPENDENTE DEL SSN NEI RUOLI NOMINATIVI REGIONALI È STATO DISPOSTO DA

A  DPR 761/1979

B  DPR 230/81

C  D. LGS. N. 229/1999
www.infermiereonline.altervista.org
234   IL D.M. 10.01.2007 ISTITUISCE

A  IL CENTRO NAZIONALE PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELLE MALATTIE

B  L'AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE

C  IL SISTEMA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DEL PAZIENTE

235   CHE COSA SI INTENDE CON LA SIGLA P.I.F

A  POLIZIA ITALIANA DI FRONTIERA

B  POSTI DI ISPEZIONE FRONTALIERA

C  PROGRAMMA ITALIANO DI FORMAZIONE

236   IL SISTEMA INTEGRATO DI INTERVENTI E SERVIZI SOCIALI INTRODOTTO DALLA L. 328/2000 È ISPIRATO AL

A  PRINCIPIO DI UNIVERSALITÀ

B  PRINCIPIO DI UGUAGLIANZA

C  PRINCIPIO DI PARTECIPAZIONE DEMOCRATICA

237   IL CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITÀ È

A  UN ORGANO CONSULTIVO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

B  UN ORGANO CONSULTIVO TECNICO DEL MINISTERO

C  UN ORGANO DI RILIEVO COSTITUZIONALE

238   QUAL È IL PRIMO DOCUMENTO UFFICIALE DA CUI RISULTA DISCIPLINATO L'ISTITUTO DEL CONSENSO INFORMATO

A  LA COSTITUZIONE

B  IL CODICE DI NORIMBERGA

C  LA LEGGE ISTITUTIVA DEL SSN
www.infermiereonline.altervista.org
239   LA CARTA DEI SERVIZI SANITARI, ADOTTATA NEL 1995, È:

A  IL DOCUMENTO CHE CONTIENE LE REGOLE MINISTERIALI PER IL CONTROLLO DI GESTIONE QUALITATIVA

B  IL DECALOGO DEI DIRITTI E DEI DOVERI DEI DIPENDENTI DEL SSN

C  UN DECALOGO CHE GARANTISCE LA QUALITÀ DEI SERVIZI EROGATO DALLE STRUTTURE SANITARIE
www.infermiereonline.altervista.org
240   COSA E' IL DRG

A  E' LA REMUNERAZIONE A TARIFFA DELLA PRESTAZIONE EROGATA

B  UN METODO PER RILEVARE L'EFFICIENZA DELLE DIAGNOSI EFFETTUATE

C  UNA METODOLOGIA PER IL CONTROLLO DELL'EFFICIENZA DEI PICCOLI PRESIDI OSPEDALIERI


241   COSA È L'ISPELS

A   ISTITUTO SUPERIORE PER LA PREVENZIONE E LA SICUREZZA SUL LAVORO

B   ISTITUTO SUPERIORE PER GLI ENTI LOCALI SANITARI

C   ISTITUTO PER LA SANITÀ PUBBLICA
www.infermiereonline.altervista.org
242   L'AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE E' POSTO SOTTO LA VIGILANZA

A   DELLA REGIONE

B   DEL MINISTERO DELLA SALUTE

C   DEL DIPARTIMENTO DELLA PROTEZIONE CIVILE

243   L'ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ È

A   UN ORGANO TECNICO SCIENTIFICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE


B   UN ORGANO TECNICO CONSULTIVO DEL MINISTERO DELLA SALUTE

C   UN ORGANO TECNICO CONSULTIVO DELL'AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI
www.infermiereonline.altervista.org
244   IL CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITÀ È

‰   UN ORGANO TECNICO CONSULTIVO DEL MINISTERI DELLA SALUTE

‰   UN ORGANO TECNICO SCIENTIFICO DEL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

‰   UN ORGANO TECNICO CONSULTIVO DELL'AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI

245   CON LA L. 400/1988 È STATA ISTITUITA

‰   LA CONFERENZA PERMANENTE PER I RAPPORTI TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME

‰   L'AGENZIA ITALIANA DEL FARMACO

‰   L'AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA ALIMENTARE
www.infermiereonline.altervista.org
246   A CHI SPETTA LA TITOLARITÀ DELLE FUNZIONI AFFERENTI LA SANITÀ PENITENZIARIA?

‰   AL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE

‰   ALLE REGIONI E ALLE PROVINCE AUTONOME

‰   AL DIPARTIMENTO DELL'AMMINISTRAZIONE PENITENZIARIA

247   IL D.LGS 21/12/1999 N. 517

‰   DEFINISCE I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA

‰   HA PROVVEDUTO ALLA DISCIPLINA DEI RAPPORTI FRA IL SSN ED UNIVERSITÀ

‰ RIORDINA IL SISTEMA DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE DI ASSISTENZA E BENEFICENZA
www.infermiereonline.altervista.org
248   IL DPCM 14/02/2001:

‰   È L'ATTO DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO IN MATERIA DI PRESTAZIONI SANITARIE

‰   DEFINISCE I LIVELLI ESSENZIALI DI ASSISTENZA

‰   RIORDINA IL SISTEMA DELLE ISTITUZIONI PUBBLICHE DI ASSISTENZA E BENEFICENZA

249   LA POLIZIA SANITARIA È

‰   POLIZIA MUNICIPALE

‰   POLIZIA STATALE

‰   NESSUNA DELLE PRECEDENTI
www.infermiereonline.altervista.org
250   LO STATO PATRIMONIALE È COMPOSTO DI

‰   DUE PARTI: ATTIVO E PASSIVO

‰   DUE PARTI: ENTRATE E USCITE

‰   QUATTRO PARTI: ENTRATE, USCITE, ATTIVITÀ PATRIMONIALI, PASSIVITÀ PATRIMONIALI

251   IL PIANO SANITARIO NAZIONALE VALIDO PER IL TRIENNIO 2006-2008 È STATO APPROVATO CON

‰   D.LGS. 24.04.2006 N. 219

‰   D.P.R. 07.04.2006

‰   L. 27.12.2006 N. 296
www.infermiereonline.altervista.org
252   LA TENUTA DI UNA CONTABILITÀ ANALITICA PER CENTRO DI COSTO E DI RESPONSABILITÀ È DISPOSTA DA:

‰   L. 833/1978

‰   D.LGS 502/1992

‰   L. 405/2001

253   IL DIRITTO ALLA SALUTE È TUTELATO DALLA NOSTRA COSTITUZIONE ALL'ART. 32

‰   COME DIRITTO UTI SINGULI

‰   COME INTERESSE DELLA COLLETTIVITÀ

‰   IN ENTRAMBE LE FORME
www.infermiereonline.altervista.org
254   L'AGENZIA PER I SERVIZI SANITARI REGIONALI

‰   HA IL COMPITO DI MONITORAGGIO DELLA SPESA SANITARIA

‰   STUDIA I PROBLEMI MEDICO SOCIALI DEL LAVORO UMANO

‰   SVOLGE PROGRAMMI DI STUDIO NEL CAMPO DELLA PREVENZIONE DELLE SALUTE DEGLI AMBIENTI DI LAVORO

255   DRG È ACRONIMO DI

‰   DIAGNOSIS RELATION GROUP

‰   DIAGNOSIS RELATED GROUP

‰   DIAGNOSTIC RELATION GRADE
www.infermiereonline.altervista.org
256   IL BUDGET DI UN'A.O. UNIVERSITARIA

‰   PUÒ AVERE, TRA L'ALTRO, LA VALENZA DI STRUMENTO CHE, METTENDO A CONFRONTO COSTI E RICAVI, PERMETTE DI OPERARE A SUPPORTO DELLA GESTIONE OPERATIVA.

‰   NON PUÒ ESSERE CONSIDERATO PARTE DELLA COSIDDETTA CONTABILITÀ DIREZIONALE (CONTABILITÀ ANALITICA, SISTEMA DI REPORTING) CIOÈ DI QUELL'INSIEME DI STRUMENTI CHE COMPLETANO IL CICLO ECONOMICO-FINANZIARIO PRENDENDO IN ESAME LA GESTIONE GIÀ SVOLTA.

‰   É UNA PREVISIONE DELL'ANDAMENTO ECONOMICO FINANZIARIO DELLA GESTIONE COSTRUITO SU UNA LOGICA INCREMENTALE.
257   LA CONTABILITÀ ANALITICA....

‰   SI RIVOLGE ESSENZIALMENTE AI FATTI DI GESTIONE INTERNA ED HA COME SCOPO LA DETERMINAZIONE CONSUNTIVA O PREVENTIVA, IL RAGGRUPPAMENTO, L'ANALISI E LA DIMOSTRAZIONE DEI COSTI E DEI RICAVI, NONCHÉ IL CALCOLO DI RISULTATI ECONOMICI PARTICOLARI, AL FINE DI CONSENTIRE L'ORIENTAMENTO DELLE SCELTE OPERATIVE E LA PROGRAMMAZIONE DELLA GESTIONE.


‰   ATTRAVERSO LA RILEVAZIONE DEI FATTI DI GESTIONE ESTERNA, HA COME SCOPO LA DETERMINAZIONE DEL REDDITO D'ESERCIZIO E LA FORMAZIONE DEL BILANCIO.
‰   ATTRAVERSO LA RILEVAZIONE DEI FATTI DI GESTIONE ESTERNA, HA COME SCOPO LA DETERMINAZIONE CONSUNTIVA O PREVENTIVA, IL RAGGRUPPAMENTO, L'ANALISI E LA DIMOSTRAZIONE DEI COSTI E DEI RICAVI, NONCHÉ IL CALCOLO DI RISULTATI ECONOMICI PARTICOLARI.
www.infermiereonline.altervista.org
258   CON LA RIFORMA SANITARIA TER IL RUOLO DEI COMUNI VIENE RAFFORZATO NELL'AMBITO:

‰   DELLA PROGRAMMAZIONE

‰   DELLA GESTIONE DELLE RISORSE FINANZIARIE

‰   DELLE NOMINA DEI REFERENTI DELLE AZIENDE SANITARIE

259   LE COMPETENZE RELATIVE ALLA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ LIBERO PROFESSIONALI E DELLE RELATIVE INCOMPATIBILITÀ, APPARTENGONO:

‰   ALLA AUSL

‰   ALLE REGIONI

‰   ALLO STATO
www.infermiereonline.altervista.org
260   L'INFORMATIVA ED IL CONSENSO AL TRATTAMENTO DEI DATI SANITARI POSSONO INTERVENIRE SENZA RITARDO, OVVERO SUCCESSIVAMENTE ALLA PRESTAZIONE SANITARIA
‰   NO MAI

‰   L'INFORMATIVA DEVE ESSERE PRELIMINARE ALLA PRESTAZIONE SANITARIA, IL CONSENSO SEMPRE SUCCESSIVO

‰   SI, MA SOLO IN PARTICOLARI CIRCOSTANZE

261   LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LA FORMAZIONE CONTINUA SI OCCUPA

‰   DELLA PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITÀ DI FORMAZIONE DEL PERSONALE MEDICO

‰   DELLA VALUTAZIONE DELL'ATTUAZIONE DEL MODELLO DI ACCREDITAMENTO

‰   DEL COORDINAMENTO DELL'OPERATO DEGLI ORDINI E DEI COLLEGI PROFESSIONALI DELLE PROFESSIONI SANITARIE E PARASANITARIE
www.infermiereonline.altervista.org
262   TRA I PRINCIPI CUI SI ISPIRA IL SERVIZIO SANITARIO NAZIONALE NON RIENTRA

‰   IL PRINCIPIO DI UNIVERSALITÀ DEGLI UTENTI

‰   IL PRINCIPIO DI GLOBALITÀ DEGLI INTERVENTI

‰   IL PRINCIPIO DI GRATUITÀ DEGLI INTERVENTI
www.infermiereonline.altervista.org
263   IL CONTRIBUTO APPORTATO AL SSN DALLE FACOLTÀ DI MEDICINA È REGOLAMENTATO

‰   DAL PIANO SANITARIO NAZIONALE

‰   DAL PIANO SANITARIO REGIONALE

‰   DAI PROTOCOLLI D'INTESA

264   CHE COSA È L'OSMED

A   UNA DELLE STRUTTURE DI MONITORAGGIO DELL'AIFA


B   UN DIPARTIMENTO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI SANITÀ

C   UN UFFICIO DEL CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITÀ
www.infermiereonline.altervista.org
265   CHE COSA È IL PIANO SANITARIO REGIONALE?

‰   IL PIANO STRATEGICO DEGLI INTERVENTI FINALIZZATI ALLA TUTELA DELLA SALUTE DIRETTO A SODDISFARE LE ESIGENZE DELLA POPOLAZIONE REGIONALE
‰   IL DOCUMENTO PROGRAMMATICO ELABORATO DAL TUTTE LE AUSL DEL TERRITORIO REGIONALE CONTENENTE LE LINEE GUIDA IN MATERIA DI TUTELA DELLA SALUTE
‰   IL PIANO STRATEGICO DEGLI INTERVENTI FINALIZZATI ALA FINANZIAMENTO DEI SERVIZI SANITARI REGIONALI ADOTTATO D'INTESA CON LA CONFERENZA UNIFICATA
www.infermiereonline.altervista.org
266   IL D.LGS. 109/1998 INTRODUCE NEL NOSTRO ORDINAMENTO

‰   IL PRINCIPIO DI BIOEQUIVALENZA

‰   IL SANITOMETRO

‰   L'INDICATORE DI SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

www.infermiereonline.altervista.org

267 IL D.LGS. 196/2003 PONE A CARICO DEL MEDICO DI BASE E DEL PEDIATRA DI LIBERA SCELTA L'OBBLIGO DI INFORMATIVA DEL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI


‰   NO

‰   SI, PER TUTTE LE ATTIVITÀ DI PREVENZIONE, DIAGNOSI, CURA E IABILITZIONE

‰   SI, IN CASO DI PRESCRIZIONE DI PRESTAZIONI SPECIALISTICHE
www.infermiereonline.altervista.org
268 CHE COSA È IL CENTRO PER LA PREVENZIONE E IL CONTROLLO DELLE MALATTIE?

‰   UN ORGANISMO OPERATIVO A LIVELLO REGIONALE

‰   UN ORGANISMO OPERATIVO PRESSO IL MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

‰   NON ESISTE QUESTO ORGANISMO
www.infermiereonline.altervista.org
269 CHE COSA È LA CASA DELLA SALUTE

‰   L'INSIEME DEI PRESIDI OSPEDALIERI CHE ESISTONO DEL TERRITORIO REGIONALE

‰   UNA STRUTTURA POLIVALENTE IN CUI CONVERGONO I SERVIZI TERRITORIALI CHE EROGANO PRESTAZIONI SANITARIE
‰   NON ESISTE TALE STRUTTURA
www.infermiereonline.altervista.org
270 A QUALE AUTORITÀ SPETTA DELIBERARE LA COSTITUZIONE DI UN'AZIENDA OSPEDALIERA'

‰   ALLA REGIONE

‰   AL CONSIGLIO DEI MINISTRI

‰   AL MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI




 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu