Crea sito

Selezione Regione Piemonte 19 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Selezione Regione Piemonte 19

Selezioni corsi O.S.S. > Regione Piemonte sezione A

 1

SEZIONE A

LEGGERE ATTENTAMENTE IL BRANO E RISPONDERE ALLE DOMANDE CHE
SEGUONO:

- Il dottor Bianco -

Da: “ Il paese dei bambini che sorridono “


Era un mattino freddo e piovoso. Il dottor Bianco entrò di corsa in ospedale. Si infilò svelto dentro
la porta della cucina sul retro. La prima persona che incontrò fu la cuoca. Senza dire una parola, lei
prese un  asciugamano  e gli strofinò la testa spettinata. “Dove sei stato? Ti ho messo da parte la
colazione, ma faresti meglio a spicciarti, Marco è peggiorato, stanotte. Le infermiere sono già scese
a cercarti!”. Il dottor Bianco diede due morsi di corsa al pane imburrato e buttò giù il tè caldo.
Senza neanche pulirsi la bocca, salì di corsa le due rampe di scale e poi girò a sinistra, lungo il
corridoio. Diverse infermiere ed alcuni dottori lo salutarono, mentre passava.
Il dottor Bianco si fermò un attimo sulla porta prima di entrare. Marco era pallido, teneva  gli occhi
chiusi e non si muoveva. La mamma gli teneva una mano e piano piano piangeva.
Quando la mamma di Marco vide entrare il dottor Bianco, sorrise sollevata. Il dottor Bianco saltò
sul letto e si  acciambellò accanto a Marco. Gli leccò la mano per fargli sapere che lui era li. Marco,
allora, aprì a metà gli occhi e sorrise.
La mamma di Marco era più tranquilla, ora: aveva piena fiducia nella “terapia scodinzolina” del  
dottor Bianco. Diede un bacio al suo bambino e accarezzò la testolina del tenero dottor Bianco.
“ Abbi cura di lui” gli disse e poi li lasciò soli.
Giorno dopo giorno il cagnolino bianco visitava i reparti dell’ospedale. Stava lì per ore, leccando
loro  delicatamente  una  mano  ed  agitando  la  coda.  Un  giorno,  mentre  stava  facendo  il  suo  solito
giro, il dottor Bianco passò accanto ad un uomo con la faccia tutta rossa.
L’uomo  cominciò  ad  urlare,  rivolto  alla  caposala:  “C’è  un  cane  in  reparto!  C’è  un  cane!”  La
caposala cercò di spiegargli rapidamente: è un cane speciale, ha salvato molte vite…”. L’uomo, a
quanto poi si seppe, era un ispettore e non volle ascoltare una parola di più dalla caposala.
Fece immediatamente rapporto e il dottor Bianco non avrebbe più potuto visitare i suoi pazienti.
Giorno  e  notte,  il  cagnolino  stava  accucciato  sullo  scalino  fuori  dalla  porta  della  cucina
dell’ospedale.
I  bambini  sentivano  molto  la  sua  mancanza;  molti  non  miglioravano  e  alcuni  peggioravano
addirittura.  Marco  invece  era  stato  fortunato,  perché  la  magia  del  dottor  Bianco  l’aveva  fatto
guarire,  ed  era  già  tornato  a  casa.  Ma  un  giorno  l’ispettore  tornò.  La  caposala  gli  andò  incontro
all’ingresso.  “Immagino  che  sarà  qui  per  controllare”  gli  disse  sgarbatamente.  “Non  deve
preoccuparsi: il cane non mette più piede qua dentro…e i miei pazienti stanno male”.
Alzò  gli  occhi  sul  viso  dell’ispettore  e  vide  che  le  sue  guance  erano  rigate  di  lacrime.  “Sono
spiacente…mia  figlia è  ammalata” disse lui con la voce rotta. “Può venire a darle un’occhiata?”
L’infermiera lo seguì lungo il corridoio, fino alla camera della bambina.
Stesa sul letto c’era una ragazzina bellissima. Il padre le parlò, ma lei non aprì nemmeno gli occhi.
“Per favore, guarisci. Ho bisogno di te” la supplicava mentre le sue lacrime cadevano sul viso della
piccola. Ma la bimba restava immobile, non aveva nessuna reazione. Alla caposala tornò in mente
Marco, che era ricoverato proprio nella stessa camera. Giorno dopo giorno,il cagnolino bianco si era
accucciato accanto a lui e lentamente, come per miracolo, Marco aveva cominciato a migliorare.
Guardò il padre disperato. ”Faremo tutto il possibile per sua figlia” disse infine. Quella notte, la
caposala scese in cucina. Aprì la porta sul retro. Il dottor Bianco era accucciato sullo scalino. I suoi
occhi erano tristi, ma le fece un cenno di saluto con la coda. Lei tenne la porta aperta invitandolo ad   2
entrare e lui saltò in piedi  e trotterellò in cucina. Fece di corsa le due rampe di scala e attraversò il
corridoio.
Il dottor Bianco si fermò sulla porta della camera della ragazzina. Il suo viso era pallido, teneva gli
occhi chiusi e non si muoveva. Il dottor Bianco saltò sul letto e si acciambellò vicino a lei; le toccò
la mano con il nasetto umido, ma lei non si mosse.
Continuò a leccarle la mano, di tanto in tanto, per farle capire che non era sola. Il mattino seguente,
quando  l’ispettore  entrò  nella  stanza,  vide  il  braccio  di  sua  figlia  intorno  al  cagnolino  bianco.  Il
cagnolino scodinzolava e la bambina aprì gli occhi e sorrise al papà.
L’ispettore allungò la mano, accarezzò il cane e gli disse semplicemente: “Grazie.”  
Nessuno ha mai contato le vite salvate dal tenero dottor Bianco, ma certo lavorò in ospedale ancora
per molto molto tempo.
Si dice in giro che fu lo stesso ispettore a riportare la sua ciotola in cucina.        






































  3
1.  Chi è la prima persona che il dottor Bianco incontra entrando in cucina?

A)  La caposala  
B)  La mamma di Marco
C)  La cuoca


2.  Cosa fa il dottor Bianco finita la colazione?

A)  Sale di corsa due rampe di scale e gira a sinistra lungo il corridoio
B)  Si infila svelto dentro la porta della cucina sul retro
C)  Si pulisce la bocca e sale di corsa la rampa di scale


3.  Cosa sta facendo la mamma di Marco quando arriva il dottor Bianco?

A)  La mamma tiene una mano a Marco e, piano piano piange, ma quando vede entrare il
dottor Bianco sorride sollevata.
B)  La  mamma  tiene  una  mano  a  Marco  e  sorride,  ma  quando  vede  entrare  il  dottor
Bianco, piano piano piange
C)  Quando  la  mamma  vede  entrare  il  dottor  Bianco  prende  la  mano  di  Marco  e
comincia a piangere


4.  Cosa fa Marco quando si accorge che vicino a lui c’è il dottor Bianco?

A)  Spalanca gli occhi e sorride
B)  Apre a metà gli occhi e sorride  
C)  Socchiude gli occhi e piange


5.  Chi è il dottor Bianco?

A)  Un medico affermato in camice bianco
B)  Un ispettore con l’abito bianco
C)  Un cagnolino bianco


6.  Cosa fa l’ispettore la prima volta che vede il dottor Bianco in ospedale?

A)  Fa immediatamente rapporto e stabilisce che il dottor Bianco avrebbe potuto visitare
i suoi pazienti solo una volta al giorno
B)  Fa immediatamente rapporto e il dottor Bianco non può più visitare i suoi pazienti
C)  Fa immediatamente rapporto e il dottor Bianco avrebbe potuto visitare i suoi pazienti
solo una volta al mese





  4
7.  I bambini sono affezionati al dottor Bianco?

A)  No
B)  Si
C)  Non si deduce dal brano


8.  Perché Marco è fortunato?

A)  È guarito da solo ed è già tornato a casa
B)  Grazie alla magia del dottor Bianco non è guarito  
C)  Grazie alla magia del dottor Bianco è guarito


9.  Perché un giorno l’ispettore torna all’ospedale?

A)  Perché sua figlia è ammalata
B)  Per controllare se le sue disposizioni sono state rispettate
C)  Per punire la caposala per avere fatto entrare  il dottor Bianco in reparto


10. Cosa dice la caposala quando l’ispettore si presenta in ospedale la seconda volta?

A)  “Deve preoccuparsi: il cane non mette più piede qua dentro…e i miei pazienti stanno
male”.
B)  “Non deve preoccuparsi: il cane non mette più piede qua dentro…e i miei pazienti
non stanno male”.
C)  “Non deve preoccuparsi: il cane non mette più piede qua dentro…e i miei pazienti
stanno male”.


11. Cosa vede la caposala quando all’ingresso va incontro all’ispettore?

A)  L’ispettore che sorride
B)  L’ispettore con le guance rigate di lacrime
C)  L’ispettore che urla con la faccia tutta rossa


12. Come si chiama la terapia di cui la mamma di Marco ha fiducia?

A)  Terapia scodinzolina
B)  Terapia cagnolina
C)  Terapia bianchina


13. Cosa dice la caposala all’ispettore, dopo aver visto la ragazzina ammalata?

A)  “Può venire a darle un’occhiata?”
B)  “Faremo tutto il possibile per sua figlia”
C)  “Per favore guarisci. Ho bisogno di te”
  5
14. Quando la caposala apre la porta sul retro, dopo aver parlato con l’ispettore…

A)  Non trovando il dottor Bianco richiude subito la porta
B)  Invita il dottor Bianco ad andar via dall’ospedale
C)  Trova il dottor Bianco accucciato sullo scalino


15. Quando il dottor Bianco entra nella camera della ragazzina la trova immobile …

A)  Con gli occhi chiusi e il viso rosso
B)  Con gli occhi chiusi e il viso pallido
C)  Con gli occhi aperti e il viso pallido


16. Cosa fa il dottor Bianco dopo essersi acciambellato accanto alla figlia dell’ispettore ?

A)  Le tocca la mano con il nasetto umido, … continua a leccarle la mano, di tanto in
tanto, per farle capire che non è sola.
B)  Le tocca la mano con il nasino umido, … poi smette di leccarle la mano; di tanto in
tanto la guarda per farle capire che non è sola.
C)  Salta sulla poltrona vicino a lei, le tocca la mano con il nasetto umido, … continua a
leccarle la mano, di tanto in tanto, per farle capire che è sola.


17. Il mattino seguente alla terapia scodinzolina del dottor Bianco, cosa fa la figlia dell’ispettore?

A)  Apre gli occhi , sorride contenta e il cagnolino non c’è più
B)  Dorme mentre il cagnolino scodinzola contento sulla poltrona  
C)  Abbraccia il cagnolino bianco che scodinzola, apre gli occhi e sorride al papà


18. Dopo avere allungato la mano ed accarezzato il dottor Bianco, l’ispettore dice…

A)  Semplicemente grazie
B)  Semplicemente addio
C)  Non tornare mai più  


19. Si dice in giro che l’ispettore dopo la guarigione della sua bambina…

A)  Abbia cacciato per sempre il dottor Bianco
B)  Abbia riportato lui stesso in cucina la ciotola del dottor Bianco
C)  Abbia regalato un camice bianco al cagnolino


20. Alla fine del racconto il dottor Bianco ….

A)  Lavora in ospedale ancora per molto, molto tempo
B)  Non lavora più in ospedale  
C)  Lavora in ospedale ancora per poco tempo
  6
SEZIONE B

RISPONDERE ALLE SEGUENTI DOMANDE DI LOGICA, MATEMATICA E CULTURA
GENERALE


21. Completare la seguente serie:  DDD456 – EEE458 – FFF460 -

A)  GGG461
B)  HHH461
C)  GGG462


22. Se  a  un’ora  e  tre  quarti  aggiungo  63  minuti  e  poi  sottraggo  46  minuti,  quanti  minuti
rimarranno?

A)  126 minuti
B)  122 minuti
C)  248 minuti


23. Individuare l’abbinamento corretto che completa la frase: “L’ambiente in ecologia è l’……. di
fattori fisici, chimici e biologici che agiscono sugli …… viventi.”

A)  Insieme / esseri
B)  Unione / affari
C)  Associazione / affari


24. Individuare  l’abbinamento  corretto  che  completa  la  frase:  “L’altimetro  è  uno…….  atto  a
determinare la quota di un ….. rispetto al livello del mare.”

A)  Oggetto / spazio
B)  Spazio / oggetto
C)  Strumento / punto


25. Quale di questi personaggi non ha nulla a che fare con gli altri: clown – acrobata – giocoliere
– ingegnere

A)  Clown
B)  Ingegnere
C)  Acrobata


26. Quale di queste parole non ha nulla a che fare con le altre: cavallo – capra – toro – agnello –
oca

A)  Oca
B)  Capra
C)  Toro 27. QUADRATO sta a TRIANGOLO come CUBO sta a:

A)  CERCHIO
B)  SFERA
C)  ROMBO


28. NUMERO sta a OPERAZIONE come LETTERA sta a:

A)  SOMMA
B)  PAROLA
C)  SOTTRAZIONE


29. Nell’uso  del  trasporto  pubblico,  dopo  la  convalida  dell’idoneo  documento  di  viaggio,  il
passeggero  è  tenuto  ad  accertare  l’esattezza  della  stampigliatura  apposta  dalla  macchina
obliteratrice  sul  documento  di  viaggio.  In  caso  di  errore  o  mancato  funzionamento  della
macchina obliteratrice:

A)  Si deve avvertire il conducente
B)  Si deve scendere
C)  Non si deve far nulla


30. In caso di incendio in un edificio, per evacuare i piani superiori:

A)  Bisogna utilizzare sempre l’ascensore
B)  Non bisogna utilizzare mai l’ascensore, ma solo le scale   
C)  Bisogna utilizzare solo l’ascensore  


 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu