Crea sito

Assistenza ai pazienti diabetici 1° parte - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Assistenza ai pazienti diabetici 1° parte

Prove finali dei Corsi > Operatore Socio Sanitario con formazione complementare

Test di preparazione al  corso:
L'ASSISTENZA AD UN PAZIENTE DIABETICO.
Questi sono 50 dei 150 quiz del modulo formativo.


1) Quale malattia si cura con l'insulina ?
A L'asma
B L'orticaria
C Il diabete mellito
D L'ipertiroidismo
E L'epatite

2) Il diabete mellito è una patologia a carico del:
A Cuore
B Pancreas
C Polmone
D Rene
E Fegato

3) In un paziente diabetico non ben compensato, un'eventuale ferita si rimargina:
A)   Più lentamente.
B)   Più rapidamente.
C)   Come per qualsiasi altro soggetto

4) Il paziente diabetico, di regola, dopo l'iniezione di insulina deve alimentarsi oppure no?
A)   No, per non alterare l'equilibrio metabolico.
B)   Si, per evitare i rischi di ipoglicemia.
C)   Dipende dalla gravità della patologia.

5) Nell'alimentazione di un soggetto diabetico si deve:
A Verificare l'assunzione dell'intero pasto
B Registrare la quantità di liquidi assunti nelle 24 ore
C Somministrare solo tre pasti al giorno
D In sostituzione dei dolci, proporgli biscotti aproteici
E Registrare la quantità di liquidi assunti nelle 12 ore

6) Se un paziente diabetico in terapia insulinica presenta nausea, poliuria, disidratazione, sete, l'operatore socio sanitario con formazione complementare si orienterà verso un quadro sintomatologico di:
A)   Iperglicemia.
B)   Ipoglicemia .
C)   Iperpotassiemia
D)   Iperbiluremia.

7) Il diabete mellito di tipo 1 necessita di:
E)   Antidiabetici orali.
F)   Insulina.
G)   Solo di una dieta
H)   Betabloccanti.

8)   Negli stati di ipoglicemia al paziente può essere somministrato:
A)   Glucagone.
B)   Insulina.
C)   litio
D)   Un qualsiasi farmaco per il trattamento dell'ipotensione ortostatica

9)   Uno stress nervoso può influire sull'equilibrio glicemico di un paziente diabetico.
A)   Molto.
B)   Poco
C)   Per niente.

10) Il diabete mellito di tipo II necessita di:
A)   Antidiabetici orali.
B)   Insulina
C)   Solo dieta.
D)   Ipotensivi

10)   Se si desidera l'assorbimento più rapido dell'insulina, quale sede di somministrazione l'OSS con formazione complementare deve scegliere ?
A)   Muscolo deltoide.
B)   Addome.
C)   Quadrante superiore esterno della coscia.


11) Che cosa si intende per indice glicemico di un alimento?
A)   L'effetto di quel dato alimento sui livelli di glucosio nel sangue.
B)   L'indice calorico di quel dato alimento.
C)   La quantità di glucosio contenuta in quel dato alimento.

12) Che cos'è il glicogeno ?
A Un polimero di glucosio
B Una combinazione di due polimeri di ossigeno
C Un acido
D Una proteina
E Un tessuto

13) Cosa è la  lipodistrofia ?
A) Il termine deriva dal greco, "lipo" che significa grasso e distrofia  alterazione della normale crescita.
B) E' una malattia geneticamente trasmessa e associata al diabete insulino dipendente.
C) Nessuno dei precedenti.

14) Perché l'insulina deve essere somministrata per via sottocutanea?
A)   Tale distretto consente un assorbimento progressivo.
B)   Tale distretto consente un assorbimento molto lento.
C)   Tale distretto consente un assorbimento molto veloce.
D)   E' l'unica via di somministrazione.


15) La persona diabetica deve consumare con moderazione:
a) Il pollo
b) Le patate
c) Le carote

16) Nell'occuparsi dell'igiene dei piedi di un paziente diabetico, l'O.S.S.:
A) Dopo averli lavati, li asciugherà tamponando facendo attenzione agli spazi interdigitali
B) Dopo averli lavati, strofina energicamente la cute per asciugarla bene
C) Non utilizzerà detergenti ma solo acqua calda

17) Che cosa è la luna di miele?
A)   L'unione tra due diabetici.
B)   UN periodo dove il compenso glicometabolico del paziente rimane buono e si può arrivare sino alla possibile completa sospensione del farmaco.
C)   Periodi prolungati di iperglicemia.

18) Che cosa è l'euglicemia?
A)   Una temporanea alterazione di valori di glicemia molto alti.
B)   Una temporanea alterazione di valori di glicemia molto bassi.
C)   Il mantenimento dei valori di glicemia più prossimi a quelli fisiologici.

19) Quale tipo di farmaco, se somministrato frequentemente, determina fenomeni di lipodistrofia?
A)   Farmaci ipertonici.
B)   Diuretici.
C)   Antiaggreganti.
D)   Insulina

20) La somministrazione di insulina sottocutanea va evitata in prossimità di :
A)   Superficie della cute ustionata.
B)   Ciclo mestruale.
C)   Aree cutanee ricche di adipe.
D)   Tutte le precedenti.
E)   Nessuna delle precedenti.

31) Le sulfaniluree sono:
A)   Ansiolitici.
B)   Antidepressivi.
C)   Ipoglicemizzanti.
D)   Iperglicemizzanti.
E)   Nessuna dei precedenti.

32) Quale di queste patologie si assoccia più frequentemente a disfunzione erettile:
A)   Iperparatiroidismo.
B)   Diabete.
C)   Fimosi
D)   Prostatite acuta .

33) Il MODY è una sigla che indica una forma di diabete:
A)   Non insulino dipendente tipica del giovane.
B)   Insulino dipendente
C)   Non insulino dipendente tipica dell'anziano.
D)   Nessuna dei precedenti.

34) In caso di ipoglicemia l'ingestione di 10 grammi di glucosio può far aumentare la glicemia di:
A)   40mg/ dl in circa 30 minuti.
B)   20mg/ dl in circa 30 minuti
C)   60mg/ dl in circa 30 minuti

35) Il coma in un paziente diabetico può essere causato da:
A)   Chetoacidosi.
B)   Ipoglicemia.
C)   Iperosmolarità.
D)   Tutte le precedenti .

36) Nei pazienti diabetici con nefropatia cronica l'apporto di proteine alimentari:
A)   Non dovrebbe superare il 10 % delle calorie totali.
B)   Dovrebbe essere inferiore al 5% delle calorie totali.
C)   Dovrebbe essere pari alla metà delle calorie totali giornaliere.

37) Il diabete della maturità è clinicamente caratterizzato da :
A)   Lenta evoluzione verso complicanze degenerative.
B)   Rapida evoluzione verso la chetoacidosi.
C)   Sicura evoluzione verso il diabete insulino dipendente.
D)   Una insorgenza superiore nei soggetti magri.

38) Il glucosio è presente nelle urine?
A)   Sempre.
B)   Quando la sua concentrazione plasmatica è maggiore di 180 mg/dl
C)    Quando la sua concentrazione plasmatica è maggiore di 180 g/dl
D)   Quando la sua concentrazione plasmatica è maggiore di 180 mm/dl

39) Quali tra questi alimenti ha il più alto indice glicemico ( Fa innalzare di più la glicemia) ?
A)   Mela.
B)   Lenticchie.
C)   Patate fritte.

40) Quali cellule hanno la funzione di produrre l'ormone insulina nel nostro organismo?
A)   Cellule Alfa delle isole di Langherans.
B)   Cellule Beta delle isole di Langherans.
C)   Cellule Delta del Pancreas

41) Per quale ragione l'insulina non viene somministrata per via orale?
A)   Perché il suo assorbimento sarebbe troppo lento.
B)   Perché l'insulina assunta per via orale risulta inattiva.
C)   Perché il suo assorbimento sarebbe troppo rapido, con rischi di ipoglicemia.
D)   Perché non è tollerata dalla mucosa gastrica.

42) Quale è la temperatura ottimale per la conservazione dell'insulina ?
A)   Tra i 12 e i 15 gradi.
B)   Tra i 2 e gli 8 gradi.
C)   Va tenuta a una temperatura inferiore ai 0 gradi.

43) Sapendo che 1 g di glucosio fornisce 4 calorie, quante calorie si somministrano con 500 ml di soluzione glucosata al 5 % ?
A)   75 Calorie
B)   100 Calorie
C)   250 Calorie
D)   10 Calorie.

44) Quale comportamento deve adottare l'oss con formazione complementare nei confronti di un paziente in cui si sospetti una crisi ipoglicemica.
A)   Effettua una misurazione della pressione arteriosa e chiamo il medico.
B)   Controllo la glicemia, somministro glucosio e chiamo il medico.
C)   Chiamo il medico e aspetto il suo intervento
D)   Somministro glucosio, controllo la glicemia, chiamo il medico.

45) Quali cambiamenti subisce il fabbisogno alimentare della donna diabetica in gravidanza?
A)   Resta invariato.
B)   Diminuisce drasticamente, per questo necessita di un aumento di zuccheri.
C)   Aumenta.

46) I sintomi più caratteristici della crisi ipoglicemica in paziente diabetico insulinodipendente sono:
A)   Sudorazione, astenia, tachicardia, tremore.
B)   Sudorazione, cefalea, bradicardia, poliuria.
C)   Sudorazione, astenia, tachicardia.
D)   Pallore, aritmia, tremore.

47) Quali tra questi alimenti dovrebbe essere assunto con moderazione dal paziente diabetico?
A)   Acqua
B)   Latte.
C)   Formaggio.

48) Come si conserva l'insulina?
A)   L'insulina di scorta va conservata in frigo a circa +4 gradi, quella che si usa quotidianamente può essere tenuta per non più di trenta giorni a temperatura ambiente.
B)   L'insulina di scorta va conservata in frigo a circa +4 gradi, quella che si usa quotidianamente può essere tenuta per non più di 10 giorni a temperatura ambiente.
C)   L'insulina di scorta va conservata in frigo a circa +4 gradi, quella che si usa quotidianamente può essere tenuta per non più di 20  giorni a temperatura ambiente.

49) Che cosa e il reflettometro?
A)   Chiamato anche pungidito, serve per il prelievo capillare nel paziente .
B)    E' uno strumento portatile per la misurazione del tasso di glicemia nel sangue viene prelevato dal capillare.
C)   E' uno strumento portatile per la misurazione del tasso di ossigeno nel sangue viene prelevato dal capillare.

50) Quale è la sede elettiva per la somministrazione di insulina?
A)   Regione Deltoidea
B)   Regione addominale.
C)   Regione anterolatera della coscia.
D)   Tutte le precedenti.






























 
 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu