Crea sito

Da 381 a 400 - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Da 381 a 400

I quiz dei concorsi delle ASL 3° parte > Regione Sardegna > Asl 8 Cagliari > Da 301 a 400

Sezione in fase di discussione

Nota bene: Le risposte ai quiz sono frutto del lavoro di gruppo dei collaboratori di questo sito ABC OSS.
Considerata l'ambiguità e/o inesattezza di alcuni quiz, esiste la possibilità , seppur minima,
che alcune risposte siano discordanti da quelle ufficiali della ASL.
Decliniamo quindi ogni responsabilità in merito, ma siamo disponibili alla discussione. Grazie!

Per eventuali segnalazioni inviate una mail a  abcossblog@tiscali.it


381 IN UN PAZIENTE DIABETICO È FACILE RISCONTRARE:

1) Piuria

2) Nicturia

3) Chetonuria

Due risposte possibili ( Nicturia e chetonuria)

Chetonuria

In condizioni normali i corpi chetonici non sono riscontrabili nell’urina, se non in minime tracce. Quando, invece, per una condizione anomala del metabolismo, si verifica una produzione eccessiva, i corpi chetonici si riversano nel circolo sanguigno e da qui, essendo nocivi per l’organismo, passano nelle urine per essere espulsi, grazie all’azione depuratrice del rene.
La produzione di corpi chetonici diventa eccessiva in tutte le situazioni caratterizzate da un aumento della degradazione dei grassi (acidi grassi) a scopo energetico, in relazione a una ridotta disponibilità di glucosio, che normalmente costituisce la principale fonte di energia per le funzioni vitali dell’organismo. Ciò si può verificare in caso di digiuno prolungato, diete squilibrate, alcolismo cronico, stati febbrili, gravidanza, diabete.
Nel diabete, il riscontro di chetonuria rivela che la quantità di insulina è insufficiente a permettere una corretta utilizzazione del glucosio da parte dell’organismo e consente di aggiustare la terapia e di prevenire la chetoacidosi, complicanza grave dovuta appunto ad avvelenamento da corpi chetonici.
Nicturia:
La nicturia è una disfunzione dell'apparato urinario, consistente nella necessità, anche molto frequente, di eliminazione dell'urina durante il riposo notturno; più propriamente si parla di nicturia quando si osserva una escrezione di liquidi notturna totale maggiore di quella diurna.
Spesso correlata con patologie come il diabete mellito, il diabete insipido, la cistite batterica, patologie cardiovascolari che impediscono la corretta filtrazione a livello dei glomeruli renali nella stazione eretta ed altre che provochino eccessiva produzione di urine durante la notte od in posizione clinostatica o comunque incapacità della vescica a dilatarsi per contenere le urine con meccanismi di continenza integri.


382 AI SENSI DELL'ART. 55, 6° COMMA, D.LGS. 165/2001 L'AMMINISTRAZIONE PUÒ RIDURRE LA SANZIONE APPLICABILE:

1) Con il consenso del lavoratore, ma in tal caso la sanzione stessa non è più suscettibile di impugnazione


2) Salvo che essa consista in un rimprovero verbale

3) Salvo che ricorra una giusta causa di licenziamento

383 DURANTE LA RCP LE COMPRESSIONI TORACICHE SONO EFFICACI SE IL TORACE SI ABBASSA:

1
) Almeno 5 centimetri

2) Al massimo 3 centimetri

3) Almeno 6 centimetri

384 IL VIRUS DELL'EPATITE B NON PUÒ ESSERE TRASMESSO DA UOMO A UOMO:

1) Con le urine

2) Per via transplacentare

3) Con le feci

385 A COSA CI SI RIFERISCE CON L’ESPRESSIONE DISTURBI GENERALIZZATI DELLO SVILUPPO?

1) Ad un gruppo di sindromi caratterizzate dalla compromissione grave di più aree dello sviluppo infantile (es. autismo infantile)

2) Ad un insieme di malattie genetiche che si manifestano fin dalla prima infanzia (es. sindrome di Down)

3) Ad un insieme di sindromi metaboliche che compromettono lo sviluppo del neonato (es. fenilchetonuria)

386 NELL’AMBITO DI UN PROCEDIMENTO DISCIPLINARE, IN CASO DI TRASFERIMENTO DEL DIPENDENTE, A QUALUNQUE TITOLO, IN UN'ALTRA AMMINISTRAZIONE PUBBLICA, LA SANZIONE:

1) E' applicata presso quest'ultima

2) Non si può più applicare

3) È trasformata in una ammenda

387 LA TUTELA DELLA SALUTE IN ITALIA È SANCITA:

1) Nella Costituzione Italiana

2) Nel Codice delle Leggi sanitarie della Repubblica Italiana

3) Nel Codice Civile


388 LA RIGIDITÀ PERSISTENTE E INVOLONTARIA DEI MUSCOLI CHE IMMOBIL IZZA UN ARTO IN POSIZIONE VIZIATA È DEFINITA:

1) Contrattura

2) Distorsione

3) Frattura

389 IN UN PAZIENTE IPOTESO QUALI VALORI PRESSORI SI POSSONO RISCONTRARE?

1) 120/70 mmHg

2) 170/95 mmHg

3) 90/60 mmHg

390 QUALE DELLE SEGUENTI AFFERMAZIONI RELATIVE ALLA DISARTRIA NON È CORRETTA?

1) È frequente in soggetti con paralisi cerebrale infantile

2) Consiste in una difficoltà nell’esecuzione motoria del linguaggio

3) Consiste in una difficoltà nell’esecuzione delle vocali causata da patologie che colpiscono le corde vocali

391 I DISINFETTANTI POSSONO ESSERE:

1) Solo naturali e chimici

2) Solo fisici e chimici

3
) Naturali, fisici e chimici

392 LE ARTERIE POLMONARI CONTENGONO:

1) Sangue arterioso e perciò ben ossigenato

2) Sangue venoso e perciò scarsamente ossigenato

3) Sangue proveniente dal ventricolo sinistro, quindi ben ossigenato

393 LA DEFINIZIONE DI PROTOCOLLO IN AMBITO SANITARIO E':

1) L'insieme degli interventi sanitari a livello ospedaliero

2) Sistema di procedure comportamentali e assistenziali atto a uniformare l'operato dell'Equipe per raggiungere obiettivi programmati

3) Sistema di classificazione delle precedenze per la gestione delle attività di assistenza

394 COSA SIGNIFICA "NAVIGARE IN INTERNET"?

1) Muoversi tra più siti diversi avvalendosi dei colle gamenti ipertestuali

2) Utilizzare i motori di ricerca

3) Scambiarsi con degli amici dei messaggi di posta elettronica

395 IL RAPPRESENTANTE DEI LAVORATORI PER LA SICUREZZA FIRMATARIO DEL DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI ASSUME PER CIÒ RESPONSABILITÀ PENALI?

1) Sì, sempre

2) Sì, ma solo in caso di negligenza

3) No, mai
La risposta al quesito 395 è stata presa dalla batteria  della preselezione  concorso infermiere
Anche se Noi non siamo pienamente convinti di ciò:
Se il Responsabile non individua un pericolo, e di conseguenza non individua le necessarie misure preventive,
non fornisce  al datore di lavoro l’informazione necessaria per attuare le stesse, potrebbe essere chiamato a rispondere,
ovviamente in concorso con il datore di lavoro, dell’evento; ove invece il Responsabile aveva correttamente individuato il problema e indicate le soluzioni, ma il datore di lavoro o il dirigente o il preposto non ha dato seguito alle sue indicazioni, egli dovrebbe essere sollevato da qualsiasi responsabilità nel merito dell’evento.
Sarà naturalmente l’autorità giudiziaria a pronunciarsi su questioni di questo tipo

396 CON L’INVECCHIAMENTO UN ANZIANO VA INCONTRO A:


1) Riduzione del peso e volume degli organi parenchimali

2) Riduzione del tessuto connettivo e aumento del contenuto idrico

3) Aumento del peso e volume degli organi parenchimali

397 SECONDO L’OMS "LA SALUTE" È:

1
) Uno stato di benessere fisico, mentale e sociale e non la semplice assenza di malattia o infermità

2) La sola assenza di malattia o infermità

3) Esclusivamente uno stato di benessere fisico e mentale

398 SECONDO QUANTO INDICATO NEL D.LGS. 81/08, QUALE DELLE SEGUENTI DESCRIZIONI È RIFERIBILE AI CARTELLI DI SALVATAGGIO?

1) Pittogramma nero su fondo bianco, bordo e banda rossi

2) Pittogramma nero su fondo giallo, bordo nero

3) Pittogramma bianco su fondo verde

399 LA LEGGE REGIONALE N. 10/2006 E SMI STABILISCE CHE IL SERVIZIO SANITARIO REGIONALE DELLA SARDEGNA:

1
) Assicura, nell'ambito del Servizio Sanitario Nazionale, la tutela della salute come diritto fondamentale della persona e interesse della collettività

2) Promuove tutte le iniziative di tutela della salute a garanzia dei cittadini della Sardegna

3) Garantisce la salute e la sicurezza sociale nel territorio della Sardegna



400 LO SCOPO PRINCIPALE DEL BAGNO DEL MALATO È:

1) La sola pulizia della pelle e comfort

2) Eliminare le cellule epiteliali morte e i batteri

3) Sia la pulizia della pelle e comfort, sia eliminare le cellule epiteliali morte e i batteri

 
 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu