Crea sito

AOU Sassari - L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

AOU Sassari

I quiz dei concorsi delle ASL 3° parte > Regione Sardegna > Legislazione sanitaria
 

DIRITTO SANITARIO
Banca dati quiz AOU SASSARI
Quiz utilizzati per concorso categoria D ( alcuni per la categoria Bs)


1. Relativamente a quanto stabilito dalla legge regionale n. 10 del 2006 riguardo all’Atto aziendale delle ASL, quale affermazione non è corretta in merito ai contenuti dell'Atto?
A) Esso disciplina l’organizzazione delle ASL secondo il modello dipartimentale
B) Esso individua in particolare le strutture operative dotate di autonomia gestionale o tecnico-professionale
C) Non rientra tra i contenuti dell'Atto aziendale la  disciplina dei compiti e delle responsabilità dei direttori di dipartimento e di distretto socio-sanitario

2. Chi provvede secondo il D.lgs. 502/1992, all'autorizzazione e all'accreditamento delle strutture pubbliche o private a fornire prestazioni per conto del SSN?
A) Le Regioni
B) Il Governo
C) Le A.U.S.L.

3. Chi individua i LEA (Livelli Essenziali di Assistenza)

A) L'A.U.S.L.
B) Lo Stato
C) Le Regioni

4. Qual'è la durata del Piano Sanitario regionale?
A) 2 anni
B) 3 anni
C) 5 anni

5. Relativamente alle Aziende ospedaliero-universitarie, le relazioni organizzative e funzionali tra i dipartimenti ad attività integrata ed i dipartimenti universitari sono stabilite:
A) Nei protocolli d’intesa tra Regione e università interessate
B) Nell'atto aziendale di cui all'art. 3 del D.lgs. 502 del 1992
C) Nei protocolli programmatici siglati tra le AUSL e le università interessate

6. Secondo la legge Regionale n. 10 del 2006, da chi vengono definiti gli indirizzi relativi agli atti aziendali delle aziende ospedaliero-universitarie?
A) Essi sono predisposti dalla Giunta regionale, previo parere della Commissione consiliare competente e previa intesa, per quanto riguarda i dipartimenti ad attività integrata e le strutture complesse a direzione universitaria, con i rettori delle università
B) Dai rettori delle università previo parere della Giunta regionale
C) Dalla Commissione consiliare competente di concerto con le Università e l'Assessorato della Sanità

7. Le AUSL possono assumere la gestione di servizi socio-assistenziali?
A) No
B) Sì, su delega dei singoli enti locali, con oneri a totale carico degli stessi
C) Sì, su delega dei singoli enti locali, con oneri finanziari ripartiti tra ente locale e AUSL

8. Cosa accade se le Regioni non adottano il Piano sanitario regionale?
A) È previsto un intervento sostitutivo del Governo nazionale
B) Non possono essere applicate le disposizioni del Piano sanitario nazionale
C) Le Regioni inadempienti non ricevono i finanziamenti dallo Stato

9. Secondo quanto stabilito dal D.lgs. 229/1999 (Riforma sanitaria ter) in merito ai contenuti del Piano sanitario nazionale, quale tra le seguenti risposte non è corretta?

A) Il PSN individua le aree prioritarie di intervento, anche ai fini di una progressiva riduzione delle diseguaglianze sociali e territoriali nei confronti della salute
B) Il PSN fissa gli indirizzi finalizzati a orientare il Servizio sanitario nazionale verso il miglioramento continuo della qualità
dell'assistenza
C) Il PSN indica le modalità e gli strumenti per la verifica della attuazione del modello di accreditamento delle strutture sanitarie

10. Che cos'è il Piano sanitario regionale?

A) È il piano strategico degli interventi finalizzati alla tutela della salute. Tale piano è diretto a soddisfare le esigenze della popolazione regionale
B) Si tratta del piano programmatico elaborato da tutte le AUSL della regione e contiene le linee guida in materia di tutela della salute
C) Si tratta del Piano strategico degli interventi, adottato d'intesa con la Conferenza unificata, finalizzato al finanziamento dei servizi sanitari regionali

11. Quali funzioni svolge il Consiglio dei sanitari dell'AUSL?

A) Vigilanza sulla osservanza delle leggi
B) Consulenza tecnico sanitaria
C) Verifica la corretta gestione amministrativa

12. In che modo è disciplinata l'articolazione in distretti dell'unità sanitaria locale?

A) Con delibera della Giunta regionale sentita la Commissione consiliare competente
B) Con legge Regionale
C) Con l'Atto aziendale di cui all'art 3 Comma 1 bis del D.lgs. 502/1992

13. Le residenze sanitarie assistenziali operano come:

A) Strutture di accoglienza a carattere semiresidenziale
B) Strutture di accoglienza a carattere residenziale
C) Presidi ospedalieri costituiti in azienda

14. A norma della legge 328 del 2000, a chi spetta la determinazione dei criteri generali per la programmazione della rete di interventi di integrazione sociale che devono essere attuati a livello locale?
A) Alle regioni
B) Alle Regioni, ai Comuni e alle Province
C) Allo Stato

15. Da chi viene adottato l’atto aziendale nelle aziende ospedaliero-universitarie?

A) Dal direttore generale, d’intesa con il rettore dell’università limitatamente ai dipartimenti ed alle strutture di cui al comma 2 dell'art. 3 D.lgs 517/1999
B) Dal direttore generale, d'intesa con l'Organo di Indirizzo e con il Rettore dell’università C) Dal direttore generale, d'intesa con la Regione e con il Rettore dell’università

16. In base all'art. 4 del D.Lgs 502/1992, quale delle seguenti definizioni corrisponde al Presidio ospedaliero?
A) Ospedali non costituiti in azienda ospedaliera

B) Strutture sanitarie caratterizzate da autonomia imprenditoriale C) Strutture sanitarie caratterizzate da autonomia amministrativa

17. A norma dell'art. 4 comma 3 del D.Lgs. 502/1992, quale organo ha competenza di verifica, dal punto di vista economico, dell'amministrazione dell'AUSL?
A) Il collegio sindacale
B) Il collegio di direzione
C) Il direttore generale

18. Quale strumento giuridico fissa i principi generali che regolano i trattamenti sanitari obbligatori?
A) La Costituzione
B) La riforma sanitaria ter
C) Un Decreto del Ministro della Salute

19. Il Collegio Sindacale è:
A) Un organo ispettivo del Ministero della Salute
B) Un ufficio consultivo del Direttore Generale
C) Un organo dell'AUSL

20. Da quale norma le AUSL vengono configurate quali centri di imputazione di autonomia imprenditoriale?
A) Dal D. Lgs. N. 229/1999 (riforma sanitaria ter)
B) Dalla L. n. 833/1978 (riforma sanitaria)
C) Dal decreto legislativo n. 502 del 1992 (rifoma sanitaria bis)

21. Le prestazioni erogabili da un'Azienda sanitaria sono:

A) Quelle elencate e codificate dalla Regione
B) Quelle elencate e codificate da un Decreto ministeriale. E' prevista la facoltà della Regione di codificarne di ulteriori C) Esclusivamente quelle elencate e codificate da un Decreto del Ministero della salute

22. A norma della legge regionale n.10 del 2006, da chi vengono svolte le funzioni amministrative concernenti l’autorizzazione all’esercizio di attività sanitarie?
A) Dai comuni, con facoltà di avvalersi delle ASL, per quanto concerne le strutture che erogano prestazioni di assistenza specialistica in regime ambulatoriale
B) Esclusivamente alla Regione
C) Dal Nucleo tecnico per le autorizzazioni e gli accreditamenti, operante presso l'Assessorato regionale competente

23. Con quale atto si determinano i criteri per la verifica della funzionalità rispetto alla programmazione nazionale e regionale e si stabiliscono i requisiti di qualità strutturali, tecnologici e organizzativi, ulteriori rispetto a quelli minimi, necessari per ottenere l’accreditamento istituzionale?
A) Delibera della Giunta regionale
B) Legge regionale
C) Delibera dell'Assessorato regionale alla sanità, sentita la competente Commissione consiliare

24. ll comma 2 dell'art.1 del D. Lgs. N. 502/1992 come modificato dall'art. 1 del D. Lgs. N. 229/1999, affida al SSN l'obiettivo di:

A)Assicurare i livelli essenziali ed uniformi di assistenza
B) Superare gli squilibri territoriali nelle condizioni socio-sanitarie del Paese C) Tutelare la maternità e l'infanzia

25. Chi è il rappresentante legale dell'Azienda sanitaria?
A) Il Direttore Amministrativo
B) Il Direttore Sanitario
C) Il Direttore Generale

26. La c.d. riforma sanitaria ter fu approvata nel:
A) 1999
B) 1992
C) 1998

27. Cosa è l'attività intramoenia?

A) La possibilità per i Dirigenti medici di esercitare la libera professione all'interno della struttura sanitaria B) La possibilità per i Dirigenti medici di esercitare la libera professione all'esterno della struttura sanitaria
C) La possibilità per i Dirigenti medici di esercitare la libera professione all'interno ed all'esterno della struttura

28. Il Direttore Sanitario ed il Collegio dei Sanitari sono organi dell'Azienda sanitaria?
A) No
B) Si
C) Sì, assieme al Direttore Generale, al Direttore Amministrativo ed al Collegio Sindacale

29. In quale anno viene istituita l'Unità Sanitaria Locale?

A)1992 B) 1978 C) 1999

30. Quali prestazioni deve assicurare un ospedale?
A) Tutte, provvedendo ad acquisire altrove quelle che non può fornire
B) Tutte, tranne quelle che non può fornire, in quanto poste a carico del paziente
C) Solo quelle elencate nella Carta dei Servizi

31. Un'Azienda ospedaliera ricompresa nel territorio di una AUSL ha un'autonomia limitata rispetto a quest'ultima?
A) No
B) SI
C) Solo se i Direttori Generali sono diversi

32. Ai sensi dell'art. 1, D. Lgs. n. 266/1993, chi propone il Piano Sanitario Nazionale?

A) Il Presidente del Consiglio dei Ministri B) Il Consiglio Superiore della Sanità

C) Il Ministro della salute

33. Il Quali sono i compiti del Dipartimento di Prevenzione?

A) Promuove azioni volte ad individuare e rimuovere le cause di nocività e malattia di origine ambientale, umana ed animale, mediante iniziative coordinate con le altre strutture e Unità Operative dell’Azienda sanitaria
B) Garantisce assistenza specialistica ambulatoriale, attività o servizi in favore degli anziani e dei disabili e per la prevenzione e la cura

delle tossicodipendenze, consultori, assistenza domiciliare C) Garantisce attività per patologie da HIV o in fase terminale

34. Quale è la massima Autorità provinciale in materia sanitaria?

A) Il Prefetto
B) Il Presidente della Provincia C) Il Direttore Generale dell'AUSL

35. Che cosa sono i SERT?


C) II Servizi per le tossicodipendenze
B) I Servizi di vigilanza sanitaria
I Servizi immunotrasfusionali

36. Cosa è la «Commissione mista conciliativa» prevista dalla «Carta dei servizi pubblici sanitari»?
A) Un organismo preposto alla definizione delle controversie tra il responsabile legale dell'USL ed il personale sanitario

B) Un organismo interno all'USL preposto alla definizione delle controversie in materia di rapporti di lavoro del personale sanitario

C) È un organo di tutela di secondo livello che riesamina i reclami per cui l’utente, direttamente o tramite le associazioni di volontariato e di tutela dei diritti, si dichiari insoddisfatto della risposta ricevuta

37. L'assistenza sanitaria di base consiste...

A) Nelle attività e prestazioni di diagnosi, cura e riabilitazione di primo livello e svolge compiti di educazione sanitaria e medicina preventiva individuale
B) Nella prevenzione primaria nei luoghi decentrati
C) Nell'insieme di interventi sanitari a livello ospedaliero

38. Ai sensi del D. Lgs. N. 229/1999 a chi spetta la fissazione dei criteri di finanziamento delle aziende sanitarie?

A) Al Ministero della salue B) Alle Regioni
C) Alla legislazione statale

39. Non è organo dell'Azienda ospedaliero-universitaria...
A) L'organo di indirizzo
B) Il collegio sindacale
C) Il collegio di direzione

40. Sono organi dell'AUSL:
A) Il Direttore Generale, Il Collegio Sindacale
B) Il Direttore Generale ed il Consiglio dei sanitari
C) Il Direttore Generale, il Direttore Amministrativo e il Direttore sanitario

41. Il Servizio Sanitario Nazionale, istituito con la L. n. 833/1978, è ancora vigente?
A) E' stato abolito con il D. Lgs. N. 502/1992
B) Si
C) E' stato abolito con il D. Lgs. N. 229/1999

42. L'aggiornamento professionale e la formazione permanente del personale del SSN, viene definita:
A) E.G.M.
B) E.C.M
C) F.C.M.

43. Cosa sono i SIT?
A) I Servizi di vigilanza sanitaria
B) Le articolazioni dell'AUSL
C) I Servizi immunotrasfusionali

44. Cos'è il Consiglio Superore di Sanità?
A) Un organo di consulenza tecnico-scientifica del Ministro della Salute
B) Un organo tecnico-scientifico del Servizio Sanitario Nazionale
C) L'organo di autogoverno del Ministero della Salute

45. Come si articola un'Azienda Unità Sanitaria Locale?
A) In Distretti
B) In Presidi
C) In Unità di servizio, quali diramazioni del servizio di Igiene pubblica

46. Quale tipo di servizio viene erogato dai Policlinici universitari?
A) Prestazioni di prevenzione
B) Distribuzione di farmaci
C) Assistenza ospedaliera

47. Al Collegio sindacale di un'Azienda sanitaria compete:

A) L'analisi dei costi
B) Il controllo sulla legittimità degli atti C) L'analisi di qualità dei servizi

48. Ai sensi del D. Lgs. N. 419/1999 e del DPR n. 70/2001, quali sono i compiti asegnati all'stituto Superiore di Sanità?

A) Svolge funzioni di ricerca, di sperimentazione, di controllo e di formazione per quanto concerne la salute pubblica
B) Esprime pareri obbligatori in materia di regolamenti predisposti dalle Amministrazioni centrali che interessino la salute pubblica

C) Redige con il Ministero della salute il Piano Sanitario Nazionale

49. In che anno si giunse alla c.d. riforma ospedaliera?
A) 1967
B)1968
C) 1969

50. Le Aziende ospedaliere, in caso di documentata impossibilità, possono stipulare convenzioni con altre strutture per reperire spazi per l'esercizio dell'attività intramoenia?
A) Sì, ma solo con strutture pubbliche
B) Sì, con strutture pubbliche, private e private accreditate
C) Sì, con strutture pubbliche o private accreditate

51. Il Piano Sanitario Regionale può essere modificato?
A) No
B) Si ma solo dal Consiglio superiore della Sanità
C) Si con la stessa procedura prevista per la sua adozione

52. Cosa rappresenta il cosiddetto accreditamento istituzionale?

A) Un sistema per classificare i servizi sanitari
B) Un meccanismo attraverso il quale il Servizio sanitario nazionale seleziona le strutture pubbliche e private, erogatrici di prestazioni, nell’ambito delle quali potrà esplicarsi la libera scelta da parte dell’utente. L'atto di accreditamento è rilasciato dalla Regione.
C) Un sistema previsto dall'art. 8 quater del D.Lgs. 502/1992, utilizzato solo per valutare le strutture private

53. Le Aziende Sanitarie Locali (A.S.L.) sono una vera e propria azienda pubblica dotata di autonomia:
A) Organizzativa, Patrimoniale e Amministrativa
B) Organizzativa e Amministrativa
C) Organizzativa e Patrimoniale

54. Quale autorità è competente ad emanare norme per la gestione economico-finanziaria e patrimoniale delle Aziende sanitarie?
A) La Regione
B) La Corte dei Conti
C) Il Ministero dell'Economia e delle Finanze

55. Il Direttore Sanitario di un'Azienda sanitaria deve essere laureato:
A) In qualsiasi disciplina
B) In discipline giuridiche o economiche
C) In Medicina e Chirurgia

56. Come si definisce l'Azienda Unità Sanitaria Locale (AUSL)?

A) Azienda infraregionale, con personalità giuridica pubblica, articolata secondo i principi della Legge n. 142/1990, che in un ambito territoriale determinato assolve ai compiti del SSN
B) Il complesso degli ospedali e dei distretti sanitari presenti in una determinata zona
C) ll complesso dei presidi, degli uffici e dei servizi regionali i quali, in un ambito territoriale determinato, svolgono le funzioni a loro delegate dalla Giunta regionale in materia sanitaria

57. L'Osservatorio Nazionale sull'Impiego dei Medicinali (OsMED) è uno strumento di controllo e monitoraggio di quale organismo?
A) Dell'AIFA
B) Dell'Istituto Superiore di Sanità
C) Della Commissione Unica del Farmaco

58. Chi nomina il Direttore Sanitario di un'Azienda sanitaria?
A) Il Direttore generale
B) La Giunta regionale
C) L'Assessore regionale della sanità

59. Con quale provvedimento è stata introdotta nell'ordinamento la normativa quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale ed i diritti delle persone diversamente abili?
A) D.lgs. 502/1992 B) D.lgs. 229/1999 C) Legge 104/1992

60. Salvo il caso di specifica delega, chi sostituisce il Direttore Generale di un'Azienda sanitaria in caso di assenza o impedimento?
A) Il Direttore Amministrativo o Sanitario, con precedenza per il più anziano
B) Sempre il Direttore Amministrativo
C) Sempre il Vicedirettore Generale

61. Il Direttore Generale di una Azienda sanitaria deve essere laureato:

A) In Giurisprudenza B) In qualsiasi disciplina
C) In Medicina e Chirurgia

62. Da quanti membri è composto il Collegio Sindacale di un'Azienda sanitaria?

A) 5
B) 4
C) 3

63. Quale è l'età massima per la nomina a Direttore Generale di un'Azienda sanitaria?
A) Non è indicata un'età massima
B) 60 anni
C) 65 anni

64. Quanto dura in carica il Collegio Sindacale di un'Azienda sanitaria?

A) 2 anni
B) 5 anni
C) 3 anni

65. Ai sensi del D. Lgs. n. 229/1999, il complesso delle funzioni e delle attività dei servizi sanitari regionali e degli enti ed istituzioni di rilievo nazionale, è detto:
A) Servizio Sanitario Regionale
B) Programma delle attività territoriali
C) Servizio sanitario nazionale

66. Quale tra quelli indicati non rientra tra i principi ai quali si ispira il Sistema sanitario regionale?

A) Principio dell'universalità degli utenti
B) Principio della globalità degli interventi
C) Principio della gratuità degli inteventi

67. Qual'è la precisa natura giuridica dell'AUSL?
A) Azienda speciale
B) Ente sanitario a valenza interregionale
C) Azienda dotata di personalità giuridica pubblica

68. Secondo la legge regionale n.10 del 2006, da chi vengono determinati i requisiti minimi strutturali, tecnologici e organizzativi richiesti per l’esercizio delle attività sanitarie da parte delle strutture pubbliche e private?
A) Tali criteri vengono stabiliti e aggiornati dalla Giunta regionale con propria deliberazione
B) Dal Ministero della salute con apposito decreto
C) Dal Consiglio dei ministri con apposito D.P.C.M.

69. Per il governo delle attività cliniche di chi si avvale il Direttore generale dell'AUSL?
A) Del Collegio di direzione
B) Del Consiglio dei sanitari
C) Del Coordinatore dei servizi sanitari

70. Entro quali termini deve essere effettuata la nomina del Direttore generale?

A) Entro il termine ordinatorio di 60 giorni dalla data di vacanza dell'ufficio
B) Entro il termine perentorio di 90 giorni dalla data di vacanza dell'ufficio
C) Entro il termine perentorio di 60 giorni dalla data di vacanza dell'ufficio

71. Quale attività non rientra nelle competenze del Consiglio delle professioni sanitarie dell'AOU?

A) Accertamento della conformità del bilancio alle risultanze del libri contabili
B) Rilascio di pareri obbligatori in particolare sulle attività di assistenza sanitaria
C) Rilascio di pareri obbligatori sugli investimenti relativi alle attività di assistenza sanitaria

72. A chi spetta la competenza in materia di disciplina della composizione del Collegio di direzione dell'AUSL?

A) Alla Regione
B) Alla Regione e agli enti locali
C) Alla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato le Regioni e gli Enti locali

73. Cos'è il Distretto sanitario di base?
A) Un organo tecnico-scientifico del Servizio sanitario nazionale
B) Un organo periferico del Ministero della salute
C) Una articolazione organizzativo.funzionale della AUSL per l'erogazione dei servizi di primo livello e di pronto intervento

74. Quale organo provvede all'affidamento dell'incarico di Direttore del distretto sanitario?
A) Il Direttore generale
B) Il Consiglio dei sanitari
C) L'Assessorato regionale della sanità

75. Il modello organizzativo-tipo dell'AUSL prevede l'ar ticolazione in:

A) Distretti sanitari di base e dipartimenti di prevenzione B) Distretti sanitari di base di diverso ambito

C) Distretti sanitari di base, dipartimenti di prevenzione e presidi ospedalieri

76. Secondo l'art. 3-quater del D.lgs. 502/1992, introdotto dal D.lgs. 229/1999, l'ambito di operatività del distretto sanitario di base è riferito ad una soglia minima di popolazione pari a:
A) 60.000 abitanti
B) 50.000 abitanti
C) 30.000 abitanti

77. A norma del D.P.C.M. 29/11/2001, in quali ambiti si identificano i livelli essenziali di assistenza santaria (i c.d.LEA)?

A) Assistenza ospedaliera e assistenza distrettuale
B) Assistenza sanitaria collettiva, assistenza ospedaliera, assistenza distrettuale, C) Assistenza individuale, ospedaliera e distrettuale

78. Cosa sono i presidi ospedalieri secondo l'art. 4 del D.lgs. 502/1992?
A) Ospedali non costituiti in azienda ospedaliera
B) Strutture sanitarie dotate di autonomia imprenditoriale
C) Ospedali di eccellenza che svolgono, oltre alle prestazioni sanitarie di ricovero e cura, anche specifiche attività di ricerca scientifica biomedica

79. Le regioni adottano i piani sanitari regionali entro quali termini?

A) Entro 90 giorni dalla data di entrata in vigore del Piano sanitario nazionale
B) Entro 120 giorni dalla data di entrata in vigore del Piano sanitario nazionale
D) Entro 150 giorni dalla data di entrata in vigore del Piano sanitario nazionale

80. Quali compiti non sono di pertinenza dei dipartimenti di prevenzione?

A) Profilassi delle malattie infettive e parassitarie B) Tutela igienico sanitaria degli alimenti
C) Raccolta delle informazionirelativa all'uso dei farmacie nonché al loro abuso

81. Secondo l'art. 4 del D,lgs. 502/1992, quale criterio non rientra tra i diversi requisiti previsti per la costituzione in azienda ospedaliera?
A) Disponibiltà di un proprio patrimonio immobiliare
B) Disponibilità di un sistema di contabilità economico patrimoniale e di una contabilità per centri di costo
C) Il fatto di essere l'unico presidio ospedaliero pubblico presente nel comprensorio terrritoriale della AUSL

82. In quali casi si può verificare la revoca della costituzione in azienda ospedaliera?

A) In caso di grave disavanzo economico e nel caso di perdita dei requisiti costitutivi stabiliti dall'art. 4 del D.lgs. 229/1999 B) In caso di palese violazione dei principi di buon andamento e imparzialità dell'amministrazione
C) In caso di mancato raggiungimento degli obbiettivi programmati

83. Quando ricorrano gravi motivi o la gestione presenti una situazione di grave disavanzo o in caso di violazione di leggi o del principio di buon andamento e di imparzialità dell'amministrazione, a chi spetta risolvere il contratto dichiarando la decadenza del direttore generale?

Al Ministero della salute
B) Alla Regione sentito il parere della Conferenza permanente per la programmazione sanitaria e socio-sanitaria regionale
C) Alla Conferenza permanente per la programmazione sanitaria e socio-sanitaria regionale

84. E' corretto affermare che gli organi delle azie nde ospedaliero-universitarie sono gli stessi delle AUSL?

A) Si
B) No, nell'azienda ospedaliera non è presente la figura del Collegio sindacale
C) No. Nella AOU è previsto l'Organo di indirizzo che non figura tra gli organi delle Aziende sanitarie

85. Quali prestazioni, tra l'altro, sono totalmente escluse dai livelli essenziali di assistenza sanitaria?
A) Tutela igienico-sanitaria degli alimenti
C) Raccolta, lavorazione, controllo e distribuzione degli emocomponenti e servizi trasfusionali
D) Medicine non convenzionali

86. Le prestazioni sociosanitarie ad elevata integrazione sanitaria sono:

A) Le attività caratterizzate da particolare rilevanza terapeutica e da particolare intensità della componente sanitaria
B) I servizi di assistenza domiciliare
C) Le attività del sistema sociale che supportano le persone in situazione di bisogno che condiziona lo stato di salute

87. Quale fra quelle di seguito indicate non rientra fra le aree di integrazione socio-sanitaria?

A) L'area delle patologie psichiatriche B) L'area dei pazienti terminali
C) L'area dell'orientamento e della formazione professionale dei disabili

88. Ai sensi del D. Lgs. N. 229/1999, le strutture che erogano prestazioni sanitarie a carico del SSN stipulano con le Regioni competenti:
A) Protocolli operativi
B) Accordi contrattuali
C) Protocolli medico-scientifici

89. Chi adotta il bilancio consuntivo di un'Azienda sanitaria?

A) Il Direttore generale
B) Il Direttore amministrativo C) Il Collegio sindacale

90. Chi è il responsabile delle liste di attesa?
A) Il Direttore Sanitario
B) Il Centro di prenotazione
C) Il Consiglio dei sanitari

91. Come può essere definita la Carta dei Servizi?
A) Un sistema di tutela che consente un controllo diretto sulla qualità dei servizi erogati
B) Un sistema di monitoraggio sulla corretta gestione tecnico-economica delle strutture sanitarie
C) Un protocollo operativo volto a garantire le prestazioni essenziali

92. Ove ricorrano gravi motivi la Giunta regionale può disporre la sospensione cautelare del direttore generale dall’incarico,

per un periodo di tempo...
A) Determinato e in ogni caso non superiore a 90 giorni
B) Indeterminato
C) Determinato e di norma non superiore a 60 giorni

93. Entro quali termini dalla nomina di ciascun direttore generale delle ASL, la Giunta regionale verifica i risultati aziendali conseguiti?
A) Non esistono scadenze precise in tal senso
B) Trascorsi diciotto mesi dalla nomina
C) Entro un anno dalla nomina

94. Il parere della Conferenza provinciale sanitaria e socio-sanitaria deve essere acquisito dalla Giunta regionale nel caso in cui questa provveda a risolvere il contratto con il Direttore generale di una ASL, per i casi previsti dall'art. 10 della legge regionale n. 10 del 2006?
A) No. Deve essere acquisito quello della Conferenza permanente Regione-enti locali
B) Si, deve acquisirlo ma può prescindere da tale parere nei casi di particolare gravità e urgenza
C) No non deve acquisirlo

95. Ai componenti del collegio sindacale della ASL, si applicano le medesime cause di incompatibilità previste per:

A) Il Direttore sanitario
B) Il Direttore amministrativo C) Il Direttore generale

96. La proposta di Piano regionale dei servizi sanitari, predisposta dall’Assessore regionale dell’igiene e sanità e dell’assistenza sociale ed approvata dalla Giunta regionale, è presentata al Consiglio regionale, entro quale termine?
A) Il 30 giugno dell’ultimo anno di vigenza del piano in scadenza
B) Il 31 luglio dell’ultimo anno di vigenza del piano in scadenza
C) Entro il 31 ottobre

97. Da chi viene svolto il controllo sulla legittimità degli atti di una ASL?

A) Dal Direttore aministrativo
B) Dal Direttore generale
C) Dal Collegio sindacale

98. Da quale anno la legge finanziaria ha abolito il controllo dei CO.RE.CO. sugli atti delle Aziende sanitarie?

A) Dal 1992 B) Dal 1999 C) Dal 2001

99. Quando è iniziato il processo di trasferimento delle funzioni amministrative della sanità dallo Stato alle Regioni?

A) Sin dagli anni '60 B) Sin dagli anni '70
C) Dagli anni '80

100. Il Collegio di Direzione

A) E' organo delle Aziende sanitarie B) Non è un organo delle ASL
C) E' un organo delle Aziende ospedaliere

101. A norma dell'art. 21 comma 2 della legge regionale n. 10 del 2006, quale tra gli altri, costituisce un criterio preferenziale per il conferimento ai dirigenti del ruolo sanitario di incarichi di direzione di struttura semplice e complessa?
A) L’esclusività del rapporto di lavoro
B) L'aver ricoperto il ruolo di Direttore sanitario di una ASL
C) Avere ricoperto per almeno 5 anni il ruolo di Responsabile di Distretto sanitario

102. In che anno viene definivamente sancita la fine del sistema mutualistico?
A) 1977
B) 1978
C) 1992

103. Quante strutture di alta specialità deve possedere un ospedale per essere costituito in Azienda ospedaliera di rilievo nazionale?
A) Tre
B) Due
C) E' sufficiente anche una sola struttura

104. Ai sensi della legge n. 23 del 2005, a chi spetta il compito di promuovere la condivisione di protocolli e percorsi operativi e la messa in rete delle diverse competenze professionali necessarie alla elaborazione e realizzazione di progetti ed interventi integrati?

A) Ai c.d. "attori sociali" del sistema regionale B) Alla Regione e gli enti locali
C) Agli "Attori professionali" del sistema regionale

105. Quanti sono i livelli di responsabilità attraverso i quali si articola il processo di elaborazione del Plus?
A) Due. Il livello politico e quello tecnico-operativo
B) Tre. Il livello comunitario, il livello politico e quello tecnico-operativo

C) Quattro. Il livello comunitario, il livello politico, il livello tecnico-operativo e quello economico-finanziario

106. Ai sensi del D. Lgs. n. 229/1999, cosa è la sperimentazione gestionale?

A) Collaborazione tra strutture del SSN e soggetti privati per la gestione di attività sanitarie, anche mediante la costituzione di società miste a capitale pubblico e privato
Collaborazione tra strutture del SSN finalizzata alla creazione di nuovi protocolli operativi
La creazione di nuove strutture organizzative gestite da soggetti privati e che si fanno carico di svolgere funzioni tradizionalmente gestite dalle strutture pubbliche

107. Il D.Lgs. n. 229/1999 ha esteso al campo sanitario il principio della formazione continua. A chi ne ha demandato l'attuazione?
A) Al Comitato etico nazionale per la ricerca e per le sperimentazioni cliniche. B) All'Istituto superiore di Sanità
C) Ad una Commissione nazionale nominata con decreto del Ministro della Sanità

108. Qual'è il modello ordinario di gestione operativa delle aziende ospedaliere?
A) L'organizzazione dipartimentale
B) L'articolazione in distretti
C) L'articolazione in strutture funzionali

109. Quale documento disciplina l'organizzazione e il funzionamento dei dipartimenti ad attivita' integrata delle aziende ospedaliero-universitarie?
A) L'atto  aziendale  di cui all'articolo 3 del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni
B) Il protocollo d'intesa con l'università
C) La legge regionale, sulla base degli indirizzi dettati dalle università interessate

110. A chi spetta il compito di istituire, modificare o sopprimere le strutture complesse che compongono i singoli dipartimenti ad attività integrata delle AOU?
A) Alla Regione d'intesa con il Direttore generale dell'Azienda e con l'Università
B) Al Direttore generale, con l’atto aziendale di cui all'art. 3 comma 2 del D.lgs. 517/1999, in attuazione delle previsioni del Piano sanitario regionale e dei piani attuativi locali
C) Al Direttore del dipartimento ad attività integrata in attuazione delle previsioni del Piano sanitario regionale e dei piani attuativi locali

111. L'organo di indirizzo delle AOU:


A) Con riferimento ai dipartimenti ad attivita' integrata, ha il compito di proporre iniziative e misure per assicurare la coerenza della programmazione generale dell'attivita' assistenziale dell'azienda con la programmazione didattica e scientifica delle universita'
B) L'organo di indirizzo ha il compito di supportare il Direttore generale nell'espletamento delle attività tecnico-amministrative
C) E' un organismo consultivo-elettivo che esprime pareri in particolare sulle attività di assistenza sanitaria e gli investimenti ad esse attinenti

112. Secondo l'art. 4 del D.Lgs. n. 517/1999, è membro di diritto dell'organo di indirizzo della AOU:

A) Il Direttore generale B) Il Direttore sanitario

C) Il Preside della facolta' di medicina e chirurgia

113. Quale organismo nelle ASL esprime pareri obbligatori sulla relazione sanitaria aziendale e sui programmi annuali e pluriennali delle az iende?
A) Il Collegio sindacale
B) Il Consiglio delle professioni sanitarie
C) Il Collegio di direzione

114. Secondo la legge regionale n. 10 del 2006, cos'è l' Agenzia regionale della sanità?

A) Un organismo tecnico- scientifico della Regione, dotato di personalità giuridica pubblica e di autonomia organizzativa, tecnica, amministrativa, contabile e gestionale
B) Un organismo di consulenza tecnico- scientifico delle ASL, dotato di personalità giuridica pubblica, funzionalmente dipendente dalla Regione e come tale privo di autonomia contabile e gestionale
C) Un organismo di rappresentanza sindacale degli appartenenti al sistema sanitario regionale

115. A chi sono state assegnate dalla legge regionale n. 10 del 2006, le attività tecnico scientifiche svolte dall’Osservatorio epidemiologico regionale, ai sensi della legge regionale 6 maggio 1991, n. 16 ?
A) Alle ASL
B) Alle Aziende ospedaliero-universitarie
C) Sono state attribuite all’Agenzia regionale della sanità

116. Cosa prevede il D.L.gs. N. 517/1999 riguardo al sostegno economico-finanziario delle attivita' svolte dalle Aziende ospedaliero-universitarie?
A) Il sostegno economico-finanziario è garantito da risorse messe a disposizione sia dall'Universita' sia dal Fondo sanitario regionale

B) Il sostegno economico-finanziario è a totale carico del Fondo sanitario regionale
C) Il sostegno economico-finanziario è rappresentato dai trasferimenti ministeriali, e dal Fondo sanitario regionale

117. In che modo si può procedere alla realizzazione di nuove aziende ospedaliere universitarie integrate con il Servizio sanitario nazionale oltre quelle di cui all'articolo 2, comma 2 del D.L.gs. n. 517/1999?

A) Deve essere preventivamente autorizzata con decreto del Ministro dell'universita' e della ricerca scientifica e tecnologica di concerto con il Ministro della sanita', sentita la Conferenza Stato – regioni
B) Si può agire solo con legge regionale, sentita la Conferenza Stato – regioni,  tenendo conto del fabbisogno formativo complessivo

della regione e della localizzazione delle strutture formative gia' esistenti
C) E' indispensabile un protocollo d'intesa tra il Ministero della sanita e la regione di concerto con la Conferenza Stato – regioni e previa valutazione del fabbisogno formativo complessivo del territorio regionale della localizzazione delle strutture formative gia' esistenti

118. A chi spettano i compiti relativi al governo delle attività cliniche e all'appropriatezza dei percorsi diagnostico-assistenziali, all'innovazione e valorizzazione delle risorse umane e professionali degli operatori all'interno delle ASL?
A) Al consiglio dei sanitari
B) Al collegio di direzione
C) Al direttore generale e al suo staff

119. La composizione del Consiglio delle professioni sanitarie è determinata:

A) Dal direttore generale dell'ASL B) Dall'atto aziendale
C) Dagli organi di vertice dell'ASL di concerto con la regione

120. Secondo il dettato della legge regionale 10/2006, a chi compete l'emanazione delle linee guida per la omogenea definizione delle Carte dei servizi?
A) Alla regione
B) Alle singole ASL
C) Al Ministero della salute

121. Nella legge regionale 10/2006 si parla della creazione nelle ASL dell'U PT. Di cosa si tratta?

A) Si tratta dell'Unità di coordinamento dei presidi territoriali B) Si tratta dell' Ufficio di pubblica tutela
C) Si tratta della Unità per la cura e prevenzione delle talassemie

122. L'art 6 della legge regionale 10/2006, parla di autorizzazione all’esercizio di attività sanitarie. A quali soggetti spetta l'esercizio delle funzioni amministrative concernenti l’autorizzazione?
A) Ai comuni, con facoltà di avvalersi delle ASL, alle province e alla regione
B) Solo ai comuni, con facoltà di avvalersi delle ASL, per quanto concerne determinate strutture
C) ai comuni, con facoltà di avvalersi delle ASL, per quanto concerne determinate strutture e alla Regione, per quanto concerne le strutture a più elevata complessità

123. Rispetto ad un'Azienda ospedaliera, il Presidio ospedaliero gode di un'autonomia:
A) Minore
B) Uguale
C) Maggiore

124. Quando venne attuato il processo di aziendalizzazione delle USL?

A) Con la riforma del 1999 B) Nel 1992
C) Nel 2001

125. Quali sono i ruoli nei quali è inquadrato il personale del Servizio Sanitario Nazionale?
A) Sanitario, Amministrativo

B) Sanitario, Professionale, Tecnico, Amministrativo C) Sanitario, Professionale, Amministrativo

126. Il dipartimento ad attivita' integrata è un'articolazione...

A) Dell'azienda ospedaliero-universitaria B) Del presidio ospedaliero
C) Della ASL

127. Cosa è il Tribunale dei Diritti del Malato?
A) Una struttura del Ministero della salute

B) Un'organo di giustizia internazionale che si occupa dell'assistenza legale ed economica di persone vittime di casi di mala sanità C) Un'associazione di volontariato. Si tratta in particolare di un’iniziativa di Cittadinanzattiva, nata per tutelare e promuovere i diritti dei cittadini nell’ambito dei servizi sanitari e assistenziali

128. Oltre al diploma di laurea, quali requisiti professionali devono possedere i soggetti che aspirano al ruolo di direttore di una ASL o di una AOU?

A) Esperienza almeno quinquennale di direzione tecnica o amministrativa in enti, aziende, strutture pubbliche o private, in posizione dirigenziale
B) Esperienza almeno quinquennale di direzione tecnica o amministrativa maturata esclusivamente in enti e strutture pubbliche
C) Esperienza almeno quinquennale di direzione di strutture pubbliche complesse nell'ambito sanitario

129. Ai sensi del D. Lgs. N. 229/1999 a chi spetta la fissazione dei criteri di finanziamento delle aziende sanitarie?

A) Alla Regione
B) Al Ministero delle finanze di concerto con il Ministero della salute C) Ministero della salute di concerto con la Conferenza Stato-regioni

130. In materia di programmazione sanitaria e socio-sanitaria locale, a norma della legge regionale 10/2006, a chi spetta, entro il 30 giugno del terzo anno di vigenza del PLUS, il compito di deliberare gli indirizzi per la nuova programmazione locale?
A) Alla Giunta regionale
B) Alla Conferenza provinciale sanitaria e socio-sanitaria
C) Alla Conferenza permanente Regione-enti locali

131. Nel caso di manifesta inattuazione del programma sanitario annuale e del programma sanitario triennale di cui al comma

3 dell’articolo 13 legge regionale 10/2006, chi può chiedere alla Giunta regionale di revocare il direttore generale della AOU?

A) La Conferenza permanente Regione-enti locali
B) La Conferenza provinciale sanitaria e socio-sanitaria
C) Il Consiglio regionale, sentito il parere della Conferenza provinciale sanitaria e socio-sanitaria

132. Secondo il D.lgs. 502/1992, chi è tenuto ad adottare una contabilita' analitica per centri di costo e responsabilita' che consenta analisi comparative dei costi, dei rendimenti e dei risultati?
A) Solo le ASL
B) Le Aziende ospedaliere e i presidi ospedalieri
C) Le Asl e le Aziende ospedaliere

133. A chi compete l'individuazione delle modalita' e dei livelli di integrazione fra politiche sanitarie e politiche ambientali?

A) Al Ministro della sanita' ed il Ministro dell'ambiente, d'intesa con la Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano
B) Alla regione
C) Alla regione di concerto con i comuni le province e alla Conferenza permanente stato-regioni

134. Secondo quanto stabilito dall'art. 23 della legge regionale n. 23/2005, la Conferenza permanente per la programmazione sanitaria, sociale e sociosanitaria è istituita:
A) Presso l'Assessorato regionale dell'igiene, sanità e assistenza sociale
B) E' isituita, in attuazione dell'articolo 2 bis del decreto legislativo n. 502 del 1992, presso ciascun capoluogo di provinciale
C) E' isituita, in attuazione dell'articolo 2 bis del decreto legislativo n. 502 del 1992, presso ciascuna ASL del territorio regionale

135. In base alla legge regionale 23/2005, a chi spetta il compito di predisporre ed attuare il Piano locale unitario dei servizi (PLUS)?

A) La predisposizione e attuazione del Plus sono affidate ai Comuni associati, all’Azienda Usl e alla Provincia, coadiuvati dagli altri soggetti istituzionali e sociali

B) La predisposizione dei Piani locali spetta alla Regione mentre l'attuazione è affidata alle ASL con la collaborazione dei servizi sociali

dei Comuni e delle Province

C) La predisposizione è affidata alle ASL di concerto con l'Assessorato regionale alle politiche sociali. Alle Province e ai Comuni associati è afidata l'attuazione in concreto degli interventi socio assistenziali predisposti nel PLUS

136. E' corretto affermare che spetta al direttore generale della ASL verificare, mediante valutazioni comparative dei costi, dei rendimenti e dei risultati, la corretta ed economica gestione delle risorse attribuite ed introitate nonche' l'imparzialita' ed il buon andamento dell'azione amministrativa?
A) Si, è corretto

B) No. La valutazione comparativa dei costi, dei rendimenti e dei risultati economici spetta al Collegio sindacale. Il controllo sull'imparzialita' ed il buon andamento dell'azione amministrativa invece è compito riservato al Direttore generale
C) No, si tratta di compiti specificamente assegnati al Collegio sindacale e all'organo di indirizzo

137. Da chi viene nominato il direttore di dipartimento delle Aziende sanitarie?

A) Dalla regione, fra i dirigenti che abbiano già ricoperto l'incarico di direttore generale in una ASL o in un'azienda ospedaliera B) Dal direttore generale, fra i dirigenti con incarico di direzione delle strutture complesse aggregate nel dipartimento
C) Dall'Assessore regionale della sanità tra i dirigenti di ruolo del sistema sanitario regionale

138. Come vengono determinati i criteri generali per la definizione delle funzioni assistenziali e per la determinazione della loro remunerazione massima?

A) Sulla base di standard organizzativi e di costi unitari predefiniti dei fattori produttivi, nell'ambito di un protocollo siglato dalla Regione e dal Ministero della salue
B) Sono stabiliti con apposita legge regionale
C) Sono stabiliti con apposito decreto del Ministro della sanita', sentita l'Agenzia per i servizi sanitari regionali, d'intesa con la Conferenza

permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome

139. Qual'è la funzione dei "fondi integrativi del Servizio sanitario nazionale"?
A) Quella di creare nuove strutture sanitarie ad alta specializazione

B) Quella di favorire l'erogazione di forme di assistenza sanitaria integrative rispetto a quelle assicurate dal Servizio sanitario nazionale
C) Essi hanno la funzione specifica di potenziare la ricerca biomedica

140. Secondo la legge regionale n. 10/2006, entro quali termini dalla loro adozione, il direttore generale della AOU trasmette, copia degli atti aziendali all’Assessorato dell’igiene e sanità e dell’assistenza sociale?

A) Entro 15 giorni B) Immediatamente C) Entro 30 giorni

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu