Crea sito

L'abc dell'operatore socio sanitario

Cerca

Vai ai contenuti

Menu principale:


Rilevazione della temperatura corporea

Procedure OSS > Bisogno di mantenere la temperatura corporea

Definizione

La temperatura corporea indica la normale termoregolazione corporea : la produzione di calore si mantiene uguale alla perdita. E’ uno dei parametri vitali in grado di fornire all’equipe assistenziale un dato obiettivo sulla situazione del paziente. Pur sembrando una tecnica molto semplice, la misurazione della temperatura corporea richiede molta attenzione, in quanto tale parametro può predire lo stato di salute della persona malata.
La temperatura va rilevata al momento della presa in carico e, in regime del ricovero istituzionale.

Sedi di misurazione

La rilevazione di un rialzo della temperatura corporea può avvenire all'esterno per via cutanea (come nel cavo ascellare o inguinale e a livello frontale) o all'interno (nel retto, nel cavo orale e nell'orecchio). La misurazione per via ascellare è molto diffusa, ma può fornire talora valori variabili in quanto misura la temperatura della pelle che è influenzata da fattori esterni (sudorazione, ipertermia, ecc.) e dal posizionamento dello strumento. In effetti la rilevazione a tale livello non fornisce realmente l'esatta temperatura corporea, poiché nella cute avvengono scambi termici che possono falsare il risultato. Ciò è quello che succede quando si ha la febbre: in tal caso il corpo mette in atto dei meccanismi per raffreddare il corpo (ecco perché si hanno i brividi di freddo), che avvengono soprattutto a livello della circolazione sanguigna sottocutanea (vasocostrizione per evitare la dispersione di calore all'esterno), di conseguenza la temperatura cutanea sarà più bassa di quella interna. La misurazione per via ascellare ha, inoltre, lo svantaggio di richiedere tempi di rilevazione piuttosto lunghi (fino a dieci minuti con il termometro classico) e di costringere il paziente a stare immobile, cosa non sempre così fattibile nei bambini piccoli e agitati o nei soggetti con problemi fisici. Indipendentemente dal tipo di termometro che si usa è opportuno pulire e asciugare bene la cute sotto l'ascella, l'inguine e la fronte prima di passare alla rilevazione della temperatura per via cutanea. Si parla di febbre quando la temperatura è superiore a 37 °C La temperatura interna orale o rettale, invece, è più precisa e indicativa in quanto più vicina a quella centrale e meno influenzata dall'ambiente esterno. Richiede tempi di misurazione inferiori (circa tre minuti col termometro tradizionale e meno di un minuto con quello digitale) e generalmente la si pratica con un termometro prismatico, perché i termometri a bulbo più lungo hanno un'estremità più acuta e più fragile. Per quanto concerne la temperatura orale, il termometro va posto in contatto con la mucosa sublinguale mantenendo la bocca chiusa per tutta la durata della misurazione. È possibile eseguire questa modalità di rilevazione solo se il paziente è in grado di tenere fermo il termometro in bocca senza avere colpi di tosse o vomito. In questo caso i valori sono considerati normali quando sono compresi in un intervallo di temperatura tra i 35,5 e i 37,5 °C. La temperatura rettale fornisce risultati più accurati poiché rispecchia bene la temperatura centrale, ma il metodo è poco igienico, poco gradevole e invasivo. Tuttavia per i neonati la misurazione rettale viene considerata più pratica e appropriata. Per rendere meno traumatica l'introduzione del termometro nel retto è consigliato lubrificare il suo bulbo con vaselina o prodotti come lidofast o luan. Si parla di febbre quando la temperatura supera i 38 °C. Tale procedura può non fornire risultati attendibili se vi sono disturbi intestinali come stitichezza, diarrea, emorroidi o infiammazioni della zona anale. La temperatura auricolare è circa mezzo grado più alta di quella esterna e rispecchia bene la temperatura ipotalamica, sede del centro della termoregolazione. La misurazione è rapida, comoda e innocua perché non richiede particolare collaborazione da parte del soggetto. Quando la temperatura supera i 38 °C si è in uno stato febbrile.
Ricapitolando il Range di normalità: compresa tra 36,5 e 37,5 misurata oralmente; rettale è superiore di 0,6 °C; ascellare è inferiore di 0,6°C; auricolare è superiore di 0,5°C .

Ambito di competenza

La rilevazione è eseguibile dall’OSS.
L’OSS informa l’infermiere o il medico su valori di temperatura corporea superiori a 38°C .

Gli obiettivi della procedura

Ottenere dati di base relativi alla temperatura corporea
Rilevare alterazioni della temperatura corporea
Valutare la risposta della persona a trattamenti terapeutici e diagnostici.
Valutare il progredire dello stato di salute del paziente in rapporto alle variazioni della temperatura corporea.
Monitorare quotidianamente a orari fissi la temperatura corporea.
Al fine di verificare le variazioni della temperatura corporea, le rivelazioni vanno accuratamente registrate su appositi grafici.

Alcuni consigli per una corretta misurazione della temperatura del corpo

Accertarsi del grado di mobilità, stato di coscienza del paziente.
Per evitare errori durante la misurazione della temperatura occorre sempre tener conto del metodo utilizzato.
È perciò buona norma misurare la temperatura corporea di ciascun paziente in stato di salute ottimale e in condizioni costanti: stesso termometro, stesso sito di rilevazione, stesso luogo e stesso orario. In linea di massima la temperatura corporea va misurata un paio di volte al giorno e non di più per non innervosire o preoccupare maggiormente il soggetto in questione. Gli orari più indicati sono la mattina al risveglio e il tardo pomeriggio, considerando che alla sera la temperatura è in genere più alta di un grado. Non si dovrebbe mai eseguire la misurazione vicino ai pasti, subito dopo aver bevuto liquidi molto caldi o freddi, dopo avere fumato una sigaretta o dopo l'esercizio fisico. Quando si verifica un innalzamento importante della temperatura è utile monitorare più di due volte la febbre durante la giornata fino a quando i valori tornano a essere normali. Bisogna sempre ricordare che la temperatura non è uguale in tutte le sedi del corpo, ma si differenzia a seconda del sito di rilevazione (frontale, orale, ascellare, rettale, timpanico).La temperatura corporea rilevata da un termometro elettronico non può essere paragonata con quella ottenuta con uno strumento al mercurio e più in generale con quella di un dispositivo diverso, poiché ognuno possiede un'area di misurazione specifica e si avvale di una differente tecnica per ottenere la temperatura. Di conseguenza è opportuno considerare che ogni termometro possiede un sistema di riferimento a sé stante e non comparabile con quello degli altri .

Materiale occorrente

Termometro appropriato, guanti, guaine monouso, lubrificante per misurazione rettale, garza o fazzoletti di carta,penna e modulo registrazione parametri vitali.
Il tradizionale termometro di vetro al mercurio, che è stato inventato da Galileo Galilei, è attualmente lo strumento più impiegato per la misurazione della temperatura corporea in virtù del fatto che offre alcuni vantaggi fra i quali il basso prezzo, misurazioni accurate, efficienza e affidabilità. Dispone di una scala graduata che va da 35 a 42 °C e consente di valutare il decimo di grado
Sebbene sia lo strumento più utilizzato, offrendo un riferimento sicuro, il termometro tradizionale ha anche alcuni svantaggi legati alla lentezza della misurazione, alla fragilità, ma principalmente alla tossicità del mercurio e alle difficoltà legate al suo smaltimento. Tuttavia la Comunità Europea sta già prendendo dei provvedimenti per ridurre le emissioni e l'utilizzazione: verrà vietata la produzione dei termometri al mercurio entro il 2010
Negli ultimi anni i termometri elettronici sono stati protagonisti di una crescente diffusione e negli anni futuri andranno a sostituire quelli contenenti mercurio, in quanto risultano più veloci, pratici e con buona affidabilità. Tali strumenti, appena acquistati, devono sempre essere tarati sulla persona non malata per poter prendere come riferimento la temperatura alla quale si è senza febbre.





Termometri in commercio
Termometro
Descrizione

Termometro Clinico
Termometro di vetro a mercurio di tipo ovate con colore del capillare blu. Campo di misurazione: da 35 °C a 42 °C.
Termometro Kramer Prismatico
Termometro a bulbo corto di massima precisione per la misurazione rettale ed orale
Termometro Clinico ecologico
Termometro che elimina la problematica sullo smaltimento dei termometri al mercurio, in quanto risulta essere atossico. Al suo interno contiene una miscela di Indio e Gallio. Campo di misurazione: 35/42 °C
Termometro digitale
Dotato di maxi display per agevolare la lettura. Particolarmente indicato in pediatria, poiché non presenta rischi di rottura e di tossicità. È impermeabile all'acqua; possiede la memoria dell'ultima misurazione; si spegne da solo e ha un indicatore automatico di fine misurazione.
Termometro elettronico digitale parlante
Si tratta di un termometro speciale concepito per i non vedenti. Attraverso un segnale acustico di fine misurazione e una voce elettronica è possibile sapere il valore in gradi della temperatura corporea rilevata. Lo strumento possiede un tasto (speaker) che può essere pressato per riascoltare la misurazione effettuata e un display di facile lettura. Caratteristiche generali: campo di misurazione da 32 °C a 41,9 °C Precisione: ±0,1° tra 36 e 38,5 °C e ± 0,2° tra 32 e 35,9 °C e tra 38,6 e 41,9 °C Sonda flessibile Memoria dell'ultima misurazione Si spegne automaticamente dopo circa otto minuti Resistente all'acqua Confezione con indicazioni in scritta Braille per non vedenti
Termometro frontale ad infrarossi
II sensore a infrarossi misura la temperatura direttamente dalla superfìcie della fronte. Rileva, in tre secondi, il calore del sangue nell'arteria temporale. Il range di misurazione è tra i 20,0 °C ed i 42,2 °C. Un segnale acustico avverte l'avvenuta lettura. La misurazione può essere effettuata anche durante il sonno del neonato. Lo strumento può essere usato anche per rilevare il grado di calore del latte nel biberon e dell'acqua del bagnetto.
Termometro auricolare a infrarossi
Si tratta di un termometro digitale auricolare che misura, in un secondo, i raggi infrarossi generati dalla membrana timpanica e dal timpano. Un microprocessore interno calcola l'esatta temperatura corporea e la evidenzia direttamente in cifre sul grande display digitale. Emette un segnale luminoso ed un beep per confermare l'accuratezza della misurazione effettuata. Inoltre avvisa se il termometro non è in posizione corretta. Possiede, infine, una funzione di memoria che è in grado di registrare fino ad otto misurazioni




Le modalità di misurazione della temperatura ascellare con il termometro clinico.
E’ necessario preparare:
Termometro clinico
Garze;
Le azioni da compiere
Per le seguenti motivazioni

1) lavare le mani;

2) Informare la persona su ciò che viene fatto e chiederle di assumere ( o aiutarla a farlo) una posizione confortevole;
Un’informazione adeguata facilita la collaborazione della persona e conseguentemente una corretta rilevazione del parametro considerato
3) Togliere il termometro dal contenitore. Se è stato immerso nel disinfettante risciacquarlo in acqua fredda e asciugarne la punta con una garza;
Il disinfettante impiegato per la disinfezione del termometro può irritare la cute. Non va utilizzata l’acqua calda perché può provocare la dilatazione del mercurio e la conseguente rottura del termometro.
4) Scuotere il termometro per far abbassare la colonnina di mercurio al di sotto di 35 °C, scoprire l’ascella e asciugarla tamponando e non strofinando con una salvietta;
Il mercurio deve essere al di sotto della temperatura della persona: se la colonnina non è abbassata, la misurazione può essere falsata. Lo strofinamento produce calore e ciò può alterare il risultato della misurazione.
5) Posizionare bene il bulbo del termometro sotto l’ascella ( facendo attenzione a non scoprire il paziente più del necessario ) e successivamente il braccio del paziente sul torace ( se il paziente non è collaborante mantenergli il braccio sul torace). Attendere il tempo necessario (5 – 7 minuti) e togliere il termometro;
Questa posizione consente di mantenere correttamente in sede il termometro.
6)Annotare la temperatura rilevata e riposizionare la persona se necessario;

7) Procedere alla pulizia e disinfezione del termometro, riporre il materiale utilizzato ed eliminare i rifiuti;

7) Lavare le mani

8) Avvisare il medico valori T.C. superiori a 38°














Le modalità di misurazione della temperatura orale con il termometro clinico.
E’ necessario preparare:
Termometro clinico
Garze;
Le azioni da compiere
Per le seguenti motivazioni

1) lavare le mani;

2) Informare la persona su ciò che viene fatto e chiederle di assumere ( o aiutarla a farlo) una posizione confortevole;
Un’informazione adeguata facilita la collaborazione della persona e conseguentemente una corretta rilevazione del parametro considerato
3) Togliere il termometro dal contenitore. Se è stato immerso nel disinfettante risciacquarlo in acqua fredda e asciugarne la punta con una garza;
Il disinfettante impiegato per la disinfezione del termometro può irritare la cute. Non va utilizzata l’acqua calda perché può provocare la dilatazione del mercurio e la conseguente rottura del termometro.
4) Scuotere il termometro per far abbassare la colonnina di mercurio al di sotto di 35 °C,controllare che il mercurio si trovi dentro il bulbo;Far aprire la bocca al paziente . Controllare che no vi siano processi infiammatori in bocca.
Il mercurio deve essere al di sotto della temperatura della persona: se la colonnina non è abbassata, la misurazione può essere falsata. Lo strofinamento produce calore e ciò può alterare il risultato della misurazione.
5) Posizionare bene il bulbo del termometro sotto la lingua del paziente. Far chiudere le labbra al soggetto.Attendere il tempo necessario (5 – 7 minuti) e togliere il termometro;
Poiché la temperatura nel cavo orale non è uniforme, è necessario sapere dove collocare esattamente il bulbo del termometro: esso va posto sotto la lingua del paziente, tra la base della lingua e il frenulo.
6)Togliere il termometro, asciugarlo e leggere la temperatura. Annotare la temperatura rilevata e riposizionare la persona se necessario;

7) Procedere alla pulizia e disinfezione del termometro, riporre il materiale utilizzato ed eliminare i rifiuti;

7) Lavare le mani

8) Avvisare il medico valori T.C. superiori a 38°

















Misurazione della temperatura corporea auricolare

L’orecchio rappresenta il punto ideale per la misurazione della temperatura corporea in quanto il timpano rileva in tempo reale i cambiamenti della temperatura trasmessi dall’ipotalamo, la ghiandola del cervello responsabile del controllo della temperatura corporea. In tutti gli altri punti di misurazione la temperatura corporea varia con un ritardo temporale. Non è quindi corretta la comparazione tra la misurazione all’orecchio e quella orale o ascellare o rettale. Questo metodo è particolarmente indicato nei bambini e in qualsiasi situazione dove sia necessario ridurre i tempi di rilevazione.
Procedura
Lavarsi le mani.
Far assumere al soggetto una posizione comoda.
Coprire la punta della sonda con un cappuccio monouso.
Inserire la sonda nel canale auricolare in modo da otturare perfettamente l’apertura ( non è necessario fare pressione)
Per i bambini otturare la parte esterna del canale.
Chiedere al paziente di limitare i movimenti della testa mentre si rileva la temperatura.
Rimuovere la sonda dall’orecchio non appena si sente il segnale sonoro.
Rilevare la temperatura.
Eliminare il cappuccio monouso.
Avvisare il medico valori T.C. superiori a 38

Misurazione della temperatura corporea con termometri chimici.

Questi tipi di termometro, contenenti una sostanza chimica che cambia colore al variare della temperatura, hanno il vantaggio di ridurre i tempi di rilevazione e di essere monouso.
Procedura
Lavarsi le mani.
Porre il termometro monouso nella zona di rilevazione.
Attendere qualche minuto (consultare il foglio illustrativo del termometro)
Rimuovere il termometro e leggere la temperatura controllando le variazioni di colore sulla scala.
Gettare il termometro monouso.
Avvisare il medico valori T.C. superiori a 38

Misurazione della temperatura rettale

E’ un metodo di rilevazione della temperatura interna.
Il termometro va inserito nell’orifizio anale, in direzione dell’ombellico, per 1 Cm nei lattanti, e circa 6-8 mm nell’adulto. Va appoggiato sulla parete del retto al fine di misurare la temperatura del sangue sull’arteria emorroidaria.
Controindicazioni.
Persone agitate o in grado di collaborare.
Alterazioni a carico del retto ( per esempio, emorroidi)
Interventi chirurgici rettali o perianali.
Traumi a carico del retto – ano
.
Avvertenza; il termometro può rompersi provocando lesioni a carico del retto e/o ano.

Precauzioni.
Inserire il termometro con cautela con un leggero movimento rotatorio per evitare lesioni.
Rispettare la privacy della persona.
Rispettare scrupolosamente le norme di igiene.
Procedura nell’adulto:
lavare le mani
Informare la persona su ciò che viene fatto e chiederle di assumere ( o aiutarla a farlo) una posizione confortevole
Togliere il termometro dal contenitore. Se è stato immerso nel disinfettante risciacquarlo in acqua fredda e asciugarne la punta con una garza
Scuotere il termometro per far abbassare la colonnina di mercurio al di sotto di 35 °C, controllare che il mercurio si trovi dentro il bulbo; Controllare che non vi siano processi infiammatori nell’ano. Procedere con l’introduzione del termometro nell’ano dopo averlo lubrificato.
Posizionare bene il bulbo del termometro 6 –8 mm all’interno. Attendere il tempo necessario (2 – 4 minuti) e togliere il termometro.
Sfilare il termometro, asciugarlo e leggere la temperatura. Annotare la temperatura rilevata e riposizionare la persona se necessario
Procedere alla pulizia e disinfezione del termometro, riporre il materiale utilizzato ed eliminare i rifiuti
) Lavare le mani
Avvisare il medico valori T.C. superiori a 38°

Procedura nel lattante :
lavare le mani
Informare la mamma del lattante su ciò che viene fatto
Togliere il termometro dal contenitore. Se è stato immerso nel disinfettante risciacquarlo in acqua fredda e asciugarne la punta con una garza
Scuotere il termometro per far abbassare la colonnina di mercurio al di sotto di 35 °C,controllare che il mercurio si trovi dentro il bulbo; Controllare che non vi siano processi infiammatori nell’ano. Porre il bimbo in posizione supina . Pulirlo se riscontra la presenza di feci.Procedere con l’introduzione del termometro nell’ano dopo averlo lubrificato.
Posizionare bene il bulbo del termometro 1 Cm all’interno. Tenere il bambino per i piedini portandoli verso l’alto. Attendere il tempo necessario (2- 4 minuti) e togliere il termometro.
Sfilare il termometro, asciugarlo e leggere la temperatura. Annotare la temperatura rilevata e riposizionare la persona se necessario
Procedere alla pulizia e disinfezione del termometro, riporre il materiale utilizzato ed eliminare i rifiuti
) Lavare le mani
Avvisare il medico valori T.C. superiori a 38°


Home Page | Utilità per OSS | Procedure OSS | Sequenze operative | Selezioni corsi O.S.S. | I quiz dei concorsi delle ASL 1° parte | I quiz dei concorsi delle ASL 2° parte | I quiz dei concorsi delle ASL 3° parte | I miei quiz a risposta multipla | Prove orali delle selezioni ASL | I miei quiz con Vero o Falso | La normativa e l'OSS | Eventi (OSS , ASA , OTA ) | Prove finali dei Corsi | L'anziano | Il ruolo dell'OSS | l'O.S.S. nei servizi | Guida dello studente | Nozioni di primo soccorso | Sindrome di Burnout | Libri di testo per OSS | Il quizzario dell'OSS | DOMANDE & RISPOSTE | Il Glossario dell'OSS | Il prontuario dell'OSS | Mappa del sito


Torna ai contenuti | Torna al menu